Provincia di Cuneo

Pubblicazione per estratto dei provvedimenti di concessione preferenziale, ai sensi dell’articolo 2 comma 13d del Regolamento regionale 5 Marzo 2001, n° 4/R - “Disciplina dei procedimenti di concessione preferenziale e di riconoscimento delle utilizzazioni di acque che hanno assunto natura pubblica” - comprensivo delle eventuali condizioni intese a tutelare il diritto dei terzi.

Dalla data di pubblicazione decorre il termine perentorio di sessanta giorni per l’impugnazione innanzi al Tribunale regionale delle acque o al Tribunale superiore delle acque secondo le rispettive competenze.

Gli estratti sono raggruppati a seconda della tipologia di uso e al numero di captazioni delle singole utenze.



CONCESSIONI PREFERENZIALI AD USO CIVILE, ENERGETICO, LAVAGGIO DI INERTI,
PISCICOLO, POTABILE, PRODUZIONE BENI E SERVIZI E ZOOTECNICO

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 1 captazione

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

29/11/2004    1001    1    E. VIGOLUNGO S.P.A.

29/11/2004    1002    2    Beton Bosca S.r.l.

29/11/2004    1003    3    MAHLE PISTONI ITALIA S.P.A.

29/11/2004    1004    5    Cemental S.p.a.

29/11/2004    1005    10    CAVA LAURENTIA DI DASTRÙ DARIO & C. S.N.C.

29/11/2004    1006    13    M.A.E.R. S.p.a.

29/11/2004    1008    19    S.A.I.S.E.F. S.p.a.

29/11/2004    1010    21    Miroglio S.p.A.

29/11/2004    1011    23    La Burnia S.r.l.

29/11/2004    1012    24    PIEMONTE LATTE - Soc. Coop. Agricola

29/11/2004    1013    26    BONGIASCA COSTRUZIONI DI BONGIASCA LUCIANO & C. S.N.C.

30/11/2004    1016    31    Michel Rettili S. r. l.

30/11/2004    1018    33    KIMBERLY-CLARK S.R.L.

30/11/2004    1019    35    PARIZIA S.R.L.

01/03/2006    1001    41    Lavanderie Dominio S.r.l.

30/11/2004    1022    42    UNICALCESTRUZZI S.P.A.

30/11/2004    1023    44    DANTE VIGLINO MARMI S.A.S. DI VIGLINO GIORGIO & C.

30/11/2004    1024    45    FONDERIA FOSSANESE S.N.C.

30/11/2004    1025    47    FACCIA FRATELLI S.R.L.

30/11/2004    1026    50    GOLDEN-CAR S.R.L.

01/12/2004    1032    62    MESSORI S.N.C. DI MESSORI VINICIO E & C.

01/12/2004    1034    65    S.E.I. S.N.C. DI PEPINO & C.

01/03/2006    1003    66    SOCALPI S.R.L.

01/12/2004    1037    74    VOTTERO RICCARDO & C. S.N.C

01/12/2004    1039    76    Conte Marco

01/12/2004    1040    78    Dho Mario

01/12/2004    1041    80    SOMALE FRATELLI A.A.R. S.N.C.

01/12/2004    1042    81    SOLEG S.N.C. DI MACCAGNO NATALINO E C.

01/12/2004    1043    82    BELTRAMO FRATELLI S.N.C.

01/12/2004    1044    83    SEIMANDI Fratelli di Seimandi Claudio, Boiero Marco & C. S.N.C.

02/12/2004    1046    85    ALBERGO ALPINO DI ROBALDO P. & C. S.N.C.

02/12/2004    1047    89    Officine Cavallo S.r.l.

02/12/2004    1048    90    Fibrac S.r.l.

02/12/2004    1049    91    CO.AL. SOC. COOP. A.R.L.

02/12/2004    1050    93    S.A.E.G. S.n.c.

02/12/2004    1056    101    F.lli Raviolo S.n.c.

01/03/2006    1004    102    FIN.AL.BA. DI TURCO BIAGIO E BATTISTA S.N.C.

01/03/2006    1005    105    CO.M.E.S. S.n.c.

01/03/2006    1006    107    LA.RE. LAMINATOI DEL REGHENA S.P.A.

03/12/2004    1066    124    SANTUARIO DI SAN MAGNO

03/12/2004    1070    129    EGEA ENTE GESTIONE ENERGIA E AMBIENTE S.P.A.

03/12/2004    1073    134    EGEA ENTE GESTIONE ENERGIA E AMBIENTE S.P.A.

03/12/2004    1075    136    EGEA ENTE GESTIONE ENERGIA E AMBIENTE S.P.A.

06/12/2004    1076    137    EGEA ENTE GESTIONE ENERGIA E AMBIENTE S.P.A.

06/12/2004    1077    138    EGEA ENTE GESTIONE ENERGIA E AMBIENTE S.P.A.

06/12/2004    1078    142    CONSORZIO UTENTI ACQUA POTABILE DI SAN PIETRO MONTEROSSO

06/12/2004    1079    144    AUTOTRASPORTI CORVI DI ALFIO CORVI & C. S.N.C.

01/03/2006    1009    146    TRASPORTI INTERNAZIONALI ALIBERTI-DONNIACUO S.R.L.

06/12/2004    1080    148    CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI BARGE

06/12/2004    1084    166    ENEL Produzione S.p.A.

06/12/2004    1085    167    ENEL Produzione S.p.A.

06/12/2004    1086    168    ENEL Produzione S.p.A.

06/12/2004    1087    169    ENEL Produzione S.p.A.

06/12/2004    1088    170    ENEL Produzione S.p.A.

06/12/2004    1089    171    BRIZIO S.r.l.

06/12/2004    1090    176    MAURINO BRUNO

07/12/2004    1092    178    LORENZATI GUIDO Lavorazione Pietre

01/03/2006    1011    182    CASEIFICIO DELL’ALTA LANGA S.R.L.

02/03/2006    1045    409    Rivoira Giuseppe

02/03/2006    1064    488    Caseificio Vincenzo Quaglia & C. s.n.c.

03/03/2006    1088    567    Azienda Agricola Prato Severino

16/03/2006    1447    597    Comune di Santo Stefano Belbo

16/03/2006    1448    600    Comune di Santo Stefano Belbo

07/03/2006    1175    733    Quaglia Walter

13/03/2006    1338    1453    Banca Alpi Marittime Credito Cooperativo Carrù

29/11/2005    1055    1616    Massucco Costruzioni s.r.l.

20/03/2006    1497    2123    Azienda Agricola Valfrè Giuseppe

20/03/2006    1508    2187    SAV Autolinee S.r.l.

21/03/2006    1554    2510    SO.I.MA. S.R.L.

21/03/2006    1555    2528    E.M.T. DI BRUNO ROBERTO E C. S.N.C.

21/03/2006    1556    2543    Rivoira Giovanni e Figli S.p.A.

21/03/2006    1558    2579    Fond-Stamp S.p.A.

21/03/2006    1560    2751    Sipre-Monviso Ski s.r.l.

22/03/2006    1565    2803    SIBEL s.n.c.

22/03/2006    1566    2806    Lovera Francesco e C. s.n.c.

22/03/2006    1567    2811    Miroglio S.p.A.

22/03/2006    1573    3014    ALBERGO SAN CARLO DI CAGNA RENZO E C. SAS TROTICOLTURA
                ALTA VAL TANARO

13/03/2006    1350    3051    U.I.T.S. TIRO A SEGNO NAZIONALE SEZIONE DI BRA

22/03/2006    1582    3074    Preve Costruzioni S.p.A.

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 2 captazioni

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

29/11/2004    1014    28    RIVOIRA F.LLI DI ALDO & C. S.N.C.

29/11/2004    1015    29    TUTTOFRUTTA QUARANTA S.R.L.

30/11/2004    1017    32    Bertola S.r.l.

30/11/2004    1020    37    L.I.T. S.r.l.

30/11/2004    1021    38    C.L.I.S. S.n.c.

01/03/2006    1002    48    ALPENFRUCHT S.R.L.

01/12/2004    1035    70    ROTOFLEX DI CALANDRI PIERO

01/12/2004    1036    72    VERNA REMO MAURILIO & C. S.A.S.

01/12/2004    1045    84    ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A. DIREZIONE PIEMONTE

02/12/2004    1055    99    Plastic Company S.a.s.

02/12/2004    1059    108    Simic S.p.a.

03/12/2004    1069    127    EGEA ENTE GESTIONE ENERGIA E AMBIENTE S.P.A.

03/12/2004    1071    130    EGEA ENTE GESTIONE ENERGIA E AMBIENTE S.P.A.

01/03/2006    1008    131    Tecnoedil S.p.A.

06/12/2004    1082    151    Tecnoedil S.p.A.

06/12/2004    1083    156    Tecnoedil S.p.A.

07/12/2004    1091    177    Tecnoedil S.p.A.

07/03/2006    1174    727    LEAR CORPORATION ITALIA S.r.l.

28/11/2005    1009    1284    Crosetti Bernardo

02/12/2005    1187    2053    LPM Laterizi Prefabbricati Mondovì S.p.A.

21/03/2006    1557    2550    G.S.E. GRANITI S. ELENA S.N.C. DI MACCAGNO VINCENZO E C.

22/03/2006    1563    2777    Rostagno Giovanni

19/12/2005    1210    2800    SACCHETTO S.P.A.

22/03/2006    1572    3013    ALBERGO SAN CARLO DI CAGNA RENZO E C. SAS TROTICOLTURA
                ALTA VAL TANARO

22/03/2006    1585    3156    AZIENDA AGRICOLA CAGNASSI SEBASTIANO

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 3 captazioni

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

29/11/2004    1009    20    Miroglio S.p.A.

30/11/2004    1027    56    Calcestruzzi Stroppiana S.p.a.

30/11/2004    1028    57    Monviso S.p.a.

30/11/2004    1030    59    P.I.ESSE.GI S.p.a.

01/12/2004    1031    60    Glaverbel Italy S.r.l.

02/12/2004    1051    94    OFF.LAM. S.r.l.

03/12/2004    1061    111    Comune di Rifreddo

03/12/2004    1068    126    S.T.E. SERVIZI TECNICI ECOLOGICI S.A.S.

01/03/2006    1007    128    Tecnoedil S.p.A.

03/12/2004    1074    135    EGEA ENTE GESTIONE ENERGIA E AMBIENTE S.P.A.

01/03/2006    1010    152    Tecnoedil S.p.A.

07/12/2004    1093    180    Tecnoedil S.p.A.

22/03/2006    1568    2814    Miroglio S.p.A.

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 4 captazioni

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

30/11/2004    1029    58    NOVAPLAST LAMINATI S.P.A.

01/12/2004    1033    63    SAIT ABRASIVI S.P.A.

02/12/2004    1053    97    Comune di Ruffia

03/12/2004    1064    118    Comune di Rossana

03/12/2004    1072    133    EGEA ENTE GESTIONE ENERGIA E AMBIENTE S.P.A.

19/12/2005    1211    2572    BUZZI UNICEM SPA

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 5 captazioni

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

01/12/2004    1038    75    Neograf S.r.l.

03/12/2004    1065    120    CONSORZIO ACQUEDOTTO FONTE DRAI-FODONE

06/12/2004    1081    149    Comune di Crissolo

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 6 captazioni

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

02/12/2004    1052    96    Club Alpino Italiano

03/12/2004    1062    112    Comune di Caprauna

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 7 captazioni

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

02/12/2004    1054    98    Bessone S.r.l.

02/12/2004    1058    104    Comune di Briga Alta

02/12/2004    1060    110    Comune di Martiniana Po

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 8 captazioni

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

29/11/2004    1007    18    CAPETTA I.VI.P. S.P.A.

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 9 captazioni

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

02/12/2004    1057    103    Consorzio Idrico San Giacomo

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 12 captazioni

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

03/12/2004    1067    125    Comune di Brondello

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 14 captazioni

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

03/12/2004    1063    113    Comune di Sanfront





























CONCESSIONI PREFERENZIALI AD USO AGRICOLO A BOCCA NON TASSATA

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 1 captazione

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

07/12/2004    1094    184    Fissore Mario Antonio

07/12/2004    1096    192    Grosso Giovanni Battista

07/12/2004    1097    194    Perona Guerino

07/12/2004    1099    198    Azienda Agricola Villosio Mario

07/12/2004    1101    212    Capello Andrea

01/03/2006    1016    215    Sacco Francesco

01/03/2006    1018    220    Balangero Pietro

07/12/2004    1104    230    Bogino Francesco

07/12/2004    1105    231    Flesia Alfredo

09/12/2004    1106    232    De Dominici Stefano

09/12/2004    1107    233    Albertengo Elio

09/12/2004    1108    234    Rubiolo Giuseppe

09/12/2004    1109    235    Sasia Mario

09/12/2004    1110    236    Bordoni Giovanni

09/12/2004    1112    238    Rinaudo Pierfranco

09/12/2004    1113    239    Bordoni Elio Angelo

01/03/2006    1019    240    Spertino Agostino

09/12/2004    1114    241    Azienda Agricola Peirasso Riccardo

01/03/2006    1020    242    Azienda Agricola Pignatta Luciano

09/12/2004    1115    243    VALLA DI MARTINO SEVERINO & C. S.S.

09/12/2004    1116    249    Chiavazza Michele

09/12/2004    1117    250    Franco Giuseppe

01/03/2006    1022    255    Roasio Piermario

01/03/2006    1023    256    Roasio Piermario

10/12/2004    1123    264    Barale Pietro & Quaglia Antonio S. S.

10/12/2004    1125    266    Busso Antonio

01/03/2006    1025    268    Vassallo Giovanni

01/03/2006    1026    272    Sacco Francesco

10/12/2004    1126    280    Nasi Silvano

10/12/2004    1127    281    Maero Romaldo

10/12/2004    1128    282    Racca Rocco

10/12/2004    1129    284    Angaramo Giuseppe

10/12/2004    1132    292    Sansoldo Bruna

10/12/2004    1133    295    Barale Andrea Giovanni

10/12/2004    1134    300    Rinaudo Marco

10/12/2004    1135    303    Azienda Agricola Mattio Marco

13/12/2004    1136    304    Rinaudo Gianbattista

13/12/2004    1137    305    Rinaudo Albino

13/12/2004    1138    307    Azienda Agricola Giletta Riccardo

13/12/2004    1139    308    Azienda Agricola Delsoglio Luigi

13/12/2004    1140    309    Azienda Agricola Millone Roberto

13/12/2004    1142    313    Margaria Chiaffredo

01/03/2006    1031    316    Azienda Agricola Caffaro Giuseppe

13/12/2004    1144    317    FRANCO GIULIANO - FRANCO GIUSEPPE S.S.

13/12/2004    1146    319    Azienda Agricola Rinaudo Maria Angela

13/12/2004    1150    328    AZIENDA AGRICOLA VANZETTI FRANCESCO

01/03/2006    1033    330    Azienda Agricola Rubiano Gianfranco

14/12/2004    1153    334    Azienda Agricola Vaschetti Bruno

01/03/2006    1034    340    Azienda Agricola Bordese Giuseppe e Franco

14/12/2004    1154    342    Camusso Antonio

14/12/2004    1156    349    Azienda Agricola Cascina Sant’Ambrogio

14/12/2004    1157    350    Azienda Agricola Tortone Riccardo e Massimo

14/12/2004    1158    352    Podio Piero

14/12/2004    1159    354    Ambrogio Sebastiano

14/12/2004    1160    355    Giacosa Flavio

14/12/2004    1161    356    Ambrogio Guido Pietro

14/12/2004    1164    360    Gerlero Vittorio

14/12/2004    1165    363    CONSORZIO IRRIGUO SAN MARTINO

15/12/2004    1166    364    Rivoira Giuseppe

15/12/2004    1167    365    Pansa Biagio

15/12/2004    1168    368    Consolino Giuseppe

15/12/2004    1169    369    Beoletto Silvano

15/12/2004    1170    373    Alasia Giangiorgio

01/03/2006    1038    374    Porta Giorgio

15/12/2004    1173    380    Azienda Agricola Matteodo Bartolomeo

15/12/2004    1175    390    Anellino Mario

15/12/2004    1176    391    Anellino Mario

15/12/2004    1177    395    Capello Giacomino

02/03/2006    1043    398    Casetta Bartolomeo Aldo

15/12/2004    1179    400    CONSORZIO IRRIGUO POZZO SAN MICHELE

16/12/2004    1181    405    Busso Francesco

16/12/2004    1182    407    Franco Pietro

02/03/2006    1046    414    Perlo Giovanna

16/12/2004    1184    426    Fondazione Ordine Mauriziano

16/12/2004    1185    428    Battisti Giovanni

16/12/2004    1186    430    Nunzi Osvaldo

16/12/2004    1187    432    Melano Renato

02/03/2006    1048    435    DALMASSO GIUSEPPE

16/12/2004    1188    437    Fiorina Domenico

16/12/2004    1189    438    Barale Secondo

16/12/2004    1191    441    Parola Bartolomeo

16/12/2004    1192    442    Martina Vittorio

02/03/2006    1050    446    Bellonio Anna Maria

16/12/2004    1193    451    CHIOTTI Ernesto

16/12/2004    1194    457    Botta Lucia

02/03/2006    1052    464    Cavigliasso Gianpiero

02/03/2006    1053    465    Cavigliasso Gianpiero

02/03/2006    1054    466    Lisa Giovanni

02/03/2006    1056    471    Bertolusso Stefano

02/03/2006    1057    472    Bogetti Gabriele

02/03/2006    1059    477    Rebola Pierfranco

02/03/2006    1060    478    Azienda Agricola Brunetti Secondo

02/03/2006    1061    483    Consorzio Irriguo Pozzo Delfina

02/03/2006    1062    485    Oreglia Giovanni

02/03/2006    1066    490    Consorzio Irriguo Madonna Grazie

02/03/2006    1067    491    Consorzio Irriguo Pozzo Crosia

02/03/2006    1068    492    Consorzio Irriguo Pozzo Messonania

02/03/2006    1069    495    LONGO VASCHETTI PIETRO PLACIDO

02/03/2006    1070    496    Mina Bartolomeo

02/03/2006    1071    497    Azienda Agricola Chiavassa Francesco

02/03/2006    1072    499    Azienda Agricola Colombatto Giovanni Battista

02/03/2006    1073    500    Ferusso Giorgio

02/03/2006    1074    504    AZIENDA AGRICOLA ANGARAMO GIOVANNI

02/03/2006    1075    507    Supertino Bruno

02/03/2006    1076    508    CROSETTI Giovanni

02/03/2006    1077    512    Consorzio Irriguo Madonna della Guardia

02/03/2006    1078    514    Robasto Paola

02/03/2006    1079    522    Sola Francesco

03/03/2006    1081    526    Ariaudo Bernardino

03/03/2006    1082    527    Allasia Maria Andreina

03/03/2006    1083    528    Novarese Chiaffredo

03/03/2006    1085    553    Tuninetti Agnese

03/03/2006    1089    571    Griffone Romano

03/03/2006    1091    574    Azienda Agricola Luciano Guido

03/03/2006    1092    575    Azienda Agricola Palmero Giuseppe

03/03/2006    1093    576    Azienda Agricola Dalmasso Diego

03/03/2006    1094    583    Battistino Osvaldo

03/03/2006    1095    585    Galletto Dionigi

03/03/2006    1097    588    Maccagno Antonio

03/03/2006    1098    589    CONSORZIO IRRIGUO VIA MEZZANA

03/03/2006    1099    590    Calandri Matteo

03/03/2006    1100    591    CONSORZIO IRRIGUO VIA PIETRAGALLETTO

03/03/2006    1102    601    Chialva Franco

03/03/2006    1103    602    Lanzoni Laura

03/03/2006    1105    606    CONSORZIO IRRIGUO DEI CHIAPPETI

03/03/2006    1107    609    Cavallo Marcello

03/03/2006    1108    610    Giordano Giovanni

22/03/2006    1574    612    Rosatello Pier Paolo

03/03/2006    1113    617    Racca Lorenzo

03/03/2006    1115    619    Mana Bernardo

03/03/2006    1116    622    Cacciolato Nicola

03/03/2006    1117    624    Rossi Sebastiano

03/03/2006    1120    630    Giraudo Francesco

06/03/2006    1122    637    Gariglio Marco

06/03/2006    1123    638    Miretti Oreste

06/03/2006    1124    643    Billò Sebastiano

06/03/2006    1125    646    Tosello Mariangela

06/03/2006    1126    648    Cravero GIUSEPPE

06/03/2006    1127    649    Billò Sebastiano

06/03/2006    1128    650    Griffone Romano

06/03/2006    1131    654    Azienda Agricola Cavaglià Matteo

06/03/2006    1132    657    Zorniotti Maria Maddalena

06/03/2006    1133    659    Boaglio Michele Giovanni

06/03/2006    1134    660    Supertino Pietro

06/03/2006    1136    663    CONSORZIO IRRIGUO REGIONE SPESSA

06/03/2006    1137    664    CONSORZIO IRRIGUO REGIONE TAVELLE

06/03/2006    1138    665    Brero Pier Giuseppe

16/03/2006    1449    670    Supertino Bruno

06/03/2006    1139    671    Cravero Antonio

06/03/2006    1145    679    Bonino Maddalena

06/03/2006    1148    682    Azienda Agricola Garis Antonio

06/03/2006    1150    684    Azienda Agricola Garis Giovanni

06/03/2006    1151    686    Azienda Agricola Busso Giancarlo

06/03/2006    1153    688    Tuninetti Gianfranco

06/03/2006    1154    689    Azienda Agricola Testa Giovanni e Mario S. S.

