Provincia di Cuneo


Pubblicazione per estratto dei provvedimenti di concessione preferenziale, ai sensi dell’articolo 2 comma 13d del Regolamento regionale 5 Marzo 2001, n° 4/R - “Disciplina dei procedimenti di concessione preferenziale e di riconoscimento delle utilizzazioni di acque che hanno assunto natura pubblica” - comprensivo delle eventuali condizioni intese a tutelare il diritto dei terzi.


Dalla data di pubblicazione decorre il termine perentorio di sessanta giorni per l’impugnazione innanzi al Tribunale regionale delle acque o al Tribunale superiore delle acque secondo le rispettive competenze.




Codice pratica    Intestatario


3513    A.P.S. CLAVESANA

2546    ABBÀ GIUSEPPE

523    ABELLONIO GIOVANNI

3626    ABET LAMINATI S.P.A.

3179    ACQUEDOTTO CONSORZIALE GABUTTI

3167    ACQUEDOTTO RURALE LANGA SOTTANA

2975    ACQUEDOTTO RURALE BARATTA

784    ACQUEDOTTO RURALE CORTE

3638    ACQUEDOTTO RURALE DI GABIOLA

2863    ACQUEDOTTO RURALE GISUOLE

2843    ACQUEDOTTO RURALE LA VALLE

2720    ACQUEDOTTO RURALE PIAMPIZIO

3000    ACQUEDOTTO RURALE RUBLOTTO

927    ACQUEDOTTO RURALE SANTA LIBERA

2970    ACQUEDOTTO RURALE SANT’ANNA

3166    ACQUEDOTTO RURALE TRASSINO S.S.

570    ACQUEDOTTO RURALE VILLARETTI S. S.

3713    AGNESE LODOVICO

2158    AGRICOLA BELTRANDO F.LLI S.S.

2653    AGRIMEC DI CROSETTO ELIO E C. S.N.C.

3689    AGÙ LUIGI

2293    ALLADIO STEFANIA

3227    ALLASIA GUGLIELMO

2915    ALPI ACQUE S.P.A.

3892    ALPI ACQUE S.P.A.

2406    ALPI SOCIETA’ AGRICOLA S.S.

3080    ALPIGEL S.R.L.

1421    AMBROSINO GIOVANNI

3869    AME’ FRANCESCO

2664    ARCOSTANZO GIUSEPPE

371    ARENA LORENZO

2524    ARIAUDO MARIO E C. S.N.C.

3680    ARMANDO DARIO

3334    ARNAUDO MAURO

2044    ARNOLFO ANTONIO

287    ARNOLFO MARIO

1766    AUDISIO ANTONELLA

2611    AUDISIO MATTEO VINCENZO

1961    AZIENDA AGRICOLA ABELLO CLAUDIO

2062    AZIENDA AGRICOLA AIMAR BRUNO GIUSEPPE

2061    AZIENDA AGRICOLA ALLADIO FRATELLI S. S.

946    AZIENDA AGRICOLA AMBROGIO FRATELLI S.S.

1852    AZIENDA AGRICOLA ANTONIETTA S. S.

3644    AZIENDA AGRICOLA ARESE F.LLI S.S.

3781    AZIENDA AGRICOLA ARIAUDO FRANCO

3780    AZIENDA AGRICOLA ARIAUDO ROBERTO

Codice pratica    Intestatario


2063    AZIENDA AGRICOLA ARMANDO PIETRO

2064    AZIENDA AGRICOLA BALLARIO BARTOLOMEO

3624    AZIENDA AGRICOLA BALLARIO DOMENICO

3645    AZIENDA AGRICOLA BARAVALLE BRUNO E SERGIO S.S.

3858    AZIENDA AGRICOLA BARBERO PIETRO E F.LLO STEFANO S.S.

3623    AZIENDA AGRICOLA BAROLO SPIRITO

459    AZIENDA AGRICOLA BERGESE GIOVENALE

326    AZIENDA AGRICOLA BERTORELLO BRUNO

346    AZIENDA AGRICOLA BONETTO PIERGIUSEPPE E FIGLI S.S.

3403    AZIENDA AGRICOLA BONINO ELIO

1924    AZIENDA AGRICOLA BORDONI GIOVANNI

803    AZIENDA AGRICOLA BORI ELIDO

799    AZIENDA AGRICOLA BORI VALTER

685    AZIENDA AGRICOLA BUSSO MARCO

322    AZIENDA AGRICOLA BUSSO PIERLORENZO

3374    AZIENDA AGRICOLA CALANDRI MASSIMO

2162    AZIENDA AGRICOLA CARENA GIANCARLO

535    AZIENDA AGRICOLA CAVALLERO BRUNO

3551    AZIENDA AGRICOLA CAVALLO RITA

564    AZIENDA AGRICOLA CERUTTI GIOVANNI

536    AZIENDA AGRICOLA CORRENTO CATTERINA

1960    AZIENDA AGRICOLA COSSAI PIETRO

460    AZIENDA AGRICOLA CRAVERO ANDREA

1689    AZIENDA AGRICOLA CULASSO F.LLI S. S.

3431    AZIENDA AGRICOLA DEGIOANNI LORENZO

806    AZIENDA AGRICOLA DEMARIA GIOVANNI

1307    AZIENDA AGRICOLA DI PIOLA GIUSEPPE

1312    AZIENDA AGRICOLA DI TORTONE F.LLI S.S.

3904    AZIENDA AGRICOLA EANDI FRANCESCO E MASSIMO FRATELLI S.S.

453    AZIENDA AGRICOLA EANDI GIOVANNI

3436    AZIENDA AGRICOLA EREDI DI FORNERIS BARTOLOMEO S.S.

3526    AZIENDA AGRICOLA FRATELLI STASSI BRUNO E PAOLO S.S.

1552    AZIENDA AGRICOLA FUSERO DOMENICO

566    AZIENDA AGRICOLA FUSTA SILVIO

2683    AZIENDA AGRICOLA GALLO BARTOLOMEO

3598    AZIENDA AGRICOLA GASTALDI F.LLI SEBASTIANO, MICHELANGELO,
    ALFREDO E LIVIO S.S.

1554    AZIENDA AGRICOLA GAZZERA VALERIO

3629    AZIENDA AGRICOLA GHIBAUDO ROBERTO

3823    AZIENDA AGRICOLA GHIGO MARIO

812    AZIENDA AGRICOLA GIANOGLIO ANTONIO E FRANCESCO

3537    AZIENDA AGRICOLA GIOLITTI BARTOLOMEO E FIGLI PIER GIUSEPPE
    E MAURO S.S.

538    AZIENDA AGRICOLA GOLÈ PIETRO E FIGLI S.S.

3452    AZIENDA AGRICOLA GRASSO ANTONIO

642    AZIENDA AGRICOLA GRIBAUDO BARTOLOMEO

810    AZIENDA AGRICOLA GULLINO DANILO

1427    AZIENDA AGRICOLA GULLINO DOMENICO

1007    AZIENDA AGRICOLA I TRE OLMI DI AIMAR FRATELLI CARLO E IVO S.S.

3135    AZIENDA AGRICOLA ISAIA LORENZO E STEFANINO S.S.

1809    AZIENDA AGRICOLA LA COMMENDA

1940    AZIENDA AGRICOLA LA TERESA S.S.

939    AZIENDA AGRICOLA LIRANO S.S.

1575    AZIENDA AGRICOLA MARCHISIO PAOLO MICHELE

259    AZIENDA AGRICOLA MARENGO GIOVANNI

1560    AZIENDA AGRICOLA MILANESIO FRANCESCO

3784    AZIENDA AGRICOLA MOLINERIS E ROCCIA S.S.

Codice pratica    Intestatario


3732    AZIENDA AGRICOLA NICOLA CRISTOFORO E ANGELO S.S.

3435    AZIENDA AGRICOLA OPERTI ADRIANO

3650    AZIENDA AGRICOLA PARIZIA VINCENZO E SERGIO S.S.

3672    AZIENDA AGRICOLA PAROLA GIUSEPPE

3794    AZIENDA AGRICOLA PELISSERO BARTOLOMEO

502    AZIENDA AGRICOLA RACCA DARIO

214    AZIENDA AGRICOLA REVELLI MARGHERITA

3533    AZIENDA AGRICOLA RICHIARDI FRANCESCO

1170    AZIENDA AGRICOLA RINERO F.LLI FRANCO E SILVIO S.S.

836    AZIENDA AGRICOLA RIVOIRA MATTEO E BARTOLOMEO S. S.

557    AZIENDA AGRICOLA ROCCIA ANTONIO

1310    AZIENDA AGRICOLA ROSSO ONORATO

3529    AZIENDA AGRICOLA ROSSONE FRATELLI S.S.

1019    AZIENDA AGRICOLA SABENA GIANCARLO GIUSEPPE E GIOVANNI BATTISTA S.S.

3542    AZIENDA AGRICOLA SALOMONE MARIO

3459    AZIENDA AGRICOLA SALVETTI GIOVANNI E F.LLI RENATO E RICCARDO S.S.

3569    AZIENDA AGRICOLA SANTUARIO S.S. DI GODANO FRATELLI

3683    AZIENDA AGRICOLA SILVESTRO FRANCESCO E MICHELE FRATELLI S.S.

3661    AZIENDA AGRICOLA SOLDANO GIUSEPPE

3448    AZIENDA AGRICOLA STASSI ANDREA

3527    AZIENDA AGRICOLA TESTA ROBERTO

3453    AZIENDA AGRICOLA TORTA GIUSEPPE

1577    AZIENDA AGRICOLA TRABUCCO AGOSTINO

1558    AZIENDA AGRICOLA VALERIO ROSSI

494    AZIENDA AGRICOLA VANZETTI PIETRO

2056    AZIENDA AGRICOLA VERRA FRANCO

3379    AZIENDA AGRICOLA ZUCCHETTI GRAZIANO

1458    BALLARI GIANFRANCO

2839    BALLARIO ELISABETTA

3854    BATTISTI BARBARA

427    BATTISTI GIOVANNI E RENATO S.S.

3352    BELTRAMONE F.LLI E C. S.N.C.

1377    BERARDO GIANCARLO

3572    BERARDO LORENZO

1174    BERAUDO PASQUALE

3536    BERGESE GIOVENALE

734    BERSIA DOMENICO

217    BERTAINA CATERINA

420    BERTOLA GIUSEPPE

1381    BERTOLINO LUCIANO FRANCO

2529    BERTOLOTTO PORTE S.P.A.

2518    BETON S.P.A.

3246    BIANCO S.P.A.

3496    BIGA ANTONIO

3410    BLUA ANTONIO

3865    BOCCHIOTTI DOMENICO

3031    BOETTI RENATO

2419    BONAMICO GIACOMO

3150    BONINO GIANCARLO

3202    BORGNA VETRI S.R.L

54    BORGO TRE CASTELLI S.N.C.

3279    BORRETTA ERALDO

3242    BORRETTA PIERPAOLO

3510    BOSIO DOMENICO

484    BOSIO SILVIO

1623    BOTTA ENRICO

1711    BOTTA GIUSEPPE

Codice pratica    Intestatario


1622    BOTTA LUCIANO

1157    BRIGNONE ANGELO

760    BRIZIO MICHELANGELO

3442    BRUGIAFREDDO PIETRO

3898    BRUGIAFREDDO PIETRO

3061    BUSSO GIACOMO

3378    CAGNASSI SEBASTIANO

3085    CALCESTRUZZI S.P.A.

3271    CALCESTRUZZI S.P.A.

2196    CALLERI BRUNO

3531    CALLERI GIOVANNI

3443    CAMI S.P.A.

2684    CAMISASSA DI ANGARAMO PIERANNA

2511    CANALE SECONDO

3391    CANAVESE EMILIO

3044    CAPELLO ROMANA

248    CARAMELLINO PIERDOMENICO

2538    CARNI DOCK S.R.L.

2647    CARRERO TRASPORTI S.R.L.

1649    CASCINA NUOVA S.S.

3384    CAST S.P.A.

2726    CASTELFORFICE & C. S.A.S.

3355    CAVALLERO BRUNO

1162    CAVALLO BARTOLOMEO

2041    CEAGLIO ROMANO S.R.L.

2028    CEMENCAL S.P.A.

3084    CEMENCAL S.P.A.

3086    CEMENCAL S.P.A.

3337    CHIAPALE GIACOMO

3083    CIEB NUOVA S.R.L.

914    CIRAVEGNA GIOVANNI

2642    CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI CUNEO

2687    CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI CUNEO

2734    CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI CUNEO

2704    CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI FOSSANO

2661    COBOLA FALEGNAMERIA S.R.L.

3562    COGNO GUIDO

392    COLOMBERO GIULIANA

1151    COLOMBERO MARIO

3505    COMANDÙ GIOVANNI BATTISTA

2851    COMUNE DI CARRÙ

3330    COMUNE DI CUNEO

2857    COMUNE DI PRUNETTO

3371    COMUNE DI SAN DAMIANO MACRA

721    COMUNE DI SANTO STEFANO BELBO

2957    COMUNE DI TORRE BORMIDA

2974    COMUNE DI VALGRANA

2928    COMUNE DI VIOLA

2646    CONDOMINIO LA QUERCIA

1693    CONSORZI IRRIGUI NUCLEO TETTI SPERTINI

3914    CONSORZIO ACQUEDOTTO MEIRA MEIRINO

3015    CONSORZIO ACQUEDOTTO RURALE BRICCO S.S.

2868    CONSORZIO ACQUEDOTTO RURALE COLOMBI PIANEZZO

3485    CONSORZIO ACQUEDOTTO RURALE DELLA BORGATA PERTUS

2624    CONSORZIO ACQUEDOTTO RURALE DI CAVALIGGI

2643    CONSORZIO ACQUEDOTTO RURALE SUD BAGNOLO

2702    CONSORZIO ACQUEDOTTO SERRAVALLE DI PIASCO

Codice pratica    Intestatario


3181    CONSORZIO CONSORTILE ACQUEDOTTO CAMERANA VILLA

1797    CONSORZIO DELLE ACQUE DI LEVALDIGI - FONTANILI MARIGNANO

1791    CONSORZIO FONTANILE VASCA VECCHIA

3441    CONSORZIO IRRIGUO “BORGO VIA RURIS”

3884    CONSORZIO IRRIGUO “LUCANO”

2049    CONSORZIO IRRIGUO BEALERA CERREA

2392    CONSORZIO IRRIGUO BRASSE PICCOLO

3444    CONSORZIO IRRIGUO CAMPAGNOLE

1600    CONSORZIO IRRIGUO CAMPORELLA - CANAPILE - TAGLIATA

843    CONSORZIO IRRIGUO CANALE CAMPASSOTTO

2245    CONSORZIO IRRIGUO CHIOS DEL RE

3299    CONSORZIO IRRIGUO COLLINA VERZUOLESE

1240    CONSORZIO IRRIGUO DEL TROMBINO

3874    CONSORZIO IRRIGUO ESTRAZIONE IDRICA CASCINA CAVALLERA SOTTANA

3894    CONSORZIO IRRIGUO FONTANILE SAMPEROTTO

715    CONSORZIO IRRIGUO FONTANILE SAN CARLO

1459    CONSORZIO IRRIGUO LA FRASCHEA

3293    CONSORZIO IRRIGUO LA MARGHERITA

3679    CONSORZIO IRRIGUO LOSA

1380    CONSORZIO IRRIGUO MOLINO DEI TETTI

1737    CONSORZIO IRRIGUO MURAZZO SAN SEBASTIANO

310    CONSORZIO IRRIGUO PASCO

2206    CONSORZIO IRRIGUO PIATTERA

3425    CONSORZIO IRRIGUO PILONE

509    CONSORZIO IRRIGUO PILONE TEALDI

1540    CONSORZIO IRRIGUO POZZO BOSCHETTI

1107    CONSORZIO IRRIGUO POZZO GARDINA

1843    CONSORZIO IRRIGUO POZZO MADONNA DEI CAMPI

1998    CONSORZIO IRRIGUO POZZO MADONNINA

1274    CONSORZIO IRRIGUO POZZO MELLATE

1285    CONSORZIO IRRIGUO POZZO PORRACCHIA

2873    CONSORZIO IRRIGUO POZZO SAN GIORGIO

503    CONSORZIO IRRIGUO POZZO SAN GIUSEPPE

3769    CONSORZIO IRRIGUO POZZO SANTA LUCIA

1017    CONSORZIO IRRIGUO POZZO TORRETTE

1853    CONSORZIO IRRIGUO PRESA IDRICA DI SAN VITALE

3870    CONSORZIO IRRIGUO RAMONDA

3653    CONSORZIO IRRIGUO REVANGOLO - BARETTA - BONAVALLE

3382    CONSORZIO IRRIGUO SAN BERNARDO

1627    CONSORZIO IRRIGUO SAN GIUSEPPE

2411    CONSORZIO IRRIGUO SAN LORENZO

1426    CONSORZIO IRRIGUO SANT’ANTONIO

3145    CONSORZIO IRRIGUO TETTO CASALE DI CUNEO

469    CONSORZIO IRRIGUO TETTO MARTINO

3067    CONSORZIO IRRIGUO VASCA NUOVA

1587    CONSORZIO IRRIGUO VOTASSA

1849    CONSORZIO POZZO SAN SALVATORE

2866    CONSORZIO RURALE PIANDININO

2506    CONSORZIO STUPINO CAVALLO E C. S.R.L.

3775    COOPERATIVA ALLEVATORI MARGARITA S.A.C.

3209    COOPERATIVA SACOOP S.C.R.L.

3544    COTTURA ROSA MARIA

1184    CRAVERO FRANCESCO

1662    CRAVERO MATTEO

3411    CULASSO GIOVANNI

436    CULASSO MARIO

3802    CULASSO PIERO

Codice pratica    Intestatario


984    CURETTI GIUSEPPE

562    DALMA MANGIMI S.P.A.

3675    DALMASSO LUCIANO

3139    DALMASSO RENATO

1143    DANIELE GIUSEPPE

3499    DANIELE MICHELE

3521    DEGIOVANNI AURELIO

2512    DELTA S.P.A.

1344    DEMARCHI GUIDO

2531    DI.A.BI. S.A.S. DI SAPINO GIOVANNI BATTISTA

186    DIATO GIOVANNI

1190    DOTTA LORENZO

445    DRAGONE PIERO SEBASTIANO

3392    EANDI ALFREDO

2675    EDERA S. S.

2544    EDILCEM S.R.L.

2576    EDILMEC DI CRAVERO E C. S.N.C.

3208    EDISON S.P.A.

1178    ELLENA ELIO

3318    ENEL PRODUZIONE S.P.A.

3319    ENEL PRODUZIONE S.P.A.

3320    ENEL PRODUZIONE S.P.A.

3076    F.LLI PEIRANO S.R.L.

1650    FAMAARCO AGRICOLA S.R.L.

2940    FERRERO BARTOLOMEO

2185    FERRERO GIUSEPPE

2663    FERRERO MANGIMI S.P.A.

3576    FIORINA GIAMPIERO

1042    FONDAZIONE ORDINE MAURIZIANO

1048    FONDAZIONE ORDINE MAURIZIANO

1088    FONDAZIONE ORDINE MAURIZIANO

1229    FONDAZIONE ORDINE MAURIZIANO

1230    FONDAZIONE ORDINE MAURIZIANO

1234    FONDAZIONE ORDINE MAURIZIANO

1237    FONDAZIONE ORDINE MAURIZIANO

1448    FONDAZIONE ORDINE MAURIZIANO

3578    FORNASERO BRUNO

2186    FORNERO MICHELE

244    FOSSATI BARTOLO

3500    FRANCO GIUSEPPE

3728    FRANCO MARIO ANDREA

1031    FRANCO SIMONE

2525    FRATELLI ANSALDI S.R.L.

3108    GALATERO SOC. COOP. AGR.

3503    GALFRÈ LIDIA

3488    GALLO GIUSEPPE

3647    GALLO MARIO

3984    GALLO MATTEO

1091    GAMBA GIUSEPPE

3577    GANDINO CARLO

3298    GARAVAGNO GIANCARLO

3405    GARELLO LUIGI

3365    GARNERO LILIANA

3568    GARZINO PATRIZIA

3494    GASTALDI GIACOMO

3032    GAZZOLA ANTONELLA

3873    GEO-ECOSTRUTTURE S.R.L.

Codice pratica    Intestatario


2035    GERBAUDO FRANCO

1147    GERBAUDO GIANMARIO

1690    GERMANETTI S.R.L.

2444    GHIBAUDO ADRIANO AMEDEO

2464    GIACCARDI SERGIO

3492    GIACOSA GIANPIERO

3687    GILI GIOVANNI

3184    GIORDANO GIUSEPPE E SERGIO S. S.

3383    GIUSIANO ANGELO

3907    GONELLA FRANCO

555    GRASSO LUIGI

2659    GRUPPO TORINESE TRASPORTI S.P.A.

2536    GULLINO IMPORT-EXPORT S.R.L.

2517    I.E.S. S.R.L. DI GARDINI & C.

2306    IMMOBILIARE ALDA S.R.L.

3297    IMMOBILIARE LE CHIOCCIOLE S.P.A.

1003    IMPRESA AGRICOLA LA NOVELLA S.A.S.

735    INGARAMO EDOARDO

3089    INTERSTRADE S.P.A.

1155    ISOARDI GUALTIERO

2654    ISOLANA S.R.L.

3087    ISOLANA S.R.L.

3765    ISTITUTO DIOCESANO PER IL SOSTENTAMENTO DEL CLERO DI FOSSANO

3859    LA CONTESSA S.S. AGRICOLA

3419    LA MARCHISA S.S. DI PANERO F.LLI

3284    LA MARGHERITA DI CORTASSA MARCO

945    LAMBERTI ANNA MARIA

3804    LAMBERTO LIDIO

3737    LAVANDERIE INDUSTRIALE PRESTO E BENE S.N.C. DI OLIVERO ORNELLA & C.

2667    LEGNOFORM S.R.L.

3722    LERDA GIUSEPPE

3601    LERDA LIVIO

2681    LICE TOMMASO

403    LINGUA DARIO

3915    LINGUA GIOVANNI BATTISTA

2858    LISTRANE S.S.

3203    LPR 2000 S.R.L.

3418    LUCIANO MOTO SAS

3276    MABITEX S.P.A.

3567    MACCAGNO GUIDO

1778    MACCHIORLATTI VIGNAT GIUSEPPE

1168    MAGNANO ALDO

2036    MANA BERNARDO

763    MANDRILE ANGELO

482    MANDRILE DOMENICO

2508    MANERA DI MANERA GIANFRANCO & C. S.N.C.

2096    MANGIMI 4 TORRI S.R.L.

3669    MARGARIA LUIGI

761    MARTINA BRUNO

1669    MARTINENGO BARTOLOMEO

2416    MARTINO BRUNO

431    MELANO TOMMASO

311    MELLANO LORENZO E MAURO S.S.

2127    MELLANO SERGIO

3893    MIGLIORE GRAZIANO

3868    MILANESIO CRISTOFORO

1648    MILLONE LUCIANO

Codice pratica    Intestatario


755    MINA ALDO

1714    MINA DOMENICO

3518    MINETTI DOMENICO

1181    MONDINO GIUSEPPE

1423    MONDINO GUIDO

3911    MONDINO LUIGI

3605    MONETTO ANNA

3201    MONGE & C. S.R.L.

3703    MONGE & C. S.R.L.

3684    MONGE FRATELLI S.N.C. DI MONGE BALDASSARRE & C.

1461    MUSSO BERNARDO

2560    NASI TERESIO E FIGLI S.R.L.

3357    NEIVE CALCESTRUZZI S.A.S.

51    NOVAPLAST LAMINATI S.P.A.

3222    NUOVA FAC DI BOTTA LIVIO & C. S.A.S.

3412    OCCELLI & C. S.N.C.

3756    OGGERO MAURIZIO

764    OLIVA BRUNO

758    OLIVA GIOVANNI

740    OLIVERO EZIO

1182    OLIVERO GIOVANNI

481    OLIVERO GIOVANNI BATTISTA

736    OMENTO VALENTINO

3924    ON THE ROAD S.N.C.

2669    ONNICAR SPA

3901    OREGLIA SUSANNA

3487    ORIA ANTONINO

2668    ORIGLIA S. P. A.

1894    OSELLA DARIO

580    PAIROTTI LUIGI

3183    PALMA GABRIELE

2190    PAMPIGLIONE GIOVANNI

3796    PANERO GIUSEPPE

722    PANERO PIERCARLO

1688    PANSA F.LLI S. S.

729    PAROLA FRANCESCO

756    PAROLA LUIGI

3606    PARROCCHIA N.S. DI MORETTA

3866    PASCHETTA MICHELE

3586    PAVESMAC S.R.L.

3718    PEANO LUIGI

3670    PEIROTTI DAVIDE FEDERICO

3668    PEIROTTI STEFANO

3640    PELLISSERO MADDALENA

277    PERETTI GIUSEPPE

278    PERETTI GIUSEPPE

3267    PEROTTO DORA

2146    PEROTTO MARIA

3326    PEROTTO MICHELANGELO

195    PESSIONE MICHELANGELO

2349    PETTITI EUGENIO

762    PICCO GIOVANNI FRANCO

2648    PIUMETTI GAS DI PIUMETTI DANIELA E C. SNC

449    POZZO IRRIGUO ABELLONIO ROBASTO

3696    POZZO IRRIGUO BORGOGNA

418    POZZO IRRIGUO MADONNA DEL PILONE SOCIETA’ SEMPLICE

3451    POZZO IRRIGUO SENAUDE S.S.

Codice pratica    Intestatario


3622    PREVIDELLI GIANFRANCO

2522    PROPPY - GEL S.R.L.

2520    PRUNOTTO S.R.L.

2213    QUAGLIA MATTEO

2674    RACCA GABRIELE & C. S.N.C.

3395    RASPO ANDREA

479    RASPO BARTOLOMEO

3064    RECUPERO LUCIANO

1939    REVIGLIO TOMMASO

3883    REYNAUDO VITTORIO

3313    RIBERI FRATELLI SNC DI RIBERI SERGIO & C.

2679    RIBERO MARCO

767    RICCA MARIA ANGELA

3480    RINAUDO F.LLI S.N.C. LAVORAZIONE PIETRE MARMI GRANITI

1153    RINERO GIUSEPPE

3245    RISSO ROBERTO

325    RISSO SEVERINO

1196    RIVOIRA ANTONIO

3497    ROASIO FRANCESCO

769    ROATIS FRANCESCO

1350    ROCCA LUCIANO

869    ROCCIA ANTONIO

3844    ROSSI DI MONTELERA LUIGI

3799    ROSSO MARCO

2094    ROSSO S.R.L.

768    ROSSONE CHIAFFREDO

3394    ROSTAGNO ANTONELLA

3908    RUBIOLO SEVERINO

3447    RUFFINO GIAMPIERO

3344    RUSSICA LUCIA

3079    S.E.P.O. S.R.L. DI MOINE F. E C.

3421    S.I.P.A.P. SNC DI DEMICHELIS M. & C.

2532    S.P.E.M.E. S.R.L.

1378    S.S. LA VERDE SOCIETA’ AGRICOLA

2548    S.T.A. S.R.L.

840    SACCHETTO PIERPAOLO

2638    SALUMIFICIO MARCHISIO S.R.L.

621    SARETTI GIOVANCARLO

1144    SARVIA ANDREA

1145    SARVIA ANDREA

2805    SCAMOSCERIA CUNEESE S.R.L.

3260    SCARAFIA STEFANO

835    SERENO RICCARDO

3287    SILVER SRL

770    SILVESTRO FRANCESCO

731    SILVESTRO GIUSEPPE

732    SILVESTRO SPIRITO

2505    SIRCOLOR S.R.L.

855    SOCIETA’ AGRICOLA “L’AURORA” DI CAMUSSO GIUSEPPE E RICCARDO S.S.

296    SOCIETÀ AGRICOLA FAUSSONA DI VAGLIENTI GIOVANNI E LUIGI

827    SOCIETÀ AGRICOLA GREBBIANA S. S.

2142    SOCIETÀ ANACONDA S.P.A.

2807    SOCIETÀ COOPERATIVA ALBIFRUTTA SOCIETÀ COOP. ORTOFRUTTICOLA A.R.L

3210    SOCIETÀ SAN PAOLO

3602    SOCIETÀ SEMPLICE “LA CASCINOTTA”

1351    SODA COSTRUZIONI S.P.A.

3359    SOL S.P.A.

Codice pratica    Intestatario


1901    SOLAVAGGIONE ANTONIO

3674    SOLAVAGGIONE LUCIA

577    SOLDATO BERNARDINO

2567    SOPREDIL S.R.L.

2917    STALLA SOCIALE ROBILANTE S.C.R.L.

3905    STRUMIA ANDREA

2660    SUPERTINO S.R.L.

3593    TARDITI GRAZIELLA

904    TARICCO MAURO

2820    TECHNOFINISH S.P.A.

3882    TECNOEDIL S.P.A.

2052    TECNOSAC S.R.L.

3860    TESTA GIOVANNI

3528    TESTA ROBERTO

3338    TORRONE PIEMONTE MARTINO S.R.L.

1570    TORTALLA RAFFAELE

183    TOSCANO TERENZIO

1067    TURLETTI GIUSEPPE

3353    TUTTOFRUTTA QUARANTA S.R.L.

1171    VACCHETTA GIOVANNI

2563    VALEO S.P.A.

2916    VALLAURI QUINTO FLAVIO

3587    VANZETTI FRANCESCO

3317    VARETTO SIMONE

200    VASSALLO GIOVANNI

3712    VASSALLO GIUSEPPE

269    VASSALLO LORENZO

1971    VERRA STEFANINA

2685    VIGLIETTA MATTEO S.P.A.

3165    VIGNALE BRUNA PRESIDENTE DELL’ACQUEDOTTO RURALE
    “BINELLI SAN BERNARDO”

781    VILLOSIO GIOVANNI

965    VITTONE F.LLI SOC. AGR. S.R.L.







PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1736 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 51) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società NOVAPLAST LAMINATI S.P.A. (C.F. e P.IVA 00812910040), con sede in Racconigi Via Caramagna 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Cavallerleone ad uso civile la portata media di 0,0218 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Cavallerleone, in località Pedaggera - foglio di mappa 13 particella 163 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10068 - portata massima 5 l/s

- portata media 0,0190 l/s - ad uso civile: scorte antincendio;

• Pozzo sito nel comune di Cavallerleone, in località Pedaggera - foglio di mappa 13 particella 198 - profondità 7 m - codice univoco CN P 14293 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0028 l/s - ad uso civile: igienico sanitario; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1737 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 54) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società BORGO TRE CASTELLI S.N.C. (C.F. e P.IVA 02472020045), con sede in Costigliole Saluzzo Via Botta 5, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Piasco ad uso civile la portata media di 0,0095 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Piasco, in via Campassi 26 - foglio di mappa 11 particella 137 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10073 - portata massima 2 l/s - portata media 0,0095 l/s - ad uso civile: igienico sanitario, lavaggio strade e superfici impermeabilizzate; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1738 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 183) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor TOSCANO TERENZIO (C.F. TSCTNZ36R19D297W), residente in Briga Alta via Glanteri 17, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Briga Alta ad uso civile la portata media di 0,0018 l/s dalle seguenti captazioni:

Sorgente sita nel comune di Briga Alta, in località Plateau - foglio di mappa 56 particella 10 - codice univoco CN S 10191 - portata massima 0,2 l/s - portata media 0,001 l/s - ad uso civile: igienico sanitario;

Sorgente sita nel comune di Briga Alta, in località Plateau - foglio di mappa 56 particella 11 - codice univoco CN S 10192 - portata massima 0,1 l/s - portata media 0,0005 l/s - ad uso civile: igienico sanitario;

Sorgente sita nel comune di Briga Alta, in località Plateau - foglio di mappa 56 particella 13 - codice univoco CN S 10193 - portata massima 0,05 l/s - portata media 0,0003 l/s - ad uso civile: igienico sanitario; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1449 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 186) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor DIATO GIOVANNI (C.F. DTIGNN59L12B111O), residente in Bra strada Motta 5 - Bandito, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Bra ad uso agricolo la portata media di 0,0127 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Bra, in strada Motta 5 frazione Bandito - foglio di mappa 10 particella 95 - profondità 6 m - codice univoco CN P 10123 - portata media 0,0127 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1450 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 195) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor PESSIONE MICHELANGELO (C.F. PSSMHL51E11L942I), residente in Villafalletto via Costigliole 14, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Villafalletto ad uso zootecnico la portata media di 0,1852 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in via Costigliole 14 - foglio di mappa 14 particella 3 - profondità 17 m - codice univoco CN P 10186 - portata massima 1,16 l/s

- portata media 0,1852 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1451 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 200) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor VASSALLO GIOVANNI (C.F. VSSGNN52E10I470A), residente in Racconigi via Polonghera cascina Portarossa 20, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Racconigi ad uso agricolo la portata media di 0,0301 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Racconigi - foglio di mappa 16 particella 105 - profondità 12 m - codice univoco CN P 10200 - portata media 0,0301 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1452 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 214) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA REVELLI MARGHERITA (C.F. RVLMGH64H42F351Z), con sede in Racconigi nucleo Tagliata 20, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Racconigi ad uso agricolo la portata media di 0,0243 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Racconigi, in frazione Tagliata 97 - foglio di mappa 43 particella 175 - profondità 24 m - codice univoco CN P 10336 - portata media 0,0243 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis) Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1739 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 217) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora BERTAINA CATERINA (C.F. BRTCRN39P43L804T), residente in Verzuolo via Falicetto 52, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Verzuolo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 22,86, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Verzuolo, in via Falicetto - foglio di mappa 10 particella 28

- profondità 10 m - codice univoco CN P 10344 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1453 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 244) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor FOSSATI BARTOLO (C.F. FSSBTL47S13H150O), residente in Racconigi via Polonghera 14, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Racconigi ad uso agricolo la portata media di 0,013 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Racconigi, in via Polonghera 14 - foglio di mappa 16 particella 154 - profondità 12 m - codice univoco CN P 10389 - portata media 0,013 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1454 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 248) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CARAMELLINO PIERDOMENICO (C.F. CRMPDM60R29H150D), residente in Racconigi cascina Maccagnotto 172, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Racconigi ad uso agricolo la portata media di 0,0081 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Racconigi, in cascina Maccagnotto 172 - foglio di mappa 21 particella 137 - profondità 7 m - codice univoco CN P 10396 - portata media 0,0081 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione; - é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1455 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 259) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA MARENGO GIOVANNI (C.F. MRNGNN48E13D742B), con sede in Fossano frazione Maddalene 171, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso agricolo la portata media di 0,0254 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Maddalene - foglio di mappa 81 particella 86 - profondità 12 m - codice univoco CN P 10414 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0254 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1740 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 269) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor VASSALLO LORENZO (C.F. VSSLNZ55D14I470A), residente in Racconigi via Polonghera 22 - cascina Portarossa, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Racconigi ad uso agricolo la portata media di 0,0238 l/s dalla seguente captazione: • Pozzo sito nel comune di Racconigi, in via Polonghera 20 - cascina Portarossa - foglio di mappa 16 particella 33 - profondità 11 m - codice univoco CN P 10427 - portata media 0,0238 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1456 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 277) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor PERETTI GIUSEPPE (C.F. PRTGPP54D04C375Q), residente in Cavallerleone via S. Giovanni 17, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Cavallerleone ad uso zootecnico la portata media di 0,0942 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Cavallerleone, in via San Giovanni 17 - foglio di mappa 13 particella 48 - profondità 9 m - codice univoco CN P 10446 - portata media 0,0048 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Cavallerleone, in via San Giovanni 17 - foglio di mappa 13 particella 48 - profondità 9 m - codice univoco CN P 10447 - portata media 0,0793 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Murello, in via Ruetta 3 - foglio di mappa 13 particella 50

- profondità 10 m - codice univoco CN P 10448 - portata media 0,0101 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1457 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 278) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor PERETTI GIUSEPPE (C.F. PRTGPP60A11H150K), residente in Racconigi località Martinetto 14, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Racconigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 19, dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Racconigi, in località Canapile - foglio di mappa 46 particella 139 - profondità 45 m - codice univoco CN P 10450 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Racconigi - foglio di mappa 39 particella 148 - profondità 20 m - codice univoco CN P 10452 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1458 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 287) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ARNOLFO MARIO (C.F. RNLMRA38M23H727A), residente in Carde’ via Saluzzo 37, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Carde’ ad uso zootecnico la portata media di 0,0463 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Carde’, in via Saluzzo 37 - foglio di mappa 16 particella 54

- profondità 28 m - codice univoco CN P 10462 - portata media 0,0463 l/s - ad uso

zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1459 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 296) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società SOCIETÀ AGRICOLA FAUSSONA DI VAGLIENTI GIOVANNI E LUIGI

(C.F. 85004600046), con sede in Scarnafigi via Moretta 20, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Scarnafigi ad uso zootecnico la portata media di 0,1015 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Scarnafigi, in cascina Faussona - foglio di mappa 9 particella 34 - profondità 18 m - codice univoco CN P 10476 - portata massima 1,43 l/s - portata media 0,1015 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1742 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 310) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO PASCO (C.F. 85009870040), con sede in Moretta regione Pasco 6/A, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Moretta ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 92,58, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Moretta, in regione Pasco - foglio di mappa 14 particella 158 - profondità 47 m - codice univoco CN P 10487 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1743 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 311) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società MELLANO LORENZO E MAURO S.S. (C.F. e P.IVA 00303920045), con sede in Lagnasco Via SAVIGLIANO 1, la concessione di derivare acque sotterranee nei comuni di Saluzzo e di Lagnasco ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 22,47, dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in località Colombaro Rossi - foglio di mappa 79 particella 201 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10489 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Lagnasco, in via Varaitina - foglio di mappa 15 particella 56 - profondità 50 m - codice univoco CN P 10488 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1744 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 322) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA BUSSO PIERLORENZO (C.F. BSSPLR47E07F330U), con sede in Casalgrasso frazione Carpenetta, la concessione di derivare da acque sotterranee, nei comuni di Casalgrasso e di Racconigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 32,5939, e ad uso zootecnico la portata media di 0,0694 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Casalgrasso, in cascina La Maria - foglio di mappa 22 particella 135 - profondità 12 m - codice univoco CN P 10505 - portata massima 1,5 l/s - portata media 0,0694 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Racconigi, in località Macra - foglio di mappa 1 particella 22 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10507 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Racconigi, in cascina La Maria - foglio di mappa 13 particella 12 - profondità 25 m - codice univoco CN P 10504 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Casalgrasso, in cascina Uccelletto - foglio di mappa 21 particella 42 - profondità 25 m - codice univoco CN P 14282 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a

consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato dieffettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1460 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 325) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor RISSO SEVERINO (C.F. RSSSRN58E24L771X), residente in Vernante strada Vallon Secco Tetto Basso 20, in nome proprio e per conto di: - SASIA GRAZIELLA (C.F. SSAGZL59 B56L942Y) - RISSO ALDO (C.F. RSSLDA64P 04D205E) - SERVETTI LAURA (C.F. SRVLRA68 M48H727J), la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Scarnafigi ad uso zootecnico la portata media di 0,038 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Scarnafigi, in cascina Beonesio - foglio di mappa 12 particella 8 - profondità 20 m - codice univoco CN P 10510 - portata massima 0,5 l/s

- portata media 0,0381 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1461 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 326) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA BERTORELLO BRUNO (C.F. BRTFDN38H19G228M), con sede in Scarnafigi via Boschi 3, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Scarnafigi ad uso agricolo la portata media di 0,0029 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Scarnafigi, in cascina Tetti Porta - foglio di mappa 7 particella 47 - profondità 12 m - codice univoco CN P 10511 - portata media 0,0029 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis) Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1462 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 346) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA BONETTO PIERGIUSEPPE E FIGLI S.S. (C.F. e P.IVA 00279720049), con sede in Racconigi cascina Baretta, la concessione di derivare da acque sotterranee, nei comuni di Murello e di Raccconigi ad uso zootecnico la portata media di 0,4598 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Murello, in località Colombetto - foglio di mappa 3 particella 2 - profondità 20 m - codice univoco CN P 10555 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0254 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Racconigi, in cascina Baretta - foglio di mappa 34 particella 50 - profondità 20 m - codice univoco CN P 10556 - portata massima 2 l/s - portata media 0,0856 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Racconigi, in cascina Baretta - foglio di mappa 35 particella 46 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10557 - portata massima 2,5 l/s

- portata media 0,3488 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1463 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 371) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ARENA LORENZO (C.F. RNALNZ64H25D205U), residente in Vottignasco via Priglia 1, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Vottignasco ad uso agricolo la portata media di 0,0010 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Vottignasco, in via Priglia - foglio di mappa 10 particella 41 - profondità 6 m - codice univoco CN P 10591 - portata massima 2 l/s - portata media 0,001 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1464 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 392) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora COLOMBERO GIULIANA (C.F. CLMGLN61B47H727H), residente in Saluzzo regione Paschere 18/a, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Saluzzo ad uso agricolo la portata media di 0,019 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in regione Paschere - foglio di mappa 32 particella 164 - profondità 31 m - codice univoco CN P 10630 - portata massima 0,13 l/s - portata media 0,019 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1465 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 403) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor LINGUA DARIO (C.F. LNGDRA64T09H150G), residente in Racconigi Nucleo Parruccia 44, la concessione di derivare acque sotterranee nei comuni di Cavallerleone e di Racconigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 22,86, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Cavallerleone, in località Angiaie - foglio di mappa 12 particella 24 - profondità 28 m - codice univoco CN P 10653 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1745 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 418) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al POZZO IRRIGUO MADONNA DEL PILONE SOCIETA’ SEMPLICE (C.F. 95002710044), con sede in Murello via Racconigi 67 - Cascina Nuova, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Murello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 64, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Murello, in località Robella Alta - foglio di mappa 1 particella 35/b - profondità 42 m - codice univoco CN P 10679 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1466 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 420) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BERTOLA GIUSEPPE (C.F. BRTGPP53A09E939M), residente in Marene località Sperina 11 bis, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Marene ad uso zootecnico la portata media di 0,0793 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Marene, in sperina Bassa - foglio di mappa 4 particella 15

- profondità 12 m - codice univoco CN P 10682 - portata media 0,0793 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1543 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 427) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società BATTISTI GIOVANNI E RENATO S.S. (C.F. 85011380046), con sede in Saluzzo via del Bosco 20, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Saluzzo ad uso zootecnico la portata media di 0,0476 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in frazione Cervignasco - foglio di mappa 19 particella 55 - profondità 18 m - codice univoco CN P 10690 - portata massima 2 l/s - portata media 0,0285 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in frazione Cervignasco - foglio di mappa 7 particella 28 - profondità 14 m - codice univoco CN P 10691 - portata massima 2 l/s - portata media 0,019 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1467 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 431) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MELANO TOMMASO (C.F. MLNTMS23T17H727F), residente in Saluzzo regione Paracollo 7, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Saluzzo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 25, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in regione Paracollo 7 - foglio di mappa 35 particella 35 - profondità 18 m - codice univoco CN P 10696 - ad uso agricolo:

abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1468 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 436) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CULASSO MARIO (C.F. CLSMRA58D26D205K), residente in Saluzzo regione Paschere 1, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Saluzzo ad uso zootecnico la portata media di 0,0951 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in regione Paschere 1 - foglio di mappa 45 particella 49 - profondità 41 m - codice univoco CN P 10703 - portata massima 1,5 l/s

- portata media 0,0951 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1469 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 445) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor DRAGONE PIERO SEBASTIANO (C.F. DRGPSB57D09D751K), residente in Marene via Provinciale 6, in nome proprio e per conto di: - DRAGONE MARIA MADDALENA

(C.F. DRGMMD55S54D751L) - VINAI VALENTINA (C.F. VNIVNT91C44F351D), la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Marene ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 20, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Marene, in località Montemaggiore - foglio di mappa 19 particella 36 - profondità 45 m - codice univoco CN P 10716 - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1746 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 449) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al POZZO IRRIGUO ABELLONIO ROBASTO (C.F. e P.IVA 95012810040), con sede in Cavallerleone c/o ABELLONIO GIACOMO via Praterie 1, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Racconigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 70, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Racconigi, in località Bonavalle - foglio di mappa 34 particella 44 - profondità 52 m - codice univoco CN P 10720 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1470 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 453) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA EANDI GIOVANNI (C.F. NDEGNN50C22D742V), con sede in Fossano via Bossola 18/B - Cussanio, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 38, dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in via Bossola 18/B frazione Cussanio - foglio di mappa 43 particella 5 - profondità 12 m - codice univoco CN P 10726 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Cussanio 24 - foglio di mappa 42 particella 75 - profondità 10 m - codice univoco CN P 10727 - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1471 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 459) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA BERGESE GIOVENALE (C.F. BRGGNL46C09D742J), con sede in Fossano frazione Gerbo 5, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso agricolo la portata media di 0,019 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Gerbo 5 - foglio di mappa 69 particella 94 - profondità 17 m - codice univoco CN P 10735 - portata media 0,019 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1747 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 460) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA CRAVERO ANDREA (C.F. CRVNDR45M14D742K), con sede in Fossano frazione San Lorenzo 93, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso agricolo la portata media di 0,0159 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione San Lorenzo - foglio di mappa 37 particella 66 - profondità 12 m - codice univoco CN P 10736 - portata media 0,0159 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1472 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 469) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO TETTO MARTINO (C.F. 83001710041), con sede in Centallo largo Vico 4, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 113,1738, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in frazione San Biagio - regione Boerino - foglio di mappa 38 particella 183 - profondità 50 m - codice univoco CN P 10745 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1473 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 479) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor RASPO BARTOLOMEO (C.F. RSPBTL43P18I470L), residente in Centallo regione Brignola, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso agricolo la portata media di 0,0069 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Brignola - foglio di mappa 18 particella 11 - profondità 12 m - codice univoco CN P 10758 - portata massima 16,5 l/s - portata media 0,0069 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis) Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1474 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 481) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor OLIVERO GIOVANNI BATTISTA (C.F. LVRGNN45S20C466D), residente in Centallo via San Biagio - Cascina Locatelli, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso zootecnico la portata media di 0,038 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Crosia cascina Locatelli - foglio di mappa 25 particella 39 - profondità 25 m - codice univoco CN P 10760 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0381 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1475 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 482) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MANDRILE DOMENICO (C.F. MNDDNC32C22C466M), residente in Centallo regione San Quirico 582, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso agricolo la portata media di 0,0285 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione San Quirico 582 - foglio di mappa 30 particella 77 - profondità 14 m - codice univoco CN P 10761 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0285 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1476 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 484) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BOSIO SILVIO (C.F. BSOSLV61A09D205B), residente in Centallo regione Casale 78, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 15,24, la portata media di 0,0555 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Casale - foglio di mappa 3 particella 133 - profondità 8 m - codice univoco CN P 10763 - portata massima 2 l/s - portata media 0,0396 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Casale - foglio di mappa 3 particella 63 - profondità 25 m - codice univoco CN P 10979 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Casale 78 - foglio di mappa 3 particella 85 - profondità 8 m - codice univoco CN P 10338 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0159 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1748 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 494) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA VANZETTI PIETRO (C.F. VNZPTR56H19L990K), con sede in Villanova Solaro via Saluzzo 6, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Villanova Solaro ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 18,29, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Villanova Solaro, in via Ochetta - foglio di mappa 10 particella 54 - profondità 28 m - codice univoco CN P 10777 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1477 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 502) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA RACCA DARIO (C.F. RCCDRA59H18C466N), con sede in Centallo Madonna dei Prati 314, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso zootecnico la portata media di 0,0476 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Madonna dei Prati - foglio di mappa 12 particella 15 - profondità 10 m - codice univoco CN P 10786 - portata media 0,0476 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1812 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 503) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO POZZO SAN GIUSEPPE (C.F. e P.IVA 83001690045), con sede in Centallo largo Vico 4, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 146,7728, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in frazione San Biagio - foglio di mappa 34 particella 132 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10787 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1749 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 509) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO PILONE TEALDI (C.F. e P.IVA 83006690040), con sede in Fossano c/o MONASTEROLO ROBERTO frazione Gerbo, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 120,98, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Gerbo - foglio di mappa 70 particella 36 - profondità 60 m - codice univoco CN P 10792 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1750 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 523) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ABELLONIO GIOVANNI (C.F. BLLGNN49S24C375U), residente in Cavallerleone via Murello, la concessione di derivare da acque sotterranee, nei comuni di Saluzzo e di Cavallerleone ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 26, e ad uso zootecnico la portata media di 0,2854 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in località Cervignasco - foglio di mappa 6 particella 15 - profondità 50 m - codice univoco CN P 10811 - portata massima 2,5 l/s - portata media 0,2695 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Cavallerleone, in località Campasso - foglio di mappa 2 particella 61 - profondità 31 m - codice univoco CN P 10809 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in località Cervignasco - foglio di mappa 6 particella 14 - profondità 22 m - codice univoco CN P 10810 - portata massima 0,4 l/s - portata media 0,0159 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1751 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 535) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA CAVALLERO BRUNO (C.F. CVLBRN47M21D742N), con sede in Fossano frazione San Vittore 10, in nome proprio e per conto di: - CAVALLERO SPIRITO (C.F. CVLSRT43P11D742Q) - CAVALLERO BARTOLOMEO (C.F. CVLBTL39D17D742W), la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso agricolo la portata media di 0,0238 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione San Vittore 10 - foglio di mappa 56 particella 155 - profondità 11 m - codice univoco CN P 10835 - portata media 0,0238 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1478 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 536) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA CORRENTO CATTERINA (C.F. CRRCTR33A65C466V), con sede in Vottignasco via Levaldigi 14, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Vottignasco ad uso agricolo la portata media di 0,0119 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Vottignasco, in via Levaldigi 14 - foglio di mappa 10 particella 62 - profondità 12 m - codice univoco CN P 10836 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,0079 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame;

• Pozzo sito nel comune di Vottignasco, in via Levaldigi 14 - foglio di mappa 10 particella 62 - profondità 12 m - codice univoco CN P 10837 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,0040 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1479 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 538) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA GOLÈ PIETRO E FIGLI S.S. (C.F. e P.IVA 02365800040), con sede in Centallo frazione Boschetti 158, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso agricolo la portata media di 0,0117 l/s dalla seguente captazione: • Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Casale 158 - foglio di mappa 1 particella 63 - profondità 14 m - codice univoco CN P 10839 - portata media 0,0117 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1480 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 555) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor GRASSO LUIGI (C.F. GRSLGU65B02D742O), residente in Fossano frazione Cussanio 23, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso zootecnico la portata media di 0,0381 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Cussanio - foglio di mappa 32 particella 148 - profondità 14 m - codice univoco CN P 10859 - portata massima 30 l/s - portata media 0,0381 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1481 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 557) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA ROCCIA ANTONIO (C.F. RCCNTN47H12D742T), con sede in Fossano frazione San Antonio Baligio 9, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 19,5, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Sant’Antonio Baligio - foglio di mappa 19 particella 24 - profondità 12 m - codice univoco CN P 10861 - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1752 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 562) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società DALMA MANGIMI S.P.A. (C.F. e P.IVA 01794330041), con sede in Marene via Sperina Alta 18, la concessione di derivare da acque sotterranee, nei comuni di Cavallermaggiore e di Marene ad uso civile la portata media di 0,1902 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Cavallermaggiore, in trebbie cascina Cà Bianca 50 - foglio di mappa 24 particella 57 - profondità 40 m - codice univoco CN P 10869

- portata massima 60 l/s - portata media 0,0063 l/s - ad uso civile: igienico sanitario e irrigazione aree verdi;