06/03/2006    1155    690    Pistone Maddalena

06/03/2006    1157    694    Silvestro Giuseppe

06/03/2006    1158    695    Gastaldi Giovanni

06/03/2006    1159    696    CONSORZIO IRRIGUOTETTO NUOVO

06/03/2006    1160    698    Testa Corrado

07/03/2006    1161    699    Bersia Giovanni

07/03/2006    1162    700    CISMONDO Michelangelo

07/03/2006    1163    704    Sacchetto Maria Grazia

07/03/2006    1164    705    Scotta Franco

07/03/2006    1165    707    Scotta Domenico

07/03/2006    1166    709    Isaia Aldo Constanzo

07/03/2006    1167    710    Isaia Aldo Constanzo

07/03/2006    1168    711    Monge Lucia

07/03/2006    1169    712    CONSORZIO IRRIGUO TETTO CHIOT

07/03/2006    1170    714    CONSORZIO IRRIGUO MADONNA DEGLI ANGELI

07/03/2006    1171    718    CONSORZIO IRRIGUO ROCCA

07/03/2006    1172    719    CONSORZIO IRRIGUO CENTRIFUGA PIOVANI

07/03/2006    1173    720    CONSORZIO IRRIGUO CENTRIFUGA MADONNA DEI PRATI

07/03/2006    1176    739    Azienda agricola Sarvia Giacomo

07/03/2006    1178    743    Fornero Giovanni

07/03/2006    1179    744    Costamagna Silvio

07/03/2006    1180    745    Rossone Chiafferdo

16/03/2006    1450    746    Arnolfo Francesco

07/03/2006    1181    747    Bainotti Antonio

07/03/2006    1182    748    Alladio Arturo

07/03/2006    1183    749    Ballari Filippo

07/03/2006    1184    750    AZIENDA AGRICOLA FRATELLI BAROLO DI BAROLO BERNARDINO
                & C. S. S.

07/03/2006    1185    751    CONSORZIO IRRIGUO CENTRIFUGA DOLZA

07/03/2006    1186    753    CONSORZIO IRRIGUO TETTO BOSCHI

07/03/2006    1187    772    AZIENDA AGRICOLA ALLEMANNO GIANFRANCO E PAOLO S. S.

07/03/2006    1189    788    Azienda Agricola Maero Guido

07/03/2006    1190    790    Garnero Livio

07/03/2006    1192    797    Audrito Domenico

07/03/2006    1194    801    Barra Giovanna Maria

07/03/2006    1196    809    Azienda Agricola Petiti Maria Cristina

08/03/2006    1203    822    Azienda Agricola Guido Bassi

08/03/2006    1204    828    Isaia Giovanni

08/03/2006    1205    831    Bellocchio Brambilla Vittorio

08/03/2006    1206    832    Bellocchio Brambilla Vittorio

08/03/2006    1207    833    Vallauri Riccardo

08/03/2006    1208    834    Bertone Giuseppina

08/03/2006    1209    839    CONSORZIO IRRIGUO SANT’ANNA

08/03/2006    1210    852    Consorzio Irriguo Pozzo Abre

08/03/2006    1211    854    SNAM RETE GAS S.P.A.

08/03/2006    1213    861    Miretti Valter

08/03/2006    1214    862    CONSORZIO IRRIGUO SAN FIRMINO

08/03/2006    1215    863    Borsotto Milva

08/03/2006    1216    866    Cravero Francesco

08/03/2006    1217    870    BARAVALLE MARIA PIA

08/03/2006    1218    871    Mellano Giovanni Battista

08/03/2006    1220    875    Rainero Fernando

08/03/2006    1221    881    Azienda Agricola Alba Vivai S. S.

08/03/2006    1223    883    Azienda Agricola Alba Vivai S. S.

08/03/2006    1224    884    Cozzo Pietro

28/11/2005    1006    885    Risso Emma

08/03/2006    1225    892    Agù Giuseppino

08/03/2006    1226    899    Daniele Claudia

08/03/2006    1227    900    Ribero Maria Maddalena

16/03/2006    1451    924    Brero PIETRO

16/03/2006    1452    930    AGRICOLA CASCINA PALAZZO S.S.

16/03/2006    1455    955    Barale Michele

16/03/2006    1456    957    Brondino Antonio

16/03/2006    1457    958    Perotto Chiaffredo

16/03/2006    1458    959    Albertengo Elio

16/03/2006    1459    961    Daniele Teresa

16/03/2006    1460    970    Azienda Agricola Monetti Tommaso

16/03/2006    1461    989    AZIENDA AGRICOLA MARCONETTO IGINO FELICE E GIUSEPPE S.S.

16/03/2006    1463    993    BOGGERO ALDO

16/03/2006    1464    995    CONSORZIO IRRIGUO CANALE CERETTA

16/03/2006    1465    996    CONSORZIO IRRIGUO MORRA SAN MARTINO

16/03/2006    1466    997    CONSORZIO IRRIGUO POZZO CAMPAGNOLE

16/03/2006    1467    998    CONSORZIO IRRIGUO POZZO MOLINO

16/03/2006    1468    999    Vindemmio Oreste

16/03/2006    1469    1006    CISMONDO Michelangelo

16/03/2006    1471    1011    Monge Antonio

16/03/2006    1472    1012    Ponso Giovanna Lucia

16/03/2006    1473    1016    AZIENDA AGRICOLA FAVÀ S.S.

16/03/2006    1475    1021    CONSORZIO IRRIGUO CELEBRINI

16/03/2006    1476    1022    Fiandino Margherita

16/03/2006    1477    1024    Milanesio Michele

16/03/2006    1478    1032    Quaglia Matteo

16/03/2006    1479    1036    Comino Giuseppe

20/03/2006    1481    1039    Consorzio Irriguo del Mondino

20/03/2006    1482    1040    CONSORZIO IRRIGUO BEALERA DEL MOLINO

20/03/2006    1483    1054    Tonelli Angelo

20/03/2006    1484    1055    Dompè Antonio

20/03/2006    1485    1057    Consorzio Irriguo Pozzo Torre dei Mussi

20/03/2006    1486    1058    CONSORZIO IRRIGUO POZZO SAN SEBASTIANO

20/03/2006    1487    1066    Ballario Domenico

20/03/2006    1488    1072    Vinai Giovanni

20/03/2006    1489    1074    Fumero Gioachino

20/03/2006    1490    1079    Cassa di Risparmio di Fossano

20/03/2006    1491    1083    Spertino Sergio

08/03/2006    1230    1094    Molino Marcello

08/03/2006    1231    1095    Azienda Agricola Negro Elsa

08/03/2006    1233    1098    Bernardi Angiola Maria

08/03/2006    1234    1100    Bergese Marco

08/03/2006    1236    1105    Ghigo Bernardo

08/03/2006    1237    1106    Azienda Agricola Bergesio Francesco e Giovanni S.S.

08/03/2006    1239    1119    Bailo Eugenio

08/03/2006    1240    1127    Olivero Melchiorre

09/03/2006    1241    1128    BARAVALLE GIACOMO

28/11/2005    1007    1129    Bonetto Margherita

09/03/2006    1244    1138    CONSORZIO IRRIGUO VALENTINO

09/03/2006    1245    1146    Merlo Pietro Aldo

09/03/2006    1246    1148    Ramonda Mario

09/03/2006    1248    1152    Mondino Francesco

09/03/2006    1249    1159    Silvestro Francesco

09/03/2006    1250    1166    Serra Piero

09/03/2006    1251    1172    Olivero Esterina

09/03/2006    1252    1188    Azienda Agricola Marchisio S. S.

09/03/2006    1253    1194    Consorzio Irriguo Mattonotto

09/03/2006    1254    1204    Graffione Franco

09/03/2006    1255    1205    Azienda Agricola Gamba Chiaffredo e Piermario S.S.

09/03/2006    1256    1207    Consorzio Irriguo Centrifuga Alteni

09/03/2006    1257    1210    Consorzio Irriguo Centrifuga Perrucca

09/03/2006    1258    1211    Consorzio Irriguo San Giuseppe

09/03/2006    1260    1215    Audisio Giuseppe

09/03/2006    1261    1221    Gattino Gianfranco

09/03/2006    1262    1222    BARRA GIOVANNI BATTISTA

09/03/2006    1263    1225    Arnaudo Domenico

09/03/2006    1265    1242    Mascarello Giovanni

09/03/2006    1266    1243    Colombero Ernesto

09/03/2006    1268    1245    Tallone Stefano

09/03/2006    1270    1249    Bruno Cristina

09/03/2006    1271    1251    Pagliero Marziano

09/03/2006    1272    1252    Giordana Antonio

09/03/2006    1273    1253    Ferrero Giacomo

09/03/2006    1274    1256    Lovera Adriano

09/03/2006    1278    1272    Sola Gerolamo

09/03/2006    1279    1273    Sola Gerolamo

09/03/2006    1280    1275    Consorzio Irriguo Madonna delle Grazie

28/11/2005    1008    1277    Berardo Michele

10/03/2006    1283    1280    Valinotti Michelangelo

10/03/2006    1285    1283    Azienda Agricola Benne S. S.

10/03/2006    1286    1287    Crosetti Massimo

10/03/2006    1287    1288    Sicurtà Guido

10/03/2006    1288    1289    Alesso Marco

10/03/2006    1289    1294    Giacosa Giuseppe

10/03/2006    1290    1297    CONSORZIO IRRIGUO VITTORIA

10/03/2006    1294    1306    Ghigo Natale

10/03/2006    1295    1315    Frencia Adriana

10/03/2006    1296    1316    Veglia Giovanni Battista

10/03/2006    1297    1317    Azienda Agricola di Ariaudo Massimo

10/03/2006    1298    1318    Borgogno Claudio

10/03/2006    1299    1319    Silvestro Guido

10/03/2006    1301    1324    Risso Pier Paolo

10/03/2006    1302    1325    Barbero Carlo

10/03/2006    1303    1329    Disderi Enzo

10/03/2006    1304    1332    Azienda Agricola Eredi Rolando Livio di Boiero Maria Teresa

10/03/2006    1305    1333    Consorzio Irriguo Pozzo Conte Paolo Falletti

10/03/2006    1306    1334    Ballario Nicola

10/03/2006    1307    1335    Giraud Paolo

10/03/2006    1308    1336    Falletti di Villafalletto Paolo Sismondo

10/03/2006    1309    1337    Consorzio Irriguo Campolungo

10/03/2006    1310    1338    Gosmaro TOMASO

10/03/2006    1312    1343    Consorzio Irriguo Pozzo Borgognone Verani

10/03/2006    1313    1345    Ribero Giovanni Battista

10/03/2006    1316    1348    Unia Giuseppe

10/03/2006    1317    1353    Risso Santina

10/03/2006    1318    1361    Alberione Maddalena

10/03/2006    1319    1376    Trecco Angelo

10/03/2006    1320    1379    Gullino BERNARDO

13/03/2006    1322    1383    Aimar Giovanni Alfredo

13/03/2006    1323    1384    Oberto Chiaffredo

13/03/2006    1324    1386    Giordano Antonietta

13/03/2006    1325    1391    Pozzo Irriguo Piagere S. S.

13/03/2006    1327    1394    Marchisio Giovanni

13/03/2006    1328    1397    Maurino Mario Giuseppe

13/03/2006    1329    1401    Dalmasso Giovanni

13/03/2006    1332    1412    Quaranta Roberto

13/03/2006    1333    1418    Sabena Bruno

13/03/2006    1334    1424    Lovera Giovanni Battista

13/03/2006    1335    1432    Allasia Franco

13/03/2006    1336    1434    Costantino Maddalena

13/03/2006    1337    1436    SORASIO LUCIANO DOMENICO

13/03/2006    1339    1457    Consorzio Irriguo Monte Bracco

13/03/2006    1340    1463    Galletto Bernardo

13/03/2006    1341    1469    Consorzio Irriguo Pozzo Magliana

13/03/2006    1342    1470    Consorzio Irriguo Pozzo Bealerotta

13/03/2006    1343    1471    Consorzio Irriguo Canale Piozza

13/03/2006    1344    1474    Consorzio Estrazione Idrica San Barnaba

13/03/2006    1345    1479    Caselli Cunegonda

13/03/2006    1351    1486    Fissore Margherita

28/11/2005    1012    1490    Mina Luigi

28/11/2005    1013    1493    Rosso Pietro

28/11/2005    1014    1494    Ravera Piero

28/11/2005    1015    1495    Ratti Andrea

13/03/2006    1353    1500    Prato Michele

28/11/2005    1017    1508    Mondino Michele

28/11/2005    1020    1516    Dossetto Aldo

28/11/2005    1021    1522    Ponsi ROSANNA

13/03/2006    1354    1525    Bertorello Giovanni

13/03/2006    1356    1528    Martino Maria Giuseppina

13/03/2006    1357    1531    Bernardi Rachele

13/03/2006    1358    1534    Moine Germano

13/03/2006    1359    1535    Bruno Giuseppe

28/11/2005    1025    1536    Pansa Aldo

14/03/2006    1361    1538    Daniele Pietro

28/11/2005    1026    1543    Merlo Giorgio

28/11/2005    1027    1547    Forano Adriano

28/11/2005    1028    1549    Bellonio Giovanni

28/11/2005    1029    1550    Diale Michele Valentino

28/11/2005    1030    1553    Gerbaudo Bartolomeo

28/11/2005    1031    1555    Gianoglio Vittorio

13/03/2006    1347    1557    Consorzio Irriguo pozzo di San Sebastiano

28/11/2005    1033    1559    Margaria Elio

28/11/2005    1034    1561    Azienda Agricola Operti Antonio

28/11/2005    1035    1562    Panuello Bernardo

28/11/2005    1036    1564    Renaudo Alberto

28/11/2005    1037    1565    Sampò Giovenale

28/11/2005    1038    1568    Testa Mario

28/11/2005    1039    1571    Tortone Nicola

29/11/2005    1042    1579    Azienda Agricola Sorasio Renata

29/11/2005    1043    1581    Azienda Agricola Maccagno Alessio

29/11/2005    1045    1583    Azienda Agricola Grosso Augusto

29/11/2005    1047    1585    Buffa Giuseppe

14/03/2006    1364    1588    Galliano Carla Lucia

29/11/2005    1049    1589    Ribodino Angela

29/11/2005    1050    1591    Salusso Luigi

29/11/2005    1051    1595    Pansa Marisa

29/11/2005    1052    1598    Mariano Giuseppe

29/11/2005    1056    1618    Alberione Giuseppe

29/11/2005    1057    1619    Consorzio Irriguo Praietta

29/11/2005    1058    1624    COPPOLA ELVIRA

14/03/2006    1367    1628    Consorzio Irriguo Roata Rossi

14/03/2006    1368    1630    Balangero Davide

29/11/2005    1060    1631    BARGE S.R.L.

29/11/2005    1061    1636    Gloria Antonio

29/11/2005    1062    1638    Fissore Giovanni

29/11/2005    1063    1641    Consorzio Irriguo Torne

14/03/2006    1371    1643    Consorzio Irriguo Santa Margherita

14/03/2006    1372    1645    Consorzio Irriguo Sibilla

14/03/2006    1373    1646    Conte Mario

29/11/2005    1065    1655    Consorzio Irriguo Tetto Alto

29/11/2005    1067    1657    Tuninetti Carlo

29/11/2005    1068    1658    Spertino Giacomo

14/03/2006    1374    1660    Mana Lidia Margherita

29/11/2005    1069    1661    Chiattone Maria Concetta

29/11/2005    1070    1663    Consorzio Irriguo Macravecchia

14/03/2006    1375    1671    Giletta Bartolomeo

14/03/2006    1376    1676    Consorzio Irriguo Pozzo Morina

29/11/2005    1075    1678    Allemandi Giovanni Battista

14/03/2006    1377    1679    Colla Stefano

29/11/2005    1076    1684    Vercelli Irene

29/11/2005    1078    1694    Cencio Carlo

14/03/2006    1379    1698    Testa Antonio

29/11/2005    1080    1701    Ficetti Giuseppe

30/11/2005    1081    1702    Ficetti Giuseppe

30/11/2005    1083    1709    Azienda Agricola Ferraris Matteo e figlio Michele S. S.

30/11/2005    1084    1712    Rinaudo Davide

30/11/2005    1085    1713    Bersano Lorenzo

30/11/2005    1086    1717    Daniele Elio

14/03/2006    1382    1720    Fontane sas di Carle Italo, Cravero Giovanni e C.

30/11/2005    1087    1723    Barbero Franco

30/11/2005    1088    1726    Maero Luca

30/11/2005    1089    1729    Parola Mario

14/03/2006    1383    1730    Vagliano Franco

14/03/2006    1384    1731    Consorzio Irriguo S. Margherita

14/03/2006    1385    1732    Alocco Silvana

14/03/2006    1386    1734    Azienda Agricola Cavallo Francesco

30/11/2005    1092    1741    Barbero Bernardino

14/03/2006    1388    1747    Origlia Carlo

14/03/2006    1389    1752    Arese Bruno

30/11/2005    1093    1755    Sorasio Caterina

30/11/2005    1095    1757    Aimar Luigi

30/11/2005    1096    1759    Porchietto Margherita

30/11/2005    1097    1760    Barbero Francesco

30/11/2005    1098    1761    Gastaldi Giovanni

14/03/2006    1392    1763    Tavella Luigi

14/03/2006    1393    1764    Martino Felicita

30/11/2005    1099    1767    Garello Filippo

30/11/2005    1100    1768    Delfino Pietro

30/11/2005    1101    1769    Ghersi Angela

30/11/2005    1102    1771    Consorzio Irriguo S. Grato

30/11/2005    1103    1772    Ponzi Ettore

30/11/2005    1104    1774    Macchiorlatti Vignat Giuseppe

14/03/2006    1395    1782    Consorzio Irriguo Pozzo Tre Tetti

14/03/2006    1397    1786    Ghersi Giovanni Battista

30/11/2005    1106    1789    BONAMICO LUCIA

14/03/2006    1398    1792    Occello Sergio

14/03/2006    1399    1793    Consorzio Irriguo San Luigi

30/11/2005    1109    1798    CONSORZIO IRRIGUO FONTANILE OTTAVIA

30/11/2005    1110    1801    Civalleri Maurizio

14/03/2006    1400    1802    Trucco Antonino

30/11/2005    1111    1803    Gastaldi ELVIRA

30/11/2005    1112    1805    Mossano Matteo

30/11/2005    1113    1806    Arnolfo Maria Giovanna

30/11/2005    1114    1807    Gaido Domenico

30/11/2005    1115    1812    Chiavazza Giacomo

30/11/2005    1117    1821    Fondazione Ordine Mauriziano

30/11/2005    1119    1827    Burzio Andrea

30/11/2005    1120    1829    Cavaglià Bartolo

15/03/2006    1406    1830    Busso Pietro Mario

01/12/2005    1123    1833    Donetto Clemenza

01/12/2005    1125    1837    Demichelis Antonio

01/12/2005    1126    1838    Consorzio Irriguo Rive di Stura

01/12/2005    1127    1841    Bordisso Luigi

01/12/2005    1128    1844    Consorzio Irriguo Pozzo Risaia

01/12/2005    1129    1845    Consorzio Irriguo Pozzo Garaita

15/03/2006    1407    1846    Consorzio Irriguo Ferrati

01/12/2005    1130    1851    Barberis Giovanni

15/03/2006    1409    1857    Consorzio Idrico Bicocca

15/03/2006    1410    1860    Consorzio Presa Idrica di Santa Cristina di Tarantasca

15/03/2006    1411    1863    Albertengo Ermanno

15/03/2006    1412    1865    Barra Domenico

01/12/2005    1132    1867    Borghino Domenico

15/03/2006    1413    1868    Ghigo Giovanni Battista

01/12/2005    1133    1869    Sacchetto Michele

01/12/2005    1134    1870    Viglietta Matteo S.p.A.

15/03/2006    1414    1871    Ribotta Mario

01/12/2005    1135    1872    Dossetto Flavio Stefano

01/12/2005    1136    1873    Azienda Agricola Biolatto Lorenzo

01/12/2005    1137    1875    Consorzio Irriguo Pozzo Tre Pali

15/03/2006    1415    1876    Ferrato Chiaffredo

15/03/2006    1416    1877    Oddovero Francesco

15/03/2006    1417    1878    Zavattero Estella

01/12/2005    1138    1883    Perassi Oreste

01/12/2005    1139    1886    Chicco Francesco

15/03/2006    1418    1888    Biolatto Silvio

01/12/2005    1141    1891    Donalisio Giuseppe

01/12/2005    1143    1897    Ingaramo Giovanni

01/12/2005    1144    1900    Perlo Adriano Michele

15/03/2006    1419    1909    viale Mario

01/12/2005    1147    1911    Sabena Piergiorgio

01/12/2005    1148    1912    Mulassano Bartolomeo

01/12/2005    1149    1920    Senestro Dario

15/03/2006    1420    1926    Osella Domenico

01/12/2005    1152    1929    Azienda Agricola Diale Fratelli Domenico e Livio S. S.

01/12/2005    1153    1931    Primo Adriano

01/12/2005    1154    1935    Varetto Battista

01/12/2005    1155    1937    Stassi Amedeo

15/03/2006    1421    1944    CAVAGLIÀ Giampiero

01/12/2005    1156    1946    Peiretti Sebastiano

15/03/2006    1423    1948    Garis Bernardino

01/12/2005    1157    1951    Osella Bartolo

15/03/2006    1424    1955    Cravero Giovanni

15/03/2006    1425    1956    Barbero Antonia Luciana

01/12/2005    1160    1964    Azienda Agricola Ruatta Giacomino

02/12/2005    1161    1965    Azienda Agricola Ferrero Beatrice

02/12/2005    1165    1969    Azienda Agricola Beoletto Margherita

15/03/2006    1429    1972    Azienda Agricola Ferrato Dario

02/12/2005    1168    1976    Azienda Agricola Rolando Albino

02/12/2005    1169    1980    Azienda Agricola Migliore Claudio

02/12/2005    1171    1986    Azienda Agricola Rabarvo Maria

02/12/2005    1172    1990    Romano Domenico

02/12/2005    1174    1995    Giachero Franco

02/12/2005    1175    2012    Brovero Giuseppina

02/12/2005    1176    2015    Robasto Mario

02/12/2005    1177    2017    Lanzetti Gabriele

02/12/2005    1178    2019    Paschetta Francesco

15/03/2006    1434    2026    Consorzio Irriguo “cascina Nuova”

15/03/2006    1435    2027    AZIENDA AGRICOLA SALVETTI GIOVANNI E F.LLI S.S.

02/12/2005    1182    2030    Giordana Giovanni Battista

02/12/2005    1183    2032    Bellonio Valerio

02/12/2005    1184    2033    Paschetta Giuseppe

15/03/2006    1436    2034    Ricciolio Gianluigi

15/03/2006    1437    2037    Abrate Giuseppe

02/12/2005    1185    2042    Cravero Ambrogio

15/03/2006    1439    2050    Ambrogio Ignazio e Elio S.S.