• Pozzo sito nel comune di Marene, in via Sperina Alta 18 - foglio di mappa 5 particella 57 - profondità 59 m - codice univoco CN P 10870 - portata massima 70 l/s - portata media 0,1838 l/s - ad uso civile: scorte antincendio, irrigazione aree verdi, igienico sanitario e autolavaggio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1482 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 564) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA CERUTTI GIOVANNI (C.F. CRTGNN52E15L990Z), con sede in Faule via Monera 11, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Faule ad uso agricolo la portata media di 0,012 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Faule, in località Coccio - foglio di mappa 4 particella 108 - profondità 22 m - codice univoco CN P 10872 - portata massima 2 l/s - portata media 0,012 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1753 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 566) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA FUSTA SILVIO (C.F. FSTSLV65M23I470E), con sede in Fossano frazione Cussanio 22/D, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso zootecnico la portata media di 0,1268 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Cussanio 22/d - foglio di mappa 43 particella 96 - profondità 27 m - codice univoco CN P 10873 - portata massima 1 l/s - portata media 0,1268 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1483 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 570) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’ACQUEDOTTO RURALE VILLARETTI S. S. (C.F. e P.IVA 00595450040), con sede in Torre Bormida via Villaretti 49/52, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Torre Bormida ad uso potabile la portata media di 0,0951 l/s dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Torre Bormida, in via Villaretti 49/52 - foglio di mappa 8 particella 23 - codice univoco CN S 10206 - portata massima 0,16 l/s - portata media 0,0951 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1484 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 577) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor SOLDATO BERNARDINO (C.F. SLDBNR71C25B791D), residente in Sommariva del Bosco strada Antica di Ceresole, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Sommariva del Bosco ad uso zootecnico la portata media di 0,0951 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Sommariva del Bosco, in località Malonga - foglio di mappa 10 particella 393 - profondità 40 m - codice univoco CN P 10882 - portata massima 2 l/s - portata media 0,0951 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1754 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 580) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor PAIROTTI LUIGI (C.F. PRTLGU22H26L990H), residente in Saluzzo corso IV Novembre 6/C, la concessione di derivare acque sotterranee nei comuni di Ruffia e di Scarnafigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 14, dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Ruffia, in località Biscaretto - foglio di mappa 1 particella 11 - profondità 20 m - codice univoco CN P 10887 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Scarnafigi, in località San Cristoforo - foglio di mappa 8 particella 86 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10888 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1485 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 621) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor SARETTI GIOVANCARLO (C.F. SRTGNC57S06I470N), residente in Savigliano frazione Tetti Roccia 69, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso zootecnico la portata media di 0,1019 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in tetti Roccia 69 - foglio di mappa 126 particella 89 - profondità 14 m - codice univoco CN P 10943 - portata massima 0,8 l/s - portata media 0,1019 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1486 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 642) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA GRIBAUDO BARTOLOMEO (C.F. GRBBTL75A29I470Z), con sede in Moretta regione Boglio 6, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Moretta ad uso zootecnico la portata media di 0,0463 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Moretta, in regione Boglio - foglio di mappa 7 particella 22 - profondità 16 m - codice univoco CN P 10976 - portata massima 5 l/s - portata media 0,0463 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1487 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 685) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA BUSSO MARCO (C.F. BSSMRC60D25H150Y), con sede in Racconigi via Murello 27, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Racconigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 17,15, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Racconigi, in località Macramorta - foglio di mappa 32 particella 91 - profondità 18 m - codice univoco CN P 11038 - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1488 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 715) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO FONTANILE SAN CARLO (C.F. 83006390047), con sede in Fossano frazione Maddalene 137, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 280, dalla seguente captazione: • Sorgente sita nel comune di Centallo, in località Crosia - foglio di mappa 24 particella 19 - codice univoco CN S 11253 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1755 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 721) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al COMUNE DI SANTO STEFANO BELBO (C.F. e P.IVA 00364170043), con sede in Santo Stefano Belbo Piazza Umberto I 1, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Santo Stefano Belbo ad uso civile la portata media di 0,0051 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Santo Stefano Belbo, in corso Piave - foglio di mappa 17 particella 148 - profondità 8 m - codice univoco CN P 11078 - portata media 0,0051 l/s - ad uso civile: irrigazione di aree verdi pubbliche; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di

eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1489 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 722) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor PANERO PIERCARLO (C.F. PNRPCR52C09D742B), residente in Fossano frazione Cussanio 40, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 24,8, dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in località Cussanio - foglio di mappa 42 particella 19 - profondità 6 m - codice univoco CN P 11079 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in località Cussanio 40 - foglio di mappa 42 particella 16 - profondità 20 m - codice univoco CN P 13402 - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1490 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 729) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor PAROLA FRANCESCO (C.F. PRLFNC39L11C466A), residente in Centallo regione San Quirico 623, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso agricolo la portata media di 0,0095 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione San Quirico - foglio di mappa 27 particella 54 - profondità 12 m - codice univoco CN P 11086 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,0095 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis) Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1491 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 731) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor SILVESTRO GIUSEPPE (C.F. SLVGPP34E09C466A), residente in Centallo regione San Quirico 432, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso agricolo la portata media di 0,0063 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione San Quirico - foglio di mappa 26 particella 29 - profondità 22 m - codice univoco CN P 11088 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,0063 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1756 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 732) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor SILVESTRO SPIRITO (C.F. SLVSRT38L12C466F), residente in Centallo regione Poè, in nome proprio e per conto di: - SILVESTRO MICHELE (C.F. SLVMHL36T12C466I) - SILVESTRO SECONDO (C.F. SLVSND40L15C466D), la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso zootecnico la portata media di 0,0555 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Poè - foglio di mappa 26 particella 43 - profondità 15 m - codice univoco CN P 11089 - portata media 0,0555 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1492 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 734) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BERSIA DOMENICO (C.F. BRSDNC31D26F723N), residente in Torre San Giorgio via Maestra 15, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Torre San Giorgio ad uso agricolo la portata media di 0,0063 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Torre San Giorgio, in via Maestra 15 - foglio di mappa 6 particella 26 - profondità 25 m - codice univoco CN P 11091 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0063 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis) Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1493 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 735) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor INGARAMO EDOARDO (C.F. NGRDRD37E29F723V), residente in Torre San Giorgio via Scarnafigi 6, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Torre San Giorgio ad uso agricolo la portata media di 0,0057 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Torre San Giorgio, in via Scarnafigi 6 - foglio di mappa 2 particella 168 - profondità 27 m - codice univoco CN P 11092 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0057 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di

eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1494 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 736) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor OMENTO VALENTINO (C.F. MNTVNT40B24I512W), residente in Scarnafigi via Revalanca 3, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Scarnafigi ad uso agricolo la portata media di 0,0029 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Scarnafigi, in via Revalanca - foglio di mappa 7 particella 72 - profondità 12 m - codice univoco CN P 11093 - portata massima 1,5 l/s - portata media 0,0029 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1495 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 740) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor OLIVERO EZIO (C.F. LVRZEI50D05D742H), residente in Fossano frazione Sant’Antonio Baligio 31/b, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 38, dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in località Sant’Antonio Baligio - foglio di mappa 11 particella 250 - profondità 30 m - codice univoco CN P 11100 - ad uso agricolo: irrigazione e abbeveraggio bestiame;

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in località Sant’Antonio Baligio - foglio di mappa 12 particella 99 - profondità 40 m - codice univoco CN P 11101 - ad uso agricolo: irrigazione e abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1496 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 755) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MINA ALDO (C.F. MNILDA57D04I512B), residente in Scarnafigi via Fornasasso 8, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Scarnafigi ad uso agricolo la portata media di 0,0032 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Scarnafigi, in via San Michele 1 - foglio di mappa 17 particella 149 - profondità 10 m - codice univoco CN P 11118 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0032 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di

eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1757 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 756) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor PAROLA LUIGI (C.F. PRLLGU44L27C466I), residente in Centallo regione San Quirico 662, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso zootecnico la portata media di 0,0972 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione San Quirico - foglio di mappa 27 particella 35 - profondità 17 m - codice univoco CN P 11119 - portata massima 1,2 l/s - portata media 0,0972 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1497 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 758) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor OLIVA GIOVANNI (C.F. LVOGNN36C12C466B), residente in Centallo cascina Marchesa 56, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso agricolo la portata media di 0,0127 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in cascina Marchesa - foglio di mappa 35 particella 114 - profondità 20 m - codice univoco CN P 11121 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,0127 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1758 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 760) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BRIZIO MICHELANGELO (C.F. BRZMHL47D28D742X), residente in Fossano frazione Gerbo 66, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso agricolo la portata media di 0,0266 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Gerbo - foglio di mappa 55 particella 4 - profondità 10 m - codice univoco CN P 11124 - portata media 0,0266 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1498 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 761) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MARTINA BRUNO (C.F. MRTBRN56H22C466Q), residente in Centallo via Commenda 100 - San Biagio, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso agricolo la portata media di 0,0032 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Commenda - foglio di mappa 36 particella 55 - profondità 10 m - codice univoco CN P 11125 - portata media 0,0032 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1499 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 762) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor PICCO GIOVANNI FRANCO (C.F. PCCGNN45M27C466C), residente in Centallo regione Cerrione 31 - San Biagio, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso agricolo la portata media di 0,0127 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Cerrione - foglio di mappa 23 particella 51 - profondità 10 m - codice univoco CN P 11126 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,0127 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1500 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 763) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MANDRILE ANGELO (C.F. MNDNGL46H16C466B), residente in Centallo regione Cerrione 48 - San Biagio, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso agricolo la portata media di 0,0095 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Cerrione - foglio di mappa 35 particella 102 - profondità 12 m - codice univoco CN P 11127 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,0095 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1501 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 764) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor OLIVA BRUNO (C.F. LVOBRN51C11C466G), residente in Centallo regione Cerrione 55, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso agricolo la portata media di 0,0048 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Cerrione - foglio di mappa 35 particella 169 - profondità 18 m - codice univoco CN P 11128 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,0048 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1502 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 767) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora RICCA MARIA ANGELA (C.F. RCCMNG42C45C466O), residente in Centallo regione Poè 520, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso zootecnico la portata media di 0,0666 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione San Quirico - foglio di mappa 27 particella 74 - profondità 20 m - codice univoco CN P 11134 - portata massima 2 l/s - portata media 0,0666 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1503 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 768) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ROSSONE CHIAFFREDO (C.F. RSSCFF42E28I470U), residente in Savigliano via Vottignasco - Levaldigi, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso agricolo la portata media di 0,0206 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in frazione Levaldigi - foglio di mappa 116 particella 43 - profondità 12 m - codice univoco CN P 11135 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,0206 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1504 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 769) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ROATIS FRANCESCO (C.F. RTSFNC36R11I470J), residente in Savigliano via Vottignasco 29 - Levaldigi, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso agricolo la portata media di 0,0048 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in frazione Levaldigi - foglio di mappa 117 particella 43 - profondità 9 m - codice univoco CN P 11136 - portata media 0,0048 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1505 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 770) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor SILVESTRO FRANCESCO (C.F. SLVFNC35R29C466F), residente in Centallo via Roata Chiusani 118, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso agricolo la portata media di 0,0095 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in via Roata Chiusani - foglio di mappa 26 particella 103 - profondità 12 m - codice univoco CN P 11138 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,0095 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1506 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 781) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor VILLOSIO GIOVANNI (C.F. VLLGNN42A17B791R), residente in Savigliano strada Costigliole 14, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso agricolo la portata media di 0,0016 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in località Pomarolo - foglio di mappa 86 particella 99 - profondità 9 m - codice univoco CN P 11150 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0016 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1507 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 784) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’ACQUEDOTTO RURALE CORTE (C.F. e P.IVA 90030350046), con sede in Rocchetta Belbo via Corte 5, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Rocchetta Belbo ad uso potabile la portata media di 0,0476 l/s dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Rocchetta Belbo, in località Corte - foglio di mappa 6 particella 138 - codice univoco CN S 10227 - portata massima 0,15 l/s - portata media 0,0476 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1508 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 799) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA BORI VALTER (C.F. BROVTR53L16H727D), con sede in Saluzzo via del Bosco 42, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Saluzzo ad uso agricolo la portata media di 0,0301 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in cascina Galatero - foglio di mappa 18 particella 45 - profondità 10 m - codice univoco CN P 11170 - portata massima 1,2 l/s - portata media 0,0301 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis) Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1509 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 803) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA BORI ELIDO (C.F. BROLDE50H18H727N), con sede in Saluzzo frazione Cervignasco, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Saluzzo ad uso zootecnico la portata media di 0,046 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in cascina Galatera - foglio di mappa 8 particella 108 - profondità 35 m - codice univoco CN P 11176 - portata massima 1 l/s - portata media 0,046 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1510 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 806) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA DEMARIA GIOVANNI (C.F. DMRGNN52C04L990H), con sede in Villanova Solaro frazione Vernetto 9, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Villanova Solaro ad uso agricolo la portata media di 0,0285 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Villanova Solaro, in frazione Vernetto - foglio di mappa 2 particella 232 - profondità 15 m - codice univoco CN P 11185 - portata massima 1 l/s

- portata media 0,0285 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1511 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 810) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA GULLINO DANILO (C.F. GLLDNL60P27I512Y), con sede in Scarnafigi strada Moretta 5, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Scarnafigi ad uso agricolo la portata media di 0,03 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Scarnafigi, in cascina Porrera Grossa - foglio di mappa 11 particella 27 - profondità 11 m - codice univoco CN P 11189 - portata massima 1 l/s - portata media 0,03 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1759 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 812) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA GIANOGLIO ANTONIO E FRANCESCO (C.F. e P.IVA 86005300040), con sede in Racconigi cascina Migliabruna Nuova, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Racconigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 30,48, e ad uso zootecnico la portata media di 0,0382 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Racconigi, in cascina Migliabruna Nuova - foglio di mappa 8 particella 1 - profondità 9 m - codice univoco CN P 11191 - portata media 0,0382 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Racconigi, in cascina Migliabruna Nuova - foglio di mappa 8 particella 14 - profondità 36 m - codice univoco CN P 11192 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1512 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 827) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società SOCIETÀ AGRICOLA GREBBIANA S. S. (C.F. e P.IVA 02562850046), con sede in Cuneo circonvallazione Bovesana 120, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Castelletto Stura ad uso zootecnico la portata media di 0,1296 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Castelletto Stura, in frazione Tetti Pesio - foglio di mappa 14 particella 79 - profondità 26 m - codice univoco CN P 11221 - portata massima 3 l/s - portata media 0,1296 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1513 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 835) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor SERENO RICCARDO (C.F. SRNRCR45A09M136Y), residente in Vottignasco via Annunziata 30, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Vottignasco ad uso agricolo la portata media di 0,0249 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Vottignasco - foglio di mappa 6 particella 59 - profondità 5 m - codice univoco CN P 11228 - portata massima 0,50 l/s - portata media 0,0162 l/s

- ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame;

• Pozzo sito nel comune di Vottignasco - foglio di mappa 6 particella 58 - profondità 5 m - codice univoco CN P 11229 - portata massima 0,50 l/s - portata media 0,0087 l/s

- ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1514 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 836) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA RIVOIRA MATTEO E BARTOLOMEO S. S. (C.F. 83006860049), con sede in Fossano frazione Gerbo 72, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 15,7, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Gerbo - foglio di mappa 65 particella 51 - profondità 10 m - codice univoco CN P 11230 - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1515 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 840) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor SACCHETTO PIERPAOLO (C.F. SCCPRP42P03E406C), residente in Villafalletto via Monsola 103, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Villafalletto ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 35, dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in località Pomarolo - foglio di mappa 86 particella 13 - profondità 40 m - codice univoco CN P 11236 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in località Pomarolo - foglio di mappa 3 particella 20 - profondità 12 m - codice univoco CN P 11237 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in località Pomarolo - foglio di mappa 26 particella 42 - profondità 25 m - codice univoco CN P 11238 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Fabrizio Cavallo


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1516 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 843) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO CANALE CAMPASSOTTO (C.F. 96066580042), con sede in Villafalletto c/o Diale Livio via Termine 22, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Costigliole Saluzzo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 75, dalla seguente captazione:

• Fontanile sito nel comune di Costigliole Saluzzo, in località Campassotto - foglio di mappa 20 particella 37 - codice univoco CN S 11653 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentirel’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuareaccertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1517 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 855) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla SOCIETA’ AGRICOLA “L’AURORA” DI CAMUSSO GIUSEPPE E RICCARDO S.S.

(C.F. e P.IVA 02092050042), con sede in Carde’ via Revello 5/B, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Barge ad uso agricolo la portata media di 0,0058 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Barge, in cascina Picotta - via Cometto 6 - foglio di mappa 24 particella 62 - profondità 20 m - codice univoco CN P 11254 - portata massima 2 l/s - portata media 0,0016 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame;

• Pozzo sito nel comune di Barge, in cascina Picotta - via Cometto 6 - foglio di mappa 24 particella 58 - profondità 22 m - codice univoco CN P 11255 - portata massima 2 l/s - portata media 0,0041 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1609 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 869) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ROCCIA ANTONIO (C.F. RCCNTN47H12D742T), residente in Fossano frazione Sant’Antonio Baligio 9, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 40, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Sant’Antonio Baligio - foglio di mappa 19 particella 56 - profondità 28 m - codice univoco CN P 11274 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis) Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1518 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 904) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor TARICCO MAURO (C.F. TRCMRA 59D22B111Q), residente in Narzole frazione San Nazario 135, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Narzole ad uso zootecnico la portata media di 0,0457 l/s dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Narzole, in frazione San Nazario - località La Cucca - foglio di mappa 37 particella 249 - codice univoco CN S 10246 - portata media 0,0457 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1519 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 914) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CIRAVEGNA GIOVANNI (C.F. CRVGNN55S23C599Z), residente in Cherasco via Piana 67, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cherasco ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 17,1, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Cherasco, in via Piana - foglio di mappa 67 particella 41 - profondità 5 m - codice univoco CN P 11323 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1762 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 927) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’ACQUEDOTTO RURALE SANTA LIBERA (C.F. 90030590047), con sede in Santo Stefano Belbo c/o Alossa Giuseppelocalità Santa Libera, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Santo Stefano Belbo ad uso potabile la portata media di 0,0555 l/s dalle seguenti captazioni:

Sorgente sita nel comune di Santo Stefano Belbo, in località Santa Libera - foglio di mappa 11 particella 334 - codice univoco CN S 10248 - portata massima 0,1 l/s - portata media 0,0187 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Santo Stefano Belbo, in località Santa Libera - foglio di mappa 11 particella 347 - codice univoco CN S 10249 - portata massima 0,1 l/s - portata media 0,0184 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Santo Stefano Belbo, in località Santa Libera - foglio di mappa 11 particella 348 - codice univoco CN S 10250 - portata massima 0,1 l/s - portata media 0,0184 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1520 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 939) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA LIRANO S.S. (C.F. e P.IVA 00943510040), con sede in Fossano frazione San Martino 6, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso zootecnico la portata media di 0,0856 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione San Martino 6 - foglio di mappa 29 particella 49 - profondità 40 m - codice univoco CN P 11355 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0856 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1521 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 945) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora LAMBERTI ANNA MARIA (C.F. LMBNMR41T69D742O), residente in Fossano frazione San Martino 3, in nome proprio e per conto di: - AMBROGIO BRUNA (C.F. MBRBRN69A55D742R) - AMBROGIO MARCELLA (C.F. MBRMCL66C65D742Z) - AMBROGIO PIER FRANCO (C.F. MBRPFR67C13D742G)

- AMBROGIO STEFANIA (C.F. MBRSFN72M 53D742T) - AMBROGIO TIZIANA

(C.F. MBRTZN76D56D742F), la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso agricolo la portata media di 0,019 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in località San Martino - foglio di mappa 27 particella 42 - profondità 8 m - codice univoco CN P 11365 - portata massima 0,5 l/s

- portata media 0,019 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1522 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 946) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA AMBROGIO FRATELLI S.S. (C.F. 02593400043), con sede in Fossano frazione San Martino 14, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso agricolo la portata media di 0,0127 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione San Martino - foglio di mappa 23 particella 65 - profondità 6 m - codice univoco CN P 11366 - portata massima 0,4 l/s

- portata media 0,0127 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1763 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 965) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla VITTONE F.LLI SOC. AGR. S.R.L. (C.F. e P.IVA 03122560042), con sede in Manta via Mattone 2, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Manta ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 8, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Manta, in località Mattone - foglio di mappa 11 particella 24 - profondità 25 m - codice univoco CN P 11401 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1764 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 984) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CURETTI GIUSEPPE (C.F. CRTGPP45R13D742P), residente in Fossano frazione Mellea 55, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso agricolo la portata media di 0,0116 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in località Mellea - foglio di mappa 3 particella 109 - profondità 8 m - codice univoco CN P 11422 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0116 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis) Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1765 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1003) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società IMPRESA AGRICOLA LA NOVELLA S.A.S. (C.F. e P.IVA 00279480040), con sede in Pianfei via Vecchia Mondovì 171, la concessione di derivare da acque sotterranee, nei comuni di Villanova Mondovi’ e di Mondovi’ ad uso zootecnico la portata media di 0,3142 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Villanova Mondovi’, in borgata Castellino - foglio di mappa 13 particella 91 - profondità 5 m - codice univoco CN P 11448 - portata massima 5 l/s - portata media 0,0304 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Villanova Mondovi’, in borgata Castellino strada Branzola - foglio di mappa 13 particella 255 - profondità 7 m - codice univoco CN P 11449 - portata massima 5 l/s - portata media 0,0044 l/s - ad uso zootecnico;

Sorgente sita nel comune di Mondovi’, in località Novello - foglio di mappa 1 particella 17 - codice univoco CN S 10044 - portata massima 5 l/s - portata media 0,2794 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Per derivazione di acque superficiali, di sorgente, di fontanili o di trincee drenanti Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure. Per derivazione di acque sotterranee estratte mediante pozzo La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1523 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1007) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA I TRE OLMI DI AIMAR FRATELLI CARLO E IVO S.S.

(C.F. e P.IVA 02336990045), con sede in Cuneo via Torino 404 - San Benigno, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Cuneo ad uso zootecnico la portata media di 0,1903 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Cuneo - foglio di mappa 21 particella 39 - profondità 16 m

- codice univoco CN P 11453 - portata media 0,1903 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1766 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1017) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO POZZO TORRETTE (C.F. 95004040044), con sede in Fossano c/o ALLOCCO ANNA IN TORTALLA Frazione Baligio 23/a, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 22, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in località Torrette Levaldigi - foglio di mappa 131 particella 60 - profondità 24 m - codice univoco CN P 11467 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1524 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1019) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA SABENA GIANCARLO GIUSEPPE E GIOVANNI BATTISTA S.S. (C.F. 86003700043), con sede in Savigliano via Cuneo 88, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso agricolo la portata media di 0,0174 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in località Ceresetta - foglio di mappa 65 particella 24 - profondità 7 m - codice univoco CN P 11470 - portata massima 0,8 l/s

- portata media 0,0174 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1525 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1031) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor FRANCO SIMONE (C.F. FRNSMN55T14I470K), residente in Savigliano via Benne 5, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso agricolo, e ad uso zootecnico la portata media di 0,0561 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in strada Benne - foglio di mappa 31 particella 103 - profondità 15 m - codice univoco CN P 11482 - portata massima 0,25 l/s - portata media 0,0561 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in località Gorra - foglio di mappa 79 particella 9 - profondità 30 m - codice univoco CN P 15004 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1526 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1042) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla FONDAZIONE ORDINE MAURIZIANO (C.F. 09007180012), con sede in Torino Via MAGELLANO 1, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Saluzzo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 15,24, dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in cascina Murtizzi - via dei Romani - foglio di mappa 11 particella 6 - profondità 50 m - codice univoco CN P 11496 - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame;

• Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in cascina Murtizzi - via dei Romani - foglio di mappa 10 particella 8 - profondità 22 m - codice univoco CN P 14306 - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1527 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1048) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla FONDAZIONE ORDINE MAURIZIANO (C.F. 09007180012), con sede in Torino Via MAGELLANO 1, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Scarnafigi ad uso agricolo la portata media di 0,0095 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Scarnafigi, in cascina Fornaca - foglio di mappa 6 particella 2 - profondità 11 m - codice univoco CN P 11507 - portata massima 0,8 l/s

- portata media 0,0095 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1767 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1067) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor TURLETTI GIUSEPPE (C.F. TRLGPP41C07F743U), residente in Morozzo via Sant’Albano 23, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Morozzo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 75, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Morozzo - foglio di mappa 10 particella 48 - profondità 29 m - codice univoco CN P 11529 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1528 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1088) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla FONDAZIONE ORDINE MAURIZIANO (C.F. 09007180012), con sede in Torino Via MAGELLANO 1, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Carde’ ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 86,33, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Carde’, in località Cascinasse - foglio di mappa 17 particella 67 - profondità 45 m - codice univoco CN P 11551 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis) Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1529 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1091) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor GAMBA GIUSEPPE (C.F. GMBGPP65C21E118Y), residente in Govone via Tanaro 12, la concessione di derivare da acque sotterranee, nei comuni di Govone e di Magliano Alfieri ad uso agricolo la portata media di 0,0124 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Govone, in cascina Moretta - foglio di mappa 8 particella 62 - profondità 7 m - codice univoco CN P 11554 - portata massima 0,05 l/s - portata media 0,00412 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame;

• Pozzo sito nel comune di Magliano Alfieri, in località San Giacomo - foglio di mappa 1 particella 215 - profondità 7 m - codice univoco CN P 11555 - portata massima 0,05 l/s - portata media 0,00412 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame;

• Pozzo sito nel comune di Govone, in frazione Canove - foglio di mappa 10 particella 458 - profondità 7 m - codice univoco CN P 11556 - portata massima 0,05 l/s - portata media 0,00412 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a

consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato dieffettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1530 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1107) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO POZZO GARDINA (C.F. 93037550048), con sede in Morozzo c/o Studio Tecnico Garelli via Marconi 11, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Beinette ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 60, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Beinette, in cascina Tetto Nuovo - foglio di mappa 5 particella 119 - profondità 30 m - codice univoco CN P 11580 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1531 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1143) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor DANIELE GIUSEPPE (C.F. DNLGPP29R27D205G), residente in Fossano frazione S. Vittore 30, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso agricolo la portata media di 0,0159 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione San Vittore - foglio di mappa 10 particella 17 - profondità 11 m - codice univoco CN P 11632 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0159 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1532 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1144) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor SARVIA ANDREA (C.F. SRVNDR37A28D742L), residente in Fossano frazione S. Vittore, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso agricolo la portata media di 0,0095 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione San Vittore - foglio di mappa 75 particella 3 - profondità 11 m - codice univoco CN P 11633 - portata massima 0,5 l/s

- portata media 0,0095 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1533 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1145) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor SARVIA ANDREA (C.F. SRVNDR37A28D742L), residente in Fossano frazione S. Vittore, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso agricolo la portata media di 0,0063 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione San Vittore - foglio di mappa 75 particella 32 - profondità 11 m - codice univoco CN P 11634 - portata massima 0,5 l/s

- portata media 0,0063 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1534 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1147) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor GERBAUDO GIANMARIO (C.F. GRBGMR46C03L942L), residente in Centallo regione Brignola 30, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso agricolo la portata media di 0,0111 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in cascina Tetto Zucchi - foglio di mappa 27 particella 155 - profondità 10 m - codice univoco CN P 11636 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,0111 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1535 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1151) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor COLOMBERO MARIO (C.F. CLMMRA58M23C466E), residente in Centallo via Derio Bina 6, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso agricolo la portata media di 0,0016 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Brignola 200 - foglio di mappa 14 particella 12 - profondità 20 m - codice univoco CN P 11640 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0016 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1536 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1153) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor RINERO GIUSEPPE (C.F. RNRGPP23A11D742O), residente in Centallo Frazione S. Biagio regione Cerrione 29, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso agricolo la portata media di 0,0238 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in località San Biagio - regione Cerrione - foglio di mappa 23 particella 43 - profondità 6 m - codice univoco CN P 11642 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,0238 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1537 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1155) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ISOARDI GUALTIERO (C.F. SRDGTR67E02D742I), residente in Centallo regione Brignola 208, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 7,7806, e ad uso zootecnico la portata media di 2 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Brignola - foglio di mappa 14 particella 53 - profondità 9 m - codice univoco CN P 11644 - portata massima 0,5 l/s

- portata media 0,0 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Centallo - foglio di mappa 6 particella 86 - profondità 0 m

- codice univoco CN P 13778 - portata massima 1,5 l/s - portata media 0,0 l/s - ad uso agricolo: irrigazione e zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1768 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1157) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BRIGNONE ANGELO (C.F. BRGNGL23B22D372E), residente in Centallo frazione San Biagio - regione Boerino, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 21,1809, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Boerino frazione San Biagio - foglio di mappa 39 particella 126 - profondità 23 m - codice univoco CN P 11646 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1538 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1162) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CAVALLO BARTOLOMEO (C.F. CVLBTL45B16C466O), residente in Centallo via Murazzo 112, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso agricolo la portata media di 0,019 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in via Murazzo - foglio di mappa 37 particella 393 - profondità 12 m - codice univoco CN P 11651 - portata massima 0,3 l/s - portata media 0,019 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1769 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1168) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MAGNANO ALDO (C.F. MGNLDA44S19C466L), residente in Centallo Madonna dei Prati, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 1,5, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Madonna dei Prati - foglio di mappa 11 particella 54 - profondità 9 m - codice univoco CN P 11657 - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1540 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1170) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA RINERO F.LLI FRANCO E SILVIO S.S. (C.F. e P.IVA 00310270046), con sede in Centallo via Centallo 22 - frazione San Biagio, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso zootecnico la portata media di 0,0634 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in frazione San Biagio - foglio di mappa 34 particella 134 - profondità 8 m - codice univoco CN P 11659 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0634 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1541 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1171) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor VACCHETTA GIOVANNI (C.F. VCCGNN37R12C466M), residente in Centallo frazione

S. Biagio, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso agricolo la portata media di 0,0054 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in frazione San Biagio - foglio di mappa 38 particella 208 - profondità 10 m - codice univoco CN P 11660 - portata massima 0,4 l/s - portata media 0,0054 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1542 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1174) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BERAUDO PASQUALE (C.F. BRDPQL30P28C466P), residente in Centallo regione Sagnassi 205, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso agricolo la portata media di 0,0261 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Sagnassi - foglio di mappa 10 particella 59 - profondità 10 m - codice univoco CN P 11663 - portata media 0,0261 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1544 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1178) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ELLENA ELIO (C.F. LLNLEI52E12D205K), residente in Tarantasca via S. Cristina 3/b, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Tarantasca ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 29, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Tarantasca, in strada Santa Cristina - foglio di mappa 2 particella 286 - profondità 30 m - codice univoco CN P 11668 - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1545 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1181) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MONDINO GIUSEPPE (C.F. MNDGPP35C19D742A), residente in Genola via S. Giorgio 10, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Genola ad uso agricolo la portata media di 0,0035 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Genola, in via San Giorgio 10 - foglio di mappa 5 particella 84 - profondità 10 m - codice univoco CN P 11672 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0035 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1546 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1182) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor OLIVERO GIOVANNI (C.F. LVRGNN49D17D742O), residente in Genola via Garetta 13, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Genola ad uso agricolo la portata media di 0,0079 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Genola, in via Garetta 9 - foglio di mappa 4 particella 28 - profondità 7 m - codice univoco CN P 11673 - portata media 0,0079 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1547 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1184) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CRAVERO FRANCESCO (C.F. CRVFNC26S29D967W), residente in Genola via S. Giorgio, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Genola ad uso agricolo la portata media di 0,0029 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Genola, in via San Giorgio - foglio di mappa 3 particella 20

- profondità 14 m - codice univoco CN P 11675 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0029 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

16 luglio 2007 N° 1548 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1190) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor DOTTA LORENZO (C.F. DTTLNZ45R04I470W), residente in Savigliano cascina Sorba, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso agricolo la portata media di 0,0051 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in via Sorba - foglio di mappa 107 particella 24

- profondità 14 m - codice univoco CN P 11681 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,0051 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1770 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1196) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor RIVOIRA ANTONIO (C.F. RVRNTN52A14E406B), residente in Lagnasco via Santa Santarosa 13, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Lagnasco ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 4, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Lagnasco, in regione Lucano - foglio di mappa 18 particella 29 - profondità 32 m - codice univoco CN P 11692 - ad uso agricolo: antibrina; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1549 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1229) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla FONDAZIONE ORDINE MAURIZIANO (C.F. 09007180012), con sede in Torino Via MAGELLANO 1, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso agricolo la portata media di 0,0159 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in cascina Abbadia - foglio di mappa 25 particella 22 - profondità 7 m - codice univoco CN P 11738 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,0159 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1550 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1230) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla FONDAZIONE ORDINE MAURIZIANO (C.F. 09007180012), con sede in Torino Via MAGELLANO 1, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso agricolo la portata media di 0,0285 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in cascina Pilone - foglio di mappa 17 particella 57 - profondità 20 m - codice univoco CN P 11739 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,0285 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1551 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1234) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla FONDAZIONE ORDINE MAURIZIANO (C.F. 09007180012), con sede in Torino Via MAGELLANO 1, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cavallermaggiore ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 46, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Cavallermaggiore, in cascina Spessa - foglio di mappa 41 particella 87p - profondità 40 m - codice univoco CN P 11743 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1552 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1237) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla FONDAZIONE ORDINE MAURIZIANO (C.F. 09007180012), con sede in Torino Via MAGELLANO 1, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso agricolo la portata media di 0,0222 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in località San Quirico - foglio di mappa 27 particella 32 - profondità 22 m - codice univoco CN P 11747 - portata massima 0,5 l/s

- portata media 0,0222 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1553 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1240) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO DEL TROMBINO (C.F. 92013860041), con sede in Centallo frazione Roata Chiusani - Piazza Caduti 5, la concessione di derivare acque sotterranee nei comuni di Centallo e di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 64,8, dalle seguenti captazioni:

Sorgente sita nel comune di Centallo, in località Trunasse - foglio di mappa 53 particella 69 - codice univoco CN S 11557 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Centallo, in località Trunasse - foglio di mappa 53 particella 81 - codice univoco CN S 11558 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Centallo, in località Trunasse - foglio di mappa 53 particella 16 - codice univoco CN S 11559 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Centallo, in località Trunasse - foglio di mappa 53 particella 16 - codice univoco CN S 11560 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Centallo, in località Trunasse - foglio di mappa 53 particella 20 e 81 - codice univoco CN S 11561 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Centallo, in località Trunasse - foglio di mappa 53 particella 70 - codice univoco CN S 11562 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Centallo, in località Trunasse - foglio di mappa 53 particella 71 - codice univoco CN S 11563 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Centallo, in località Trunasse - foglio di mappa 53 particella 68 - codice univoco CN S 11564 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Centallo, in località Trunasse - foglio di mappa 53 particella 68 - codice univoco CN S 11565 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Centallo, in località Trunasse - foglio di mappa 47 particella 57 - codice univoco CN S 11566 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Centallo, in località Trunasse - foglio di mappa 47 particella 58 e 87 - codice univoco CN S 11567 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Centallo, in località Trunasse - foglio di mappa 47 particella 180 - codice univoco CN S 11568 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Sorgente sita nel comune di Centallo, in località Trunasse - foglio di mappa 47

particella 80 - codice univoco CN S 11569 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Centallo, in località Trunasse - foglio di mappa 47 particella 80 - codice univoco CN S 11570 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Centallo, in località Trunasse - foglio di mappa 47 particella 80 - codice univoco CN S 11571 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Centallo, in località Trunasse - foglio di mappa 47 particella 80 - codice univoco CN S 11572 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Centallo, in località Trunasse - foglio di mappa 47 particella 80 - codice univoco CN S 11573 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Centallo, in località Trunasse - foglio di mappa 47 particella 50 e 51 - codice univoco CN S 11574 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Centallo, in località Trunasse - foglio di mappa 47 particella 118 - codice univoco CN S 11575 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Centallo, in località Trunasse - foglio di mappa 47 particella 218 e 41 - codice univoco CN S 11576 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Centallo, in località Trunasse - foglio di mappa 47 particella 37 e 38 - codice univoco CN S 11577 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Centallo, in località Bastita - foglio di mappa 47 particella 132 - codice univoco CN S 11578 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Fossano, in località Bastita - foglio di mappa 90 particella 134 - codice univoco CN S 11579 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Fossano, in località Bastita - foglio di mappa 90 particella 204 - codice univoco CN S 11580 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Fossano, in località Bastita - foglio di mappa 90 particella 34 - codice univoco CN S 11581 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1771 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1274) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO POZZO MELLATE (C.F. e P.IVA 86008140047), con sede in Savigliano strada Rigrasso 9, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 45, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in località Mellate - foglio di mappa 21 particella 55 - profondità 35 m - codice univoco CN P 11796 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1554 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1285) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO POZZO PORRACCHIA (C.F. 86008100041), con sede in Savigliano piazza del Popolo 37, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 64, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in località Porracchia - foglio di mappa 84 particella 133 - profondità 30 m - codice univoco CN P 11810 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a

consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato dieffettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1555 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1307) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA DI PIOLA GIUSEPPE (C.F. PLIGPP40A03L942L), con sede in Villafalletto via del Bruno - Gerbola, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Villafalletto ad uso agricolo la portata media di 0,0222 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in frazione Gerbola - foglio di mappa 35 particella 97 - profondità 10 m - codice univoco CN P 11844 - portata massima 1,66 l/s - portata media 0,0222 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1772 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1310) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA ROSSO ONORATO (C.F. RSSNRT64A05L942W), con sede in Vottignasco via Villafalletto 42, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Vottignasco ad uso zootecnico la portata media di 0,0793 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Vottignasco, in via Villafalletto - foglio di mappa 7 particella 18 - profondità 25 m - codice univoco CN P 11847 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0396 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Vottignasco, in via Villafalletto - foglio di mappa 7 particella 12 - profondità 25 m - codice univoco CN P 11848 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0396 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1556 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1312) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA DI TORTONE F.LLI S.S. (C.F. e P.IVA 00672850047), con sede in Villafalletto via La Prata, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Villafalletto ad uso agricolo la portata media di 0,0285 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in località Monsola - foglio di mappa 4 particella 310 - profondità 8 m - codice univoco CN P 11851 - portata media 0,0285 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1557 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1344) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor DEMARCHI GUIDO (C.F. DMRGDU63L27D742A), residente in Cavallermaggiore cascina Camparaudo 57, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Cavallermaggiore ad uso agricolo la portata media di 0,0073 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Cavallermaggiore, in cascina Camparaudo 57 - foglio di mappa 25 particella 15 - profondità 10 m - codice univoco CN P 11887 - portata media 0,0073 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1558 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1350) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ROCCA LUCIANO (C.F. RCCLCN57P19D742O), residente in Fossano Frazione Gerbo, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 17,15, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Gerbo - foglio di mappa 69 particella 76 - profondità 30 m - codice univoco CN P 11896 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione; - é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1559 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1351) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società SODA COSTRUZIONI S.P.A. (C.F. 00313380040), con sede in Torino via Marco Polo 24, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Carru’ ad uso civile la portata media di 0,0285 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Carru’, in via Langhe 60 - foglio di mappa 22 particella 510

- profondità 10 m - codice univoco CN P 11897 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0159 l/s - ad uso civile: irrigazione di aree verdi;

• Pozzo sito nel comune di Carru’, in via Langhe 61 - foglio di mappa 21 particella 17

- profondità 6 m - codice univoco CN P 11898 - portata massima 0,7 l/s - portata media 0,0127 l/s - ad uso civile: irrigazione di aree verdi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1560 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1377) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BERARDO GIANCARLO (C.F. BRRGCR53P22I470A), residente in Savigliano via Vottignasco 20, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso agricolo la portata media di 0,0303 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in frazione Levaldigi 20 - foglio di mappa 116 particella 87 - profondità 12 m - codice univoco CN P 11929 - portata media 0,0303 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1561 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1378) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla S.S. LA VERDE SOCIETA’ AGRICOLA (C.F. e P.IVA 02244470049), con sede in Santena Via Delleani 6, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Cavallerleone ad uso zootecnico la portata media di 0,0476 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Cavallerleone, in via Comba 1 - foglio di mappa 15 particella 52 - profondità 20 m - codice univoco CN P 11930 - portata massima 1,83 l/s - portata media 0,0476 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di

effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1773 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1380) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO MOLINO DEI TETTI (C.F. e P.IVA 02718890045), con sede in Cuneo via Trucchi 66, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cuneo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 30, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Cuneo, in frazione Tetti Pesio via Trucchi - foglio di mappa 128 particella 37b - profondità 41 m - codice univoco CN P 14161 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1562 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1381) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BERTOLINO LUCIANO FRANCO (C.F. BRTLNF56C09H395S), residente in Rocca de’ Baldi via Fauzona 6, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Rocca de’ Baldi ad uso zootecnico la portata media di 0,2037 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Rocca de’ Baldi, in cascina Bruciato - foglio di mappa 14 particella 21 - profondità 13 m - codice univoco CN P 11933 - portata massima 8 l/s - portata media 0,2037 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1563 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1421) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor AMBROSINO GIOVANNI (C.F. MBRGNN39T14I470B), residente in Savigliano via Saluzzo 117, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso agricolo la portata media di 0,0127 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in via Saluzzo 1117 - foglio di mappa 37 particella 24 - profondità 10 m - codice univoco CN P 11985 - portata massima 0,3 l/s

- portata media 0,0127 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1774 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1423) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MONDINO GUIDO (C.F. MNDGDU62R23I470A), residente in Savigliano via Cavallotta 140, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 34, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in località Cavallotta - foglio di mappa 85 particella 4 - profondità 37 m - codice univoco CN P 11987 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1775 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1426) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO SANT’ANTONIO (C.F. 95008760043), con sede in Savigliano via Rigrasso 5, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 150, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in via Saluzzo - foglio di mappa 87 particella 76 - profondità 30 m - codice univoco CN P 11991 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di

effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1776 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1427) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA GULLINO DOMENICO (C.F. GLLDNC 33R24I470F), con sede in Savigliano Strada Belriguardo 15, in nome proprio e per conto di: - TORTONE FRATELLI S.S. (P.I. 00672850047) - AZIENDA AGRICOLA CAMBIANO VITTORIA (C.F.CMBVTR41E58I470H) - BALLARIO BARTOLOMEO (C.F. BLLBTL57B04L942H) - CUNIGLIO ERALDO (C.F. CNGRLD53C30L942T) - COSSAI PIETRO (C.F. CSSPTR36L21L942L) - BALLARIO MASSIMO (C.F. BLLMSM72C01I470W) - BALLARIO ANNA (C.F. BLLNNA34C58L804X) - GIOLITTI CHIAFFREDO (C.F. GLTCFF35E15C466X) - GHIGO ANTONIO (C.F. GHGNTN32C20D742T), la concessione di derivare da acque sotterranee, nei comuni di Villafalletto e di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 130,0638, e ad uso zootecnico la portata media di 0,0463 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in località Prà di Monsola - foglio di mappa 4 particella 200 - profondità 20 m - codice univoco CN P 11992 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in località Cavallotta - foglio di mappa 88 particella 26 - profondità 10 m - codice univoco CN P 11993 - portata media 0,0208 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in località Cavallotta - foglio di mappa 88 particella 6 - profondità 10 m - codice univoco CN P 11994 - portata media 0,0255 l/s

- ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1564 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1448) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla FONDAZIONE ORDINE MAURIZIANO (C.F. 09007180012), con sede in Torino Via MAGELLANO 1, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Carde’ ad uso agricolo la portata media di 0,0209 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Carde’, in via Revello 5/b - foglio di mappa 17 particella 4

- profondità 20 m - codice univoco CN P 12018 - portata massima 3 l/s - portata media 0,0209 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1565 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1458) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BALLARI GIANFRANCO (C.F. BLLGFR77D22G674W), residente in Envie via Pralargo 4, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Envie ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 24, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Envie, in località Pralargo - foglio di mappa 6 particella 17

- profondità 30 m - codice univoco CN P 12030 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1566 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1459) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO LA FRASCHEA (C.F. 85010110048), con sede in Envie via Pasero 1, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Envie ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 153, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Envie, in cascina Nuova - foglio di mappa 9 particella 293

- profondità 50 m - codice univoco CN P 12031 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1777 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1461) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MUSSO BERNARDO (C.F. MSSBNR61P16C599K), residente in Cherasco Via Piave 5, la concessione di derivare acque sotterranee nei comuni di Cherasco e di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 28, dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Cherasco, in località Roreto - foglio di mappa 18 particella 154 - profondità 12 m - codice univoco CN P 12034 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Cherasco, in località Roreto - foglio di mappa 20 particella 52 - profondità 30 m - codice univoco CN P 14181 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in località San Lorenzo - foglio di mappa 128

particella 9 - profondità 70 m - codice univoco CN P 14251 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Fabrizio Cavallo


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1778 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1540) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO POZZO BOSCHETTI (C.F. e P.IVA 83006500041), con sede in Centallo c/o LAMBERTI GIUSEPPE Largo Vico 4, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 150,4, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Boschetti - foglio di mappa 16 particella 134 - profondità 40 m - codice univoco CN P 14150 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1568 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1552) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA FUSERO DOMENICO (C.F. FSRDNC59C11D205J), con sede in Vottignasco via Priglia 5, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Vottignasco ad uso zootecnico la portata media di 0,0602 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Vottignasco, in via Priglia 5 - foglio di mappa 10 particella 184 - profondità 6 m - codice univoco CN P 12157 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0602 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1569 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1554) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA GAZZERA VALERIO (C.F. GZZVLR59H28D205E), con sede in Vottignasco via la Valle 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Vottignasco ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 26,7, e ad uso zootecnico la portata media di 0,1215 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Vottignasco, in via La Valle 2 - foglio di mappa 6 particella 47 - profondità 20 m - codice univoco CN P 12159 - portata massima 1 l/s

- portata media 0,1215 l/s - ad uso agricolo: irrigazione e zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1779 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1558) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA VALERIO ROSSI (C.F. RSSVLR69M27D742O), con sede in Sant’Albano Stura via Trinità 44, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Sant’Albano Stura ad uso agricolo la portata media di 0,0114 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Sant’Albano Stura, in via Trinità 44 - foglio di mappa 14 particella 98 - profondità 25 m - codice univoco CN P 12164 - portata massima 0,7 l/s - portata media 0,0114 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1570 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1560) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA MILANESIO FRANCESCO (C.F. MLNFNC53D21 D742A), con sede in Fossano frazione Cussanio 29/A, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso zootecnico la portata media di 0,0463 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Cussanio - foglio di mappa 32 particella 23 - profondità 10 m - codice univoco CN P 12166 - portata massima 1 l/s

- portata media 0,0463 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1571 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1570) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor TORTALLA RAFFAELE (C.F. TRTRFL60P13D742L), residente in Fossano frazione Baligio 76, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 24, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in località Baligio - foglio di mappa 13 particella 38 - profondità 15 m - codice univoco CN P 12177 - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1572 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1575) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA MARCHISIO PAOLO MICHELE (C.F. e P.IVA 02816350041), con sede in Torre San Giorgio via Fornace 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Torre San Giorgio ad uso agricolo la portata media di 0,0055 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Torre San Giorgio, in via Fornace - foglio di mappa 2 particella 207 - profondità 25 m - codice univoco CN P 12185 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0027 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame;

• Pozzo sito nel comune di Torre San Giorgio, in via Fornace 2 - foglio di mappa 2 particella 146 - profondità 25 m - codice univoco CN P 12186 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0029 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1780 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1577) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA TRABUCCO AGOSTINO (C.F. TRBGTN27 H21I512S), con sede in Scarnafigi cascina Sant’Anna 5, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Scarnafigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 16,1864, e ad uso zootecnico la portata media di 0,0521 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Scarnafigi, in cascina Sant’Anna 5 - foglio di mappa 22 particella 202 - profondità 20 m - codice univoco CN P 12189 - portata massima 0,7 l/s - portata media 0,0521 l/s - ad uso agricolo: irrigazione e zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Scarnafigi, in cascina Sant’Anna 5 - foglio di mappa 22 particella 32 - profondità 34 m - codice univoco CN P 12191 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Scarnafigi, in cascina Sant’Anna 5 - foglio di mappa 23 particella 51 - profondità 25 m - codice univoco CN P 12190 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1573 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1587) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO VOTASSA (C.F. 94022870045), con sede in Barge via Ripoira 12/A, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Barge ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 30, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Barge, in località Votassa - foglio di mappa 41 particella 89 - profondità 20 m - codice univoco CN P 12208 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1574 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1600) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO CAMPORELLA -CANAPILE -TAGLIATA (C.F. 95003780046), con sede in Racconigi cascina Valentino, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Racconigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 298,45, dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Racconigi, in località Canapile - foglio di mappa 48 particella 39 - profondità 56 m - codice univoco CN P 12225 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Racconigi, in località Canapile - foglio di mappa 47 particella 122 - profondità 45 m - codice univoco CN P 12226 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1575 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1622) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BOTTA LUCIANO (C.F. BTTLCN49B21I470D), residente in Savigliano via Morrè 9, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso agricolo la portata media di 0,0111 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in località Morrè - foglio di mappa 8 particella 106 - profondità 6 m - codice univoco CN P 12258 - portata massima 30 l/s - portata media 0,0111 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1576 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1623) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BOTTA ENRICO (C.F. BTTNRC81L08I470U), residente in Savigliano strada Monasterolo 169, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso agricolo la portata media di 0,0095 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in strada Monasterolo - foglio di mappa 22 particella 13 - profondità 14 m - codice univoco CN P 12259 - portata massima 0,25 l/s - portata media 0,0095 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1781 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1627) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO SAN GIUSEPPE (C.F. e P.IVA 86002590049), con sede in Racconigi via G. Priotti 29, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Racconigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 80, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Racconigi, in via Conceria - foglio di mappa 26 particella 167 - profondità 50 m - codice univoco CN P 12264 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1577 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1648) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MILLONE LUCIANO (C.F. MLLLCN60P25F723W), residente in Moretta regione Broglio, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Moretta ad uso zootecnico la portata media di 0,0644 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Moretta, in regione Broglio - foglio di mappa 18 particella 230 - profondità 15 m - codice univoco CN P 12306 - portata massima 0,45 l/s - portata media 0,019 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Moretta, in regione Broglio - foglio di mappa 18 particella 342 - profondità 15 m - codice univoco CN P 12307 - portata massima 0,45 l/s - portata media 0,0238 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Moretta, in regione Broglio - foglio di mappa 18 particella 392 - profondità 20 m - codice univoco CN P 12308 - portata massima 0,6 l/s - portata media 0,0216 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1578 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1649) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società CASCINA NUOVA S.S. (C.F. e P.IVA 01775160045), con sede in Saluzzo frazione Cervignasco 43, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Saluzzo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 37,3380, e ad uso zootecnico la portata media di 0,057 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in via del Bosco 43 - foglio di mappa 21 particella 1 - profondità 50 m - codice univoco CN P 12309 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in via del Bosco 43 - foglio di mappa 21 particella 3 - profondità 17 m - codice univoco CN P 12310 - portata massima 1 l/s

- portata media 0,057 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1579 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1650) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società FAMAARCO AGRICOLA S.R.L. (C.F. e P.IVA 02733750042), con sede in Cherasco via Cuneo 24, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Mondovì ad uso agricolo la portata media di 0,0159 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Mondovì, in via Mazzucco 37 - S. Anna Avagnina - foglio di mappa 67 particella 152 - profondità 55 m - codice univoco CN P 12311 - portata massima 3 l/s - portata media 0,0079 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame;

• Pozzo sito nel comune di Mondovì, in via Mazzucco 37 - S. Anna Avagnina - foglio di mappa 67 particella 152 - profondità 14 m - codice univoco CN P 12312 - portata massima 3 l/s - portata media 0,0079 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1580 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1662) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CRAVERO MATTEO (C.F. CRVMTT34E19H150C), residente in Racconigi Nucleo Tagliata, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Racconigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 21, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Racconigi - foglio di mappa 41 particella 118 - profondità 16 m - codice univoco CN P 12334 - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1581 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1669) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MARTINENGO BARTOLOMEO (C.F. MRTBTL41R30L948W), residente in Barge via Potere Devesio 15, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Barge ad uso zootecnico la portata media di 0,0872 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Barge, in via Potere Devesio - foglio di mappa 10 particella 31 - profondità 25 m - codice univoco CN P 12344 - portata massima 4 l/s