15/03/2006    1440    2054    Raso Pietro

16/03/2006    1442    2058    Ferrero Franco

02/12/2005    1188    2059    Serravalle Vittorio

16/03/2006    1443    2060    Maino Severino

02/12/2005    1189    2065    Sasia Giuseppe

02/12/2005    1191    2067    Allasia Iolanda

02/12/2005    1192    2068    Rolando Natale

02/12/2005    1193    2070    Trecco Claudio

02/12/2005    1194    2071    Vacchino Ezio

02/12/2005    1196    2074    Pistone Ermanno

16/03/2006    1444    2077    Verra Giovanni

02/12/2005    1200    2087    Bertorello Gino

05/12/2005    1201    2088    Cordero Giuseppe

05/12/2005    1202    2093    Godano Margherita

05/12/2005    1203    2095    Battistino Pierluigi

16/03/2006    1446    2097    Dolce Pietro

05/12/2005    1204    2100    Bertola Piero Giuseppe

05/12/2005    1205    2101    Ghigo Sergio

05/12/2005    1206    2102    Giobergia Luigi

05/12/2005    1207    2106    Azienda Agricola Aimar Riccardo e Fabrizio S. S.

05/12/2005    1209    2108    Rolfo Silvio

20/03/2006    1492    2113    Costamagna Franca

20/03/2006    1493    2116    Marengo Alessandro

20/03/2006    1495    2120    Arnolfo Oreste

20/03/2006    1496    2121    Arnolfo Oreste

20/03/2006    1499    2138    Arnolfo Antonio

20/03/2006    1500    2149    Olivero Franco

20/03/2006    1501    2159    Azienda Agricola Borgognone Giuseppe

20/03/2006    1504    2165    Tesio Giuseppe

20/03/2006    1505    2166    Azienda Agricola Bruno Maria Piera

20/03/2006    1506    2167    Azienda Agricola Allemandri Franco Carlo

20/03/2006    1507    2176    VALLA GIOVANNI CARLO

20/03/2006    1509    2188    Perassi Guglielmo

20/03/2006    1510    2189    Villosio Francesco

20/03/2006    1511    2209    Cresto Bruno

20/03/2006    1512    2210    Dotta Pietro

20/03/2006    1513    2221    Aprile Giovanni

20/03/2006    1514    2223    Azienda Agricola Morello Pasquale e Francesco S.S.

20/03/2006    1515    2228    Azienda Agricola Scarafia Giorgina

20/03/2006    1516    2229    Azienda Agricola Ponzio Franco

20/03/2006    1517    2237    Coccalotto Giuseppe

20/03/2006    1519    2244    Gili Giancarlo

21/03/2006    1522    2263    Azienda Agricola Mattio Giovanni

21/03/2006    1523    2264    Romano Battista

21/03/2006    1524    2273    Barberis Michele

21/03/2006    1525    2288    Banchio Beatrice

21/03/2006    1526    2292    SAN MARTINO NICOLÒ

21/03/2006    1527    2294    Morino Luigi

21/03/2006    1528    2301    Comino Giuseppe

21/03/2006    1530    2328    Osella Alessandro

21/03/2006    1531    2332    Audisio Margherita

21/03/2006    1532    2344    Borgarello Caterina

21/03/2006    1536    2367    Barra Maria

21/03/2006    1537    2376    Musso Francesco

21/03/2006    1538    2383    Borghino Alida Lucia

21/03/2006    1539    2388    Bigo Mauro

21/03/2006    1540    2390    Bigo Mauro

21/03/2006    1542    2407    Busso Maria

21/03/2006    1543    2408    Casale Alloa Giuseppe

21/03/2006    1544    2413    Vaschetto Giovanni Battista

21/03/2006    1549    2442    Boglio Ernestina Maria

21/03/2006    1550    2443    Boglio Romualdo

21/03/2006    1551    2453    Ballari Antonio

21/03/2006    1552    2465    Manassero Franco

21/03/2006    1553    2475    Azienda Agricola Campana Vincenzo

21/03/2006    1559    2610    Barbero Domenico

22/03/2006    1561    2768    Isoardi Andrea

22/03/2006    1562    2771    Rossi Domenico

22/03/2006    1564    2794    Cravero Pasquale

13/03/2006    1348    2918    Camisassa Giovanni

13/03/2006    1349    2925    Roasio Francesco

22/03/2006    1570    2958    Ricotto Teresa

22/03/2006    1571    2968    Marchisio Giovanni

22/03/2006    1575    3036    Azienda agricola “TRYBECA”

22/03/2006    1577    3057    Curti Pietro

22/03/2006    1578    3068    Garelli Andrea

22/03/2006    1579    3069    Bertero Michele

22/03/2006    1580    3070    Supertino Giovanni Battista

22/03/2006    1581    3071    Azienda agricola Isaia Vincenzo

22/03/2006    1583    3088    Azienda agricola Demarchi Chiaffredo e Giuseppe s.s.

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 2 captazioni

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

01/03/2006    1012    191    Tesio Giuseppe

07/12/2004    1098    197    Azienda Agricola Battisti Guglielmo

01/03/2006    1013    201    Tesio Giuseppe

07/12/2004    1118    203    Balangero Pietro

01/03/2006    1015    211    Tesio Giovanni

09/12/2004    1111    237    Brondino Giuseppe

09/12/2004    1119    252    Giorgis Adriana

10/12/2004    1121    258    Azienda Agricola Taricco Bartolomeo

10/12/2004    1122    262    Azienda agricola Culasso Enrico

01/03/2006    1028    274    Quaglia Bruno

10/12/2004    1130    288    Rabbia Lorenzo

10/12/2004    1131    291    Azienda Agricola Masera Valerio

01/03/2006    1029    294    Barale Francesco

13/12/2004    1141    312    Azienda Agricola Garzino Giovanni Battista e Domenico

13/12/2004    1143    314    Azienda Agricola Garnero Enzo

13/12/2004    1145    318    Rinaudo Barale Ferruccio

13/12/2004    1147    320    Rivoira Lodovico

13/12/2004    1148    321    Azienda Agricola Anellino Walter

13/12/2004    1149    324    Azienda Agricola LA CASCINETTA di Peruccio Giuseppe

14/12/2004    1151    332    AZIENDA AGRICOLA MELLETTA S.N.C. DI ADA OLIVOTTO & C.

14/12/2004    1155    347    Azienda Agricola Ropolo Giuseppe

14/12/2004    1162    357    Paschetta Stefano

01/03/2006    1037    366    Esma Massimo

15/12/2004    1171    377    Gullino Francesco

15/12/2004    1172    378    Azienda Agricola Brugiafreddo Pietro e figli Emanuele e Alberto S. S.

16/12/2004    1183    413    Ponso Osvaldo

02/03/2006    1051    454    Isoardi Antonio

02/03/2006    1036    358    Garza Oddone

02/03/2006    1055    470    Brizio Biagio

02/03/2006    1080    525    Piacenza Marco

03/03/2006    1084    539    Azienda Agricola Operti Pietro

03/03/2006    1109    611    Ferrero Antonio

03/03/2006    1110    613    Varetto Giovanni Battista

03/03/2006    1111    614    Martino Renzo

03/03/2006    1114    618    Azienda Agricola Tosco Aurelio

03/03/2006    1118    627    Camisassa Giovanni

06/03/2006    1121    631    Costamagna Angelo Italo

06/03/2006    1135    662    Azienda Agricola Pettiti Maria

06/03/2006    1140    673    Azienda Agricola Bongiovanni Stefano

06/03/2006    1143    677    Azienda Agricola Cavaglià Carlo

06/03/2006    1156    693    Piumetti Matteo Pasquale

07/03/2006    1177    742    AZIENDA AGRICOLA MONASTEROLO FRATELLI ROBERTO E SERGIO S. S.

07/03/2006    1188    785    Bono Francesca

07/03/2006    1193    798    BARBERO GIUSEPPE

07/03/2006    1199    815    Azienda Agricola Camisassa Giovanni

08/03/2006    1201    819    Azienda Agricola Abba Stefano

08/03/2006    1202    820    Azienda Agricola Tortone Giovanni Battista

08/03/2006    1212    857    Azienda Agricola Bertinetti Giovanni Bartolo

08/03/2006    1222    882    Azienda Agricola Alba Vivai S. S.

08/03/2006    1238    1108    Marchisio Giorgio

09/03/2006    1259    1212    Rinaudo Livio

09/03/2006    1267    1244    Rocca Francesco

09/03/2006    1269    1246    Monetti Caterina

09/03/2006    1275    1259    CORTE DEI BALBI SOPRANI S.R.L.

09/03/2006    1276    1266    Ferrero Angelo

10/03/2006    1282    1279    Carena Francesco

10/03/2006    1284    1282    Milano Riccardo

10/03/2006    1291    1298    Rulfi Italo

10/03/2006    1292    1300    Alesso Mario

10/03/2006    1293    1301    Baricada Giovanni

10/03/2006    1311    1342    Gallo Bartolomeo

13/03/2006    1326    1393    Azienda Agricola di Angaramo Bartolomeo

13/03/2006    1330    1402    Azienda Agricola Pozzo Nuovo di Quaranta Antonio S. S.

13/03/2006    1331    1407    Sacchetto Bartolomeo

28/11/2005    1011    1431    Ponso Aldo

13/03/2006    1346    1480    Roasenda Tomaso

13/03/2006    1352    1487    Mossano Pietro

28/11/2005    1018    1509    Azienda Agricola Paschetta Corrado e Elio S. S.

28/11/2005    1022    1526    Agù Mauro Giovanni

13/03/2006    1355    1527    Ferrato Giovanni

28/11/2005    1023    1532    Bono Rinaldo

28/11/2005    1024    1533    Borgognone Mario

14/03/2006    1362    1544    Ronco Giovanni

28/11/2005    1032    1556    Azienda Agricola Giorgis Carlo

14/03/2006    1363    1573    Azienda Agricola Allemano Giovanni e Mauro S. S.

29/11/2005    1041    1574    BUGLOSSI Emanuele

29/11/2005    1044    1582    Azienda Agricola Vallero Guido Giovanni

29/11/2005    1046    1584    Debernardi Pio

14/03/2006    1365    1602    Azienda Agricola Fruttero Bartolomeo

29/11/2005    1053    1603    Azienda Agricola Cravero Giuseppe

14/03/2006    1366    1614    Oggero Paolo

29/11/2005    1059    1629    Barale Stefano

29/11/2005    1066    1656    Ceresio Silvana in Tuninetti

29/11/2005    1071    1665    Gorgo Maurizio

29/11/2005    1072    1666    Serafino Giovanni

29/11/2005    1073    1667    Osella Agostino

29/11/2005    1077    1685    Vada Paolo

30/11/2005    1082    1704    Tortone Romano

14/03/2006    1387    1746    Audisio Antonio

14/03/2006    1390    1758    ARIAUDO Giovanni

14/03/2006    1391    1762    Battisti Giuseppe e Elio S.S.

30/11/2005    1105    1785    Balbo di Vinadio Edoardo

30/11/2005    1107    1794    Orlanda Filippo

30/11/2005    1108    1796    Balbiano d’Aramengo Carlo

15/03/2006    1401    1804    Biga Silvestro

15/03/2006    1402    1808    Cascina Roncaglia S.S.

30/11/2005    1116    1820    Raso Giacomo

01/12/2005    1124    1836    DEMARCHI BIAGIO

01/12/2005    1140    1887    Margaria Olga

01/12/2005    1142    1895    Alessio GIACOMO

01/12/2005    1145    1904    Rainero Fratelli S. S.

01/12/2005    1146    1906    Alberto Tommaso

01/12/2005    1151    1927    Maero Chiaffredo

15/03/2006    1422    1945    Vaschetti Bruno Pietro

01/12/2005    1158    1962    AL. BO. VIS. di Bosio Fratelli S. S.

01/12/2005    1159    1963    Azienda Agricola Vincenti Paolo

02/12/2005    1163    1967    Azienda Agricola Brunetti Livio

02/12/2005    1164    1968    Barale Mauro

15/03/2006    1428    1970    Azienda Agricola Rivoira Silvio e Fratelli S. S.

02/12/2005    1166    1974    Società Agricola Dalmasso Daniele e Germano S.S.

02/12/2005    1167    1975    Azienda Agricola Giletta Marco

02/12/2005    1170    1982    Azienda Agricola Gosmar Marco Domenico

02/12/2005    1173    1994    Roasio Renato

02/12/2005    1180    2021    Ponso Giovanni

02/12/2005    1186    2043    Calliero Tommaso

16/03/2006    1441    2055    Merlo Mario Andrea

02/12/2005    1195    2073    Azienda Agricola Chiabrando Cristoforo

02/12/2005    1198    2085    Cottura Rosa Maria

02/12/2005    1199    2086    Villois Sebastiano

16/03/2006    1453    950    Rivoira Piergiorgio

16/03/2006    1462    992    Perotto Giacomo

16/03/2006    1474    1018    Vanzetti Gabriele

20/03/2006    1498    2133    Roasio Stefano

20/03/2006    1502    2160    Cesano Oreste

20/03/2006    1503    2164    Sanmartino Giuseppe

20/03/2006    1518    2241    Primo Giovanni

21/03/2006    1529    2309    SAMPÒ Giovanni

21/03/2006    1534    2358    Allemandi Romualdo

21/03/2006    1541    2393    Baravalle Spirito Alberto

22/03/2006    1569    2823    Carezzana Domenico

22/03/2006    1576    3056    Azienda Agricola BERGESE Pierluigi

22/03/2006    1584    3154    Consorzio Irriguo canale del Molino

22/03/2006    1586    3160    Sacchetto Giuliano

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 3 captazioni

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

07/12/2004    1095    188    Isaia Bartolomeo

01/03/2006    1014    204    Balangero Pietro

07/12/2004    1100    207    Demichelis Antonio

01/03/2006    1017    216    Balangero Pietro

09/12/2004    1120    253    Migliore Carlo

01/03/2006    1027    273    Sacco Biagio

01/03/2006    1032    329    Azienda Agricola Streppe di Bonetto Giovanni

01/03/2006    1035    348    Peruccio Pietro

15/12/2004    1178    399    Bertorello Valerio

15/12/2004    1180    402    Macchiorlatti Vignat Giovanni

16/12/2004    1190    440    Bresciano AUGUSTO

02/03/2006    1058    476    Bruno Michele

02/03/2006    1065    489    AZIENDA AGRICOLA MAERO DAVIDE

28/11/2005    1003    533    TURLETTI VITTORIO

03/03/2006    1087    561    AZIENDA AGRICOLA BRERO ANTONINO E FIGLI ENRICO E VALERIO S.S.

03/03/2006    1090    573    Azienda Agricola Vanzetti Francesco

03/03/2006    1101    595    Tesio Giovanna

03/03/2006    1112    615    Berardo MICHELE

06/03/2006    1147    681    AZIENDA AGRICOLA GARIS ANTONIO E GIANPIERO S. S.

06/03/2006    1149    683    Azienda Agricola Bussi Eugenio

07/03/2006    1195    804    Azienda Agricola Calliero Giovanni Battista

07/03/2006    1198    814    AZIENDA AGRICOLA SUPERTINO ATTILIO E RENATO S. S.

02/03/2006    1049    864    Azienda Agricola Quaglia Andrea Matteo e Luca Michele S. S.

09/03/2006    1243    1137    Calcagno Giancarla

10/03/2006    1300    1321    Adriano Mario

10/03/2006    1315    1347    Bo Alessandra

28/11/2005    1016    1502    Azienda Agricola Chiavazza Fratelli S. S.

29/11/2005    1048    1586    Cavallone Giovanni

29/11/2005    1064    1654    Dellavalle Renato

29/11/2005    1074    1670    Longo Michele

14/03/2006    1378    1682    Zabena Giuseppe

29/11/2005    1079    1696    Rossetto Giovanni

14/03/2006    1380    1707    Borretta Paolo

14/03/2006    1396    1783    Sviluppo Agricolo s.n.c.

30/11/2005    1118    1825    CAVAGLIÀ Giampiero

01/12/2005    1121    1831    Bunino Cristoforo

01/12/2005    1131    1855    Grande Francesco

15/03/2006    1408    1856    Giaccone Giovanna

15/03/2006    1430    1973    Azienda Agricola Mondino Endro Giovanni Michele

15/03/2006    1432    1989    Dalmasso Luigi

02/12/2005    1179    2020    La Valle Marilena

02/12/2005    1181    2024    Godano Giovanni Battista

02/12/2005    1197    2078    Bonino Pasquale

05/12/2005    1208    2107    Brondelli di Brondello Guido

16/03/2006    1480    1038    CONSORZIO IRRIGUO POZZO SANT’ANNA

20/03/2006    1520    2248    Boasso Francesco

21/03/2006    1533    2350    Maero Bernardino

21/03/2006    1535    2366    Azienda Agricola Audisio Giovanni e Michele fratelli S.S.

21/03/2006    1546    2430    Barale Alfio Giuseppe

07/12/2004    1095    188    Isaia Bartolomeo

01/03/2006    1014    204    Balangero Pietro

07/12/2004    1100    207    Demichelis Antonio

01/03/2006    1017    216    Balangero Pietro

09/12/2004    1120    253    Migliore Carlo

01/03/2006    1027    273    Sacco Biagio

01/03/2006    1032    329    Azienda Agricola Streppe di Bonetto Giovanni

01/03/2006    1035    348    Peruccio Pietro

15/12/2004    1178    399    Bertorello Valerio

15/12/2004    1180    402    Macchiorlatti Vignat Giovanni

16/12/2004    1190    440    Bresciano AUGUSTO

02/03/2006    1058    476    Bruno Michele

02/03/2006    1065    489    AZIENDA AGRICOLA MAERO DAVIDE

28/11/2005    1003    533    TURLETTI VITTORIO

03/03/2006    1087    561    AZIENDA AGRICOLA BRERO ANTONINO E FIGLI ENRICO E VALERIO S.S.

03/03/2006    1090    573    Azienda Agricola Vanzetti Francesco

03/03/2006    1101    595    Tesio Giovanna

03/03/2006    1112    615    Berardo MICHELE

06/03/2006    1147    681    AZIENDA AGRICOLA GARIS ANTONIO E GIANPIERO S. S.

06/03/2006    1149    683    Azienda Agricola Bussi Eugenio

07/03/2006    1195    804    Azienda Agricola Calliero Giovanni Battista

07/03/2006    1198    814    AZIENDA AGRICOLA SUPERTINO ATTILIO E RENATO S. S.

02/03/2006    1049    864    Azienda Agricola Quaglia Andrea Matteo e Luca Michele S. S.

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 4 captazioni

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

07/12/2004    1103    223    Osella Margherita

14/12/2004    1152    333    TUNINETTI MARIA ROSA

02/03/2006    1047    415    Porta Sergio

28/11/2005    1004    534    Ferrero Pier Luigi

03/03/2006    1106    607    Nicola Armando

08/03/2006    1235    1103    Delleani Egidio

16/03/2006    1470    1009    AZIENDA AGRICOLA SACCHETTO LORENZO E FIGLI S.S.

20/03/2006    1494    2117    Giaccardi Biagio

21/03/2006    1521    2260    Righetti Mauro

21/03/2006    1545    2417    Maero Pietro

21/03/2006    1547    2433    Boglio Antonino

21/03/2006    1548    2436    Boglio Bruno

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 5 captazioni

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

14/12/2004    1163    359    Cordero Sebastiano s.r.l.

13/03/2006    1321    1382    Oberto Guido

30/11/2005    1091    1738    Corsino Catterina

15/03/2006    1404    1823    Azienda Agricola Mandrile Maria Grazia

16/03/2006    1454    954    Barale Michele

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 6 captazioni

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

07/12/2004    1102    218    Azienda Agricola fratelli Bodrero S. S.

02/12/2005    1162    1966    AZIENDA AGRICOLA BRUNETTI PAOLO

15/03/2006    1431    1988    Consorzio Irriguo Serravalle di Piasco

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 7 captazioni

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

02/03/2006    1042    394    Osella Giacomo

14/03/2006    1369    1633    Azienda Agricola Conte Francesca

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 10 captazioni

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

09/03/2006    1277    1270    Baudino Giovanni


CONCESSIONI PREFERENZIALI AD USO AGRICOLO A BOCCA NON TASSATA
ASSOCIATO AD UN USO CIVILE O ZOOTECNICO

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 1 captazione

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

08/03/2006    1228    1010    R.F. ITALIANA DI PAUTASSI VITTORIO E C. SNC

09/03/2006    1247    1150    Giuliano Oscar

13/03/2006    1360    1537    Brondino Bartolomeo

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 2 captazioni

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

01/03/2006    1024    257    Macchiorlatti Vignat DOMENICO

01/03/2006    1030    298    Azienda Agricola Ambrogio Pier Carlo e Gianbattista

28/11/2005    1001    381    Azienda Agricola Monetti Gianfranco e Mario S. S.

01/03/2006    1039    382    AZIENDA AGRICOLA BRIZIO GIOVANNI BATTISTA

15/12/2004    1174    384    AZIENDA AGRICOLA MARCHISIO ORESTE FRANCESCO

01/03/2006    1040    385    Società Agricola Angelo e Carlo Quaglia S. S.

02/03/2006    1044    404    Martino Chiaffredo

28/11/2005    1002    429    AZIENDA AGRICOLA BARBERO ALDO E ADRIANO FRATELLI S. S.

03/03/2006    1086    560    Azienda Agricola Gagna Giulio e Gariglio Giuliana S.S.

03/03/2006    1119    629    Bergese Claudio

06/03/2006    1141    675    AZIENDA AGRICOLA BUSSO NICOLA, ALDO E GIUSEPPE S.S.

06/03/2006    1142    676    AZIENDA AGRICOLA BUSSO GIUSEPPE E BARTOLO S. S.

06/03/2006    1144    678    AZIENDA AGRICOLA BRUGIAFREDDO PIETRO E FIGLI EMANUELE
                ED ALBERTO S. S.

06/03/2006    1146    680    Anfossi Gianfranco

08/03/2006    1219    872    Azienda Agricola Grasso Giuseppe e figlio Roberto S. S.

08/03/2006    1229    1090    Fissore Gianfranco

08/03/2006    1232    1097    Tomatis Giovanna

09/03/2006    1264    1228    Azienda Agricola Gatti Ferruccio di Gatti Giovanni S. S.

10/03/2006    1314    1346    Bodrero Giovanni

28/11/2005    1040    1572    Marengo Bartolomeo

29/11/2005    1054    1605    Azienda Agricola Cravero Dino

15/03/2006    1403    1819    Marchisio Agostino

01/12/2005    1122    1832    Mellano Giacomo

15/03/2006    1438    2038    Maero Francesco

16/03/2006    1445    2084    Testa Piodecimo

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 3 captazioni

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

02/03/2006    1041    389    Brugiafreddo Piergiovanni

02/03/2006    1063    487    Gastaldo Pietro

06/03/2006    1129    651    Azienda Agricola Granetto Tomaso Giuseppe

06/03/2006    1130    652    AZIENDA AGRICOLA GARIS GIOVANNI E BERNARDINO S.S.

06/03/2006    1152    687    AZIENDA AGRICOLA BUSSO GIORGIO E GIOVANNI BATTISTA S. S.

07/03/2006    1191    794    Azienda Agricola Trabucco Pietro e Aldo S. S.

07/03/2006    1200    817    AZIENDA AGRICOLA MONETTI ANDREA E MASSIMO S. S.

28/11/2005    1010    1390    Azienda Agricola di Burzio Bernardino

14/03/2006    1381    1716    Mina Antonio

30/11/2005    1090    1736    Gonella Romano e Pietro S.S.

30/11/2005    1094    1756    Borgognone Tommaso

15/03/2006    1405    1826    Azienda Agricola Bruno Sergio, Aldo e Claudio Fratelli S.S.

01/12/2005    1150    1922    Scarafia Giacomo

15/03/2006    1426    1957    Cuniglio Eraldo

15/03/2006    1433    2023    Cavigliasso Paolo

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 4 captazioni

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

01/03/2006    1021    245    Azienda Agricola Villabuona

03/03/2006    1096    587    Carena Renato

07/03/2006    1197    813    AZIENDA AGRICOLA MONETTI MATTIA E CORRADO S. S.

28/11/2005    1005    821    AZIENDA AGRICOLA SACCHETTO LUCIANO

09/03/2006    1242    1130    Vighetti Pier Giorgio

28/11/2005    1019    1512    Vagliengo Piergiorgio

14/03/2006    1394    1780    Carezzana Stefano

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 5 captazioni

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

14/03/2006    1370    1640    Azienda Agricola Varetto Cristoforino e Elio S. S.

15/03/2006    1427    1958    ABBÀ Giovanni Giuseppe

02/12/2005    1190    2066    Azienda Agricola Culasso Flavio

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 6 captazioni

Data e n. determina    N. Con. P.    Titolare
            

03/03/2006    1104    603    AZIENDA AGRICOLA FRATELLI DELSOGLIO GIUSEPPE, DOMENICO,
                ROBERTO S. S.

10/03/2006    1281    1278    Oasi Giovani


CONCESSIONI PREFERENZIALI AD USO CIVILE, ENERGETICO, LAVAGGIO DI INERTI,
PISCICOLO, POTABILE, PRODUZIONE BENI E SERVIZI E ZOOTECNICO

Elenco degli estratti delle concessioni preferenziali con 1 captazione

Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 29 novembre 2004 N° 1001 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società E. VIGOLUNGO S.P.A. (C.F. e P.IVA 00182600049), con sede in Canale regione Clementina, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Canale ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0384 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Canale, in regione Clementina - foglio di mappa 14 particella 113 - profondità 60 m - codice univoco CN P 10000 - portata massima 2 l/s - portata media 0,0384 l/s - ad uso produzione beni e servizi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 29 novembre 2004 N° 1002 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società BETON BOSCA S.R.L. (C.F. e P.IVA 00243840048), con sede in Santo Stefano Belbo via Cesare Pavese 16, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Santo Stefano Belbo ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,1427 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Santo Stefano Belbo, in via Cesare Pavese 26 - foglio di mappa 9 particella 219 - profondità 8 m - codice univoco CN P 10001 - portata massima 0,15 l/s - portata media 0,1427 l/s - ad uso produzione beni e servizi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 29 novembre 2004 N° 1003 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società MAHLE PISTONI ITALIA S.P.A. (C.F. e P.IVA 00470860016), con sede in La loggia via Carpeneto 17, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Saluzzo ad uso produzione beni e servizi la portata media di 3,8052 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in via Grangia vecchia - foglio di mappa 59 particella 88 - profondità 70 m - codice univoco CN P 10002 - portata massima 23 l/s - portata media 3,8052 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 29 novembre 2004 N° 1004 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 5) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società CEMENTAL S.P.A. (C.F. e P.IVA 00266230044), con sede in Genola via Orianasso 1, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Genola ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0102 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Genola, in via Orianasso 1 - foglio di mappa 2 particella 16 - profondità 8 m - codice univoco CN P 10004 - portata massima 5 l/s - portata media 0,0102 l/s - ad uso produzione beni e servizi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 29 novembre 2004 N° 1005 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 10) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società CAVA LAURENTIA DI DASTRÙ DARIO & C. S.N.C. (C.F. e P.IVA 00233670041), con sede in Revello via Revalanca 7, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Revello ad uso produzione beni e servizi la portata media di 3,171 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Revello, in località San Firmino - foglio di mappa 13 particella 92 - profondità 20 m - codice univoco CN P 10009 - portata massima 20 l/s - portata media 3,171 l/s - ad uso produzione beni e servizi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 29 novembre 2004 N° 1006 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 13) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società M.A.E.R. S.P.A. (C.F. 00411550049), con sede in Carvico via Don A. Pedrinelli 118, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Sommariva del Bosco ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,3488 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Sommariva del Bosco, in località Belvedere - foglio di mappa 2 particella 82 - profondità 46 m - codice univoco CN P 10013 - portata massima 3,4 l/s - portata media 0,3488 l/s - ad uso produzione beni e servizi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 29 novembre 2004 N° 1008 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 19) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società S.A.I.S.E.F. S.P.A. (C.F. e P.IVA 00180940041), con sede in Mondovi’ via Vittorio Veneto 4, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Bagnasco ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,2283 l/s dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di Bagnasco - foglio di mappa 19 particella 9 - codice univoco CN S 10002 - portata massima 30 l/s - portata media 0,2283 l/s - ad uso produzione beni e servizi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 29 novembre 2004 N° 1010 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 21) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società MIROGLIO S.P.A. (C.F. e P.IVA 00164430043), con sede in Alba via Santa Margherita 23, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Corneliano d’Alba ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0317 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Corneliano d’Alba, in località Moirane - foglio di mappa 7 particella 22 - profondità 12 m - codice univoco CN P 10027 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0317 l/s - ad uso produzione beni e servizi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 29 novembre 2004 N° 1011 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 23) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società LA BURNIA S.R.L. (C.F. e P.IVA 02725120048), con sede in Genola via Garetta 34, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Genola ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0095 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Genola, in via Garetta - foglio di mappa 2 particella 106 - profondità 15 m - codice univoco CN P 10029 - portata massima 10 l/s - portata media 0,0095 l/s - ad uso produzione beni e servizi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 29 novembre 2004 N° 1012 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 24) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società PIEMONTE LATTE - SOC. COOP. AGRICOLA (C.F. e P.IVA 00955650049), con sede in Savigliano via Cuneo 41/C, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,5708 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Savigliano, in via Cuneo 41/c - foglio di mappa 60 particella 61 - profondità 17 m - codice univoco CN P 10030 - portata massima 5,4 l/s - portata media 0,5708 l/s - ad uso produzione beni e servizi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 29 novembre 2004 N° 1013 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 26) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società BONGIASCA COSTRUZIONI DI BONGIASCA LUCIANO & C. S.N.C. (C.F. e P.IVA 02293430043), con sede in Sampeyre borgata Martini 36, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Frassino ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0108 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Frassino, in località Chianile - foglio di mappa 7 particella 32 - profondità 12 m - codice univoco CN P 10034 - portata massima 60 l/s - portata media 0,0108 l/s - ad uso produzione beni e servizi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 30 novembre 2004 N° 1016 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 31) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società MICHEL RETTILI S. R. L. (C.F. e P.IVA 03520060967), con sede in Cuneo via Borgo Nuovo 18, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Cuneo ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0777 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Cuneo, in via Borgonuovo 18 - foglio di mappa 86 particella 288 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10042 - portata massima 16,7 l/s - portata media 0,0777 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 30 novembre 2004 N° 1018 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 33) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società KIMBERLY-CLARK S.R.L. (C.F. e P.IVA 07629150017), con sede in Torino via dela Rocca 49, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Verzuolo ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,6659 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Verzuolo, in località Villanovetta strada provinciale Km 24 - foglio di mappa 3 particella 8 - profondità 32 m - codice univoco CN P 10045 - portata massima 3 l/s - portata media 0,6659 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 30 novembre 2004 N° 1019 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 35) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società PARIZIA S.R.L. (C.F. e P.IVA 00445910045), con sede in Lagnasco via Saluzzo 14, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Lagnasco ad uso civile la portata media di 0,02 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Lagnasco, in via Saluzzo 14 - foglio di mappa 10 particella 35 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10047 - portata massima 40 l/s - portata media 0,016 l/s - ad uso civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 marzo 2006 N° 1001 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 41) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società LAVANDERIE DOMINIO S.R.L. (C.F. e P.IVA 01951360047), con sede in Busca S.S. Laghi di Avigliana frazione Roata Raffo 48/a, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Busca ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,5042 l/s e ad uso civile la portata media di 0,0032 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Busca, in frazione Roata Raffo 48a - foglio di mappa 21 particella 172 - profondità 72 m - codice univoco CN P 10055 - portata massima 4 l/s - portata media 0,5074 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo e di raffreddamento e civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 30 novembre 2004 N° 1022 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 42) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società UNICALCESTRUZZI S.P.A. (C.F. 01303280067), con sede in Casale Monferrato via Luigi Buzzi 6, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Monasterolo di Savigliano ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,1015 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Monasterolo di Savigliano, in via Scarnafigi 39 - foglio di mappa 10 particella 278 - profondità 7 m - codice univoco CN P 10056 - portata massima 6 l/s - portata media 0,1015 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 30 novembre 2004 N° 1023 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 44) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società DANTE VIGLINO MARMI S.A.S. DI VIGLINO GIORGIO & C. (C.F. e P.IVA 02283690044), con sede in Neive corso R. Scagliola 153/bis, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Neive ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,1173 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Neive, in corso Scagliola 153 bis - foglio di mappa 15 particella 422 - profondità 14 m - codice univoco CN P 10059 - portata massima 5 l/s - portata media 0,1173 l/s - ad uso produzione beni e servizi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 30 novembre 2004 N° 1024 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 45) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società FONDERIA FOSSANESE S.N.C. (C.F. e P.IVA 01893240042), con sede in Fossano via Torino 46, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0035 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in via Torino 46 - foglio di mappa 49 particella 11 - profondità 15 m - codice univoco CN P 10060 - portata massima 5 l/s - portata media 0,0035 l/s - ad uso produzione beni e servizi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 30 novembre 2004 N° 1025 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 47) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società FACCIA FRATELLI S.R.L. (C.F. e P.IVA 00640100046), con sede in Ceva via dei Cameroni 49, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Ceva ad uso civile la portata media di 0,58 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Ceva, in via dei Cameroni 49 - foglio di mappa 14 particella 240 - profondità 150 m - codice univoco CN P 10062 - portata massima 2,66 l/s - portata media 0,583 l/s - ad uso civile; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 30 novembre 2004 N° 1026 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 50) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società GOLDEN-CAR S.R.L. (C.F. e P.IVA 02087210049), con sede in Caramagna Piemonte via Cesare Battisti 66, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Caramagna Piemonte ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0117 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Caramagna Piemonte, in via Cesare Battisti - foglio di mappa 14 particella 294 - profondità 35 m - codice univoco CN P 10067 - portata massima 6 l/s - portata media 0,0117 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 dicembre 2004 N° 1032 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 62) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società MESSORI S.N.C. DI MESSORI VINICIO E & C. (C.F. e P.IVA 02733520049), con sede in Bene Vagienna frazione San Bernardo 131, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Bene Vagienna ad uso civile la portata media di 0,0032 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Bene Vagienna, in località San Bernardo 131 - foglio di mappa 52 particella 33 - profondità 55 m - codice univoco CN P 10089 - portata massima 3,2 l/s - portata media 0,0032 l/s - ad uso civile: igienico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 dicembre 2004 N° 1034 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 65) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società S.E.I. S.N.C. DI PEPINO & C. (C.F. e P.IVA 00000790048), con sede in Moiola località Inferle 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Moiola ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,1015 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Moiola, in località Inferle 2 - foglio di mappa 4 particella 15 - profondità 15 m - codice univoco CN P 10095 - portata massima 10 l/s - portata media 0,1015 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 marzo 2006 N° 1003 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 66) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società SOCALPI S.R.L. (C.F. e P.IVA 00263340044), con sede in Milano Piazza della Repubblica 32, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Martiniana Po ad uso lavaggio di inerti la portata media di 7,2933 l/s e ad uso civile la portata media di 0,0063 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Martiniana Po, in località Ponte Po - foglio di mappa 1 particella 434 - profondità 28 m - codice univoco CN P 10096 - portata massima 40 l/s - portata media 7,2996 l/s - ad uso lavaggio di inerti e civile: igienico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 dicembre 2004 N° 1037 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 74) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società VOTTERO RICCARDO & C. S.N.C (C.F. e P.IVA 01870260047), con sede in Bagnolo Piemonte via Paschero 33, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Bagnolo Piemonte ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0317 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Bagnolo Piemonte, in località Paschero - foglio di mappa 18 particella 184 - profondità 20 m - codice univoco CN P 10110 - portata massima 5 l/s - portata media 0,0317 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 dicembre 2004 N° 1039 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 76) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CONTE MARCO (C.F. CNTMRC51L23E789B), residente in Beinette via Martiri 2/a, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Beinette ad uso civile la portata media di 0,01 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Beinette, in via Martiri 2/a - foglio di mappa 4 particella 446 - profondità 21 m - codice univoco CN P 10113 - portata massima 1,8 l/s - portata media 0,0127 l/s - ad uso civile: autolavaggio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 dicembre 2004 N° 1040 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 78) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor DHO MARIO (C.F. DHOMRA51B27H407H), residente in Villanova Mondovì via Torre 23, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Villanova Mondovì ad uso civile la portata media di 0,03 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Villanova Mondovì, in via Torre 23 - foglio di mappa 2 particella 244 - profondità 3 m - codice univoco CN P 10115 - portata massima 2,8 l/s - portata media 0,032 l/s - ad uso civile: autolavaggio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 dicembre 2004 N° 1041 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 80) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società SOMALE FRATELLI A.A.R. S.N.C. (C.F. e P.IVA 00447220047), con sede in Savigliano via San Giuliano 1, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso civile la portata media di 0,01 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Savigliano, in via San Giuliano 1 - foglio di mappa 38 particella 142 - profondità 17 m - codice univoco CN P 10117 - portata massima 2 l/s - portata media 0,011 l/s - ad uso civile: scorte antincendio e civile: autolavaggio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 dicembre 2004 N° 1042 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 81) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società SOLEG S.N.C. DI MACCAGNO NATALINO E C. (C.F. e P.IVA 01909630046), con sede in Barge via Bagnolo 63, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Barge ad uso civile la portata media di 0,0007 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Barge, in via Bagnolo 63 - foglio di mappa 59 particella 980 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10118 - portata massima 0,8 l/s - portata media 0,0007 l/s - ad uso civile; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 dicembre 2004 N° 1043 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 82) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società BELTRAMO FRATELLI S.N.C. (C.F. e P.IVA 00264670043), con sede in Barge via F. Filzi 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Barge ad uso civile la portata media di 0,0022 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Barge, in via F. Filzi 2 - foglio di mappa 59 particella 1151 - profondità 18 m - codice univoco CN P 10119 - portata massima 1,5 l/s - portata media 0,002 l/s - ad uso civile; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 dicembre 2004 N° 1044 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 83) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società SEIMANDI FRATELLI DI SEIMANDI CLAUDIO, BOIERO MARCO & C. S.N.C. (C.F. e P.IVA 02290180047), con sede in Barge via Bagnolo 92, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Barge ad uso civile la portata media di 0,00019 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Barge, in via Bagnolo 92 - foglio di mappa 57 particella 1 - profondità 18 m - codice univoco CN P 10120 - portata massima 0,09 l/s - portata media 0,0002 l/s - ad uso civile; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 dicembre 2004 N° 1046 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 85) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ALBERGO ALPINO DI ROBALDO P. & C. S.N.C. (C.F. e P.IVA 02560020048), con sede in Roburent borgata Cardini 33, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Roburent ad uso potabile la portata media di 0,1 l/s e ad uso civile la portata media di 0,2 l/s dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di Roburent, in borgata Cardini - foglio di mappa 14 particella 71 - codice univoco CN S 10003 - portata massima 0,3 l/s - portata media 0,3 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone e civile; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 dicembre 2004 N° 1047 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 89) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società OFFICINE CAVALLO S.R.L. (C.F. e P.IVA 01980820045), con sede in Boves via Cuneo 153-155, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Boves ad uso civile la portata media di 0,45 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Boves, in via Cuneo 153-155 regione Sant’Anna - foglio di mappa 1 particella 298 - profondità 65 m - codice univoco CN P 10127 - portata massima 16 l/s - portata media 0,45 l/s - ad uso civile: autolavaggio e civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 dicembre 2004 N° 1048 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 90) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società FIBRAC S.R.L. (C.F. e P.IVA 00600040042), con sede in Carru’ strada Piozzo 4/a, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Carru’ ad uso civile la portata media di 0,03 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Carru’, in strada Piozzo 4/a - foglio di mappa 11 particella 86 - profondità 6 m - codice univoco CN P 10128 - portata massima 1,5 l/s - portata media 0,032 l/s - ad uso civile: igienico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 dicembre 2004 N° 1049 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 91) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società CO.AL. SOC. COOP. A.R.L. (C.F. e P.IVA 00562210047), con sede in Savigliano via Fossano 11a Levaldigi, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso civile la portata media di 0,03 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Savigliano, in via Fossano 11/a Levaldigi - foglio di mappa 131 particella 104 - profondità 21 m - codice univoco CN P 10129 - portata massima 10 l/s - portata media 0,029 l/s - ad uso civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 dicembre 2004 N° 1050 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 93) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società S.A.E.G. S.N.C. (C.F. e P.IVA 00266850049), con sede in Magliano Alpi via Langhe 141, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Magliano Alpi ad uso civile la portata media di 0,0016 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Magliano Alpi, in località Ponte Pesio - foglio di mappa 25 particella 345 - profondità 5 m - codice univoco CN P 10131 - portata massima 0,75 l/s - portata media 0,0016 l/s - ad uso civile: igienico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 dicembre 2004 N° 1056 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 101) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società F.LLI RAVIOLO S.N.C. (C.F. e P.IVA 00166090043), con sede in Bagnasco via Nazionale 90, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Bagnasco ad uso civile la portata media di 0,0032 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Bagnasco, in località Centasco - foglio di mappa 20 particella 7 - profondità 8 m - codice univoco CN P 10144 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,0032 l/s - ad uso civile; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 marzo 2006 N° 1004 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 102) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società FIN.AL.BA. DI TURCO BIAGIO E BATTISTA S.N.C. (C.F. 01038960090), con sede in Albenga via Dalmazia 95, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Bagnasco ad uso civile la portata media di 0,0032 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Bagnasco, in località Cimitero - foglio di mappa 13 particella 562 - profondità 40 m - codice univoco CN P 10146 - portata massima 2 l/s - portata media 0,0032 l/s - ad uso civile: scorte antincendio e civile: autolavaggio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 marzo 2006 N° 1005 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 105) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società CO.M.E.S. S.N.C. (C.F. 02532320013), con sede in Casalgrasso via Saluzzo 31/33, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Casalgrasso ad uso civile la portata media di 0,0011 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Casalgrasso, in via Saluzzo 31/33 - foglio di mappa 13 particella 26 - profondità 18 m - codice univoco CN P 10149 - portata massima 2 l/s - portata media 0,0011 l/s - ad uso civile: igienico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 marzo 2006 N° 1006 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 107) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società LA.RE. LAMINATOI DEL REGHENA S.P.A. (C.F. 01013590938), con sede in Milano piazza della Repubblica 11, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Racconigi ad uso civile la portata media di 0,0159 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Racconigi, in strada Regionale n 20 Direz. To n 22 - foglio di mappa 144 particella 203 - profondità 20 m - codice univoco CN P 10153 - portata massima 20 l/s - portata media 0,0159 l/s - ad uso civile: scorte antincendio; dopo l’uso le acque sono restituite nel canale San Giovanni; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 dicembre 2004 N° 1066 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 124) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al SANTUARIO DI SAN MAGNO (C.F. 80014020046), con sede in Castelmagno via don Mascarello 1, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Castelmagno ad uso potabile la portata media di 0,06 l/s dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di Castelmagno, in località Santuario di San Magno - foglio di mappa 29 particella 79 - codice univoco CN S 10098 - portata massima 0,25 l/s - portata media 0,062 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 dicembre 2004 N° 1070 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 129) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società EGEA ENTE GESTIONE ENERGIA E AMBIENTE S.P.A. (C.F. 00314030180), con sede in Alba via Vivaro 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Pezzolo Valle Uzzone ad uso potabile la portata media di 2,54 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Pezzolo Valle Uzzone, in località Molino - profondità 10 m - codice univoco CN P 10183 - portata massima 4 l/s - portata media 2,537 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 dicembre 2004 N° 1073 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 134) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società EGEA ENTE GESTIONE ENERGIA E AMBIENTE S.P.A. (C.F. 00314030180), con sede in Alba via Vivaro 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Bossolasco ad uso potabile la portata media di 2,54 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Bossolasco, in località Belbo - foglio di mappa 14 particella 358 - profondità 10 m - codice univoco CN P 10188 - portata massima 5 l/s - portata media 2,537 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 dicembre 2004 N° 1075 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 136) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società EGEA ENTE GESTIONE ENERGIA E AMBIENTE S.P.A. (C.F. 00314030180), con sede in Alba via Vivaro 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di San Benedetto Belbo ad uso potabile la portata media di 1,9 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di San Benedetto Belbo, in località Belbo - foglio di mappa 1 particella 6 - profondità 10 m - codice univoco CN P 10190 - portata massima 3 l/s - portata media 1,903 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 dicembre 2004 N° 1076 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 137) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società EGEA ENTE GESTIONE ENERGIA E AMBIENTE S.P.A. (C.F. 00314030180), con sede in Alba via Vivaro 2, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Niella Belbo ad uso potabile la portata media di 1,9 l/s dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di Niella Belbo, in località Lani - foglio di mappa 35 particella 30 - codice univoco CN S 10119 - portata massima 3 l/s - portata media 1,903 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 dicembre 2004 N° 1077 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 138) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società EGEA ENTE GESTIONE ENERGIA E AMBIENTE S.P.A. (C.F. 00314030180), con sede in Alba via Vivaro 2, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Feisoglio ad uso potabile la portata media di 1,59 l/s dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di Feisoglio, in località Montarello - foglio di mappa 4 particella 17 - codice univoco CN S 10120 - portata massima 2 l/s - portata media 1,585 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 dicembre 2004 N° 1078 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 142) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO UTENTI ACQUA POTABILE DI SAN PIETRO MONTEROSSO (C.F. e P.IVA 00308990043), con sede in Monterosso Grana frazione San Pietro 26, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Monterosso Grana ad uso potabile la portata media di 1 l/s dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di Monterosso Grana, in località San Pietro di Monterosso - foglio di mappa 1 particella 168 - codice univoco CN S 10130 - portata massima 6 l/s - portata media 1 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 dicembre 2004 N° 1079 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 144) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società AUTOTRASPORTI CORVI DI ALFIO CORVI & C. S.N.C. (C.F. e P.IVA 00252630041), con sede in Moretta via Polano 41, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Moretta ad uso civile la portata media di 0,02 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Moretta, in località Polano - foglio di mappa 5 particella 118 - profondità 25 m - codice univoco CN P 10201 - portata massima 1,5 l/s - portata media 0,016 l/s - ad uso civile: igienico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 marzo 2006 N° 1009 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 146) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società TRASPORTI INTERNAZIONALI ALIBERTI-DONNIACUO S.R.L. (C.F. 00449240654), con sede in Montoro Superiore via Crocefisso, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Guarene ad uso civile la portata media di 0,02 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Guarene, in località Porini 13/c - foglio di mappa 12 particella 531 - profondità 9 m - codice univoco CN P 10203 - portata massima 1 l/s - portata media 0,019 l/s - ad uso civile: autolavaggio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 dicembre 2004 N° 1080 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 148) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI BARGE (C.F. 85010290048), con sede in Barge via Bianco 2, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Crissolo ad uso potabile la portata media di 0,01 l/s dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di Crissolo, in località Colle del Losas - foglio di mappa 2 particella 10 - codice univoco CN S 10135 - portata massima 0,1 l/s - portata media 0,0057 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 dicembre 2004 N° 1084 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 166) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ENEL PRODUZIONE S.P.A. (C.F. 05617841001), con sede in Cuneo via Pertini 2, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Sampeyre ad uso civile la portata media di 0,01 l/s dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di Sampeyre, in località canale Sampeyre - foglio di mappa 61 particella 208 - codice univoco CN S 10185 - portata massima 0,2 l/s - portata media 0,0063 l/s - ad uso civile: igienico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 dicembre 2004 N° 1085 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 167) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ENEL PRODUZIONE S.P.A. (C.F. 05617841001), con sede in Cuneo via Pertini 2, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Entracque ad uso civile la portata media di 0,0035 l/s dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di Entracque, in località diga del Chiotas - foglio di mappa 30 particella 2 - codice univoco CN S 10186 - portata massima 10 l/s - portata media 0,0035 l/s - ad uso civile: igienico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 dicembre 2004 N° 1086 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 168) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ENEL PRODUZIONE S.P.A. (C.F. 05617841001), con sede in Cuneo via Pertini 2, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Prazzo ad uso civile la portata media di 0,05 l/s dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di Prazzo, in località Lubek - foglio di mappa 9 particella 6 - codice univoco CN S 10187 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,048 l/s - ad uso civile: igienico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 dicembre 2004 N° 1087 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 169) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ENEL PRODUZIONE S.P.A. (C.F. 05617841001), con sede in Cuneo via Pertini 2, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di San Damiano Macra ad uso civile la portata media di 0,01 l/s dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di San Damiano Macra, in località diga di San Damiano - foglio di mappa 24 particella 47 - codice univoco CN S 10188 - portata massima 0,2 l/s - portata media 0,0063 l/s - ad uso civile: igienico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 dicembre 2004 N° 1088 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 170) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ENEL PRODUZIONE S.P.A. (C.F. 05617841001), con sede in Cuneo via Pertini 2, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Entracque ad uso civile la portata media di 0,01 l/s dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di Entracque, in località diga Piastra - foglio di mappa 44 particella 6 - codice univoco CN S 10189 - portata massima 10 l/s - portata media 0,0070 l/s - ad uso civile: igienico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 dicembre 2004 N° 1089 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 171) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società BRIZIO S.R.L. (C.F. 00647770049), con sede in Venasca Regione San Bartolomeo 5, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Venasca ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,1649 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Venasca, in località - foglio di mappa 12 particella 466 - profondità 25 m - codice univoco CN P 10250 - portata massima 3 l/s - portata media 0,1649 l/s - ad uso produzione beni e servizi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 dicembre 2004 N° 1090 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 176) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MAURINO BRUNO (C.F. MRNBRN43B03A660O), residente in Barge Via Paesana 45, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Barge ad uso civile la portata media di 0,0008 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Barge, in via Paesana 2 - foglio di mappa 67 particella 266 - profondità 7 m - codice univoco CN P 10254 - portata massima 0,8 l/s - portata media 0,0008 l/s - ad uso civile: igienico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 dicembre 2004 N° 1092 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 178) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire ala ditta LORENZATI GUIDO LAVORAZIONE PIETRE (C.F. 01550360042), con sede in Barge Via Bricco Luciano 6, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Barge ad uso produzione beni e servizi e ad uso civile la portata media di 0,0008 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Barge, in via Vigne di Spagna - foglio di mappa 59 particella 331 - profondità 3 m - codice univoco CN P 10256 - portata massima 0,8 l/s - portata media 0,0008 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento e civile: igienico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 marzo 2006 N° 1011 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 182) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società CASEIFICIO DELL’ALTA LANGA S.R.L. (C.F. 06636740011), con sede in Torino Via Legnano 27, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Bosia ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,7927 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Bosia, in via Provinciale 17 - foglio di mappa 9 particella 159 - profondità 97 m - codice univoco CN P 10316 - portata massima 2 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi alla fabbricazione, il trattamento, la conservazione o l’immissione sul mercato di prodotti o di sostanze destinate al consumo umano; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1045 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 409) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor RIVOIRA GIUSEPPE (C.F. RVRGPP42C04D742L), residente in Fossano via Torino 54, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso zootecnico la portata media di 0,0521 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in via Torino - foglio di mappa 29 particella 7 - profondità 20 m - codice univoco CN P 10661 - portata media 0,0521 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1064 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 488) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CASEIFICIO VINCENZO QUAGLIA & C. S.N.C. (C.F. e P.IVA 01867490045), con sede in Scarnafigi via Marconi 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Scarnafigi ad uso produzione beni e servizi la portata media di 2,7945 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Scarnafigi, in via Marconi 2 - foglio di mappa 18 particella 59 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10769 - portata massima 17 l/s - portata media 2,7945 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi alla fabbricazione, il trattamento, la conservazione o l’immissione sul mercato di prodotti o di sostanze destinate al consumo umano; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1088 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 567) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA PRATO SEVERINO (C.F. PRTSRN45R15I470E), con sede in Savigliano via Tetti Roccia 59/A, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso zootecnico la portata media di 0,2894 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Savigliano, in via Tetti Roccia 59/A - foglio di mappa 126 particella 8 - profondità 12 m - codice univoco CN P 10874 - portata media 0,2894 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1175 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 733) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor QUAGLIA WALTER (C.F. QGLWTR34L23I512Q), residente in Scarnafigi via Moretta, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Scarnafigi ad uso zootecnico la portata media di 0,4907 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Scarnafigi, in via Moretta 9 - foglio di mappa 11 particella 48 - profondità 8 m - codice univoco CN P 11090 - portata media 0,4907 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 13 marzo 2006 N° 1350 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3051) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’U.I.T.S. TIRO A SEGNO NAZIONALE SEZIONE DI BRA (C.F. 82006730046), con sede in Bra Corso Monviso 13, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Bra ad uso civile la portata media di 1 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Bra, in corso Monviso 13 - profondità 6 m - codice univoco CN P 13950 - portata massima 1 l/s - portata media 1 l/s - ad uso civile; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 13 marzo 2006 N° 1338 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1453) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire a BANCA ALPI MARITTIME CREDITO COOPERATIVO CARRÙ (C.F. e P.IVA 00195530043), con sede in Carru’ via Stazione 10, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Carru’ ad uso agricolo la portata media di 0,041 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Carru’, in via Stazione - foglio di mappa 16 particella 45 - profondità 240 m - codice univoco CN P 12023 - portata massima 2 l/s - portata media 0,0412 l/s - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 29 novembre 2005 N° 1055 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1616) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società MASSUCCO COSTRUZIONI S.R.L. (C.F. e P.IVA 02558160046), con sede in Cuneo via Genova 122, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Beinette ad uso lavaggio di inerti la portata media di 2,5685 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Beinette, in strada Provinciale Beinette-Chiusa Pesio - foglio di mappa 22 particella 134 - profondità 28 m - codice univoco CN P 12250 - portata massima 25 l/s - portata media 2,7 l/s - ad uso lavaggio di inerti; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 16 marzo 2006 N° 1447 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 597) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al COMUNE DI SANTO STEFANO BELBO (C.F. 00364170043), con sede in Santo Stefano Belbo piazza Umberto I 1, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Santo Stefano Belbo ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0057 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Santo Stefano Belbo, in via IV Novembre - foglio di mappa 15 particella 432 - profondità 9 m - codice univoco CN P 10910 - portata media 0,0057 l/s - ad uso produzione beni e servizi: attrezzature sportive e ricreative; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 16 marzo 2006 N° 1448 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 600) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al COMUNE DI SANTO STEFANO BELBO (C.F. 00364170043), con sede in Santo Stefano Belbo piazza Umberto I 1, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Santo Stefano Belbo ad uso civile dalla seguente captazione:

* Trincea drenante sita nel comune di Santo Stefano Belbo, in località Pratogrimaldi - foglio di mappa 26 particella 299 - codice univoco CN S 11628 - portata media 0,0044 l/s - ad uso civile: irrigazione di aree verdi pubbliche; dopo l’uso le acque sono restituite nel torrente Belbo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 20 marzo 2006 N° 1497 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2123) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA VALFRÈ GIUSEPPE (C.F. VLFGPP62H10L942F), con sede in Villafalletto via Fossano 28, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Villafalletto ad uso zootecnico la portata media di 0,8102 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in via Fossano - foglio di mappa 35 particella 70 - profondità 15 m - codice univoco CN P 12985 - portata media 0,8102 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 20 marzo 2006 N° 1508 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2187) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società SAV AUTOLINEE S.R.L. (C.F. e P.IVA 00280830043), con sede in Villafalletto via Beni Comunali 7, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Villafalletto ad uso civile la portata media di 0,0143 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in via Beni Comunali 7 - foglio di mappa 19 particella 50/a - profondità 20 m - codice univoco CN P 13074 - portata massima 0,7 l/s - portata media 0,0143 l/s - ad uso civile: autolavaggio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 21 marzo 2006 N° 1554 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2510) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società SO.I.MA. S.R.L. (C.F. e P.IVA 02707500043), con sede in Cuneo via Genova 122, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Cuneo ad uso civile la portata media di 0,0032 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Cuneo, in frazione San Giuseppe via Savona 65 - foglio di mappa 104 particella 847 - profondità 30 m - codice univoco CN P 13435 - portata massima 25 l/s - portata media 0,0032 l/s - ad uso civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 21 marzo 2006 N° 1555 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2528) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società E.M.T. DI BRUNO ROBERTO E C. S.N.C. (C.F. 00450300041), con sede in Priocca Via PIRIO 26, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Govone ad uso civile la portata media di 0,0041 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Govone, in località Cherpore - foglio di mappa 3 particella 453 - profondità 7 m - codice univoco CN P 13467 - portata massima 1,33 l/s - portata media 0,0041 l/s - ad uso civile: igienico sanitario; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 21 marzo 2006 N° 1556 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2543) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società RIVOIRA GIOVANNI E FIGLI S.P.A. (C.F. e P.IVA 00182260042), con sede in Verzuolo via Pomarolo 88, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Verzuolo ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0079 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Verzuolo, in località Falicetto via Pomarolo - foglio di mappa 10 particella 208 - profondità 12 m - codice univoco CN P 13483 - portata massima 10 l/s - portata media 0,0079 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi alla fabbricazione, il trattamento, la conservazione o l’immissione sul mercato di prodotti o di sostanze destinate al consumo umano e usi di raffreddamento; dopo l’uso le acque sono restituite nel canale Consortile Verzuolo Est; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 21 marzo 2006 N° 1558 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2579) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società FOND-STAMP S.P.A. (C.F. e P.IVA 00182560045), con sede in Rocca de’ Baldi via Morozzo 3, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Rocca de’ Baldi ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0238 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Rocca de’ Baldi, in frazione Crava via Morozzo - foglio di mappa 28 particella 29 - profondità 22 m - codice univoco CN P 13538 - portata massima 3 l/s - portata media 0,0238 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 21 marzo 2006 N° 1560 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2751) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società SIPRE-MONVISO SKI S.R.L. (C.F. e P.IVA 00484180047), con sede in Crissolo Località Pian della Regina 34, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Crissolo ad uso produzione beni e servizi la portata media di 1,6438 l/s dalla seguente captazione:

* dal rio dei Quarti nel comune di Crissolo, in regione Vallone dei Quarti - foglio di mappa 3 particella 4 - codice univoco CN A 10089 - portata massima 15 l/s - portata media 1,6438 l/s - ad uso produzione beni e servizi: innevamento artificiale; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 22 marzo 2006 N° 1565 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2803) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società SIBEL S.N.C. (C.F. e P.IVA 01940890047), con sede in Savigliano via Sanità 96/a, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso civile la portata media di 0,0057 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Savigliano, in via Sanità 96/a - foglio di mappa 34 particella 143 - profondità 5 m - codice univoco CN P 13718 - portata massima 0,25 l/s - portata media 0,006 l/s - ad uso civile: igienico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 22 marzo 2006 N° 1566 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2806) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società LOVERA FRANCESCO E C. S.N.C. (C.F. e P.IVA 01873400046), con sede in Savigliano via Cavallotta 28, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0444 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Savigliano, in località Martinetto - foglio di mappa 40 particella 523 - profondità 30 m - codice univoco CN P 13721 - portata massima 5 l/s - portata media 0,0444 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi alla fabbricazione, il trattamento, la conservazione o l’immissione sul mercato di prodotti o di sostanze destinate al consumo umano; dopo l’uso le acque sono restituite nella bealera Toirame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 22 marzo 2006 N° 1567 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2811) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società MIROGLIO S.P.A. (C.F. e P.IVA 00164430043), con sede in Alba via Santa Margherita 23, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Bra ad uso civile la portata media di 0,0317 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Bra, in località Pollenzo viale G.Nogaris 20 - foglio di mappa 70 particella 5 - profondità 20 m - codice univoco CN P 13731 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0317 l/s - ad uso civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 22 marzo 2006 N° 1573 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3014) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ALBERGO SAN CARLO DI CAGNA RENZO E C. SAS TROTICOLTURA ALTA VAL TANARO (C.F. 00099810046), con sede in Ormea Via Nazionale 23 - Frazione Ponte di Nava, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Ormea ad uso potabile la portata media di 2 l/s dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di Ormea, in località Ponte di Nava-Valmoglia - foglio di mappa 119 particella 282 - codice univoco CN S 11188 - portata massima 2 l/s - portata media 2 l/s - ad uso potabile: approvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 22 marzo 2006 N° 1582 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3074) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società PREVE COSTRUZIONI S.P.A. (C.F. e P.IVA 00185120045), con sede in Roccavione strada Provinciale Boves 12, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Mondovi’ ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,3171 l/s dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Mondovi’, in corso Inghilterra 24 - foglio di mappa 71 particella 48 - profondità 30 m - codice univoco CN P 13969 - portata massima 5 l/s - portata media 0,3171 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)













































Elenco degli estratti delle concessioni
preferenziali con 2 captazioni

Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 29 novembre 2004 N° 1014 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 28) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società RIVOIRA F.LLI DI ALDO & C. S.N.C. (C.F. e P.IVA 00168400042), con sede in Verzuolo via Chiamina, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Verzuolo ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0174 l/s e ad uso civile la portata media di 0,0019 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Verzuolo, in via Chiamina - foglio di mappa 3 particella 45 - profondità 18 m - codice univoco CN P 10037 - portata massima 1 l/s - ad uso civile: scorte antincendio;

* Pozzo sito nel comune di Verzuolo, in via Chiamina - foglio di mappa 3 particella 45 - profondità 18 m - codice univoco CN P 10036 - portata massima 2 l/s - portata media 0,0174 l/s - ad uso produzione beni e servizi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 29 novembre 2004 N° 1015 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 29) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società TUTTOFRUTTA QUARANTA S.R.L. (C.F. e P.IVA 02248640043), con sede in Costigliole Saluzzo via Savigliano 64, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Costigliole Saluzzo ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,1459 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Costigliole Saluzzo, in via Savigliano - foglio di mappa 6 particella 189 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10038 - portata massima 10 l/s - portata media 0,0729 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi alla fabbricazione, il trattamento, la conservazione o l’immissione sul mercato di prodotti o di sostanze destinate al consumo umano;

* Pozzo sito nel comune di Costigliole Saluzzo, in via Savigliano - foglio di mappa 6 particella 189 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10039 - portata massima 10 l/s - portata media 0,0729 l/s - ad uso produzione beni e servizi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 30 novembre 2004 N° 1017 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 32) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società BERTOLA S.R.L. (C.F. e P.IVA 00084700046), con sede in Marene via Roma 37, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Marene ad uso produzione beni e servizi la portata media di 7,1347 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Marene, in via Roma 37 - foglio di mappa 24 particella 11 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10044 - portata massima 25 l/s - portata media 0,7927 l/s - ad uso produzione beni e servizi;

* Pozzo sito nel comune di Marene, in via Roma 37 - foglio di mappa 24 particella 11 - profondità 45 m - codice univoco CN P 10043 - portata massima 25 l/s - portata media 6,342 l/s - ad uso produzione beni e servizi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 30 novembre 2004 N° 1020 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 37) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società L.I.T. S.R.L. (C.F. e P.IVA 00487370017), con sede in Torino corso Stati Uniti 41, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Casalgrasso ad uso produzione beni e servizi la portata media di 1,2684 l/s e ad uso civile la portata media di 0,0333 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Casalgrasso, in via Carmagnola - foglio di mappa 13 particella 387 - profondità 33 m - codice univoco CN P 10049 - portata massima 10 l/s - portata media 1,2684 l/s - ad uso produzione beni e servizi;

* Pozzo sito nel comune di Casalgrasso, in via Carmagnola - foglio di mappa 13 particella 388 - profondità 18 m - codice univoco CN P 10050 - portata massima 3 l/s - ad uso civile: igienico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 30 novembre 2004 N° 1021 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 38) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società C.L.I.S. S.N.C. (C.F. e P.IVA 00314200049), con sede in Moiola regione Pianetto, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Moiola ad uso produzione beni e servizi la portata media di 1,2367 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Moiola, in località Pianetto - foglio di mappa 13 particella 282 - profondità 5 m - codice univoco CN P 10051 - portata massima 4,4 l/s - portata media 0,4122 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo;

* Pozzo sito nel comune di Moiola, in località Pianetto - foglio di mappa 13 particella 282 - profondità 5 m - codice univoco CN P 10052 - portata massima 8,8 l/s - portata media 0,8245 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 marzo 2006 N° 1002 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 48) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ALPENFRUCHT S.R.L. (C.F. e P.IVA 02205560218), con sede in Egna via A. Hofer 6, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Tarantasca ad uso produzione beni e servizi la portata media di 6,342 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Tarantasca, in via Centallo 15 - foglio di mappa 7 particella 362 - profondità 32 m - codice univoco CN P 10064 - portata massima 50 l/s - portata media 2,3465 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi alla fabbricazione, il trattamento, la conservazione o l’immissione sul mercato di prodotti o di sostanze destinate al consumo umano e produzione beni e servizi: usi di raffreddamento; dopo l’uso le acque sono restituite nel canale Loreto;

* Pozzo sito nel comune di Tarantasca, in via Centallo 15 - foglio di mappa 7 particella 618 - profondità 32 m - codice univoco CN P 10063 - portata massima 50 l/s - portata media 3,9954 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi alla fabbricazione, il trattamento, la conservazione o l’immissione sul mercato di prodotti o di sostanze destinate al consumo umano e produzione beni e servizi: usi di raffreddamento; dopo l’uso le acque sono restituite nel canale Loreto; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 dicembre 2004 N° 1035 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 70) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ROTOFLEX DI CALANDRI PIERO (C.F. e P.IVA 00208650044), con sede in Moretta via San Martino 6/8, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Moretta ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,3171 l/s e ad uso civile la portata media di 0,0095 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Moretta, in via San Martino 6/8 - foglio di mappa 18 particella 315 - profondità 22 m - codice univoco CN P 10102 - portata massima 2,5 l/s - portata media 0,3171 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento;

* Pozzo sito nel comune di Moretta, in via San Martino 6/8 - foglio di mappa 18 particella 285 - profondità 22 m - codice univoco CN P 10103 - portata massima 1,2 l/s - ad uso civile: igienico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 dicembre 2004 N° 1036 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 72) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società VERNA REMO MAURILIO & C. S.A.S. (C.F. e P.IVA 01876740042), con sede in Demonte via Primo Maggio 13, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Demonte ad uso produzione beni e servizi la portata media di 1,744 l/s e ad uso civile la portata media di 0,2391 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Demonte, in località Prati di Rialpo via provinciale per Festiona - foglio di mappa 49 particella 235 - profondità 18 m - codice univoco CN P 10107 - portata massima 20 l/s - portata media 1,744 l/s - ad uso produzione beni e servizi;

* Pozzo sito nel comune di Demonte, in località Prati di Rialpo via provinciale per Festiona - foglio di mappa 49 particella 235 - profondità 12 m - codice univoco CN P 10108 - portata massima 5 l/s - ad uso civile: igienico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 dicembre 2004 N° 1045 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 84) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A. DIREZIONE PIEMONTE (C.F. e P.IVA 05779711000), con sede in Roma via Ombrone 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nei comuni di Racconigi e di Fossano ad uso civile la portata media di 0,00013 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Racconigi, in via dei Sospiri - foglio di mappa 27 particella 186 - profondità 10 m - codice univoco CN P 10122 - portata massima 0,1 l/s - portata media 0,0001 l/s - ad uso civile;

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in via Santa Chiara - foglio di mappa 51 particella 10 - profondità 10 m - codice univoco CN P 10121 - portata massima 0,1 l/s - portata media 0,0001 l/s - ad uso civile; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 dicembre 2004 N° 1055 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 99) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società PLASTIC COMPANY S.A.S. (C.F. e P.IVA 00588140046), con sede in Roccaforte Mondovì via Alpi 95, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Roccaforte Mondovì ad uso produzione beni e servizi e ad uso civile la portata media di 0,1776 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Roccaforte Mondovì, in via Alpi 95 - foglio di mappa 27 particella 102 - profondità 17 m - codice univoco CN P 10143 - portata massima 0,11 l/s - portata media 0,0888 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento e civile: scorte antincendio;

* Pozzo sito nel comune di Roccaforte Mondovì, in via Alpi 95 - foglio di mappa 27 particella 373 - profondità 18 m - codice univoco CN P 10142 - portata massima 0,11 l/s - portata media 0,0888 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento e civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 dicembre 2004 N° 1059 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 108) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società SIMIC S.P.A. (C.F. 02121640045), con sede in Camerana via Vittorio Veneto, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Camerana ad uso civile la portata media di 0,00013 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Camerana, in località Case Rè - foglio di mappa 3 particella 736 - profondità 7 m - codice univoco CN P 10155 - portata massima 1,5 l/s - portata media 0,00003 l/s - ad uso civile: scorte antincendio;

* Pozzo sito nel comune di Camerana, in località Case Rè - foglio di mappa 3 particella 763 - profondità 12 m - codice univoco CN P 10154 - portata massima 11,6 l/s - portata media 0,0001 l/s - ad uso civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 dicembre 2004 N° 1069 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 127) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società EGEA ENTE GESTIONE ENERGIA E AMBIENTE S.P.A. (C.F. 00314030180), con sede in Alba via Vivaro 2, la concessione di derivare da acque superficiali, nei comuni di Niella Belbo e di Feisoglio ad uso potabile la portata media di 0,03 l/s dalle seguenti captazioni:

* Sorgente sita nel comune di Niella Belbo, in località Lani - foglio di mappa 3 particella 35 - codice univoco CN S 10108 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,016 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Feisoglio, in località San Giovanni - foglio di mappa 4 particella 19 - codice univoco CN S 10107 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,016 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 dicembre 2004 N° 1071 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 130) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società EGEA ENTE GESTIONE ENERGIA E AMBIENTE S.P.A. (C.F. 00314030180), con sede in Alba via Vivaro 2, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Cerretto Langhe ad uso potabile la portata media di 2,22 l/s dalle seguenti captazioni:

* Sorgente sita nel comune di Cerretto Langhe, in località Navale - foglio di mappa 9 particella 276 - codice univoco CN S 10109 - portata massima 2 l/s - portata media 1,11 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Cerretto Langhe, in località Navale - foglio di mappa 9 particella 36 - codice univoco CN S 10110 - portata massima 2 l/s - portata media 1,11 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 marzo 2006 N° 1008 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 131) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società TECNOEDIL S.P.A. (C.F. 00527910046), con sede in Alba via Vivaro 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Diano d’Alba ad uso potabile la portata media di 4,76 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Diano d’Alba, in località Ricca - foglio di mappa 24 particella 146 - profondità 10 m - codice univoco CN P 10185 - portata massima 3 l/s - portata media 2,378 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Pozzo sito nel comune di Diano d’Alba, in località Ricca - foglio di mappa 24 particella 146 - profondità 10 m - codice univoco CN P 10184 - portata massima 3 l/s - portata media 2,378 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 dicembre 2004 N° 1082 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 151) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società TECNOEDIL S.P.A. (C.F. 00527910046), con sede in Alba via Vivaro 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Alba ad uso potabile la portata media di 19,03 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Alba, in località San Cassiano - foglio di mappa 34 particella 114 - profondità 10 m - codice univoco CN P 10208 - portata massima 11 l/s - portata media 10,464 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Pozzo sito nel comune di Alba, in località San Cassiano - foglio di mappa 34 particella 112 - profondità 10 m - codice univoco CN P 10209 - portata massima 9 l/s - portata media 8,562 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 dicembre 2004 N° 1083 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 156) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società TECNOEDIL S.P.A. (C.F. 00527910046), con sede in Alba via Vivaro 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Santa Vittoria d’Alba ad uso potabile la portata media di 6,34 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Santa Vittoria d’Alba, in località Cinzano via dell’Acquedotto - foglio di mappa 9 particella 822 e altre - profondità 10 m - codice univoco CN P 10217 - portata massima 6 l/s - portata media 3,171 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Pozzo sito nel comune di Santa Vittoria d’Alba, in località Cinzano via dell’Acquedotto - foglio di mappa 9 particella 822 e altre - profondità 12 m - codice univoco CN P 10218 - portata massima 6 l/s - portata media 3,171 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 dicembre 2004 N° 1091 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 177) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società TECNOEDIL S.P.A. (C.F. 00527910046), con sede in Alba via Vivaro 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Govone ad uso potabile la portata media di 1,9 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Govone, in località Castello - foglio di mappa 10 particella 565 - profondità 14 m - codice univoco CN P 10255 - portata massima 6 l/s - portata media 0,951 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Pozzo sito nel comune di Govone, in via Romita - foglio di mappa 10 particella 772 - profondità 14 m - codice univoco CN P 14296 - portata massima 6 l/s - portata media 0,951 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1174 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 727) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società LEAR CORPORATION ITALIA S.R.L. (C.F. 01053770507), con sede in Pianfei via Cuneo 27, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Pianfei ad uso produzione beni e servizi e ad uso civile la portata media di 0,4122 l/s dalle seguenti captazioni:

* Sorgente sita nel comune di Pianfei, in località Roncaglia Sottana - foglio di mappa 11 particella 323 - codice univoco CN S 10226 - portata massima 5 l/s - portata media 0,2061 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento e civile: lavaggio strade, igienico sanitario e scorte antincendio;

* Trincea drenante sita nel comune di Pianfei, in località Roncaglia Sottana - foglio di mappa 11 particella 657 - codice univoco CN S 11631 - portata massima 5 l/s - portata media 0,2061 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento e civile: lavaggio strade, igienico sanitario e scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 28 novembre 2005 N° 1009 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 1284) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CROSETTI BERNARDO (C.F. CRSBNR26A12M136Q), residente in Savigliano via Benne 7, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Savigliano ad uso zootecnico la portata media di 0,1379 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Savigliano, in strada Maresco - foglio di mappa 30 particella 29 - profondità 5 m - codice univoco CN P 11808 - portata massima 5 l/s - portata media 0,0713 l/s - ad uso zootecnico;

* Pozzo sito nel comune di Savigliano, in strada Benne - foglio di mappa 31 particella 15 - profondità 5 m - codice univoco CN P 11809 - portata massima 5 l/s - portata media 0,0666 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 dicembre 2005 N° 1187 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2053) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società LPM LATERIZI PREFABBRICATI MONDOVÌ S.P.A. (C.F. 00455370049), con sede in Mondovi’ corso Francia 12, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Mondovi’ ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,547 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Mondovi’, in corso Francia 12 - foglio di mappa 71 particella 55 - profondità 10 m - codice univoco CN P 12894 - portata massima 5 l/s - portata media 0,2735 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo;

* Pozzo sito nel comune di Mondovi’, in corso Francia 12 - foglio di mappa 71 particella 55 - profondità 10 m - codice univoco CN P 12895 - portata massima 5 l/s - portata media 0,2735 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 21 marzo 2006 N° 1557 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2550) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società G.S.E. GRANITI S. ELENA S.N.C. DI MACCAGNO VINCENZO E C. (C.F. e P.IVA 00279210041), con sede in Bagnolo Piemonte via Bibiana 78, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Bagnolo Piemonte ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0476 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Bagnolo Piemonte, in via Bibiana 78 Villaretto - foglio di mappa 14 particella 967 - profondità 40 m - codice univoco CN P 13493 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,0197 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento;

* Pozzo sito nel comune di Bagnolo Piemonte, in via Bibiana 78 Villaretto - foglio di mappa 14 particella 967 - profondità 40 m - codice univoco CN P 13494 - portata massima 0,75 l/s - portata media 0,0279 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 22 marzo 2006 N° 1563 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2777) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ROSTAGNO GIOVANNI (C.F. RSTGNN45P09D742Q), residente in Fossano frazione Piovani 38, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso zootecnico la portata media di 0,0417 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Piovani 38 - foglio di mappa 60 particella 93 - profondità 30 m - codice univoco CN P 13681 - portata media 0,0208 l/s - ad uso zootecnico;

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Piovani 38 - foglio di mappa 60 particella 84 - profondità 30 m - codice univoco CN P 13682 - portata media 0,0208 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 19 dicembre 2005 N° 1210 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2800) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società SACCHETTO S.P.A. (C.F. e P.IVA 02449810015), con sede in Lagnasco via Circonvallazione 4, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Lagnasco ad uso produzione beni e servizi la portata media di 19,0259 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Lagnasco, in via Circonvallazione 4 - foglio di mappa 14 particella 440 - profondità 35 m - codice univoco CN P 13712 - portata massima 21,7 l/s - portata media 19,01 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo e usi di raffreddamento e civile: igienico sanitario; dopo l’uso le acque sono restituite nel Bedale del Mulino;

* Pozzo sito nel comune di Lagnasco, in via Circonvallazione 4 - foglio di mappa 14 particella 440 - profondità 50 m - codice univoco CN P 13713 - portata massima 33 l/s - ad uso civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 22 marzo 2006 N° 1572 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3013) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società ALBERGO SAN CARLO DI CAGNA RENZO E C. SAS TROTICOLTURA ALTA VAL TANARO (C.F. 00099810046), con sede in Ormea Via Nazionale 23 - Frazione Ponte di Nava, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Ormea ad uso piscicolo la portata media di 80 l/s dalle seguenti captazioni:

* Sorgente sita nel comune di Ormea, in località Ponte di Nava - foglio di mappa 119 particella 937 - codice univoco CN S 11186 - portata massima 50 l/s - portata media 40 l/s - ad uso piscicolo;

* Sorgente sita nel comune di Ormea, in località Ponte di Nava - foglio di mappa 119 particella 937 - codice univoco CN S 11187 - portata massima 50 l/s - portata media 40 l/s - ad uso piscicolo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 22 marzo 2006 N° 1585 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 3156) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA CAGNASSI SEBASTIANO (C.F. CGNSST55M11D742Q), con sede in Fossano frazione San Vittore 91, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Fossano ad uso zootecnico la portata media di 0,0982 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in località San Vittore - foglio di mappa 58 particella 22 - profondità 20 m - codice univoco CN P 14062 - portata media 0,0491 l/s - ad uso zootecnico;

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in località San Vittore - foglio di mappa 58 particella 20 - profondità 30 m - codice univoco CN P 14063 - portata media 0,0491 l/s - ad uso zootecnico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)





































Elenco degli estratti delle concessioni
preferenziali con 3 captazioni

Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 29 novembre 2004 N° 1009 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 20) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società MIROGLIO S.P.A. (C.F. e P.IVA 00164430043), con sede in Alba via Santa Margherita 23, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Alba ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0058 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Alba, in strada Tagliata 18 - foglio di mappa 14 particella 47 - profondità 13 m - codice univoco CN P 10025 - portata massima 19,44 l/s - portata media 0,0022 l/s - ad uso produzione beni e servizi;

* Pozzo sito nel comune di Alba, in strada Tagliata 18 - foglio di mappa 13 particella 45 - profondità 15 m - codice univoco CN P 10024 - portata massima 27,77 l/s - portata media 0,0032 l/s - ad uso produzione beni e servizi;

* Pozzo sito nel comune di Alba, in strada Tagliata - foglio di mappa 14 particella 67 - profondità 24 m - codice univoco CN P 10026 - portata massima 4 l/s - portata media 0,0004 l/s - ad uso produzione beni e servizi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 30 novembre 2004 N° 1027 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 56) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società CALCESTRUZZI STROPPIANA S.P.A. (C.F. e P.IVA 00939650040), con sede in Alba località Biglini 95, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Alba ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,4598 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Alba, in località Biglini - foglio di mappa 10 particella 170 - profondità 11 m - codice univoco CN P 10075 - portata massima 1,3 l/s - portata media 0,1585 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo;

* Pozzo sito nel comune di Alba, in località Biglini - foglio di mappa 7 particella 49 - profondità 10 m - codice univoco CN P 10077 - portata massima 2 l/s - portata media 0,2854 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo;

* Pozzo sito nel comune di Alba, in località Biglini - foglio di mappa 10 particella 174 - profondità 17 m - codice univoco CN P 10076 - portata massima 1 l/s - portata media 0,0159 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 30 novembre 2004 N° 1028 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 57) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società MONVISO S.P.A. (C.F. e P.IVA 00185820040), con sede in Bergamo Via Camozzi 124, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Casalgrasso ad uso lavaggio di inerti la portata media di 9,1879 l/s e ad uso civile la portata media di 0,0079 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Casalgrasso, in località Falè - foglio di mappa 15 particella 27 - profondità 25 m - codice univoco CN P 10078 - portata massima 50 l/s - portata media 4,829 l/s - ad uso lavaggio di inerti;

* Pozzo sito nel comune di Casalgrasso, in località Falè - foglio di mappa 15 particella 27 - profondità 20 m - codice univoco CN P 10080 - portata massima 7 l/s - portata media 0,0083 l/s - ad uso civile: igienico;

* Pozzo sito nel comune di Casalgrasso, in località Falè - foglio di mappa 15 particella 29 - profondità 18 m - codice univoco CN P 10079 - portata massima 50 l/s - portata media 4,829 l/s - ad uso lavaggio di inerti; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 30 novembre 2004 N° 1030 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 59) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società P.I.ESSE.GI S.P.A. (C.F. e P.IVA 00472030048), con sede in Neive località Isolone, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Neive ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,6659 l/s e ad uso civile la portata media di 0,0793 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Neive, in località Isolone - foglio di mappa 1 particella 180 - profondità 8 m - codice univoco CN P 10281 - portata massima 6 l/s - portata media 0,2854 l/s - ad uso produzione beni e servizi;

* Pozzo sito nel comune di Neive, in località Isolone - foglio di mappa 1 particella 180 - profondità 6 m - codice univoco CN P 10282 - portata massima 1 l/s - ad uso civile: igienico;

* Pozzo sito nel comune di Neive, in località Isolone - foglio di mappa 1 particella 180 - profondità 8 m - codice univoco CN P 10082 - portata massima 10 l/s - portata media 0,3805 l/s - ad uso produzione beni e servizi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 dicembre 2004 N° 1031 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 60) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società GLAVERBEL ITALY S.R.L. (C.F. e P.IVA 02648400048), con sede in Cuneo via Genova 31, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Cuneo ad uso produzione beni e servizi la portata media di 23,9789 l/s e ad uso civile la portata media di 1,3889 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Cuneo, in località Tetto Canale - foglio di mappa 136 particella 1 - profondità 65 m - codice univoco CN P 10083 - portata massima 20 l/s - portata media 8,7052 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo, civile: scorte antincendio, civile: igienico e produzione beni e servizi: usi di raffreddamento;

* Pozzo sito nel comune di Cuneo, in località Tetto Canale - foglio di mappa 136 particella 1 - profondità 62 m - codice univoco CN P 10085 - portata massima 20 l/s - portata media 3,7109 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo, civile: scorte antincendio, civile: igienico e produzione beni e servizi: usi di raffreddamento;

* Pozzo sito nel comune di Cuneo, in località Tetto Canale - foglio di mappa 136 particella 1 - profondità 63 m - codice univoco CN P 10084 - portata massima 20 l/s - portata media 12,9517 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo, civile: scorte antincendio, civile: igienico e produzione beni e servizi: usi di raffreddamento; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 dicembre 2004 N° 1051 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 94) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società OFF.LAM. S.R.L. (C.F. e P.IVA 00976930016), con sede in Caramagna Piemonte strada Caporali 21, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Caramagna Piemonte ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,0209 l/s e ad uso civile la portata media di 0,015 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Caramagna Piemonte, in strada Caporali - foglio di mappa 6 particella 175 - profondità 18 m - codice univoco CN P 10133 - portata massima 4 l/s - portata media 0,0209 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento;

* Pozzo sito nel comune di Caramagna Piemonte, in strada Caporali - foglio di mappa 6 particella 163 - profondità 18 m - codice univoco CN P 10132 - portata massima 1,5 l/s - ad uso civile: igienico;

* Pozzo sito nel comune di Caramagna Piemonte, in strada Caporali - foglio di mappa 6 particella 175 - profondità 18 m - codice univoco CN P 10134 - portata massima 1,5 l/s - ad uso civile: igienico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 dicembre 2004 N° 1061 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 111) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al COMUNE DI RIFREDDO (C.F. 85000390048), con sede in Rifreddo via Vittorio Emanuele 1, la concessione di derivare da acque superficiali, nei comuni di Rifreddo e di Sanfront ad uso potabile la portata media di 3,49 l/s dalle seguenti captazioni:

* Sorgente sita nel comune di Rifreddo, in località Ongione - foglio di mappa 2 particella 5 e 125 - codice univoco CN S 10052 - portata massima 1 l/s - portata media 0,476 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Sanfront, in località Pramiol - foglio di mappa 16 particella 7 - codice univoco CN S 10051 - portata massima 12 l/s - portata media 2,061 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Rifreddo, in località Certe Saine - foglio di mappa 2 particella 170 e 171 - codice univoco CN S 10053 - portata massima 1,8 l/s - portata media 0,951 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 dicembre 2004 N° 1068 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 126) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società S.T.E. SERVIZI TECNICI ECOLOGICI S.A.S. (C.F. e P.IVA 01068000098), con sede in Savona via Ponchielli 2/2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Castelnuovo di Ceva ad uso potabile la portata media di 19,03 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Castelnuovo di Ceva, in località Verneia sottana - foglio di mappa 6 particella 474 - profondità 145 m - codice univoco CN P 10178 - portata massima 14 l/s - portata media 9,83 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Pozzo sito nel comune di Castelnuovo di Ceva, in località Tovetto - Verneia (Vignetta) - foglio di mappa 6 particella 101 - profondità 62 m - codice univoco CN P 10176 - portata massima 4 l/s - portata media 1,268 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Pozzo sito nel comune di Castelnuovo di Ceva, in località Verneia - foglio di mappa 6 particella 478 - profondità 98 m - codice univoco CN P 10177 - portata massima 10,5 l/s - portata media 7,927 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 marzo 2006 N° 1007 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 128) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società TECNOEDIL S.P.A. (C.F. 00527910046), con sede in Alba via Vivaro 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Cossano Belbo ad uso potabile la portata media di 4,44 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Cossano Belbo, in località Entracine - profondità 15 m - codice univoco CN P 10180 - portata massima 3,5 l/s - portata media 1,585 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Pozzo sito nel comune di Cossano Belbo, in località Entracine - profondità 15 m - codice univoco CN P 10181 - portata massima 3,5 l/s - portata media 1,585 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Pozzo sito nel comune di Cossano Belbo, in località Entracine - profondità 15 m - codice univoco CN P 10182 - portata massima 3 l/s - portata media 1,268 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 dicembre 2004 N° 1074 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 135) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società EGEA ENTE GESTIONE ENERGIA E AMBIENTE S.P.A. (C.F. 00314030180), con sede in Alba via Vivaro 2, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Cravanzana ad uso potabile la portata media di 3,01 l/s dalle seguenti captazioni:

* Sorgente sita nel comune di Cravanzana, in località Canarotta - foglio di mappa 9 particella 243 - codice univoco CN S 10118 - portata massima 2 l/s - portata media 1,11 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Cravanzana, in località Cappellotto - foglio di mappa 12 particella 12 - codice univoco CN S 10116 - portata massima 1,5 l/s - portata media 0,951 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Cravanzana, in località Serrato - foglio di mappa 1 particella 164 - codice univoco CN S 10117 - portata massima 1,5 l/s - portata media 0,951 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 marzo 2006 N° 1010 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 152) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società TECNOEDIL S.P.A. (C.F. 00527910046), con sede in Alba via Vivaro 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Verduno ad uso potabile la portata media di 2,44 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Verduno, in località Gorei - foglio di mappa 2 particella 184 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10210 - portata massima 11 l/s - portata media 1,268 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Pozzo sito nel comune di Verduno, in località Gorei - foglio di mappa 2 particella 184 - profondità 18 m - codice univoco CN P 10315 - portata massima 3 l/s - portata media 0,222 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Pozzo sito nel comune di Verduno, in località Gorei - foglio di mappa 2 particella 184 - profondità 40 m - codice univoco CN P 10211 - portata massima 9 l/s - portata media 0,951 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 dicembre 2004 N° 1093 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 180) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società TECNOEDIL S.P.A. (C.F. 00527910046), con sede in Alba via Vivaro 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Neive ad uso potabile la portata media di 3,17 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Neive, in località Tanaro - foglio di mappa 3 particella 93 - profondità 15 m - codice univoco CN P 10258 - portata massima 6,5 l/s - portata media 1,712 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Pozzo sito nel comune di Neive, in località Tanaro - foglio di mappa 3 particella 300 - profondità 15 m - codice univoco CN P 10313 - portata massima 4,5 l/s - portata media 1,332 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Pozzo sito nel comune di Neive, in località Tanaro - foglio di mappa 3 particella 93 - profondità 15 m - codice univoco CN P 10314 - portata massima 1 l/s - portata media 0,127 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 22 marzo 2006 N° 1568 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2814) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società MIROGLIO S.P.A. (C.F. e P.IVA 00164430043), con sede in Alba via Santa Margherita 23, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Bra ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,4817 l/s e ad uso civile la portata media di 0,0231 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Bra, in via Ravello 10 - foglio di mappa 58 particella 22 - profondità 19 m - codice univoco CN P 13735 - portata massima 3 l/s - portata media 0,0231 l/s - ad uso civile: scorte antincendio;

* Pozzo sito nel comune di Bra, in via Piumati 10 - foglio di mappa 58 particella 22 - profondità 8 m - codice univoco CN P 13736 - portata massima 3 l/s - portata media 0,2408 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento;

* Pozzo sito nel comune di Bra, in via Piumati 10 - foglio di mappa 58 particella 22 - profondità 8 m - codice univoco CN P 13737 - portata massima 1 l/s - portata media 0,2408 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)




Elenco degli estratti delle concessioni
preferenziali con 4 captazioni

Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 30 novembre 2004 N° 1029 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 58) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società NOVAPLAST LAMINATI S.P.A. (C.F. e P.IVA 00812910040), con sede in Racconigi via Caramagna 2, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Racconigi ad uso produzione beni e servizi la portata media di 25,1426 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Racconigi, in via Caramagna 2 - foglio di mappa 27 particella 214 - profondità 40 m - codice univoco CN P 10279 - portata massima 3 l/s - portata media 0,506 l/s - ad uso produzione beni e servizi;

* Pozzo sito nel comune di Racconigi, in via Caramagna 2 - foglio di mappa 27 particella 214 - profondità 20 m - codice univoco CN P 10081 - portata massima 12 l/s - portata media 1,9233 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento;

* Pozzo sito nel comune di Racconigi, in via Caramagna 2 - foglio di mappa 27 particella 214 - profondità 20 m - codice univoco CN P 10278 - portata massima 4 l/s - portata media 1,0834 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento;

* Pozzo sito nel comune di Racconigi, in via Caramagna 2 - foglio di mappa 27 particella 214 - profondità 50 m - codice univoco CN P 10280 - portata massima 75 l/s - portata media 21,6299 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 dicembre 2004 N° 1033 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 63) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società SAIT ABRASIVI S.P.A. (C.F. e P.IVA 03757500016), con sede in Settimo Torinese via Raspini 21, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Piozzo ad uso produzione beni e servizi la portata media di 3,6466 l/s e ad uso civile la portata media di 0,4756 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Piozzo, in località Pià - foglio di mappa 15 particella 219 - profondità 14 m - codice univoco CN P 10090 - portata massima 1,37 l/s - portata media 1,3001 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo, civile: igienico e civile: scorte antincendio;

* Pozzo sito nel comune di Piozzo, in località Pià - foglio di mappa 15 particella 218 - profondità 15 m - codice univoco CN P 10091 - portata massima 0,47 l/s - portata media 0,4439 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo, civile: igienico e civile: scorte antincendio;

* Pozzo sito nel comune di Piozzo, in località Pià - foglio di mappa 15 particella 219 - profondità 13 m - codice univoco CN P 10092 - portata massima 1,37 l/s - portata media 1,3001 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo, civile: igienico e civile: scorte antincendio;

* Pozzo sito nel comune di Piozzo, in località Pià - foglio di mappa 15 particella 219 - profondità 7 m - codice univoco CN P 10093 - portata massima 1,14 l/s - portata media 1,0781 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo, civile: igienico e civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 dicembre 2004 N° 1053 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 97) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al COMUNE DI RUFFIA (C.F. 85001410043), con sede in Ruffia via Vittorio Veneto 22, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Ruffia ad uso civile la portata media di 0,06 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Ruffia, in via Vittorio Veneto 22 - foglio di mappa 7 particella 93 - profondità 12 m - codice univoco CN P 10139 - portata massima 0,7 l/s - portata media 0,0041 l/s - ad uso civile: autolavaggio e civile: lavaggio strade e superfici impermeabilizzate;

* Pozzo sito nel comune di Ruffia, in piazza Castello - foglio di mappa 7 - profondità 15 m - codice univoco CN P 10137 - portata massima 50 l/s - portata media 0,023 l/s - ad uso civile: lavaggio strade e superfici impermeabilizzate;

* Pozzo sito nel comune di Ruffia, in via Beato Pietro - foglio di mappa 7 particella 26 - profondità 9 m - codice univoco CN P 10140 - portata massima 0,6 l/s - portata media 0,0003 l/s - ad uso civile: autolavaggio;

* Pozzo sito nel comune di Ruffia, in via Silvio Pellico - foglio di mappa 7 particella 272 - profondità 16 m - codice univoco CN P 10138 - portata massima 6,5 l/s - portata media 0,035 l/s - ad uso civile: irrigazione di aree a verde pubblico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 dicembre 2004 N° 1064 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 118) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al COMUNE DI ROSSANA (C.F. 85000270042), con sede in Rossana via XII Luglio 2, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Rossana ad uso potabile la portata media di 1,3 l/s dalle seguenti captazioni:

* Sorgente sita nel comune di Rossana, in località Montepagliano - foglio di mappa 20 particella 115 - codice univoco CN S 10090 - portata massima 0,6 l/s - portata media 0,6 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Rossana, in località Montepagliano - foglio di mappa 20 particella 126 - codice univoco CN S 10087 - portata massima 1 l/s - portata media 0,1 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Rossana, in località Montepagliano - foglio di mappa 20 particella 126 - codice univoco CN S 10088 - portata massima 0,1 l/s - portata media 0,1 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Rossana, in località Montepagliano - foglio di mappa 20 particella 128 - codice univoco CN S 10089 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,5 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 dicembre 2004 N° 1072 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 133) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società EGEA ENTE GESTIONE ENERGIA E AMBIENTE S.P.A. (C.F. 00314030180), con sede in Alba via Vivaro 2, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Perletto ad uso potabile la portata media di 5,07 l/s dalle seguenti captazioni:

* Sorgente sita nel comune di Perletto, in località Kerpù - foglio di mappa 14 particella 14 - codice univoco CN S 10112 - portata massima 2 l/s - portata media 1,268 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Perletto, in località Patin - foglio di mappa 7 particella 138 - codice univoco CN S 10113 - portata massima 2 l/s - portata media 1,268 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Perletto, in località Salice - foglio di mappa 15 particella 83 - codice univoco CN S 10114 - portata massima 2 l/s - portata media 1,268 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Perletto, in località Mercurini - codice univoco CN S 10115 - portata massima 2 l/s - portata media 1,268 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 19 dicembre 2005 N° 1211 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 2572) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società BUZZI UNICEM SPA (C.F. 00930290044), con sede in Casale Monferrato Via LUIGI BUZZI 6, la concessione di derivare da acque superficiali e acque sotterranee, nel comune di Robilante ad uso produzione beni e servizi la portata media di 28,5388 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Robilante, in strada Piansottano - foglio di mappa 2 particella 205 - profondità 17 m - codice univoco CN P 13528 - portata massima 10 l/s - portata media 5,2321 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; dopo l’uso le acque sono restituite nel torrente Vermengna;

* Pozzo sito nel comune di Robilante, in strada Piansottano - foglio di mappa 2 particella 205 - profondità 21 m - codice univoco CN P 13529 - portata massima 10 l/s - portata media 6,2785 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; dopo l’uso le acque sono restituite nel torrente Vermengna;

* Trincea drenante sita nel comune di Robilante, in strada Piansottano - foglio di mappa 2 particella 205 - codice univoco CN S 11651 - portata massima 23 l/s - portata media 9,069 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento e usi direttamente connessi con il processo produttivo; dopo l’uso le acque sono restituite nel torrente Vermenagna;

* Sorgente sita nel comune di Robilante, in strada Piansottano - foglio di mappa 2 particella 205 - codice univoco CN S 10341 - portata massima 15,24 l/s - portata media 7,9592 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi direttamente connessi con il processo produttivo; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Per derivazione di acque superficiali, di sorgente, di fontanili o di trincee drenanti

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Per derivazione di acque sotterranee estratte mediante pozzo

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)








Elenco degli estratti delle concessioni
preferenziali con 5 captazioni

Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 dicembre 2004 N° 1038 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 75) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società NEOGRAF S.R.L. (C.F. e P.IVA 00528910045), con sede in Moretta via Cuneo 11, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Moretta ad uso produzione beni e servizi la portata media di 10,7813 l/s e ad uso civile la portata media di 0,3488 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Moretta, in via San Martino 7 - foglio di mappa 18 particella 11 - profondità 22 m - codice univoco CN P 10296 - portata massima 18 l/s - portata media 3,171 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento;

* Pozzo sito nel comune di Moretta, in via San Martino 7 - foglio di mappa 18 particella 11 - profondità 26 m - codice univoco CN P 10112 - portata massima 0,66 l/s - ad uso civile: igienico;

* Pozzo sito nel comune di Moretta, in via San Martino 7 - foglio di mappa 18 particella 11 - profondità 22 m - codice univoco CN P 10111 - portata massima 13 l/s - portata media 1,5855 l/s - ad uso produzione beni e servizi e civile: scorte antincendio;

* Pozzo sito nel comune di Moretta, in via San Martino 7 - foglio di mappa 18 particella 11 - profondità 22 m - codice univoco CN P 10295 - portata massima 18 l/s - portata media 3,171 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento;

* Pozzo sito nel comune di Moretta, in via San Martino 7 - foglio di mappa 18 particella 518 - profondità 22 m - codice univoco CN P 10297 - portata massima 18 l/s - portata media 3,171 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 dicembre 2004 N° 1065 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 120) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO ACQUEDOTTO FONTE DRAI-FODONE (C.F. 96061750046), con sede in Pradleves via Provinciale 21, la concessione di derivare da acque superficiali, nei comuni di Pradleves e di Monterosso Grana ad uso potabile la portata media di 2 l/s dalle seguenti captazioni:

* Sorgente sita nel comune di Pradleves, in località Drai I - foglio di mappa 18 particella 84 - codice univoco CN S 10091 - portata massima 4 l/s - portata media 0,4 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Pradleves, in località Drai II - foglio di mappa 18 particella 85 - codice univoco CN S 10092 - portata massima 4 l/s - portata media 0,4 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Monterosso Grana, in località Fodone - foglio di mappa 1 particella 13 - codice univoco CN S 10093 - portata massima 6 l/s - portata media 0,6 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Pradleves, in località Sagnetta - foglio di mappa 1 particella 261 - codice univoco CN S 10094 - portata massima 4 l/s - portata media 0,4 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Pradleves, in località Nais - foglio di mappa 7 particella 125 e 127 - codice univoco CN S 10095 - portata massima 2 l/s - portata media 0,2 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 dicembre 2004 N° 1081 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 149) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al COMUNE DI CRISSOLO (C.F. 85000690041), con sede in Crissolo via Umberto I 39, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Crissolo ad uso potabile la portata media di 13,5 l/s dalle seguenti captazioni:

* Sorgente sita nel comune di Crissolo, in località Costabela - foglio di mappa 31 particella 308 - codice univoco CN S 10137 - portata massima 10 l/s - portata media 10 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Crissolo, in località Serre Uberto - foglio di mappa 16 particella 364 - codice univoco CN S 10136 - portata massima 1 l/s - portata media 1 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Crissolo, in località Palubert - foglio di mappa 27 particella 31 - codice univoco CN S 10138 - portata massima 1,5 l/s - portata media 1,5 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Crissolo, in località Serre Uberto - foglio di mappa 15 particella 786 - codice univoco CN S 10139 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,5 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Crissolo, in località Ciampagna - foglio di mappa 35 particella 217 - codice univoco CN S 10140 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,5 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)









































Elenco degli estratti delle concessioni
preferenziali con 6 captazioni

Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 dicembre 2004 N° 1052 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 96) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CLUB ALPINO ITALIANO (C.F. 00951210103), con sede in Genova Galleria Mazzini 7/3, la concessione di derivare da acque superficiali, nei comuni di Pietraporzio, di Valdieri e di Entracque ad uso civile la portata media di 0,02 l/s dalle seguenti captazioni:

* Sorgente sita nel comune di Pietraporzio, in località Prati del Vallone (rifugio Talarico) - codice univoco CN S 10008 - portata massima 0,03 l/s - portata media 0,0029 l/s - ad uso civile: igienico;

* Sorgente sita nel comune di Entracque, in località ghiacciaio del Pagari Rifugio Federici Marchesin al Pagari - codice univoco CN S 10005 - portata massima 0,03 l/s - portata media 0,0029 l/s - ad uso civile: igienico;

* Sorgente sita nel comune di Pietraporzio, in località Alto Vallone del Piz (rifugio Zanotti) - foglio di mappa 14 particella 3 - codice univoco CN S 10006 - portata massima 0,03 l/s - portata media 0,0029 l/s - ad uso civile: igienico;

* Sorgente sita nel comune di Entracque, in località valle dela Rovina rifugio Genova borgata Figari - codice univoco CN S 10007 - portata massima 0,04 l/s - portata media 0,0035 l/s - ad uso civile: igienico;

* Sorgente sita nel comune di Valdieri, in località lago delle Portette (rifugio E. Questa) - codice univoco CN S 10009 - portata massima 0,03 l/s - portata media 0,0029 l/s - ad uso civile;

* Sorgente sita nel comune di Valdieri, in località Alto Vallone Argentera (rifugio Bozano) - codice univoco CN S 10010 - portata massima 0,03 l/s - portata media 0,0029 l/s - ad uso civile: igienico; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 dicembre 2004 N° 1062 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 112) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al COMUNE DI CAPRAUNA (C.F. e P.IVA 00495600041), con sede in Caprauna piazza Sant’Antonino 15, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Caprauna ad uso potabile la portata media di 3 l/s dalle seguenti captazioni:

* Sorgente sita nel comune di Caprauna, in località Ciazze Sottane - foglio di mappa 10 particella 208 - codice univoco CN S 10056 - portata massima 0,3 l/s - portata media 0,1 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Caprauna, in località Ciazze Soprane - foglio di mappa 12 particella 7 - codice univoco CN S 10055 - portata massima 0,3 l/s - portata media 0,1 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Caprauna, in località Fontane - foglio di mappa 10 particella 298 - codice univoco CN S 10057 - portata massima 0,35 l/s - portata media 0,1 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Caprauna, in località Ruggio - foglio di mappa 9 particella 312 - codice univoco CN S 10058 - portata massima 2 l/s - portata media 1,5 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Caprauna, in località Pozzetto - foglio di mappa 9 particella 360 - codice univoco CN S 10059 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,2 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Caprauna, in località Cugno - foglio di mappa 8 particella 132/b e 178/b - codice univoco CN S 10060 - portata massima 1,6 l/s - portata media 1 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)





Elenco degli estratti delle concessioni
preferenziali con 7 captazioni

Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 dicembre 2004 N° 1054 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 98) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società BESSONE S.R.L. (C.F. e P.IVA 02147280040), con sede in Roccaforte Mondovì via Alpi 93bis, la concessione di derivare da acque sotterranee, nel comune di Roccaforte Mondovì ad uso produzione beni e servizi e ad uso civile la portata media di 0,6152 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Roccaforte Mondovì, in via Alpi 93 bis - foglio di mappa 27 particella 374 - profondità 20 m - codice univoco CN P 10141 - portata massima 0,12 l/s - portata media 0,0904 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento e civile: scorte antincendio;

* Pozzo sito nel comune di Roccaforte Mondovì, in via Alpi 93 bis - foglio di mappa 27 particella 101 - profondità 18 m - codice univoco CN P 10298 - portata massima 0,11 l/s - portata media 0,0824 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento e civile: scorte antincendio;

* Pozzo sito nel comune di Roccaforte Mondovì, in via Alpi 93 bis - foglio di mappa 27 particella 297 - profondità 18 m - codice univoco CN P 10299 - portata massima 0,11 l/s - portata media 0,0824 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento e civile: scorte antincendio;

* Pozzo sito nel comune di Roccaforte Mondovì, in via Alpi 93 bis - foglio di mappa 27 particella 297 - profondità 20 m - codice univoco CN P 10300 - portata massima 0,12 l/s - portata media 0,0904 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento e civile: scorte antincendio;

* Pozzo sito nel comune di Roccaforte Mondovì, in via Alpi 93 bis - foglio di mappa 27 particella 100 - profondità 20 m - codice univoco CN P 10301 - portata massima 0,11 l/s - portata media 0,0824 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento e civile: scorte antincendio;

* Pozzo sito nel comune di Roccaforte Mondovì, in via Alpi 93 bis - foglio di mappa 27 particella 301 - profondità 20 m - codice univoco CN P 10302 - portata massima 0,12 l/s - portata media 0,0888 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento e civile: scorte antincendio;

* Pozzo sito nel comune di Roccaforte Mondovì, in via Alpi 93 bis - foglio di mappa 27 particella 301 - profondità 20 m - codice univoco CN P 10303 - portata massima 0,13 l/s - portata media 0,0983 l/s - ad uso produzione beni e servizi: usi di raffreddamento e civile: scorte antincendio; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 dicembre 2004 N° 1058 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 104) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al COMUNE DI BRIGA ALTA (C.F. 00553180043), con sede in Briga Alta frazione Piaggia piazza Pastorelli 1, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Briga Alta ad uso potabile la portata media di 10,7 l/s dalle seguenti captazioni:

* Sorgente sita nel comune di Briga Alta, in località Curei - frazione Carnino Superiore - foglio di mappa 90 particella 537 e 512 - codice univoco CN S 10027 - portata massima 1 l/s - portata media 1 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Briga Alta, in località Foce frazione Piaggia - foglio di mappa 58 particella 121 - codice univoco CN S 10021 - portata massima 3 l/s - portata media 3 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Briga Alta, in località Santo Spirito frazione Piaggia - foglio di mappa 57 particella 46 - codice univoco CN S 10022 - portata massima 2 l/s - portata media 2 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Briga Alta, in località Poggio Fontane - frazione Upega - foglio di mappa 79 particella 239 - codice univoco CN S 10023 - portata massima 1 l/s - portata media 1 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Briga Alta, in località Agnese - frazione Upega - foglio di mappa 79 particella 225 - codice univoco CN S 10024 - portata massima 0,9 l/s - portata media 1 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Briga Alta, in località Russan - frazione Upega - foglio di mappa 78 particella 2 - codice univoco CN S 10025 - portata massima 1,5 l/s - portata media 1 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Briga Alta, in località Donzelle frazione Carnino Inferiore - foglio di mappa 91 particella 64 - codice univoco CN S 10026 - portata massima 1,3 l/s - portata media 1 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 dicembre 2004 N° 1060 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 110) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al COMUNE DI MARTINIANA PO (C.F. 85000410044), con sede in Martiniana Po via Roma 29, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Martiniana Po ad uso potabile la portata media di 6,38 l/s dalle seguenti captazioni:

* Sorgente sita nel comune di Martiniana Po, in località Pramorello - foglio di mappa 7 particella 252 - codice univoco CN S 10047 - portata massima 0,46 l/s - portata media 0,458 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Martiniana Po, in località Meira d’la Ferra - foglio di mappa 7 particella 380 e 562 - codice univoco CN S 10045 - portata massima 0,69 l/s - portata media 0,687 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Martiniana Po, in località Comba Pisai - foglio di mappa 9 particella 1 - codice univoco CN S 10046 - portata massima 1,71 l/s - portata media 1,713 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Martiniana Po, in località Ciabot di Vitun - foglio di mappa 12 particella 79 e 80 - codice univoco CN S 10048 - portata massima 2,4 l/s - portata media 2,4 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Martiniana Po, in località Fontana Nuova - foglio di mappa 11 particella 230 - codice univoco CN S 10049 - portata massima 0,31 l/s - portata media 0,31 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Martiniana Po, in località Meira Tais - foglio di mappa 11 particella 66 - codice univoco CN S 10050 - portata massima 0,43 l/s - portata media 0,431 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Martiniana Po, in località Gerp - foglio di mappa 9 particella 2 e 5 - codice univoco CN S 10097 - portata massima 0,38 l/s - portata media 0,379 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)





































Elenco degli estratti delle concessioni
preferenziali con 8 captazioni

Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 29 novembre 2004 N° 1007 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 18) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società CAPETTA I.VI.P. S.P.A. (C.F. e P.IVA 00938660040), con sede in Santo Stefano Belbo corso Piave 140, la concessione di derivare da acque superficiali e acque sotterranee, nel comune di Santo Stefano Belbo ad uso produzione beni e servizi la portata media di 0,5708 l/s dalle seguenti captazioni:

* Pozzo sito nel comune di Santo Stefano Belbo, in corso Piave 185 - foglio di mappa 29 particella 19 - profondità 7 m - codice univoco CN P 10259 - portata massima 0,25 l/s - portata media 0,0507 l/s - ad uso produzione beni e servizi;

* Pozzo sito nel comune di Santo Stefano Belbo, in corso Piave 140 - foglio di mappa 27 particella 187 - profondità 9 m - codice univoco CN P 10260 - portata massima 0,43 l/s - portata media 0,0609 l/s - ad uso produzione beni e servizi;

* Pozzo sito nel comune di Santo Stefano Belbo, in località San Grato - foglio di mappa 29 particella 344 - profondità 13 m - codice univoco CN P 10261 - portata massima 0,26 l/s - portata media 0,1368 l/s - ad uso produzione beni e servizi;

* Pozzo sito nel comune di Santo Stefano Belbo, in corso Piave 140 - foglio di mappa 27 particella 185 - profondità 7 m - codice univoco CN P 10262 - portata massima 1,11 l/s - portata media 0,1138 l/s - ad uso produzione beni e servizi;

* Pozzo sito nel comune di Santo Stefano Belbo, in corso Piave 150 - foglio di mappa 27 particella 155 - profondità 12 m - codice univoco CN P 10263 - portata massima 0,04 l/s - portata media 0,0151 l/s - ad uso produzione beni e servizi;

* Pozzo sito nel comune di Santo Stefano Belbo, in località San Grato - foglio di mappa 29 particella 21 - profondità 9 m - codice univoco CN P 10264 - portata massima 1,23 l/s - portata media 0,1596 l/s - ad uso produzione beni e servizi;

* Sorgente sita nel comune di Santo Stefano Belbo, in località San Grato - foglio di mappa 29 particella 305 - codice univoco CN S 10001 - portata massima 0,2 l/s - portata media 0,0334 l/s - ad uso produzione beni e servizi;