- portata media 0,0872 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1582 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1688) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società PANSA F.LLI S. S. (C.F. e P.IVA 00672270048), con sede in Villafalletto via Costigliole 26, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Villafalletto ad uso zootecnico la portata media di 0,1585 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in via Costigliole - foglio di mappa 13 particella 89 - profondità 10 m - codice univoco CN P 12370 - portata massima 0,83 l/s - portata media 0,0793 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in via Costigliole - foglio di mappa 13 particella 70 - profondità 10 m - codice univoco CN P 12371 - portata massima 0,83 l/s - portata media 0,0793 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1583 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1689) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA CULASSO F.LLI S. S. (C.F. e P.IVA 02249640042), con sede in Villafalletto via La Prata 6/C - Monsola, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Villafalletto ad uso zootecnico la portata media di 0,1157 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in via La Prata - foglio di mappa 8 particella 141 - profondità 10 m - codice univoco CN P 12372 - portata massima 1,15 l/s - portata media 0,0231 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in via La Prata - foglio di mappa 8 particella 142 - profondità 10 m - codice univoco CN P 12373 - portata massima 1,15 l/s - portata media 0,0231 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in via La Prata - foglio di mappa 8 particella 19 - profondità 10 m - codice univoco CN P 12374 - portata massima 1,15 l/s - portata media 0,0231 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in via La Prata - foglio di mappa 8 particella 19 - profondità 12 m - codice univoco CN P 12375 - portata massima 1,15 l/s - portata media 0,0231 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in via La Prata - foglio di mappa 8 particella 141 - profondità 10 m - codice univoco CN P 12376 - portata massima 1,15 l/s - portata media 0,0231 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1782 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1690) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società GERMANETTI S.R.L. (C.F. e P.IVA 02807490046), con sede in Alba corso Italia 1, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Bra ad uso civile la portata media di 0,049 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Bra, in via Piumati 210 - foglio di mappa 47 particella 148 - profondità 7 m - codice univoco CN P 12377 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0078 l/s - ad uso civile: igienico sanitario;

• Pozzo sito nel comune di Bra, in via Piumati 210 - foglio di mappa 47 particella 148 - profondità 10 m - codice univoco CN P 12378 - portata massima 20 l/s - portata media 0,0001 l/s - ad uso civile: scorte antincendio;

• Pozzo sito nel comune di Bra, in via Piumati 210 - foglio di mappa 47 particella 148 - profondità 8 m - codice univoco CN P 12379 - portata massima 1 l/s - portata media 0,002 l/s - ad uso civile: igienico sanitario;

• Pozzo sito nel comune di Bra, in via Piumati 210 - foglio di mappa 47 particella 332 - profondità 9 m - codice univoco CN P 12380 - portata massima 1,8 l/s - portata media 0,0238 l/s - ad uso civile: autolavaggio;

• Pozzo sito nel comune di Bra, in via Piumati 210 - foglio di mappa 46 particella 45

- profondità 7 m - codice univoco CN P 12381 - portata massima 1,5 l/s - portata media 0,0116 l/s - ad uso civile: irrigazione di aree verdi;

• Pozzo sito nel comune di Bra, in via Piumati 210 - foglio di mappa 47 particella 148 - profondità 7 m - codice univoco CN P 12382 - portata massima 1,5 l/s - portata media 0,0038 l/s - ad uso civile: igienico sanitario e irrigazione di aree verdi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2007

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1783 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1693) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire ai CONSORZI IRRIGUI NUCLEO TETTI SPERTINI (C.F. 95016370041), con sede in Murello Nucleo Tetti Spertini 1, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Murello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 141, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Murello, in località Tetti Spertini - foglio di mappa 15 particella 60 - profondità 40 m - codice univoco CN P 12386 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1584 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1711) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BOTTA GIUSEPPE (C.F. BTTGPP41B08H727Z), residente in Saluzzo via Cagnola 77, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Saluzzo ad uso zootecnico la portata media di 0,0793 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in località Cascinasse - foglio di mappa 21 particella 35 - profondità 14 m - codice univoco CN P 12412 - portata massima 0,83 l/s - portata media 0,0793 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1585 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1714) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MINA DOMENICO (C.F. MNIDNC65A17D205F), residente in Murello Via Roma 12, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Murello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 20,3758, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Murello, in località Vron - foglio di mappa 13 particella 130 - profondità 20 m - codice univoco CN P 12414 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1784 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1737) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO MURAZZO SAN SEBASTIANO (C.F. 92001 940045), con sede in Fossano c/o Studio Pistone corso E. Filiberto 19, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 139,9204, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in località San Vittore - foglio di mappa 3 particella 186 - profondità 45 m - codice univoco CN P 12447 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1785 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1766) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora AUDISIO ANTONELLA (C.F. DSANNL69B49A660L), residente in Envie via Valentino 1, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Envie ad uso agricolo la portata media di 0,0183 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Envie, in cascina Nuova - foglio di mappa 7 particella 32

- profondità 50 m - codice univoco CN P 12494 - portata massima 160 l/s - portata media 0,0183 l/s - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1586 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1778) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MACCHIORLATTI VIGNAT GIUSEPPE (C.F. MCCGPP33S20I703C), residente in Cavallermaggiore località Bertauda 58, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cavallermaggiore ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 3,8, dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Cavallermaggiore, in località Bertauda - foglio di mappa 25 particella 46 - profondità 12 m - codice univoco CN P 12510 - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame;

• Pozzo sito nel comune di Cavallermaggiore - foglio di mappa 25 particella 38 - profondità 38 m - codice univoco CN P 12505 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1587 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1791) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO FONTANILE VASCA VECCHIA (C.F. 95016410045), con sede in Savigliano piazza del Popolo 37, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Monasterolo di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 132,58, dalla seguente captazione:

• Fontanile sito nel comune di Monasterolo di Savigliano, in strada Motta - foglio di mappa 5 particella c - codice univoco CN S 11620 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1787 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1797) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO DELLE ACQUE DI LEVALDIGI - FONTANILI MARIGNANO (C.F. 92009140044), con sede in Centallo via Michelini 11, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 240, dalle seguenti captazioni:

Fontanile sito nel comune di Savigliano, in località Tetti Roccia - Levaldigi - foglio di mappa 126 particella 21 - codice univoco CN S 11637 - ad uso agricolo: irrigazione;

Fontanile sito nel comune di Savigliano, in località Tetti Roccia - Levaldigi - foglio di mappa 126 particella 153 e 155 - codice univoco CN S 11654 - ad uso agricolo: irrigazione;

Fontanile sito nel comune di Savigliano, in località Tetti Roccia - Levaldigi - foglio di mappa 128 particella 1 e 62 - codice univoco CN S 11639 - ad uso agricolo: irrigazione;

Fontanile sito nel comune di Savigliano, in località Tetti Roccia - Levaldigi - foglio di mappa 126 particella 3 e 118 - codice univoco CN S 11638 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1788 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1809) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA LA COMMENDA (C.F. e P.IVA 02744410040), con sede in Murello via Caduti Murellesi 82, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Murello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 47, e ad uso zootecnico la portata media di 0,0694 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Murello, in cascina La Commenda - foglio di mappa 10 particella 479 - profondità 10 m - codice univoco CN P 12552 - portata massima 0,8 l/s - portata media 0,026 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Murello, in cascina La Commenda - foglio di mappa 10 particella 68/A - profondità 8 m - codice univoco CN P 12553 - portata massima 0,8 l/s - portata media 0,0434 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Murello, in località Lame - foglio di mappa 9 particella 97 - profondità 35 m - codice univoco CN P 12551 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Murello, in località Trun - foglio di mappa 11 particella 3/A - profondità 35 m - codice univoco CN P 12550 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1789 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1843) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO POZZO MADONNA DEI CAMPI (C.F. 92007110049), con sede in Fossano via Coronata 8, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 45,32, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Cussanio - foglio di mappa 46 particella 180 - profondità 29 m - codice univoco CN P 12605 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1790 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1849) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO POZZO SAN SALVATORE (C.F. 95009430042), con sede in Savigliano c/o MANERA GEOM. AGOSTINO via Palestro 2, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 60, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in località Sagné - foglio di mappa 99 particella 67 - profondità 50 m - codice univoco CN P 12611 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis) Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1791 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1852) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA ANTONIETTA S. S. (C.F. e P.IVA 03752350011), con sede in Marene Via Fossano 10, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 30, dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in cascina delle Monache - foglio di mappa 37 particella 119 - profondità 18 m - codice univoco CN P 12615 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in cascina delle Monache - foglio di mappa 38 particella 39 - profondità 20 m - codice univoco CN P 12614 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1792 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1853) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO PRESA IDRICA DI SAN VITALE (C.F. 80014960043), con sede in Busca piazza XX Settembre 1, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Busca ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 111, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Busca, in frazione San Vitale - foglio di mappa 7 particella 79 - profondità 80 m - codice univoco CN P 12616 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1793 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1894) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor OSELLA DARIO (C.F. SLLDRA31L07B720K), residente in Caramagna Piemonte vicolo San Abbondio 2, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Caramagna Piemonte ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 25,5890, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Caramagna Piemonte, in località Olmetto - foglio di mappa 29 particella 104 - profondità 55 m - codice univoco CN P 12662 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis) Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1794 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1901) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor SOLAVAGGIONE ANTONIO (C.F. SLVNTN57C18H727F), residente in Cavallermaggiore cascina Monte di Pietà 40, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cavallermaggiore ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 26,67, dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Cavallermaggiore, in località Motta Gastaldi - foglio di mappa 4 particella 62 - profondità 15 m - codice univoco CN P 12670 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Cavallermaggiore, in località Motta Gastaldi - foglio di mappa 4 particella 103 - profondità 40 m - codice univoco CN P 12671 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1795 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1924) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA BORDONI GIOVANNI (C.F. BRDGNN44C06H727J), con sede in Revello via Roncaglia 8, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Revello ad uso agricolo la portata media di 0,0044 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Revello, in cascina Roncaglia - foglio di mappa 8 particella 7 - profondità 20 m - codice univoco CN P 12702 - portata media 0,0044 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1796 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1939) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor REVIGLIO TOMMASO (C.F. RVGTMS32A11I822O), residente in Sommariva del Bosco via Gioberti 5, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Sommariva del Bosco ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 4, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Sommariva del Bosco, in località Panero - foglio di mappa 31 particella 42 - profondità 25 m - codice univoco CN P 12720 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1797 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1940) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società AZIENDA AGRICOLA LA TERESA S.S. (C.F. e P.IVA 02281510046), residente in Polonghera strada La Teresa, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Polonghera ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 45,5, e ad uso zootecnico la portata media di 0,5708 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Polonghera, in cascina La Teresa - foglio di mappa 11 particella 144 - profondità 28 m - codice univoco CN P 12721 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Polonghera, in cascina La Teresa - foglio di mappa 11 particella 157 - profondità 26 m - codice univoco CN P 12722 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Polonghera, in cascina La Teresa - foglio di mappa 11 particella 35 - profondità 26 m - codice univoco CN P 15006 - portata massima 5 l/s

- portata media 0,5708 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1589 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1960) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA COSSAI PIETRO (C.F. CSSPTR36L21L942L), con sede in Villafalletto via La Prata 42 - Monsola, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Villafalletto ad uso zootecnico la portata media di 0,0498 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in località Monsola - foglio di mappa 5 particella 19 - profondità 8 m - codice univoco CN P 12753 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,0498 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1590 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1961) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA ABELLO CLAUDIO (C.F. BLLCLD65C21L942O), con sede in Villafalletto via Rascasso 6/A, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Villafalletto ad uso agricolo la portata media di 0,0136 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in località T. Chiabrile - foglio di mappa 25 particella 109 - profondità 30 m - codice univoco CN P 12754 - portata media 0,0136 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis) Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1591 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1971) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora VERRA STEFANINA (C.F. VRRSFN51C55H150Z), residente in Racconigi Nucleo Caire 2, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Racconigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 27,87, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Racconigi - foglio di mappa 49 particella 22 - profondità 8 m - codice univoco CN P 12771 - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1592 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1998) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO POZZO MADONNINA (C.F. 86004870043), con sede in Savigliano c/o Fiorito Pier Giorgio via San Giacomo 13, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 75, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in via San Giacomo - foglio di mappa 19 particella 930 - profondità 35 m - codice univoco CN P 12804 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1593 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2028) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società CEMENCAL S.P.A. (C.F. 00903540151), con sede in Bergamo via G. Camozzi 124, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Busca ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,111 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Busca, in località Ceretta - strada statale 589 - foglio di mappa 2 particella 119 - profondità 25 m - codice univoco CN P 12861 - portata massima 5 l/s - portata media 0,111 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1799 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2035) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor GERBAUDO FRANCO (C.F. GRBFNC60E15I470S), residente in Savigliano via Oropa 16, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 5,35, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano - foglio di mappa 100 particella 10 - profondità 40 m - codice univoco CN P 12868 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1595 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2036) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MANA BERNARDO (C.F. MNABNR57A08I470F), residente in Cavallermaggiore località Olmetto 90, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Cavallermaggiore ad uso agricolo la portata media di 0,0063 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Cavallermaggiore - foglio di mappa 15 particella 105 - profondità 12 m - codice univoco CN P 12869 - portata media 0,0063 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1596 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2041) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società CEAGLIO ROMANO S.R.L. (C.F. e P.IVA 02841750041), con sede in Roccabruna strada Valle Maira 261, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Roccabruna ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,222 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Roccabruna - foglio di mappa 24 particella 199 - profondità 5 m - codice univoco CN P 12880 - portata massima 4,2 l/s - portata media 0,222 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; dopo l’uso le acque sono restituite nel fiume Maira; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1597 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2044) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ARNOLFO ANTONIO (C.F. RNLNTN37C18F723F), residente in Moretta regione Piattera 7, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Moretta ad uso zootecnico la portata media di 0,0983 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Moretta, in regione Piattera - foglio di mappa 5 particella 70 - profondità 22 m - codice univoco CN P 12884 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0983 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1800 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2049) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO BEALERA CERREA (C.F. 80009550049), con sede in Chiusa di Pesio via Gondolo 2, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Chiusa di Pesio ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 55, dalla seguente captazione:

• Fontanile sito nel comune di Chiusa di Pesio, in frazione Combe - Cascina Pluciù - foglio di mappa 3 particella 182, 183, 178 e 228 - codice univoco CN S 11641 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1801 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2052) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società TECNOSAC S.R.L. (C.F. e P.IVA 02278350042), con sede in Cuneo via Torre Acceglio 24/c, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Cuneo ad uso civile la portata media di 0,0032 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Cuneo, in via Torre Acceglio 24/c - foglio di mappa 103 particella 172 - profondità 45 m - codice univoco CN P 12893 - portata massima 5,4 l/s - portata media 0,0032 l/s - ad uso civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1598 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2056) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA VERRA FRANCO (C.F. VRRFNC70D03D742S), con sede in Savigliano strada Vottignasco 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso zootecnico la portata media di 0,0793 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in via Fossano 15 - foglio di mappa 13 particella 26 - profondità 11 m - codice univoco CN P 14949 - portata media 0,0159 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in strada Mortesino 6 - foglio di mappa 122 particella 31 - profondità 10 m - codice univoco CN P 12900 - portata media 0,0634 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1599 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2061) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA ALLADIO FRATELLI S. S. (C.F. e P.IVA 00671950046), con sede in Villafalletto via Costigliole 4, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Villafalletto ad uso agricolo la portata media di 0,0111 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in via Costigliole - foglio di mappa 14 particella 105 - profondità 15 m - codice univoco CN P 12906 - portata massima 83 l/s - portata media 0,0111 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1600 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2062) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA AIMAR BRUNO GIUSEPPE (C.F. MRABNG69C27L942W), con sede in Villafalletto via del Monte 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Villafalletto ad uso agricolo la portata media di 0,00095 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in via Del monte - foglio di mappa 13 particella 78 - profondità 10 m - codice univoco CN P 12907 - portata massima 2 l/s - portata media 0,001 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1601 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2063) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA ARMANDO PIETRO (C.F. RMNPTR40H29L942U), con sede in Verzuolo via Pomarolo 4, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Verzuolo ad uso agricolo la portata media di 0,00095 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Verzuolo, in via Pomarolo - foglio di mappa 24 particella 129 - profondità 30 m - codice univoco CN P 12908 - portata massima 2 l/s - portata media 0,001 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1602 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2064) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA BALLARIO BARTOLOMEO (C.F. BLLBTL42M06L942W), con sede in Villafalletto via Monsola 29, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Villafalletto ad uso agricolo la portata media di 0,00095 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in via Monsola - foglio di mappa 5 particella 63 - profondità 8 m - codice univoco CN P 12909 - portata media 0,001 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1615 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2094) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ROSSO S.R.L. (C.F. e P.IVA 02452350040), con sede in Fossano via Ghiglione 16/18, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso civile la portata media di 0,1941 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in via Circonvallazione - foglio di mappa 51 particella 198 - profondità 54 m - codice univoco CN P 12948 - portata massima 17 l/s - portata media 0,1941 l/s - ad uso civile: autolavaggio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1603 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2096) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società MANGIMI 4 TORRI S.R.L. (C.F. e P.IVA 00167080043), con sede in Fossano via Mondovì 40, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso civile la portata media di 0,0032 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in via Mondovì 40 - foglio di mappa 113 particella 112 - profondità 10 m - codice univoco CN P 12950 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0032 l/s - ad uso civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1802 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2127) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MELLANO SERGIO (C.F. MLLSRG66M25I470O), residente in Savigliano via Salvai 7, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 19, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in località Salvai - foglio di mappa 60 particella 22 - profondità 50 m - codice univoco CN P 12989 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1803 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2142) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla SOCIETÀ ANACONDA S.P.A. (C.F. e P.IVA 01830750046), con sede in Govone frazione Canove via De Gasperi 2/c, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Govone ad uso civile la portata media di 0,0011 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Govone, in frazione Canove - via De Gasperi 2/c - foglio di mappa 10 particella 17 - profondità 10 m - codice univoco CN P 13007 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,0002 l/s - ad uso civile: igienico sanitario;

• Pozzo sito nel comune di Govone, in frazione Canove - foglio di mappa 10 particella 626 - profondità 10 m - codice univoco CN P 13008 - portata massima 0,8 l/s - portata media 0,001 l/s - ad uso civile: irrigazione di aree verdi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione; - é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1804 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2146) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora PEROTTO MARIA (C.F. PRTMRA38H47H755T), residente in Villafalletto via delle Gaide 4/a, la concessione di derivare acque sotterranee nei comuni di Verzuolo e di Villafalletto ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 11,3658, dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Verzuolo, in località Pomarolo - foglio di mappa 26 particella 177 - profondità 27 m - codice univoco CN P 13017 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in località Termine - foglio di mappa 1 particella 36 - profondità 40 m - codice univoco CN P 14193 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1604 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2158) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società AGRICOLA BELTRANDO F.LLI S.S. (C.F. e P.IVA 03037420043), con sede in Sanfront via Montebracco 5/a, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Sanfront ad uso zootecnico la portata media di 0,2061 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Sanfront, in via Montebracco 5/a - foglio di mappa 45 particella 342 - profondità 23 m - codice univoco CN P 13034 - portata massima 5 l/s - portata media 0,2061 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1805 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2162) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA CARENA GIANCARLO (C.F. CRNGCR70B11D205F), con sede in Scarnafigi strada Saluzzo 31/D, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Scarnafigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 28,2, e ad uso zootecnico la portata media di 0,0347 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Scarnafigi, in via Olmo - foglio di mappa 13 particella 31 - profondità 40 m - codice univoco CN P 13041 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Scarnafigi, in via Revalanca - foglio di mappa 8 particella 35 - profondità 30 m - codice univoco CN P 13042 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Scarnafigi, in via Olmo - foglio di mappa 13 particella 11 - profondità 20 m - codice univoco CN P 13040 - portata media 0,0347 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1605 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2185) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor FERRERO GIUSEPPE (C.F. FRRGPP44P26I470Q), residente in Savigliano via

S. Scolastica 9, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso zootecnico la portata media di 0,0417 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in via Santa Scolastica - foglio di mappa 106 particella 42 - profondità 14 m - codice univoco CN P 13070 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0417 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1806 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2186) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor FORNERO MICHELE (C.F. FRNMHL67P05L990O), residente in Villanova Solaro frazione Vernetto, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Villanova Solaro ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 38, e ad uso zootecnico la portata media di 0,1046 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Villanova Solaro, in frazione Vernetto - foglio di mappa 2 particella 26 - profondità 38 m - codice univoco CN P 13071 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Villanova Solaro, in frazione Vernetto - foglio di mappa 3 particella 134 - profondità 40 m - codice univoco CN P 13072 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Villanova Solaro, in località Cascinotto - foglio di mappa 4 particella 68 - profondità 40 m - codice univoco CN P 13073 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Villanova Solaro, in frazione Vernetto 12 - foglio di mappa 2 particella 25 - profondità 25 m - codice univoco CN P 15007 - portata media 0,1046 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1807 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2190) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor PAMPIGLIONE GIOVANNI (C.F.

PMPGNN34C20L898E), residente in Cavallermaggiore via Olmetto 91, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cavallermaggiore ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 19, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Cavallermaggiore, in via Olmetto - foglio di mappa 9 particella 106 - profondità 30 m - codice univoco CN P 13077 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1606 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2196) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CALLERI BRUNO (C.F. CLLBRN54B26B841W), residente in Carrù strada Bicocca 4/a, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Carru’ ad uso agricolo la portata media di 0,0079 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Carru’, in località San Giovanni - foglio di mappa 22 particella 288 - profondità 6 m - codice univoco CN P 13084 - portata massima 0,7 l/s - portata media 0,0032 l/s - ad uso agricolo: irrigazione;

Fontanile sito nel comune di Carru’, in località San Giovanni - foglio di mappa 29 particella 583 - codice univoco CN S 11256 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,0048 l/s - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Per derivazione di acque superficiali, di sorgente, di fontanili o di trincee drenanti Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure. Per derivazione di acque sotterranee estratte mediante pozzo La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1809 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2206) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire a CONSORZIO IRRIGUO PIATTERA (C.F. 94036000043), con sede in Moretta Regione Piattera 7, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Moretta ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 38, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Moretta, in regione Piattera - foglio di mappa 5 particella 269 - profondità 41 m - codice univoco CN P 13090 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione; - é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1607 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2213) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor QUAGLIA MATTEO (C.F. QGLMTT48H22F743F), residente in Morozzo frazione Consovero via Sant’Albano Stura 67, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Morozzo ad uso zootecnico la portata media di 0,19 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Morozzo, in località Consovero - foglio di mappa 1 particella 48 - profondità 13 m - codice univoco CN P 13096 - portata massima 7 l/s - portata media 0,19 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1608 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2245) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO CHIOS DEL RE (C.F. e P.IVA 86008060047), con sede in Savigliano strada Rigrasso 14, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 57, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in località Chios del Re - foglio di mappa 21 particella 76 - profondità 30 m - codice univoco CN P 13134 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1610 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2293) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora ALLADIO STEFANIA (C.F. LLDSFN57E58D205K), residente in Dronero Via dei Partigiani 27, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Villafalletto ad uso agricolo la portata media di 0,0269 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in via Costigliole 12 - foglio di mappa 14 particella 72 - profondità 15 m - codice univoco CN P 13205 - portata massima 0,83 l/s - portata media 0,0269 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1811 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2306) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società IMMOBILIARE ALDA S.R.L. (C.F. e P.IVA 02430910048), con sede in Saluzzo c/o IDROCENTRO S.P.A. piazza Risorgimento 41, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Torre San Giorgio ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 6, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Torre San Giorgio, in località Spinasseri - foglio di mappa 5 particella 13 - profondità 45 m - codice univoco CN P 13220 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1813 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2349) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor PETTITI EUGENIO (C.F. PTTGLB39C01D119P), residente in Costigliole d’Asti strada Case Valle 49, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Govone ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 1, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Govone, in località Gerotti - foglio di mappa 1 particella 273 - profondità 9 m - codice univoco CN P 13277 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1611 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2392) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO BRASSE PICCOLO (C.F. e P.IVA 94030800042), con sede in Saluzzo c/o Bori Lazzaro-Eredi corso Roma 15, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Moretta ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 64,27, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Moretta, in località Brasse Piccolo - foglio di mappa 23 particella 209 - profondità 29 m - codice univoco CN P 13318 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1612 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2406) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ALPI SOCIETA’ AGRICOLA S.S. (C.F. e P.IVA 01682970981), con sede in Formigliana s.s. 230 Alpi Società Agricola s.s., la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso agricolo la portata media di 0,019 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Murazzo - foglio di mappa 101 particella 91 - profondità 7 m - codice univoco CN P 13342 - portata massima 25 l/s - portata media 0,019 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1613 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2411) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO SAN LORENZO (C.F. e P.IVA 00630540045), con sede in Revello c/o Galletto Lorenzo via Staffarda 51 - San Firmino, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Revello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 76, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Revello, in via Frailie - foglio di mappa 17 particella 2 - profondità 50 m - codice univoco CN P 13348 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1815 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2416) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MARTINO BRUNO (C.F. MRTBRN45L13G240J), residente in Brondello via Morelli 11, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Brondello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,3371, dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Brondello, in località bosco d’Ughetto - foglio di mappa 17 particella 120 - codice univoco CN S 13365 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1816 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2419) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BONAMICO GIACOMO (C.F. BNMGCM40D20B285W), residente in Centallo regione Madonna Prati 320, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 15, dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in via San Michele - foglio di mappa 10 particella 107 - profondità 30 m - codice univoco CN P 13360 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Centallo - foglio di mappa 10 particella 107 - profondità 30 m - codice univoco CN P 14151 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1817 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2444) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor GHIBAUDO ADRIANO AMEDEO (C.F. GHBDNM52D21B200K), residente in Brondello via Combetta 1/B, la concessione di derivare acque superficiali e acque sotterranee nel comune di Brondello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 6,9050, dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Brondello, in località Prai - foglio di mappa 23 particella

124 - profondità 6 m - codice univoco CN P 13380 - ad uso agricolo: irrigazione;

dal combale Fiaut nel comune di Brondello, in località combale del Fiaut - foglio di mappa 13 particella 297 - codice univoco CN A 10040 - ad uso agricolo: irrigazione;

dal combale nel comune di Brondello, in località Prai - foglio di mappa 13 particella 123, 124 e 125 - codice univoco CN A 10051 - ad uso agricolo: irrigazione;

dal combale Fiaut nel comune di Brondello - foglio di mappa 13 particella 180, 181, 183, 289, 300 e 324 - codice univoco CN A 10052 - ad uso agricolo: irrigazione;

dal combale Fiaut nel comune di Brondello - foglio di mappa 13 particella 103 e 297 - codice univoco CN A 10053 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Brondello, in località Comba Fiaut - foglio di mappa 13 particella 23 - codice univoco CN S 11866 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Brondello, in località Comba Giacomino - foglio di mappa 9 particella 219 - codice univoco CN S 11867 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Brondello, in località Comba Giacomino - foglio di mappa 9 particella 82 - codice univoco CN S 11868 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Brondello, in località Comba Giacomino - foglio di mappa 9 particella 211 - codice univoco CN S 10888 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Per derivazione di acque superficiali, di sorgente, di fontanili o di trincee drenanti Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure. Per derivazione di acque sotterranee estratte mediante pozzo La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1614 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2464) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor GIACCARDI SERGIO (C.F. GCCSRG49P07F351F), residente in Bene Vagienna via Isola 155, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Bene Vagienna ad uso agricolo la portata media di 0,0285 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Bene Vagienna, in via Isola 155 - foglio di mappa 80 particella 304 - profondità 12 m - codice univoco CN P 13398 - portata media 0,0285 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1616 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2505) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società SIRCOLOR S.R.L. (C.F. e P.IVA 02248860047), con sede in La Morra regione Batasiolo, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di La Morra ad uso civile la portata media di 0,0285 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di La Morra, in regione Batasiolo - foglio di mappa 16 particella 180 - profondità 10 m - codice univoco CN P 13427 - portata massima 6

l/s - portata media 0,0159 l/s - ad uso civile;

• Pozzo sito nel comune di La Morra, in regione Batasiolo - foglio di mappa 16 particella 265 - profondità 10 m - codice univoco CN P 13428 - portata massima 6 l/s - portata media 0,0127 l/s - ad uso civile; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1617 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2506) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO STUPINO CAVALLO E C. S.R.L. (C.F. e P.IVA 02261910042), con sede in Guarene via Porini 7, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Castagnito ad uso civile la portata media di 0,0076 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Castagnito, in via Neive 77 - foglio di mappa 2 particella 154 - profondità 5 m - codice univoco CN P 13429 - portata massima 10 l/s - portata media 0,0076 l/s - ad uso civile; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1618 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2508) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società MANERA DI MANERA GIANFRANCO & C. S.N.C. (C.F. e P.IVA 01845020047), con sede in Alba via Balbo 10, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Monticello d’Alba ad uso civile la portata media di 0,4376 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Monticello d’Alba, in regione Molino - Strada Statale 231 3/a - foglio di mappa 12 particella 120 - profondità 10 m - codice univoco CN P 13431 - portata massima 0,33 l/s - portata media 0,3139 l/s - ad uso civile: scorte antincendio e igienico sanitario;

• Pozzo sito nel comune di Monticello d’Alba, in regione Molino - Strada Statale 231 3/a - foglio di mappa 12 particella 120 - profondità 9 m - codice univoco CN P 13432 - portata massima 0,13 l/s - portata media 0,1237 l/s - ad uso civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1619 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2511) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CANALE SECONDO (C.F. CNLSND29A20I646T), residente in Roccaforte Mondovì via Provinciale 14, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Roccaforte Mondovì ad uso civile la portata media di 0,0032 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Roccaforte Mondovì, in via Provinciale 14 - foglio di mappa 21 particella 239 - profondità 25 m - codice univoco CN P 13436 - portata massima 2,5 l/s - portata media 0,0032 l/s - ad uso civile: scorte antincendio e igienico sanitario; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1620 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2512) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società DELTA S.P.A. (C.F. e P.IVA 00913460044), con sede in Sommariva del Bosco Regione Grangia 9, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Sommariva del Bosco ad uso civile la portata media di 0,0079 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Sommariva del Bosco, in località Grangia - foglio di mappa 26 particella 61 - profondità 40 m - codice univoco CN P 13437 - portata massima 5 l/s - portata media 0,0079 l/s - ad uso civile: scorte antincendio e igienico sanitario; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1621 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2517) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società I.E.S. S.R.L. DI GARDINI & C. (C.F. e P.IVA 00182750042), con sede in Cuneo località Basse San Sebastiano, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Cuneo ad uso produzione beni e servizi la portata media di 1,9026 l/s e ad uso lavaggio di inerti la portata media di 9,5129 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Cuneo, in località Basse San Sebastiano - foglio di mappa 105 particella 156 - profondità 40 m - codice univoco CN P 13445 - portata massima 40 l/s - portata media 11,4155 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo e lavaggio di inerti; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1622 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2518) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società BETON S.P.A. (C.F. e P.IVA 00951800044), con sede in Villafalletto via Pignolo 1, la concessione di derivare da acque sotterranee, nei comuni di Cavallermaggiore e di Villafalletto ad uso produzione beni e servizi la portata media di 6,7225 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Cavallermaggiore, in località Crosa - foglio di mappa 20 particella 278 - profondità 18 m - codice univoco CN P 13446 - portata massima 40 l/s - portata media 6,342 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; dopo l’uso le acque sono restituite nel torrente Mellea;

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in via Pignolo 1 - foglio di mappa 23 particella 89 - profondità 20 m - codice univoco CN P 13447 - portata massima 40 l/s - portata media 0,3805 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1623 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2520) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società PRUNOTTO S.R.L. (C.F. e P.IVA 00184450047), con sede in Alba regione San Cassiano 4/g, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Alba ad uso civile la portata media di 0,0413 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Alba, in regione San Cassiano 4/g - foglio di mappa 26 particella 118 - profondità 7 m - codice univoco CN P 13452 - portata massima 1,8 l/s - portata media 0,0413 l/s - ad uso civile: irrigazione di aree verdi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1624 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2522) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società PROPPY - GEL S.R.L. (C.F. e P.IVA 02068100045), con sede in Piasco via delle Gaide 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Piasco ad uso civile la portata media di 0,3288 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Piasco, in via delle Gaide 2 - foglio di mappa 5 particella 406 - profondità 15 m - codice univoco CN P 13456 - portata massima 2 l/s - portata media 0,1644 l/s - ad uso civile: condizionamento;

• Pozzo sito nel comune di Piasco, in via delle Gaide 3 - foglio di mappa 5 particella 406 - profondità 15 m - codice univoco CN P 13457 - portata massima 2 l/s - portata media 0,1644 l/s - ad uso civile: condizionamento; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1625 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2524) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ARIAUDO MARIO E C. S.N.C. (C.F. e P.IVA 02092310040), con sede in Centallo regione Brignola 28, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,111 l/s e ad uso civile la portata media di 0,0001 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Brignola - foglio di mappa 17 particella 14 - profondità 23 m - codice univoco CN P 13462 - portata massima 7 l/s

- portata media 0,0555 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo;

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in frazione San Biagio - foglio di mappa 35 particella 110 - profondità 20 m - codice univoco CN P 13463 - portata massima 7 l/s - portata media 0,0555 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo e civile; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1626 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2525) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società FRATELLI ANSALDI S.R.L. (C.F. e P.IVA 00163950041), con sede in Boves via Cuneo 36, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Boves ad uso civile la portata media di 0,0254 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Boves, in via Cuneo 36 - foglio di mappa 17 particella 44

- profondità 9 m - codice univoco CN P 13464 - portata massima 2,10 l/s - portata media 0,0254 l/s - ad uso civile: igienico sanitario; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1627 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2529) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società BERTOLOTTO PORTE S.P.A. (C.F. e P.IVA 02761400049), con sede in Torre San Giorgio circonvallazione Giolitti 43/45, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Torre San Giorgio ad uso civile la portata media di 0,0034 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Torre San Giorgio, in circonvallazione Giolitti - foglio di mappa 5 particella 230 - profondità 26 m - codice univoco CN P 13468 - portata massima 15 l/s - portata media 0,0034 l/s - ad uso civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

12 novembre 2007 N° 1963 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2531) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società DI.A.BI. S.A.S. DI SAPINO GIOVANNI BATTISTA (C.F. 00820540045), con sede in Bra via Alcide de Gasperi 20, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Moretta ad uso civile la portata media di 0,0013 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Moretta, in piazza Regina Elena 5 - foglio di mappa 11 particella 119 - profondità 24 m - codice univoco CN P 13469 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0013 l/s - ad uso civile: igienico sanitario; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1628 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2532) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società S.P.E.M.E. S.R.L. (C.F. e P.IVA 00170090047), con sede in Venasca regione Pilone Rocche 35, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Piasco ad uso civile la portata media di 0,001 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Piasco, in località Pilone Rocche - foglio di mappa 9 particella 273 - profondità 12 m - codice univoco CN P 13470 - portata massima 1,5 l/s - portata media 0,001 l/s - ad uso civile: igienico sanitario; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1629 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2536) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società GULLINO IMPORT-EXPORT S.R.L. (C.F. e P.IVA 00485030043), con sede in Saluzzo via S. Laghi Avigliana 8/a, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Saluzzo ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0171 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in via S. Laghi Avigliana 8/a - foglio di mappa 77 particella 15 - profondità 35 m - codice univoco CN P 13477 - portata massima 2,7 l/s - portata media 0,0171 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1630 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2538) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società CARNI DOCK S.R.L. (C.F. e P.IVA 05824120017), con sede in Lagnasco via Manta 5, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Lagnasco ad uso produzione beni e servizi la portata media di 4,4394 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Lagnasco, in strada Manta 5/a - foglio di mappa 12 particella 89 - profondità 40 m - codice univoco CN P 13479 - portata massima 5 l/s

- portata media 4,4394 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi alla fabbricazione, il trattamento, la conservazione o l’immissione sul mercato di prodotti o di sostanze destinate al consumo umano; (omissis) Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1631 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2544) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società EDILCEM S.R.L. (C.F. e P.IVA 02161410044), con sede in Cavallermaggiore località Salerie 145, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Cavallermaggiore ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0317 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Cavallermaggiore, in località Salerie - foglio di mappa 32 particella 40 - profondità 9 m - codice univoco CN P 13484 - portata massima 75 l/s

- portata media 0,0317 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1632 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2546) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ABBÀ GIUSEPPE (C.F. BBAGPP40P26C466J), residente in Centallo regione Brignola 102, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso civile la portata media di 0,0016 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in località Brignola - foglio di mappa 15 particella 39 - profondità 10 m - codice univoco CN P 13487 - portata massima 2 l/s

- portata media 0,0016 l/s - ad uso civile: igienico sanitario e autolavaggio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1633 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2548) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società S.T.A. S.R.L. (C.F. e P.IVA 00670400043), con sede in Castagnito via Neive 20, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Castagnito ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0507 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Castagnito, in via Neive 20 - foglio di mappa 2 particella 37 - profondità 10 m - codice univoco CN P 13489 - portata massima 2,2 l/s - portata media 0,0507 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1634 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2560) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società NASI TERESIO E FIGLI S.R.L. (C.F. e P.IVA 00441440047), con sede in Piasco via Provinciale Sampeyre 5, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Piasco ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0016 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Piasco, in via Provinciale Sampeyre 5 - foglio di mappa 10 particella 419 - profondità 6 m - codice univoco CN P 13512 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0016 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1635 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2563) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società VALEO S.P.A. (C.F. e P.IVA 00504830019), con sede in Santena via Asti 89, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Mondovi’ ad uso produzione beni e servizi la portata media di 1,3635 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Mondovi’, in località Zona Industriale - foglio di mappa 70 particella 163 - profondità 170 m - codice univoco CN P 13516 - portata massima 10 l/s - portata media 1,3635 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo e usi di raffreddamento; dopo l’uso le acque sono restituite nel rio Bozzolo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1636 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2567) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società SOPREDIL S.R.L. (C.F. e P.IVA 00542380043), con sede in Priero strada Statale 28 bis, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Priero ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,019 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Priero, in località S.S. 28 BIS - foglio di mappa 6 particella 76 - profondità 110 m - codice univoco CN P 13520 - portata massima 2 l/s - portata media 0,019 l/s - ad uso produzione beni e servizi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1637 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2576) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società EDILMEC DI CRAVERO E C. S.N.C. (C.F. e P.IVA 00261270045), con sede in Genola via Marconi 76, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Genola ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,1365 l/s e ad uso civile la portata media di 0,0013 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Genola, in via Marconi 76 - foglio di mappa 4 particella 116 - profondità 12 m - codice univoco CN P 13535 - portata massima 1 l/s - portata media 0,1378 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo e civile; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1821 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2611) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor AUDISIO MATTEO VINCENZO (C.F. DSAMTV47P11A735W), residente in Saluzzo via Pagno 91, la concessione di derivare acque superficiali nel comune di Saluzzo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 6,1, dalla seguente captazione:

• dal combale del Fontanone nel comune di Saluzzo, in località San Lazzaro - foglio di mappa 67 particella 127 - codice univoco CN A 10232 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis) Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1638 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2624) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO ACQUEDOTTO RURALE DI CAVALIGGI (C.F. e P.IVA 01852640042), con sede in Valgrana c/o Scuola Elementare frazione Cavaliggi, la concessione di derivare da acque sotterranee, nei comuni di Monterosso Grana e di Valgrana ad uso potabile la portata media di 0,3488 l/s dalle seguenti captazioni:

Sorgente sita nel comune di Monterosso Grana, in località Turi - foglio di mappa 8 particella 505 - codice univoco CN S 10374 - portata massima 2 l/s - portata media 0,3171 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Valgrana, in località Cugnola - foglio di mappa 9 particella 122 - codice univoco CN S 14297 - portata massima 0,3 l/s - portata media 0,0159 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Valgrana, in località La Porta - foglio di mappa 8 particella 157 - codice univoco CN S 14298 - portata massima 0,2 l/s - portata media 0,0159 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

12 novembre 2007 N° 1964 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2638) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società SALUMIFICIO MARCHISIO S.R.L. (C.F. e P.IVA 00182890046), con sede in Pianfei strada Statale Monregalese 1, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Pianfei ad uso civile la portata media di 0,0095 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Pianfei, in strada Statale Monregalese 1 - foglio di mappa 11 particella 1046 - profondità 20 m - codice univoco CN P 13560 - portata massima 0,6 l/s - portata media 0,0095 l/s - ad uso civile: igienico sanitario; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1639 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2642) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI CUNEO (C.F. e P.IVA 00564780047), con sede in Cuneo corso IV Novembre 14, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Valdieri ad uso potabile la portata media di 0,0493 l/s dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Valdieri, in località Vallone Meris - Lago Sottano Sella

- foglio di mappa 39 particella 3 - codice univoco CN S 10380 - portata massima 0,2 l/s - portata media 0,0493 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1640 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2643) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO ACQUEDOTTO RURALE SUD BAGNOLO (C.F. 00523960045), con sede in Bagnolo Piemonte via San Defendente 82, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Bagnolo Piemonte ad uso potabile la portata media di 1,7123 l/s dalle seguenti captazioni:

Sorgente sita nel comune di Bagnolo Piemonte, in località Meira Aragno - foglio di mappa 46 particella 139 - codice univoco CN S 10381 - portata massima 0,2 l/s - portata media 0,137 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Bagnolo Piemonte, in località Cassetta - foglio di mappa 46 particella 123 - codice univoco CN S 10382 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,3425 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Bagnolo Piemonte, in località Prai - foglio di mappa 46 particella 55 - codice univoco CN S 10383 - portata massima 0,3 l/s - portata media 0,2055 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Bagnolo Piemonte, in località Muiasse Sampin - foglio di mappa 48 particella 6 e 180 - codice univoco CN S 10384 - portata massima 0,3 l/s - portata media 0,2055 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Bagnolo Piemonte, in località Brich della Losa - foglio di mappa 48 particella 76 - codice univoco CN S 10385 - portata massima 0,2 l/s - portata media 0,137 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Bagnolo Piemonte, in località Sorgente Prucias - foglio di mappa 48 particella 247 - codice univoco CN S 10386 - portata massima 1 l/s - portata media 0,6849 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2007

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1641 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2646) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONDOMINIO LA QUERCIA (C.F. e P.IVA 94001140048), con sede in Casteldelfino c/o Studio Tecnico Andreis Lucianovia Pontechianale 35, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Piasco ad uso potabile la portata media di 0,0698 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Piasco, in via Rossana 5 - foglio di mappa 11 particella 73

- profondità 12 m - codice univoco CN P 14171 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0698 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1642 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2647) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società CARRERO TRASPORTI S.R.L. (C.F. e P.IVA 02764820045), con sede in Santa Vittoria D’Alba via Statale 80/D, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Santa Vittoria d’Alba ad uso civile la portata media di 0,0032 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Santa Vittoria d’Alba, in località Cinzano - foglio di mappa 14 particella 201 - profondità 12 m - codice univoco CN P 13562 - portata massima 1,2 l/s - portata media 0,0032 l/s - ad uso civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1643 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2648) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società PIUMETTI GAS DI PIUMETTI DANIELA E C. SNC (C.F. 02995560048), con sede in Fossano via Ceresolia 3, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso civile la portata media di 0,0032 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in via Ceresolia 3 - foglio di mappa 49 particella 12 - profondità 4 m - codice univoco CN P 13563 - portata massima 3 l/s - portata media 0,0032 l/s - ad uso civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1644 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2653) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società AGRIMEC DI CROSETTO ELIO E C. S.N.C. (C.F. e P.IVA 00269010047), con sede in Marene via Roma 126, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Marene ad uso civile la portata media di 0,0661 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Marene, in via Roma 126 - foglio di mappa 15 particella 96 - profondità 40 m - codice univoco CN P 13570 - portata massima 3 l/s - portata media 0,0661 l/s - ad uso civile: igienico sanitario e autolavaggio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1645 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2654) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ISOLANA S.R.L. (C.F. e P.IVA 01873690042), con sede in Dogliani via Aldo Moro 13, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Dogliani ad uso civile la portata media di 0,0317 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Dogliani, in località Codevilla - foglio di mappa 31 particella 190 - profondità 100 m - codice univoco CN P 13571 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0317 l/s - ad uso civile: igienico sanitario; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1646 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2659) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società GRUPPO TORINESE TRASPORTI S.P.A. (C.F. 08555280018), con sede in Torino corso Filippo Turati 19/6, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Canale ad uso civile la portata media di 0,019 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Canale, in corso Asti 4 - foglio di mappa 14 particella 234

- profondità 4 m - codice univoco CN P 13576 - portata massima 0,8 l/s - portata media 0,019 l/s - ad uso civile: autolavaggio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1647 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2660) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società SUPERTINO S.R.L. (C.F. e P.IVA 01954330047), con sede in Saluzzo via Cuneo 8, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Saluzzo ad uso civile la portata media di 0,0048 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in via Cuneo 8 - foglio di mappa 75 particella 283 - profondità 35 m - codice univoco CN P 13577 - portata massima 3 l/s - portata media 0,0048 l/s - ad uso civile: igienico sanitario; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

23 luglio 2007 N° 1648 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2661) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società COBOLA FALEGNAMERIA S.R.L. (C.F. e P.IVA 02357470042), con sede in Sanfront via Valle Po 16, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Sanfront ad uso civile la portata media di 0,0006 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Sanfront, in via - foglio di mappa 20 particella 47 - profondità 30 m - codice univoco CN P 13578 - portata massima 10 l/s - portata media 0,0006 l/s - ad uso civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1649 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2663) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società FERRERO MANGIMI S.P.A. (C.F. 02887420046), con sede in Farigliano via Fornace 15, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Farigliano ad uso civile la portata media di 0,0057 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Farigliano, in via Fornace 15 - foglio di mappa 6 particella 458 - profondità 17 m - codice univoco CN P 13580 - portata massima 2 l/s - portata media 0,0057 l/s - ad uso civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1650 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2664) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ARCOSTANZO GIUSEPPE (C.F. RCSGPP38B10I470K), residente in Savigliano via Alba 6, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso civile la portata media di 0,0004 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in via Alba 6 - foglio di mappa 43 particella 85 - profondità 12 m - codice univoco CN P 13581 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0004 l/s - ad uso civile: igienico sanitario; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1651 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2667) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società LEGNOFORM S.R.L. (C.F. e P.IVA 01926330042), con sede in Marene via Marconi 122, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Marene ad uso civile la portata media di 0,0095 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Marene, in via Marconi 122 - foglio di mappa 21 particella 26 - profondità 50 m - codice univoco CN P 13584 - portata massima 100 l/s - portata media 0,0095 l/s - ad uso civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1652 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2668) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ORIGLIA S. P. A. (C.F. e P.IVA 00292650041), con sede in Savigliano via Liguria 38, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso civile la portata media di 0,0111 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in via Liguria 38 - foglio di mappa 63

particella 137 - profondità 20 m - codice univoco CN P 13585 - portata massima 50 l/s - portata media 0,0095 l/s - ad uso civile: scorte antincendio e igienico sanitario;

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in via Liguria 38 - foglio di mappa 63 particella 137 - profondità 10 m - codice univoco CN P 13586 - portata massima 10 l/s - portata media 0,0016 l/s - ad uso civile: igienico sanitario; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

12 novembre 2007 N° 1965 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2669) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ONNICAR SPA (C.F. e P.IVA 00988860011), con sede in Corneliano d’Alba corso Riddone 88, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Corneliano d’Alba ad uso civile la portata media di 0,001 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Corneliano d’Alba, in corso Riddone - foglio di mappa 11 particella 238 - profondità 17 m - codice univoco CN P 13587 - portata massima 1 l/s - portata media 0,001 l/s - ad uso civile: igienico sanitario; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1653 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2674) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società RACCA GABRIELE & C. S.N.C. (C.F. e P.IVA 00922020045), con sede in Marene via Roma 87, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Marene ad uso civile la portata media di 0,0044 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Marene, in via Roma 87 - foglio di mappa 24 particella 3

- profondità 36 m - codice univoco CN P 13594 - portata massima 9 l/s - portata media 0,0044 l/s - ad uso civile: scorte antincendio e irrigazione aree verdi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1654 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2675) Il Responsabile del Centro di Costo 32 Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società EDERA S. S. (C.F. 94004950047), con sede in Moretta via San Rocco 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Polonghera ad uso civile la portata media di 0,0032 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Polonghera, in via Casalgrasso - foglio di mappa 2 particella 30 - profondità 12 m - codice univoco CN P 13595 - portata massima 15 l/s - portata media 0,0032 l/s - ad uso civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1655 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2679) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor RIBERO MARCO (C.F. RBRMRC74T26D205I), residente in Centallo via Torino 99, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso civile la portata media di 0,0526 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in via Torino - foglio di mappa 10 particella 176 - profondità 12 m - codice univoco CN P 13601 - portata massima 5 l/s - portata media 0,0526 l/s - ad uso civile: igienico sanitario e lavaggio mezzi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero esserepromossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenessenecessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1656 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2681) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor LICE TOMMASO (C.F. LCITMS31B15A113G), residente in Valgrana frazione Cavaliggi 1, in nome proprio e per conto di: - CHIAPPALE CRISTIANA (C.F. CHPCST61 P68B719C) - COMPAGNO MARIA LUCIA (C.F. CMPMLC46R58L580O) - DAMIANO SECONDO (C.F. DMNSND30E12L580F) - LERDA RENZO (C.F. LRDRNZ53M15L580P) - LERDA ROMEO

(C.F. LRDRMO62L26B719Z) - GARELLI PATRIZIA (C.F. GRLPRZ64S61D742U) - LERDA ANNA (C.F. LRDNNA28C54Z110R), la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Valgrana ad uso potabile la portata media di 0,1332 l/s dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Valgrana, in sorgente Chignola - foglio di mappa 9 particella 319 - codice univoco CN S 13609 - portata massima 0,17 l/s - portata media 0,1332 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

12 novembre 2007 N° 1966 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2683) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA GALLO BARTOLOMEO (C.F. GLLBTL44C 31H150M), con sede in Racconigi frazione Canapile 23, in nome proprio e per conto di: - GALLO MAURO (C.F. GLLMRA70P07H150W), la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Racconigi ad uso civile la portata media di 0,0001 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Racconigi, in frazione Canapile - foglio di mappa 46 particella 107 - profondità 10 m - codice univoco CN P 13613 - portata massima 5 l/s - portata media 0,0001 l/s - ad uso civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero esserepromossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenessenecessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1657 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2684) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società CAMISASSA DI ANGARAMO PIERANNA (C.F. NGRPNN54C66 F330L), con sede in Villanova Solaro via Basse 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Villanova Solaro ad uso civile la portata media di 0,0013 l/s dalla seguente captazione: • Pozzo sito nel comune di Villanova Solaro, in via Basse - foglio di mappa 15 particella 657

- profondità 40 m - codice univoco CN P 13615 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0013 l/s - ad uso civile: scorte antincendio e igienico sanitario; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero esserepromossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenessenecessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1658 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2685) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società VIGLIETTA MATTEO S.P.A. (C.F. e P.IVA 00181230046), con sede in Fossano via Torino 55, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso civile la portata media di 0,0016 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in via Torino 55 - foglio di mappa 48 particella 46 - profondità 11 m - codice univoco CN P 13616 - portata massima 15 l/s - portata media 0,0016 l/s - ad uso civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero esserepromossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1659 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2687) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI CUNEO (C.F. e P.IVA 00564780047), con sede in Cuneo corso IV Novembre 14, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Canosio ad uso potabile la portata media di 0,0396 l/s dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Canosio, in località Piano della Gardetta - foglio di mappa 18 particella 9 - codice univoco CN S 10391 - portata massima 0,16 l/s - portata media 0,0396 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1660 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2702) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO ACQUEDOTTO SERRAVALLE DI PIASCO (C.F. 94033950042), con sede in Piasco via Assandria 10, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Piasco ad uso potabile la portata media di 0,0476 l/s dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Piasco, in località Serravalle - foglio di mappa 9 particella 171

- codice univoco CN S 10423 - portata massima 0,2 l/s - portata media 0,0476 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1661 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2704) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI FOSSANO (C.F. 00564800043), con sede in Fossano via G. Falletti 28, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Vinadio ad uso potabile la portata media di 0,2458 l/s dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Vinadio, in località Vallone dell’Ischiator - foglio di mappa 48 particella 28 - codice univoco CN S 10425 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,2458 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1662 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2720) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’ACQUEDOTTO RURALE PIAMPIZIO (C.F. 90015570048), con sede in Rocchetta Belbo regione San Giuseppe 1, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Rocchetta Belbo ad uso potabile la portata media di 0,0133 l/s dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Rocchetta Belbo, in località Piampizio - foglio di mappa 2 particella 35 - codice univoco CN S 10439 - portata massima 0,1 l/s - portata media 0,0133 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1663 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2726) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società CASTELFORFICE & C. S.A.S. (C.F. 02098070044), con sede in Peveragno via Vittorio Veneto 41, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Peveragno ad uso potabile la portata media di 0,2048 l/s dalle seguenti captazioni:

Sorgente sita nel comune di Peveragno, in località Madonna dei Boschi - foglio di mappa 34 particella 236 - codice univoco CN S 10444 - portata massima 1,5 l/s - portata media 0,15 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Peveragno, in località Madonna dei Boschi - foglio di mappa 34 particella 236 - codice univoco CN S 10445 - portata massima 1,5 l/s - portata media 0,0549 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1664 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2734) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI CUNEO (C.F. 00564780047), con sede in Cuneo corso IV Novembre 14, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Valdieri ad uso potabile la portata media di 0,0745 l/s dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Valdieri, in località Vallone di Assedras - foglio di mappa 81 particella 6 - codice univoco CN S 10457 - portata massima 0,3 l/s - portata media 0,0745 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1665 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2805) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società SCAMOSCERIA CUNEESE S.R.L. (C.F. 00183750041), con sede in Cuneo via Borgo Nuovo 22, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Cuneo ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0159 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Cuneo, in via Borgo Nuovo 22 - foglio di mappa 86 particella 39

- profondità 13 m - codice univoco CN P 13720 - portata massima 0,06 l/s - portata media 0,0159 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero esserepromossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenessenecessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1666 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2807) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla SOCIETÀ COOPERATIVA ALBIFRUTTA SOCIETÀ COOP. ORTOFRUTTICOLA A.R.L (C.F. 00523590040), con sede in Costigliole Saluzzo via Piasco 22/A, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Costigliole Saluzzo ad uso produzione beni e servizi la portata media di 15,8549 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Costigliole Saluzzo, in via Piasco - foglio di mappa 10 particella 46 - profondità 15 m - codice univoco CN P 13722 - portata massima 10,1 l/s - portata media 6,342 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi alla fabbricazione, il trattamento, la conservazione o l’immissione sul mercato di prodotti o di sostanze destinate al consumo umano e usi di raffreddamento; dopo l’uso le acque sono restituite nella bealera del Consorzio Irriguo;

• Pozzo sito nel comune di Costigliole Saluzzo, in via Piasco - foglio di mappa 10 particella 34 - profondità 25 m - codice univoco CN P 13723 - portata massima 16,3 l/s - portata media 9,5129 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi alla fabbricazione, il trattamento, la conservazione o l’immissione sul mercato di prodotti o di sostanze destinate al consumo umano e usi di raffreddamento; dopo l’uso le acque sono restituite nella bealera del Consorzio Irriguo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero esserepromossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenessenecessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1668 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2820) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società TECHNOFINISH S.P.A. (C.F. 01887320040), con sede in Piasco via Rossana 7, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Piasco ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,6976 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Piasco, in via Rossana 7 - foglio di mappa 11 particella 762 - profondità 30 m - codice univoco CN P 13743 - portata massima 3 l/s - portata media 0,6342 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo;

• Pozzo sito nel comune di Piasco, in via Rossana 7 - foglio di mappa 11 particella 71 B - profondità 30 m - codice univoco CN P 13744 - portata massima 10 l/s - portata media 0,0634 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero esserepromossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenessenecessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1669 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2839) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora BALLARIO ELISABETTA (C.F. BLLLBT55H57L804L), residente in Fossano frazione Piovani 106/E, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso agricolo la portata media di 0,0095 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Piovani 103 - foglio di mappa 86 particella 171 - profondità 10 m - codice univoco CN P 13768 - portata massima 1,16 l/s - portata media 0,0095 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e

di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1670 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2843) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’ACQUEDOTTO RURALE LA VALLE (C.F. 90021550042), con sede in Feisoglio c/o PIAZZA GIANCARLOvia Madonna degli Angeli 8, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Feisoglio ad uso potabile la portata media di 0,0317 l/s dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Feisoglio, in località Aive - foglio di mappa 6 particella 77 e 78 - codice univoco CN S 14404 - portata massima 0,09 l/s - portata media 0,0317 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1671 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2851) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al COMUNE DI CARRÙ (C.F. 00335810040), con sede in Carru’ piazza del Municipio 6, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Rocca de’ Baldi ad uso potabile la portata media di 1,2684 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Rocca de’ Baldi, in cascina Foresta - foglio di mappa 11 particella 19 - profondità 35 m - codice univoco CN P 13798 - portata massima 6 l/s - portata media 0,6342 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

• Pozzo sito nel comune di Rocca de’ Baldi, in cascina Foresta - foglio di mappa 11 particella 19 - profondità 35 m - codice univoco CN P 13799 - portata massima 6 l/s - portata media

0,6342 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero esserepromossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenessenecessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1672 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2857) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al COMUNE DI PRUNETTO (C.F. 00494600042), con sede in Prunetto via San Sebastiano 57, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Castelletto Uzzone ad uso potabile la portata media di 0,0095 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Castelletto Uzzone, in località Poggiolo - foglio di mappa 4 particella 301 - profondità 18 m - codice univoco CN P 13800 - portata massima 3 l/s - portata media 0,0095 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero esserepromossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenessenecessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1673 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2858) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società LISTRANE S.S. (C.F. 93014900042), con sede in San Benedetto Belbo via Monastero 11, la concessione di derivare da acque sotterranee, nei comuni di San Benedetto Belbo e di Monbarcaro ad uso potabile la portata media di 0,2695 l/s dalle seguenti captazioni:

Sorgente sita nel comune di San Benedetto Belbo, in località Moia - foglio di mappa 4 particella 74 - codice univoco CN S 10538 - portata massima 0,08 l/s - portata media 0,0634 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di San Benedetto Belbo, in località Listrane - foglio di mappa 6 particella 27 - codice univoco CN S 10539 - portata massima 0,1 l/s - portata media 0,0793 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Mombarcaro, in località Moretti - foglio di mappa 7 particella 147 - codice univoco CN S 10540 - portata massima 0,16 l/s - portata media 0,1268 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1674 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2863) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’ACQUEDOTTO RURALE GISUOLE (C.F. 90022750047), con sede in Gorzegno Borgata Gisuole 73, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Gorzegno ad uso potabile la portata media di 0,0476 l/s dalle seguenti captazioni:

Sorgente sita nel comune di Gorzegno, in località Pian Coperta - foglio di mappa 6 particella 21 - codice univoco CN S 10555 - portata massima 0,05 l/s - portata media 0,0081 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Gorzegno, in località Pian Coperta - foglio di mappa 6 particella 120 - codice univoco CN S 10556 - portata massima 0,05 l/s - portata media 0,008 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

• Sorgente sita nel comune di Gorzegno, in località Pian Coperta - foglio di mappa 6 particella 95 - codice univoco CN S 10557 - portata massima 0,08 l/s - portata media

0,0214 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Gorzegno, in località Pian Coperta - foglio di mappa 6 particella 16 - codice univoco CN S 10558 - portata massima 0,01 l/s - portata media 0,0023 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Gorzegno, in località Fontanazzo - foglio di mappa 3 particella 140 - codice univoco CN S 10559 - portata massima 0,01 l/s - portata media 0,0023 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Gorzegno, in località Marotto - foglio di mappa 5 particella 190 - codice univoco CN S 10560 - portata massima 0,03 l/s - portata media 0,0054 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2007

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1675 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2866) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO RURALE PIANDININO (C.F. 90015270045), con sede in Gorzegno c/o CORA NATALEvia Canoretto 6, la concessione di derivare da acque sotterranee, nei comuni di Mombarcaro e di Niella Belbo ad uso potabile la portata media di 0,15 l/s dalle seguenti captazioni:

Sorgente sita nel comune di Mombarcaro, in località Falcona - foglio di mappa 1 particella 166 - codice univoco CN S 10568 - portata massima 0,08 l/s - portata media 0,0417 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Niella Belbo, in località Pian della Valle - foglio di mappa 13 particella 89 - codice univoco CN S 10569 - portata massima 0,1 l/s - portata media 0,05 l/s

- ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

• Sorgente sita nel comune di Niella Belbo, in località Pian della Valle - foglio di mappa 13 particella 213 - codice univoco CN S 10570 - portata massima 0,12 l/s - portata media 0,0583 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1676 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2868) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO ACQUEDOTTO RURALE COLOMBI PIANEZZO (C.F. 93001440044), con sede in Gorzegno c/o Corsini Giuseppefrazione Canoretto 7, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Prunetto ad uso potabile la portata media di 0,3805 l/s dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Prunetto, in regione Carro - foglio di mappa 4 particella 186 - codice univoco CN S 10573 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,3805 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1677 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2873) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO POZZO SAN GIORGIO (C.F. 96026390045), con sede in Villafalletto c/o Bressi Aldo via Monsola 35, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Villafalletto ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 102, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in località San Giorgio Monsola - foglio di mappa 17 particella 209 - profondità 40 m - codice univoco CN P 13802 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis) Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero esserepromossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenessenecessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1678 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2915) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ALPI ACQUE S.P.A. (C.F. 02660800042), con sede in Fossano piazza Dompè 3, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Piozzo ad uso potabile la portata media di 2,5959 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Piozzo, in località Valle - foglio di mappa 1 particella 300 - profondità 9 m - codice univoco CN P 13829 - portata massima 2,5 l/s - portata media 1,5576 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

• Pozzo sito nel comune di Piozzo, in località Gavaria - foglio di mappa 13 particella 296 - profondità 13 m - codice univoco CN P 13830 - portata massima 0,2 l/s - portata media 0,1298 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

• Pozzo sito nel comune di Piozzo, in località Biale - foglio di mappa 9 particella 414 - profondità 7 m - codice univoco CN P 13831 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,4543 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

• Pozzo sito nel comune di Piozzo, in località Biale - foglio di mappa 9 particella 551 - profondità 7 m - codice univoco CN P 13832 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,4543 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde,

nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1679 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2916) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor VALLAURI QUINTO FLAVIO (C.F. VLLQTF60T28D205B), residente in Robilante strada Vallane del Prè 14, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Robilante ad uso agricolo la portata media di 0,012 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Robilante, in frazione Tetto Sitoa - foglio di mappa 17 particella 601 - profondità 27 m - codice univoco CN P 13833 - portata massima 0,33 l/s - portata media 0,0120 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero esserepromossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenessenecessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1680 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2917) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società STALLA SOCIALE ROBILANTE S.C.R.L. (C.F. 00623040045), con sede in Robilante via Serrata, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Robilante ad uso agricolo la portata media di 0,0238 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Robilante, in via Serrata - foglio di mappa 3 particella 215 - profondità 15 m - codice univoco CN P 13834 - portata massima 0,83 l/s - portata media 0,0238 l/s - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis) Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero esserepromossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenessenecessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1681 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2928) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al COMUNE DI VIOLA (C.F. e P.IVA 00539480046), con sede in Viola piazza Marconi 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Viola ad uso potabile la portata media di 6,9889 l/s dalle seguenti captazioni:

Sorgente sita nel comune di Viola, in località Algheria - foglio di mappa 3 particella 95 - codice univoco CN S 10796 - portata massima 1,3 l/s - portata media 1 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Viola, in località Algheria - foglio di mappa 3 particella 22 - codice univoco CN S 10797 - portata massima 0,32 l/s - portata media 0,25 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Viola, in località Casotto - foglio di mappa 7 particella 120 - codice univoco CN S 10798 - portata massima 0,65 l/s - portata media 0,5 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Viola, in località Vicardo - foglio di mappa 7 particella 355 - codice univoco CN S 10799 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,3968 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Viola, in località Vicardo - foglio di mappa 7 particella 336 - codice univoco CN S 10800 - portata massima 0,35 l/s - portata media 0,26 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Viola, in località Chiappera - foglio di mappa 2 particella 37 - codice univoco CN S 10801 - portata massima 0,25 l/s - portata media 0,1998 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Viola, in località Chiappera - foglio di mappa 2 particella 151

- codice univoco CN S 10802 - portata massima 0,17 l/s - portata media 0,13 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Viola, in località Acquafredda - foglio di mappa 17 particella 16 - codice univoco CN S 10803 - portata massima 0,65 l/s - portata media 0,501 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Viola, in località Ravere - foglio di mappa 17 particella 15 - codice univoco CN S 10804 - portata massima 0,26 l/s - portata media 0,1998 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Viola, in località Molinelli - foglio di mappa 17 particella 13 - codice univoco CN S 10805 - portata massima 0,13 l/s - portata media 0,0983 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Viola, in località Molinelli - foglio di mappa 17 particella 13 - codice univoco CN S 10806 - portata massima 0,1 l/s - portata media 0,0793 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Viola, in località Molinelli - foglio di mappa 17 particella 13 - codice univoco CN S 10807 - portata massima 0,1 l/s - portata media 0,0793 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Viola, in località Molinelli - foglio di mappa 17 particella 13 - codice univoco CN S 10808 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,3995 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Viola, in località Ciazzre - foglio di mappa 17 particella 1 - codice univoco CN S 10809 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,3995 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Viola, in località Ciazzre - foglio di mappa 17 particella 11 - codice univoco CN S 10810 - portata massima 0,25 l/s - portata media 0,1998 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Viola, in località Ciazzre - foglio di mappa 17 particella 10 - codice univoco CN S 10811 - portata massima 0,15 l/s - portata media 0,1015 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Viola, in località Ciazzre - foglio di mappa 17 particella 11 - codice univoco CN S 10812 - portata massima 0,2 l/s - portata media 0,1522 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Viola, in località Garavè - foglio di mappa 6 particella 5 - codice univoco CN S 10813 - portata massima 0,65 l/s - portata media 0,501 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Viola, in località Vassallo - foglio di mappa 11 particella 149 - codice univoco CN S 10814 - portata massima 0,9 l/s - portata media 0,7008 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Viola, in località Bianche - foglio di mappa 11 particella 119 - codice univoco CN S 10815 - portata massima 0,2 l/s - portata media 0,149 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Viola, in località Piani - foglio di mappa 14 particella 380 - codice univoco CN S 10816 - portata massima 0,3 l/s - portata media 0,1934 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Viola, in località Piani - foglio di mappa 14 particella 487 - codice univoco CN S 10817 - portata massima 0,65 l/s - portata media 0,4978 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

12 novembre 2007 N° 1967 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2940) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor FERRERO BARTOLOMEO (C.F. FRRBTL39P03H150Z), residente in Racconigi cascina Stramiano 57, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Racconigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 29,8702, e ad uso zootecnico la portata media di 0,0745 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Racconigi, in località Stramiano - foglio di mappa 19 particella 13 - profondità 22 m - codice univoco CN P 13859 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Racconigi, in località Stramiano - foglio di mappa 19 particella 9

- profondità 10 m - codice univoco CN P 13861 - portata massima 2 l/s - portata media 0,0745 l/s - ad uso zootecnico;

• Pozzo sito nel comune di Racconigi - foglio di mappa 20 particella 137 - profondità 30 m

- codice univoco CN P 14443 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero esserepromossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenessenecessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

12 novembre 2007 N° 1968 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2957) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al COMUNE DI TORRE BORMIDA (C.F. 00511190043), con sede in Torre Bormida via del Municipio 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nei comuni di Torre Bormida e di Cravanzana ad uso potabile la portata media di 0,4284 l/s dalle seguenti captazioni:

Sorgente sita nel comune di Torre Bormida, in strada Cravanzana - foglio di mappa 1 particella 10 - codice univoco CN S 10942 - portata massima 0,14 l/s - portata media 0,0993 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Torre Bormida, in località Fontane - foglio di mappa 9 particella 273 - codice univoco CN S 10943 - portata massima 0,17 l/s - portata media 0,0317 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Cravanzana, in località Ferrere - foglio di mappa 5 particella 67 e 70 - codice univoco CN S 10944 - portata massima 0,24 l/s - portata media 0,1585 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Cravanzana, in località Fresia - foglio di mappa 8 particella 201 - codice univoco CN S 10945 - portata massima 0,18 l/s - portata media 0,1389 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1683 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2970) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’ACQUEDOTTO RURALE SANT’ANNA (C.F. 90008580046), con sede in Rocchetta Belbo c/o POGGIO ANGELOregione Santa Libera 9, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Rocchetta Belbo ad uso potabile la portata media di 0,1 l/s dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Rocchetta Belbo, in via Santa Libera 9 - foglio di mappa 9 particella 69 - codice univoco CN S 10975 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,1 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1684 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2974) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al COMUNE DI VALGRANA (C.F. 80004750040), con sede in Valgrana via Roma 38, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Valgrana ad uso potabile la portata media di 8,4 l/s dalle seguenti captazioni:

Sorgente sita nel comune di Valgrana, in località Torcion Cavoira - foglio di mappa 27 particella 44 - codice univoco CN S 10985 - portata massima 4 l/s - portata media 3 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Valgrana, in località Cadansa Cavoira - foglio di mappa 26 particella 6 - codice univoco CN S 11299 - portata massima 4 l/s - portata media 3 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Valgrana, in località Tumpi Cavoira - foglio di mappa 27 particella 67 - codice univoco CN S 11300 - portata massima 4 l/s - portata media 2,4 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1685 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2975) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’ACQUEDOTTO RURALE BARATTA (C.F. 90008620040), con sede in Feisoglio c/o QUAZZO MARIOregione Piano delle Rose 30, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Feisoglio ad uso potabile la portata media di 0,2759 l/s dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Feisoglio, in località Boiolo - foglio di mappa 2 particella 462

- codice univoco CN S 10986 - portata massima 1 l/s - portata media 0,2759 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1686 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3000) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’ACQUEDOTTO RURALE RUBLOTTO (C.F. 90017170045), con sede in Cravanzana c/o Delmonte Carlovia Cappelletti 15, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Feisoglio ad uso potabile la portata media di 0,0317 l/s dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Feisoglio, in fonte Rublotto - foglio di mappa 1 particella 323

- codice univoco CN S 11057 - portata massima 0,09 l/s - portata media 0,0317 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1687 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3015) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO ACQUEDOTTO RURALE BRICCO S.S. (C.F. 90012120045), con sede in Feisoglio c/o Ferrero Vilmapiazza XX Settembre 12, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Feisoglio ad uso potabile la portata media di 1,205 l/s dalle seguenti captazioni:

Sorgente sita nel comune di Feisoglio, in località Feia - foglio di mappa 11 particella 180 - codice univoco CN S 11189 - portata massima 0,65 l/s - portata media 0,5074 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Feisoglio, in località Sprella - foglio di mappa 2 particella 158 e 176 - codice univoco CN S 11190 - portata massima 0,4 l/s - portata media 0,3171 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Feisoglio, in località Dego - foglio di mappa 1 particella 4 - codice univoco CN S 11191 - portata massima 0,45 l/s - portata media 0,3805 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1688 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3031) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BOETTI RENATO (C.F. BTTRNT32D26F743Z), residente in Morozzo via Marconi 24, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Morozzo ad uso piscicolo la portata media di 4,1223 l/s dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Morozzo, in via Marconi 24 - foglio di mappa 17/A particella 302 - codice univoco CN S 11210 - portata massima 8 l/s - portata media 4,1223 l/s - ad uso piscicolo; dopo l’uso le acque sono restituite nel bealera del Molino; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1689 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3032) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora GAZZOLA ANTONELLA (C.F. GZZNNL60S55D205R), residente in Morozzo via Boetti 15, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Morozzo ad uso piscicolo la portata media di 0,038 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Morozzo, in via Boetti 15 - foglio di mappa 23 particella 40 - profondità 20 m - codice univoco CN P 13923 - portata massima 2 l/s - portata media 0,0381 l/s - ad uso piscicolo; dopo l’uso le acque sono restituite nel Lago Artificiale (acq. di falda superficiale); (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero esserepromossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenessenecessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1690 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3044) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora CAPELLO ROMANA (C.F. CPLRMN40B50L942Y), residente in Cuneo via Sebastiano Grandis 15, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Villafalletto ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 84,8579, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in regione Bruno - foglio di mappa 30 particella 110

- profondità 28 m - codice univoco CN P 13928 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero esserepromossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenessenecessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1691 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3061) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BUSSO GIACOMO (C.F. BSSGCM37E04L942W), residente in Centallo regione Casale 53, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Centallo ad uso zootecnico la portata media di 0,0753 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Casale - foglio di mappa 3 particella 100 - profondità 12 m - codice univoco CN P 13960 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,0753 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero esserepromossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenessenecessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1828 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3064) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor RECUPERO LUCIANO (C.F. RCPLCN59H14L219Z), residente in Mondovi’ strada dei Pignolli 56/A, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Bra ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,3810, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Bra, in località Orti - foglio di mappa 62 particella 403 - profondità 15 m - codice univoco CN P 13962 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero esserepromossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenessenecessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1692 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3067) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO VASCA NUOVA (C.F. 92011410047), con sede in Vottignasco via Savigliano 7, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Vottignasco ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 50, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Vottignasco, in via Priglia - foglio di mappa 10 particella 77 - profondità 12 m - codice univoco CN P 13964 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e

di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1693 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3076) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società F.LLI PEIRANO S.R.L. (C.F. 00445540040), con sede in Savigliano via Cuneo 80, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso produzione beni e servizi la portata media di 2,2197 l/s e ad uso civile la portata media di 0,1585 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in via Cuneo 80 - foglio di mappa 65 particella 50

- profondità 30 m - codice univoco CN P 13971 - portata massima 25 l/s - portata media 2,3782 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi alla fabbricazione, il trattamento, la conservazione o l’immissione sul mercato di prodotti o di sostanze destinate al consumo umano e usi di raffreddamento e civile: igienico sanitario; dopo l’uso le acque sono restituite nel torrente Mellea; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1694 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3079) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società

S.E.P.O. S.R.L. DI MOINE F. E C. (C.F. e P.IVA 00347270043), con sede in Revello via Valle Po 39-39/a, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Revello ad uso civile la portata media di 3,66 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Revello, in via Valle Po 149/a - foglio di mappa 79 particella 32 - profondità 10 m - codice univoco CN P 13974 - portata massima 2 l/s - ad uso civile: condizionamento;

• Pozzo sito nel comune di Revello, in via Valle Po 149/a - foglio di mappa 79 particella 32 - profondità 10 m - codice univoco CN P 13975 - portata massima 2,5 l/s - ad uso civile: condizionamento; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1695 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3080) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ALPIGEL S.R.L. (C.F. e P.IVA 03158780043), con sede in Cervasca via Cuneo 69 - San Defendente, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Cervasca ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,1839 l/s e ad uso civile la portata media di 0,0063 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Cervasca, in via Cuneo 69 - frazione San Defendente - foglio di mappa 6 particella 478 e 479 - profondità 65 m - codice univoco CN P 13976 - portata massima 2 l/s - portata media 0,1903 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi alla fabbricazione, il trattamento, la conservazione o l’immissione sul mercato di prodotti o di sostanze destinate al consumo umano e usi di raffreddamento e civile: igienico sanitario e lavaggio; dopo l’uso le acque sono restituite nel canale Roero; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1696 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3083) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società CIEB NUOVA S.R.L. (C.F. e P.IVA 02193330046), con sede in Genola via Roma 160, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Genola ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,5708 l/s e ad uso civile la portata media di 0,3805 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Genola, in via Roma 160 - foglio di mappa 18 particella 126 - profondità 20 m - codice univoco CN P 11657 - portata massima 5 l/s - portata media 0,9513 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo e civile: scorte antincendio e igienico sanitario; dopo l’uso le acque sono restituite nel fosso irriguo Strada statale 20; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1697 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3084) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società CEMENCAL S.P.A. (C.F. 00903540151), con sede in Bergamo via G. Camozzi 124, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Magliano Alpi ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,1585 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Magliano Alpi, in località Ponte Pesio - foglio di mappa 25 particella 315 - profondità 15 m - codice univoco CN P 13980 - portata massima 5 l/s - portata media 0,1585 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1698 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3085) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società CALCESTRUZZI S.P.A. (C.F. e P.IVA 01038320162), con sede in Bergamo via G. Camozzi 124, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Revello ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,1744 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Revello, in via Bastie Senaude - foglio di mappa 29 particella 93 - profondità 33 m - codice univoco CN P 13981 - portata massima 30 l/s - portata media 0,1744 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1699 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3086) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società CEMENCAL S.P.A. (C.F. 00903540151), con sede in Bergamo via G. Camozzi 124, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Cavallermaggiore ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,1585 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Cavallermaggiore, in località Ponte Mellea - foglio di mappa 20 particella 157 - profondità 7 m - codice univoco CN P 13982 - portata massima 5 l/s

- portata media 0,1585 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1700 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3087) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ISOLANA S.R.L. (C.F. e P.IVA 01873690042), con sede in Dogliani via Aldo Moro 13, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Dogliani ad uso civile la portata media di 0,0317 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Dogliani, in via Aldo Moro 13 - foglio di mappa 10 particella 337 - profondità 130 m - codice univoco CN P 13983 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0317 l/s - ad uso civile: autolavaggio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1701 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3089) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società INTERSTRADE S.P.A. (C.F. e P.IVA 00932510043), con sede in Roccaforte Mondovì regione Rulfi, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Roccaforte Mondovì ad uso produzione beni e servizi la portata media di 7,8957 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Roccaforte Mondovì, in regione Rulfi - foglio di mappa 22 particella 52 - profondità 21 m - codice univoco CN P 13985 - portata massima 12 l/s - portata media 2,6953 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; dopo l’uso le acque sono restituite nel torrente Ellero;

• Pozzo sito nel comune di Roccaforte Mondovì, in regione Rulfi - foglio di mappa 22 particella 52 - profondità 15 m - codice univoco CN P 13986 - portata massima 8 l/s - portata media 1,8075 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; dopo l’uso le acque sono restituite nel torrente Ellero;