* Pozzo sito nel comune di Santo Stefano Belbo, in corso Piave 140 - foglio di mappa 27 particella 269 - profondità 6 m - codice univoco CN P 10021 - portata massima 0,25 l/s - portata media 0,0003 l/s - ad uso produzione beni e servizi; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Per derivazione di acque superficiali, di sorgente, di fontanili o di trincee drenanti

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Per derivazione di acque sotterranee estratte mediante pozzo

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)





























Elenco degli estratti delle concessioni
preferenziali con 9 captazioni

Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 dicembre 2004 N° 1057 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 103) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IDRICO SAN GIACOMO (C.F. 00218440048), con sede in Roburent via Sant’Anna 152, la concessione di derivare da acque superficiali, nei comuni di Roburent e di Montaldo di Mondovì ad uso potabile la portata media di 4,25 l/s dalle seguenti captazioni:

* Sorgente sita nel comune di Roburent, in località Forei - Fontanafredda - foglio di mappa 16 particella 30 - codice univoco CN S 10014 - portata massima 1,6 l/s - portata media 1,015 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Roburent, in località Colmé - foglio di mappa 15 particella 1, 28 e 35 - codice univoco CN S 10012 - portata massima 0,7 l/s - portata media 0,444 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Roburent, in località Groppignano - foglio di mappa 15 particella 22, 24 e 105 - codice univoco CN S 10013 - portata massima 0,4 l/s - portata media 0,254 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Montaldo di Mondovì, in località Gasia - foglio di mappa 22 particella 173 e 191 - codice univoco CN S 10015 - portata massima 1,5 l/s - portata media 0,951 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Montaldo di Mondovì, in località Camulu - foglio di mappa 24 particella 225, 232 e 233 - codice univoco CN S 10016 - portata massima 1 l/s - portata media 0,634 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Roburent, in località Pianea - Zanarì - foglio di mappa 17 - codice univoco CN S 10017 - portata massima 1 l/s - portata media 0,634 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Roburent, in località Saviot - foglio di mappa 10 e 13 particella 164,165 e 212 - 229 - codice univoco CN S 10018 - portata massima 0,9 l/s - portata media 0,127 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Roburent, in località Pavo - foglio di mappa 12 particella 168, 169, 170 e 171 - codice univoco CN S 10019 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,159 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Roburent, in località Corsagliola - foglio di mappa 16 - codice univoco CN S 10020 - portata massima 0,2 l/s - portata media 0,032 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


















































Elenco degli estratti delle concessioni
preferenziali con 12 captazioni

Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 dicembre 2004 N° 1067 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 125) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al COMUNE DI BRONDELLO (C.F. 85002530047), con sede in Brondello via Vila 23, la concessione di derivare da acque superficiali e acque sotterranee, nel comune di Brondello ad uso potabile la portata media di 1,96 l/s dalle seguenti captazioni:

* Sorgente sita nel comune di Brondello, in località Gaiarda - foglio di mappa 2 particella 51 - codice univoco CN S 10101 - portata massima 0,2 l/s - portata media 0,2 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Pozzo sito nel comune di Brondello, in località Colletto Alto - foglio di mappa 1 particella 248 - profondità 60 m - codice univoco CN P 10174 - portata massima 0,5 l/s - portata media 0,5 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Brondello, in località Pramalano - foglio di mappa 1 particella 163 - codice univoco CN S 10099 - portata massima 0,3 l/s - portata media 0,3 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Brondello, in località Bosco dei Fiori - foglio di mappa 3 particella 104 - codice univoco CN S 10100 - portata massima 0,3 l/s - portata media 0,3 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Brondello, in località Prai - foglio di mappa 23 particella 166 - codice univoco CN S 10102 - portata massima 0,1 l/s - portata media 0,1 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Brondello, in località Foresti - foglio di mappa 10 particella 56 - codice univoco CN S 10103 - portata massima 0,1 l/s - portata media 0,1 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Brondello, in località Pramalano - foglio di mappa 1 particella 159 - codice univoco CN S 10104 - portata massima 0,3 l/s - portata media 0,3 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Brondello, in località Prai - foglio di mappa 23 particella 174 - codice univoco CN S 10105 - portata massima 0,1 l/s - portata media 0,001 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Brondello, in località Bosco dei Fiori - foglio di mappa 3 particella 124 - codice univoco CN S 10106 - portata massima 0,01 l/s - portata media 0,01 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Fontanile sito nel comune di Brondello, in località Pramalano - foglio di mappa 1 particella 117 - codice univoco CN S 10465 - portata massima 0,05 l/s - portata media 0,05 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Fontanile sito nel comune di Brondello, in località Pramalano - foglio di mappa 1 particella 153 - codice univoco CN S 10466 - portata massima 0,05 l/s - portata media 0,05 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Fontanile sito nel comune di Brondello, in località Pramalano - foglio di mappa 1 particella 153 - codice univoco CN S 10529 - portata massima 0,05 l/s - portata media 0,05 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Per derivazione di acque superficiali, di sorgente, di fontanili o di trincee drenanti

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Per derivazione di acque sotterranee estratte mediante pozzo

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)







Elenco degli estratti delle concessioni
preferenziali con 14 captazioni

Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 dicembre 2004 N° 1063 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 113) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al COMUNE DI SANFRONT (C.F. 85002210046), con sede in Sanfront piazza Statuto 2, la concessione di derivare da acque superficiali, nel comune di Sanfront ad uso potabile la portata media di 9,8 l/s dalle seguenti captazioni:

* Sorgente sita nel comune di Sanfront, in borgata Serre - codice univoco CN S 10069 - portata massima 0,4 l/s - portata media 0,3 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Sanfront, in località Croesio - Madonna dell’Oriente - codice univoco CN S 10061 - portata massima 2 l/s - portata media 1 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Sanfront, in località Croesio - Madonna dell’Oriente - codice univoco CN S 10062 - portata massima 2 l/s - portata media 1 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Sanfront, in località Croesio - Madonna dell’Oriente - codice univoco CN S 10063 - portata massima 2 l/s - portata media 1 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Sanfront, in località Montebracco - codice univoco CN S 10064 - portata massima 0,8 l/s - portata media 0,5 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Sanfront, in località Comba Gambasca - codice univoco CN S 10065 - portata massima 2 l/s - portata media 1 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Sanfront, in località Sagnas - codice univoco CN S 10066 - portata massima 1,6 l/s - portata media 0,8 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Sanfront, in località Meira del Rivun - codice univoco CN S 10067 - portata massima 1,5 l/s - portata media 0,8 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Sanfront, in località Roca d’Albra - Comba Albetta - codice univoco CN S 10068 - portata massima 1,8 l/s - portata media 0,9 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Sanfront, in località Rocchetta - via delle Piane - codice univoco CN S 10070 - portata massima 0,6 l/s - portata media 0,2 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Sanfront, in località Rocchetta - via Mombraccetto - codice univoco CN S 10071 - portata massima 1,5 l/s - portata media 0,8 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Sanfront, in località Comba Bedale - codice univoco CN S 10072 - portata massima 0,8 l/s - portata media 0,4 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Sorgente sita nel comune di Sanfront, in località Pasturel - codice univoco CN S 10096 - portata massima 0,9 l/s - portata media 0,6 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone;

* Trincea drenante sita nel comune di Sanfront, in borgata Fraita - codice univoco CN S 10464 - portata massima 0,8 l/s - portata media 0,5 l/s - ad uso potabile: approvvigionamento idrico alle persone; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


CONCESSIONI PREFERENZIALI AD USO AGRICOLO A BOCCA NON TASSATA

Elenco degli estratti delle concessioni
preferenziali con 1 captazione

Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 dicembre 2004 N° 1094 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 184) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor FISSORE MARIO ANTONIO (C.F. FSSMNT34H26B111L), residente in Bra via Cuneo 9, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Bra ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,3, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Bra, in località Palazzotto - foglio di mappa 56 particella 226 - profondità 10 m - codice univoco CN P 10012 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 dicembre 2004 N° 1096 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 192) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor GROSSO GIOVANNI BATTISTA (C.F. GRSGNN31C10B111W), residente in Bra via Turati 26, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Bra ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,5, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Bra, in località Orti - foglio di mappa 62 particella 82 - profondità 11 m - codice univoco CN P 10173 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 dicembre 2004 N° 1097 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 194) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor PERONA GUERINO (C.F. PRNGRN29H27L942C), residente in Villafalletto via Monsola 93, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Villafalletto ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 11,43, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in località Monsola Ceretto Piccolo - foglio di mappa 3 particella 8 - profondità 54 m - codice univoco CN P 10179 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 dicembre 2004 N° 1099 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 198) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA VILLOSIO MARIO (C.F. VLLMRA52P25L990Q), con sede in Villanova Solaro via Gai 31, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Villanova Solaro ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 17,9265, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Villanova Solaro, in via Gai - foglio di mappa 9 particella 60 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10194 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 dicembre 2004 N° 1101 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 212) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire ai signori CAPELLO ANDREA (C.F. CPLNDR27E07B720Q), residente in Caramagna Piemonte strada Marene 5, - CAPELLO PIETRO (C.F. CPLPTR28R19B720E) - CAPELLO TOMMASO (C.F. CPLTMS39H17B720V) - TESIO GIOVANNI (C.F. TSEGNN45D15H150Y), la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Caramagna Piemonte ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 23,8, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Caramagna Piemonte, in cascina Meirano - foglio di mappa 33 particella 110 - profondità 40 m - codice univoco CN P 10334 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 marzo 2006 N° 1016 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 215) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor SACCO FRANCESCO (C.F. SCCFNC54S28H150F), residente in Racconigi cascina Terre Nere 36, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Racconigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 22,86, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Racconigi - foglio di mappa 35 particella 105 - profondità 40 m - codice univoco CN P 10337 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 marzo 2006 N° 1018 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 220) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BALANGERO PIETRO (C.F. BLNPTR38R18H150D), residente in Racconigi cascina Colaterale 12, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Racconigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 25, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Racconigi - foglio di mappa 36 particella 175 - profondità 32 m - codice univoco CN P 10352 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 dicembre 2004 N° 1104 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 230) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BOGINO FRANCESCO (C.F. BGNFNC32P30H247Y), residente in Revello via Sant’Ilario 33, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Revello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 5, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Revello, in via Sant’Ilario frazione San Pietro - foglio di mappa 39 particella 76 - profondità 40 m - codice univoco CN P 10374 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 dicembre 2004 N° 1105 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 231) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor FLESIA ALFREDO (C.F. FLSLRD42C04H247M), residente in Revello via Staffarda 8, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Revello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 3,5, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Revello, in località Cofetto frazione Morra San Martino - foglio di mappa 36 particella 181 - profondità 18 m - codice univoco CN P 10375 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 9 dicembre 2004 N° 1106 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 232) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor DE DOMINICI STEFANO (C.F. DDMSFN35C23H247B), residente in Revello via San Pietro 4, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Revello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 2, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Revello, in via San Pietro 4 - foglio di mappa 37 particella 69 - profondità 50 m - codice univoco CN P 10376 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 9 dicembre 2004 N° 1107 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 233) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ALBERTENGO ELIO (C.F. LBRLEI49R29H247T), residente in Revello via Volo 20, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Revello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 4, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Revello, in località Campasso frazione San Pietro - foglio di mappa 40 particella 127 - profondità 39 m - codice univoco CN P 10377 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 9 dicembre 2004 N° 1108 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 234) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor RUBIOLO GIUSEPPE (C.F. RBLGPP52L09H247G), residente in Revello via Molinengo 2/A, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Revello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 5, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Revello, in via Molinengo cascina Barra frazione Morra San Martino - foglio di mappa 35 particella 286 - profondità 25 m - codice univoco CN P 10378 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 9 dicembre 2004 N° 1109 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 235) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor SASIA MARIO (C.F. SSAMRA34E19D120V), residente in Costigliole Saluzzo vicolo Varaitina 8, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Costigliole Saluzzo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 1,5, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Costigliole Saluzzo, in via Ronchi - foglio di mappa 1 particella 155 e 157 - profondità 10 m - codice univoco CN P 10379 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 9 dicembre 2004 N° 1110 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 236) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BORDONI GIOVANNI (C.F. BRDGNN44C06H727J), residente in Revello via Roncaglia 11, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Revello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 30, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Revello, in via Roncaglia Staffarda - foglio di mappa 8 particella 26 - profondità 20 m - codice univoco CN P 10380 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 9 dicembre 2004 N° 1112 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 238) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor RINAUDO PIERFRANCO (C.F. RNDPFR45H01H247H), residente in Revello via Campagnole 19, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Revello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 19, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Revello, in località Madonna delle Grazie via Genre - foglio di mappa 30 particella 7 - profondità 60 m - codice univoco CN P 10383 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 9 dicembre 2004 N° 1113 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 239) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BORDONI ELIO ANGELO (C.F. BRDLGL48D12H247U), residente in Revello via Saccabonello 3, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Revello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 19, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Revello, in via Saccabonello Staffarda - foglio di mappa 8 particella 13 - profondità 20 m - codice univoco CN P 10384 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 marzo 2006 N° 1019 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 240) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor SPERTINO AGOSTINO (C.F. SPRGTN34H09I470M), residente in Savigliano via Oropa 12 frazione San Salvatore, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 3,4290, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Savigliano, in località Belriguardo - foglio di mappa 100 particella 10 - profondità 50 m - codice univoco CN P 10385 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 9 dicembre 2004 N° 1114 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 241) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA PEIRASSO RICCARDO (C.F. PRSRCR69C05D205E), con sede in Vottignasco via Sabbione 6, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Vottignasco ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 6, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Vottignasco, in via Sabbione - foglio di mappa 2 particella 117 - profondità 18 m - codice univoco CN P 10386 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 marzo 2006 N° 1020 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 242) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA PIGNATTA LUCIANO (C.F. PGNLCN45C10I470A), con sede in Savigliano strada S. Scolastica 14, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Vottignasco ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 26, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Vottignasco, in via Sabbione - foglio di mappa 2 particella 117 - profondità 18 m - codice univoco CN P 10387 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 9 dicembre 2004 N° 1115 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 243) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al VALLA DI MARTINO SEVERINO & C. S.S. (C.F. e P.IVA 00516070042), con sede in Revello via Staffarda 97, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Revello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 11, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Revello, in via Staffarda cascina Ricchiarda - foglio di mappa 16 particella 108 - profondità 55 m - codice univoco CN P 10388 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 9 dicembre 2004 N° 1116 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 249) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CHIAVAZZA MICHELE (C.F. CHVMHL44L11F330S), residente in Cavour corso Marconi 10, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 8,3820, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Savigliano, in località Rigrasso - foglio di mappa 24 particella 18 - profondità 29 m - codice univoco CN P 10397 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 9 dicembre 2004 N° 1117 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 250) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor FRANCO GIUSEPPE (C.F. FRNGPP45D29L804B), residente in Verzuolo via Papò 102/A, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Verzuolo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 2,2695, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Verzuolo, in località Sant’Anna - foglio di mappa 22 particella 34 - profondità 10 m - codice univoco CN P 10398 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 marzo 2006 N° 1022 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 255) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ROASIO PIERMARIO (C.F. RSOPMR68D26I470D), residente in Savigliano via Cavallotta 57, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 7,62, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Savigliano, in strada vicinale della Pennacina - foglio di mappa 77 particella 36 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10408 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 marzo 2006 N° 1023 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 256) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ROASIO PIERMARIO (C.F. RSOPMR68D26I470D), residente in Savigliano via Cavallotta 58, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 9,9060, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Savigliano, in strada del Belriguardo - foglio di mappa 80 particella 18 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10409 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 10 dicembre 2004 N° 1123 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 264) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società BARALE PIETRO & QUAGLIA ANTONIO S. S. (C.F. e P.IVA 00537350043), con sede in Verzuolo via Roma 15, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Busca ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 11,43, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Busca, in frazione San Chiaffredo - foglio di mappa 28 particella 9 - profondità 87 m - codice univoco CN P 10421 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 10 dicembre 2004 N° 1125 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 266) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BUSSO ANTONIO (C.F. BSSNTN27E13H150I), residente in Racconigi via Caravaggio 1, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Racconigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 13, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Racconigi - foglio di mappa 42 particella 48 - profondità 45 m - codice univoco CN P 10423 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 marzo 2006 N° 1025 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 268) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire ai signori VASSALLO GIOVANNI (C.F. VSSGNN52E10I470A), residente in Racconigi cascina Porta Rossa 20, - VASSALLO LORENZO (C.F. VSSLNZ55D14I470A), la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Racconigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 16,85, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Racconigi - foglio di mappa 16 particella 28 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10425 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 marzo 2006 N° 1026 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 272) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire ai signori SACCO FRANCESCO (C.F. SCCFNC54S28H150F), residente in Racconigi cascina Terre Nere 36, - BRUGIAFREDDO EMANUELE (C.F. BRGMNL69M04H150J) - CAVALLO ADRIANO (C.F. CVLDRN47B20H150I) - CAVALLO ANTONIO (C.F. CVLNTN39T10H150I) - CAVALLO FRANCESCO (C.F. CVLFNC68M17H150Z), la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Racconigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 42,67, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Racconigi - foglio di mappa 35 particella 136 - profondità 40 m - codice univoco CN P 10436 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 10 dicembre 2004 N° 1126 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 280) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor NASI SILVANO (C.F. NSASVN38L07D120S), residente in Costigliole Saluzzo via Orti 5, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Costigliole Saluzzo ad uso agricolo, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Costigliole Saluzzo, in regione Domenica - foglio di mappa 10 particella 137 - profondità 6 m - codice univoco CN P 10454 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 10 dicembre 2004 N° 1127 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 281) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MAERO ROMALDO (C.F. MRARLD48P29E406B), residente in Lagnasco via Verzuolo 8/bis, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Lagnasco ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 3,34, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Lagnasco, in località Taglione - foglio di mappa 7 particella 20 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10455 - ad uso agricolo: antibrina e irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 10 dicembre 2004 N° 1128 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 282) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor RACCA ROCCO (C.F. RCCRCC50C13I470M), residente in Fossano frazione Baligio 43, in nome proprio e per conto di: - RACCA GUGLIELMO (C.F. RCCGLL50C13I470J) - CRAVERO GIOVANNI (C.F. CRVGNN43D08I470E) - CRAVERO LETIZIA (C.F. CRVLTZ53D42I470J) - CRAVERO MARIO (C.F. CRVMRA45S15I470N) - CRAVERO VITTORINO (C.F. CRVVTR48E02I470K) - GONELA PIETRO (C.F. GNLPTR65A26I490N) - GONELA ROMANO (C.F. GNLRMN56B28I512R), la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 50, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in località Pensolato frazione San Vittore - foglio di mappa 9 particella 62 - profondità 29 m - codice univoco CN P 10456 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 10 dicembre 2004 N° 1129 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 284) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ANGARAMO GIUSEPPE (C.F. NGRGPP49T11I512O), residente in Scarnafigi via Sant’Anna 5, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Scarnafigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 12,0793, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Scarnafigi, in località Sant’Anna - foglio di mappa 23 particella 142 - profondità 25 m - codice univoco CN P 10459 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 10 dicembre 2004 N° 1132 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 292) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora SANSOLDO BRUNA (C.F. SNSBRN66L49D205A), residente in Fossano frazione Maddalene 79, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 1,1490, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in località Maddalene - foglio di mappa 79 particella 55 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10470 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 10 dicembre 2004 N° 1133 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 295) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BARALE ANDREA GIOVANNI (C.F. BRLNRG36T04L804T), residente in Verzuolo via Pomarolo 99/a, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Verzuolo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 5,52, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Verzuolo, in via Pomarolo 99/a - foglio di mappa 8 particella 180 - profondità 27 m - codice univoco CN P 10475 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 10 dicembre 2004 N° 1134 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 300) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor RINAUDO MARCO (C.F. RNDMRC65L10H727P), residente in Saluzzo via Costa 7, la concessione di derivare acque superficiali nel comune di Piasco ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 1, dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di Piasco, in località Costa Versa - foglio di mappa 2 particella 48 - codice univoco CN S 10194 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 10 dicembre 2004 N° 1135 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 303) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA MATTIO MARCO (C.F. MTTMRC71E30H247H), con sede in Revello via Sant’Ilario 3, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Revello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 1,52, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Revello, in via Sant’Ilario 3 - foglio di mappa 33 particella 243 - profondità 40 m - codice univoco CN P 10483 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 13 dicembre 2004 N° 1136 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 304) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor RINAUDO GIANBATTISTA (C.F. RNDGBT22E12G575K), residente in Piasco via Mazzola 7, la concessione di derivare acque superficiali nel comune di Piasco ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 5, dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di Piasco, in località Costa Versa - foglio di mappa 2 particella 48 - codice univoco CN S 10195 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 13 dicembre 2004 N° 1137 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 305) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor RINAUDO ALBINO (C.F. RNDLBN49E26G575F), residente in Piasco via Europa 29, la concessione di derivare acque superficiali nel comune di Piasco ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 4, dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di Piasco, in località Costa Versa - foglio di mappa 2 particella 48 - codice univoco CN S 10196 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 13 dicembre 2004 N° 1138 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 307) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA GILETTA RICCARDO (C.F. GLTRCR68H01D205K), con sede in Costigliole Saluzzo via Campolungo 6, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Costigliole Saluzzo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 4,6, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Costigliole Saluzzo, in cascina Martinetto - foglio di mappa 5 particella 60 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10485 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 13 dicembre 2004 N° 1139 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 308) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA DELSOGLIO LUIGI (C.F. DLSLGU24M08G240I), con sede in Pagno via Romani 15, la concessione di derivare acque superficiali nel comune di Pagno ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 3,8, dalla seguente captazione:

* Lago sito nel comune di Pagno, in via Romani - foglio di mappa 6 particella 278 - codice univoco CN A 10006 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 13 dicembre 2004 N° 1140 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 309) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA MILLONE ROBERTO (C.F. MLLRRT66R11H727U), con sede in Moretta via Polano 36/A, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Moretta ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 7,62, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Moretta, in via Polano - foglio di mappa 4 particella 134 - profondità 25 m - codice univoco CN P 10486 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 13 dicembre 2004 N° 1142 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 313) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MARGARIA CHIAFFREDO (C.F. MRGCFF39D11D120W), residente in Costigliole Saluzzo via Piave 21, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Costigliole Saluzzo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 1,52, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Costigliole Saluzzo, in via Ronchi - foglio di mappa 1 particella 288 - profondità 7 m - codice univoco CN P 10492