• Pozzo sito nel comune di Roccaforte Mondovì, in regione Rulfi - foglio di mappa 22 particella 79 - profondità 15 m - codice univoco CN P 13987 - portata massima 15 l/s - portata media 3,3929 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; dopo l’uso le acque sono restituite nel torrente Ellero; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1703 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3108) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla GALATERO SOC. COOP. AGR. (C.F. 02215590049), con sede in Saluzzo frazione Cervignasco 32, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Saluzzo ad uso civile la portata media di 0,1142 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in località Cervignasco - foglio di mappa 18 particella 120 - profondità 23 m - codice univoco CN P 14013 - portata massima 46 l/s - portata media 0,1142 l/s - ad uso civile: scorte antincendio e lavaggio mezzi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1704 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3135) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA ISAIA LORENZO E STEFANINO S.S. (C.F. e P.IVA 02147830042), con sede in Piasco via Lanza 5, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Piasco ad uso zootecnico la portata media di 0,0476 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Piasco, in via Giolitti 56 - foglio di mappa 10 particella 453 - profondità 12 m - codice univoco CN P 14039 - portata massima 2 l/s - portata media 0,0476 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1829 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3139) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor DALMASSO RENATO (C.F. DLMRNT58L18D205C), residente in Robilante via Sant’Anna 4, la concessione di derivare acque superficiali nel comune di Robilante ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 5,34, dalla seguente captazione:

• dal Vallone Rupitone nel comune di Robilante, in località Vallone Rupitone - foglio di mappa 14 particella 1 - codice univoco CN A 10126 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1705 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3145) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO TETTO CASALE DI CUNEO (C.F. 96027730041), con sede in Cuneo c/o Revello Giorgio via Chiosa 67, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cuneo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 69,0410, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Cuneo, in località Ronchi - foglio di mappa 31 particella 93 - profondità 60 m - codice univoco CN P 14049 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1706 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3150) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al BONINO GIANCARLO (C.F. BNNGCR63H14F213U), residente in Camerana Borgata Albaretti 5, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Camerana ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 28,97, dalle seguenti captazioni:

Sorgente sita nel comune di Camerana, in località Alberetti - foglio di mappa 14 particella 54 - codice univoco CN S 11257 - ad uso agricolo: irrigazione e abbeveraggio bestiame;

Sorgente sita nel comune di Camerana, in località Alberetti - foglio di mappa 14 particella 57 - codice univoco CN S 11258 - ad uso agricolo: irrigazione e abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1707 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3165) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora VIGNALE BRUNA PRESIDENTE DELL’ACQUEDOTTO RURALE “BINELLI SAN BERNARDO” (C.F. VGNBRN 57C47A124L), residente in Castagnito Via Neive 47, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Gorzegno ad uso potabile la portata media di 0,0048 l/s dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Gorzegno, in località San Bernardo - foglio di mappa 1 particella 137 - codice univoco CN S 11260 - portata massima 0,03 l/s - portata media 0,0048 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1708 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3166) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ACQUEDOTTO RURALE TRASSINO S.S. (C.F. 00928810043), con sede in Cossano Belbo c/o BIANCO MARCOStrada Entracine 7 - Località Scorrone, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Cossano Belbo ad uso potabile la portata media di 0,0801 l/s dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Cossano Belbo, in località San Martino - Trassino - foglio di mappa 22 particella 80 - codice univoco CN S 11261 - portata massima 0,35 l/s - portata media 0,0801 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1709 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3167) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’ACQUEDOTTO RURALE LANGA SOTTANA (C.F. 90015380042), con sede in Cossano Belbo località Santa Libera 42, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Cossano Belbo ad uso potabile la portata media di 0,0498 l/s dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Cossano Belbo, in località Santa Libera 42 - foglio di mappa 7 particella 47 - codice univoco CN S 11262 - portata massima 0,25 l/s - portata media 0,0498 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1710 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3179) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’ACQUEDOTTO CONSORZIALE GABUTTI (C.F. 93014440049), con sede in Camerana via Roma 49, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Camerana ad uso potabile la portata media di 0,3805 l/s dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Camerana, in località Gabutti - foglio di mappa 4 particella 283 - codice univoco CN S 11268 - portata massima 0,4 l/s - portata media 0,3805 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1711 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3181) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO CONSORTILE ACQUEDOTTO CAMERANA VILLA (C.F. 93037600041), con sede in Camerana via Piave 39, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Camerana ad uso potabile la portata media di 0,0507 l/s dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Camerana, in località Albaretti - foglio di mappa 13 particella 99 - codice univoco CN S 11269 - portata massima 0,1 l/s - portata media 0,0507 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1830 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3183) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor PALMA GABRIELE (C.F. PLMGRL44A19B201V), residente in Fossano viale Regina Elena 102, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 1,5, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in strada Priaggio - foglio di mappa 149 particella 550 - profondità 35 m - codice univoco CN P 14087 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1712 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3184) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società GIORDANO GIUSEPPE E SERGIO S. S. (C.F. e P.IVA 83002640049), con sede in Fossano frazione Gerbo 61, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 17,9, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano - foglio di mappa 67 particella 27 - profondità 12 m

- codice univoco CN P 14088 - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1713 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3201) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società MONGE & C. S.R.L. (C.F. e P.IVA 00182160044), con sede in Monasterolo di Savigliano via Savigliano 31, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Monasterolo di Savigliano ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,5074 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Monasterolo di Savigliano, in via Savigliano 31 - foglio di mappa 7 particella 159 - profondità 15 m - codice univoco CN P 14106 - portata massima 4 l/s - portata media 0,5074 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1714 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3202) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società BORGNA VETRI S.R.L (C.F. e P.IVA 01875930040), con sede in Cervasca Strada Provinciale 422 n 56/A, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Cervasca ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,3488 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Cervasca, in strada Provinciale 422 n 19 - foglio di mappa 4 particella 164 - profondità 80 m - codice univoco CN P 14107 - portata massima 0,5 l/s

- portata media 0,3488 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1715 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3203) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società LPR 2000 S.R.L. (C.F. e P.IVA 02658460049), con sede in Bastia Mondovì strada Provinciale 12 n 17, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Bastia Mondovì ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0095 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Bastia Mondovì, in strada Provinciale 12 n 17 - foglio di mappa 14 particella 1 - profondità 40 m - codice univoco CN P 14108 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,0095 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1716 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3208) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società EDISON S.P.A. (C.F. 06722600019), con sede in Milano Foro Bonaparte 31, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Farigliano ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,4756 l/s e ad uso civile la portata media di 0,0159 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Farigliano, in località Navetto - foglio di mappa 8 particella 4

- profondità 10 m - codice univoco CN P 14116 - portata massima 5 l/s - portata media 0,4756 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento; dopo l’uso le acque sono restituite nel fiume Tanaro;

• Pozzo sito nel comune di Farigliano, in località Navetto - foglio di mappa 7 particella 74 - profondità 220 m - codice univoco CN P 14117 - portata massima 0,03 l/s - portata media 0,0159 l/s - ad uso civile: igienico sanitario; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1717 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3209) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla COOPERATIVA SACOOP S.C.R.L. (C.F. e P.IVA 00182850040), con sede in Savigliano via SALUZZO 141, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso produzione beni e servizi la portata media di 1,4587 l/s e ad uso civile la portata media di 0,0003 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in località Cantoniera - foglio di mappa 28 particella 77 - profondità 25 m - codice univoco CN P 14118 - portata massima 4 l/s - portata media 1,4587 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento;

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in località Cantoniera - foglio di mappa 28 particella 77 - profondità 40 m - codice univoco CN P 14119 - portata massima 28 l/s - portata media 0,0003 l/s - ad uso civile: igienico sanitario; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1718 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3210) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla SOCIETÀ SAN PAOLO (C.F. e P.IVA 00434810586), con sede in Alba Piazza San Paolo 14, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Alba ad uso civile la portata media di 0,4439 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Alba, in via Liberazione 4 - foglio di mappa 37 particella 954

- profondità 10 m - codice univoco CN P 14120 - portata massima 4,3 l/s - portata media 0,0888 l/s - ad uso civile: scorte antincendio e irrigazione aree verdi;

• Pozzo sito nel comune di Alba, in via Liberazione 4 - foglio di mappa 37 particella 954

- profondità 10 m - codice univoco CN P 14121 - portata massima 3,2 l/s - portata media 0,0888 l/s - ad uso civile: scorte antincendio e irrigazione aree verdi;

• Pozzo sito nel comune di Alba, in via Liberazione 4 - foglio di mappa 37 particella 954

- profondità 9 m - codice univoco CN P 14122 - portata massima 4,1 l/s - portata media 0,0888 l/s - ad uso civile: scorte antincendio e irrigazione aree verdi;

• Pozzo sito nel comune di Alba, in via Liberazione 4 - foglio di mappa 37 particella 954

- profondità 10 m - codice univoco CN P 14289 - portata massima 3,1 l/s - portata media 0,0888 l/s - ad uso civile: scorte antincendio e irrigazione aree verdi;

• Pozzo sito nel comune di Alba, in via Liberazione 4 - foglio di mappa 37 particella 954

- profondità 10 m - codice univoco CN P 14290 - portata massima 2,7 l/s - portata media 0,0888 l/s - ad uso civile: scorte antincendio e irrigazione aree verdi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1719 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3222) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società NUOVA FAC DI BOTTA LIVIO & C. S.A.S. (C.F. e P.IVA 02139790048), con sede in Fossano Via CERESOLIA 24/B, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0016 l/s e ad uso civile la portata media di 0,0032 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in via Ceresolia 24/b - foglio di mappa 50 particella 178 - profondità 10 m - codice univoco CN P 14179 - portata massima 2 l/s - portata media 0,0048 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento e civile: igienico sanitario; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1720 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3227) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ALLASIA GUGLIELMO (C.F. LLSGLL43H25I470N), residente in Savigliano Via Santa Scolastica 4, la concessione di derivare acque superficiali e acque sotterranee nel comune di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 40, dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in località Santa Scolastica - foglio di mappa 105 particella 33 - profondità 40 m - codice univoco CN P 14183 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Savigliano, in località Santa Scolastica 4 - foglio di mappa 98 particella 26 - profondità 14 m - codice univoco CN P 14372 - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame;

dalla Bealera Marghera nel comune di Savigliano, in località Santa Scolastica 4 - foglio di mappa 105 particella 30 - codice univoco CN A 10235 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Per derivazione di acque superficiali, di sorgente, di fontanili o di trincee drenanti Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure. Per derivazione di acque sotterranee estratte mediante pozzo La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Fabrizio Cavallo


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1831 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3242) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BORRETTA PIERPAOLO (C.F. BRRPPL51S26H727K), residente in Saluzzo Via Dei Romani 1, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Saluzzo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 20,95, dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in località Casa - foglio di mappa 32 particella 41 - profondità 50 m - codice univoco CN P 14195 - ad uso agricolo: irrigazione e antibrina;

• Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in località Cervignasco - foglio di mappa 20 particella 16 - profondità 30 m - codice univoco CN P 14196 - ad uso agricolo: irrigazione e antibrina;

• Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in località Casa - foglio di mappa 32 particella 41 - profondità 50 m - codice univoco CN P 14197 - ad uso agricolo: irrigazione e antibrina;

• Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in località Camponove - foglio di mappa 17 particella 88 - profondità 50 m - codice univoco CN P 14198 - ad uso agricolo: irrigazione e antibrina; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1832 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3245) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor RISSO ROBERTO (C.F. RSSRRT69E24H247D), residente in Revello Via SERVOUR 9, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Revello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 2, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Revello, in via Servour 9 - foglio di mappa 26 particella 35 - profondità 60 m - codice univoco CN P 14201 - ad uso agricolo: irrigazione e antibrina; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1721 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3246) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società BIANCO S.P.A. (C.F. e P.IVA 02683390047), con sede in Alba Viale INDUSTRIA 4, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Alba ad uso civile la portata media di 0,011 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Alba, in viale Industria 4 - foglio di mappa 20 particella 4 - profondità 6 m - codice univoco CN P 14202 - portata massima 2 l/s - portata media 0,0111 l/s - ad uso civile: irrigazione di aree verdi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1722 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3260) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor SCARAFIA STEFANO (C.F. SCRSFN51L08F723E), residente in Moretta Regione Piattera 2/A, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Carde’ ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 41,92, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Carde’, in cascina Aia - foglio di mappa 5 particella 111 e 16

- profondità 30 m - codice univoco CN P 14217 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

12 novembre 2007 N° 1969 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3267) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora PEROTTO DORA (C.F. PRTDRO78C48I470H), residente in Brondello via Villa 2, la concessione di derivare acque superficiali e acque sotterranee nel comune di Brondello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 1,5, dalle seguenti captazioni:

dal combale Borello nel comune di Brondello, in via Beltrend - foglio di mappa 15 particella 61 - codice univoco CN A 10022 - ad uso agricolo: irrigazione;

Fontanile sito nel comune di Brondello, in località Molino - foglio di mappa 16 particella 15 - codice univoco CN S 14436 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1723 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3271) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società CALCESTRUZZI S.P.A. (C.F. e P.IVA 01038320162), con sede in Bergamo Via G. Camozzi 124, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Govone ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,1585 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Govone, in frazione Canove - via Tanaro - foglio di mappa 8 particella 119 sub. 2 - profondità 18 m - codice univoco CN P 14227 - portata massima 5 l/s - portata media 0,1585 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1724 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3276) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società MABITEX S.P.A. (C.F. e P.IVA 00183470046), con sede in Cherasco via San Rocco 18/18 A frazione Roreto, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Cherasco ad uso civile la portata media di 0,0018 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Cherasco, in località Roreto - foglio di mappa 19 particella 102 - profondità 10 m - codice univoco CN P 14232 - portata massima 1,3 l/s - portata media 0,0018 l/s - ad uso civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1725 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3279) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BORRETTA ERALDO (C.F. BRRRLD51C28E894A), residente in Lagnasco Via Santa Maria 25, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Manta ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 35, dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Manta, in località Mattone - foglio di mappa 13 particella 42 - profondità 30 m - codice univoco CN P 14235 - ad uso agricolo: antibrina;

• Pozzo sito nel comune di Manta, in località Mattone - foglio di mappa 13 particella 15 - profondità 30 m - codice univoco CN P 14236 - ad uso agricolo: antibrina;

• Pozzo sito nel comune di Manta, in località Mattone - foglio di mappa 11 particella 139

- profondità 30 m - codice univoco CN P 14237 - ad uso agricolo: antibrina;

• Pozzo sito nel comune di Manta, in località Mattone - foglio di mappa 11 particella 37 - profondità 29 m - codice univoco CN P 14238 - ad uso agricolo: antibrina;

• Pozzo sito nel comune di Manta, in località Mattone - foglio di mappa 13 particella 15 - profondità 30 m - codice univoco CN P 14239 - ad uso agricolo: antibrina; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1726 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3284) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società LA MARGHERITA DI CORTASSA MARCO (C.F. CRTMCR65C25I470T), con sede in Peveragno via Tetto Grosso 37, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cuneo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 45, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Cuneo, in località Tetto Pecollo via Savona 184 - foglio di mappa 131 particella 84 - profondità 52 m - codice univoco CN P 14244 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1833 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3287) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società SILVER SRL (C.F. 00181090044), con sede in Vernante Località Tetti Filibert, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Vernante ad uso civile la portata media di 0,0349 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Vernante, in località Tetti Filibert - foglio di mappa 2 particella 96 - profondità 9 m - codice univoco CN P 14247 - portata media 0,0349 l/s - ad uso civile: lavaggio strade e superfici impermeabilizzate e scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire

l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi chel’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1727 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3293) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO LA MARGHERITA (C.F. 96066270040), con sede in Cuneo Corso Giolitti 2, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Dronero ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 118, dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Dronero, in località Margherita- borgata Assarti - foglio di mappa 64 particella 96 - codice univoco CN S 11697 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1728 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3297) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società IMMOBILIARE LE CHIOCCIOLE S.P.A. (C.F. e P.IVA 01524310040), con sede in Cherasco Via FRASCHETTA 8, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Cherasco ad uso civile la portata media di 8,8767 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Cherasco, in località Fraschetta - foglio di mappa 91 particella 107 - profondità 5 m - codice univoco CN P 14253 - portata massima 12 l/s - portata media 1,9726 l/s - ad uso civile: irrigazione di aree verdi;

• Pozzo sito nel comune di Cherasco, in località Fraschetta - foglio di mappa 91 particella 82 - profondità 5 m - codice univoco CN P 14254 - portata massima 12 l/s

- portata media 1,9726 l/s - ad uso civile: irrigazione di aree verdi;

• Pozzo sito nel comune di Cherasco, in località Fraschetta - foglio di mappa 86 particella 63 - profondità 5 m - codice univoco CN P 14255 - portata massima 6 l/s

- portata media 0,9863 l/s - ad uso civile: irrigazione di aree verdi;

• Pozzo sito nel comune di Cherasco, in località Fraschetta - foglio di mappa 86 particella 83 - profondità 5 m - codice univoco CN P 14256 - portata massima 6 l/s

- portata media 1,9726 l/s - ad uso civile: irrigazione di aree verdi;

• Pozzo sito nel comune di Cherasco, in località Fraschetta - foglio di mappa 86 particella 61 - profondità 5 m - codice univoco CN P 14257 - portata massima 6 l/s

- portata media 1,9726 l/s - ad uso civile: irrigazione di aree verdi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1729 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3298) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor GARAVAGNO GIANCARLO (C.F. GRVGCR70P28D205C), residente in Margarita Via Cascina Pozzo 26, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Margarita ad uso zootecnico la portata media di 0,2813 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Margarita, in cascina Pozzo - foglio di mappa 1 particella 18 - profondità 10 m - codice univoco CN P 14258 - portata massima 3 l/s - portata media 0,2813 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1730 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3299) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO COLLINA VERZUOLESE (C.F. 94006810041), con sede in Verzuolo c/o MUNICIPIO piazza Martiri della Libertà 2/A, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Verzuolo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 50, dalle seguenti captazioni:

Sorgente sita nel comune di Verzuolo, in località Gerbido Villanovetta - foglio di mappa 2 particella 170 e 171 - codice univoco CN S 11698 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Pozzo sito nel comune di Verzuolo, in località Villanovetta - foglio di mappa 2 particella 333 - profondità 30 m - codice univoco CN P 11233 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1731 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3313) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società RIBERI FRATELLI SNC DI RIBERI SERGIO & C. (C.F. e P.IVA 00186360046), con sede in Busca Via SALUZZO 54/B, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Busca ad uso civile la portata media di 0,0024 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Busca, in via Saluzzo 54/b - foglio di mappa 61 particella 13 - profondità 20 m - codice univoco CN P 14273 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0024 l/s - ad uso civile: igienico sanitario; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1732 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3317) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor VARETTO SIMONE (C.F. VRTSMN44B18F811S), residente in Murello Via Polonghera 2 - Cascina San Giovanni, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Murello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 32,3850, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Murello, in località Robelletta - foglio di mappa 6 particella 72 - profondità 30 m - codice univoco CN P 14277 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

12 novembre 2007 N° 1970 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3318) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ENEL PRODUZIONE S.P.A. (C.F. e P.IVA 05617841001), con sede in Cuneo via Roncata 94, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Entracque ad uso civile la portata media di 0,0317 l/s dalla seguente captazione:

• Trincea drenante sita nel comune di Entracque, in regione Piastra centrale Luigi Einaudi - foglio di mappa 57 particella 242 - codice univoco CN S 11699 - portata massima 0,33 l/s - portata media 0,0317 l/s - ad uso : igienico sanitario; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

12 novembre 2007 N° 1971 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3319) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ENEL PRODUZIONE S.P.A. (C.F. e P.IVA 05617841001), con sede in Cuneo via Roncata 94, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Dronero ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,274 l/s e ad uso civile la portata media di 0,0086 l/s dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di Dronero, in centrale idroelettrica Dronero - foglio di mappa 33 particella 135 - codice univoco CN S 11700 - portata massima 0,33 l/s - portata media 0,2825 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento e igienico sanitario; dopo l’uso le acque sono restituite nel torrente Maira; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

12 novembre 2007 N° 1972 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3320) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ENEL PRODUZIONE S.P.A. (C.F. e P.IVA 05617841001), con sede in Cuneo via Roncata 94, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di San Damiano Macra ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,5936 l/s dalla seguente captazione:

• Sorgente sita nel comune di San Damiano Macra, in centrale idroelettrica San Damiano - foglio di mappa 30 particella 147 - codice univoco CN S 11701 - portata massima 1 l/s - portata media 0,5936 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento; dopo l’uso le acque sono restituite nel torrente Maira; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

12 novembre 2007 N° 1973 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3326) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor PEROTTO MICHELANGELO (C.F. PRTMHL48P29B200U), residente in Romano Canavese via Pontechiusella 10, la concessione di derivare acque superficiali e acque sotterranee nel comune di Brondello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,5, dalle seguenti captazioni:

dal rio Comba Corta nel comune di Brondello, in località Comba Corta - foglio di mappa 15 particella 10 - codice univoco CN A 10150 - ad uso agricolo: irrigazione;

Sorgente sita nel comune di Brondello, in località Comba Corta - foglio di mappa 15 particella 9 - codice univoco CN S 14390 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione

incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1733 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3330) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al COMUNE DI CUNEO (C.F. 00480530047), con sede in Cuneo Via ROMA 28, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cuneo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 102,78, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Cuneo, in località Torre Bava - foglio di mappa 119 particella 18 - profondità 30 m - codice univoco CN P 14281 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

12 novembre 2007 N° 1974 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3334) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ARNAUDO MAURO (C.F. RNDMRA51R16B200P), residente in Manta via Dante 3, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Brondello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,9, dalle seguenti captazioni:

• Sorgente sita nel comune di Brondello, in località Bosco dei Fiori (Combale-Fiaut)

- foglio di mappa 3 particella 124 - codice univoco CN S 10313 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Sorgente sita nel comune di Brondello, in località Bosco dei Fiori (Combale-Fiaut)

- foglio di mappa 3 particella 43 - codice univoco CN S 10314 - ad uso agricolo: irrigazione;

• Sorgente sita nel comune di Brondello, in via Nuova - foglio di mappa 4 particella 54 - codice univoco CN S 14434 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis) Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Fabrizio Cavallo


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

30 luglio 2007 N° 1734 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3337) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CHIAPALE GIACOMO (C.F. CHPGCM30B11L580B), residente in Valgrana Frazione CAVALIGGI 20, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Valgrana ad uso potabile la portata media di 0,5278 l/s dalle seguenti captazioni:

Sorgente sita nel comune di Valgrana, in borgata Sartin - foglio di mappa 9 particella 236 - codice univoco CN S 11740 - portata massima 0,41 l/s - portata media 0,3518 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Valgrana, in borgata Sartin - foglio di mappa 9 particella 236 - codice univoco CN S 11741 - portata massima 0,19 l/s - portata media 0,1760 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

12 novembre 2007 N° 1975 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3338) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società TORRONE PIEMONTE MARTINO S.R.L. (C.F. e P.IVA 02340960042), con sede in Sinio località Borgonuovo 1, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Sinio ad uso civile la portata media di 0,0032 l/s dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Sinio, in località Borgonuovo - foglio di mappa 10 particella 259 - profondità 12 m - codice univoco CN P 15000 - portata massima 22 l/s - portata media 0,0032 l/s - ad uso civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

12 novembre 2007 N° 2027 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3344) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora RUSSICA LUCIA (C.F. RSSLCU78D70L219W), residente in Torino Corso Allamanno 56/B, in nome proprio e per conto di: - BALTIERI MATTEO (C.F. BLTMTT43P21H712N) - BOSIO GIAN GALEAZZO (C.F. BSOGGL 35S06L219I) - DI MAURO DOMENICO (C.F. DMRDNC46H2 3B829G) - GROMPONE NICOLA (C.F. GRMNCL 55S17E037W) - ROSETTINO BENITO (C.F. RSTBN T38H20B619X) - RUBINO VALERIO (C.F. RBNV LR49B01L219X) - TRUCCO LUIGI (C.F. TRCLGU46 M30F385W), la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Martiniana Po ad uso potabile la portata media di 0,05 l/s dalle seguenti captazioni:

• Sorgente sita nel comune di Martiniana Po, in località Castelgrup fontana Tre Marie - foglio di mappa 3 particella 365 - codice univoco CN S 11745 - portata massima 0,03 l/s - portata media 0,01665 l/s - ad uso potabile: approvigionamento

idrico alle persone;

Sorgente sita nel comune di Martiniana Po, in località San Michele fontana Sambuco - foglio di mappa 12 particella 115 - codice univoco CN S 11746 - portata massima 0,05 l/s - portata media 0,0333 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

12 novembre 2007 N° 1976 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3352) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società BELTRAMONE F.LLI E C. S.N.C. (C.F. e P.IVA 00195250048), con sede in Brossasco via Provinciale 4, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Brossasco ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0076 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Brossasco, in via Provinciale 4 - foglio di mappa 30 particella 98 - profondità 7 m - codice univoco CN P 14311 - portata massima 1,5 l/s - portata media 0,0038 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento;

• Pozzo sito nel comune di Brossasco, in via Provinciale 4 - foglio di mappa 30 particella 112 - profondità 7 m - codice univoco CN P 13784 - portata massima 1,5 l/s - portata media 0,0038 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione; - é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

29 ottobre 2007 N° 1835 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3353) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società TUTTOFRUTTA QUARANTA S.R.L. (C.F. e P.IVA 02248640043), con sede in Costigliole Saluzzo Via Savigliano 64, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Costigliole Saluzzo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,3640, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Costigliole Saluzzo, in via Savigliano - foglio di mappa 6 particella 156 - profondità 48 m - codice univoco CN P 14312 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

12 novembre 2007 N° 1977 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3355) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CAVALLERO BRUNO (C.F. CVLBRN47M21D742N), residente in Fossano frazione San Vittore 10, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 50, dalla seguente captazione:

• Pozzo sito nel comune di Fossano, in località San Vittore - foglio di mappa 56 particella 121 - profondità 33 m - codice univoco CN P 14314 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 04/03/2008

Il Responsabile
Pier Carlo Bignami


PROVINCIA DI CUNEO

(omissis)

12 novembre 2007 N° 1978 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3357) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società NEIVE CALCESTRUZZI S.A.S. (C.F. 00258320043), con sede in Neive frazione Micca 15, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Neive ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,1268 l/s dalle seguenti captazioni:

• Pozzo sito nel comune di Neive, in via Molino 9 - foglio di mappa 15 particella 409 - profondità 9 m - codice univoco CN P 14315 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0634 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi col processo produttivo;

• Pozzo sito nel comune di Neive, in via Molino 9 - foglio di mappa 15 particella 172 - profondità 9 m - codice univoco CN P 14316 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0634 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi col processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6

Condizioni particolari cui è soggetta la derivazione

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni: - l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali. Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispo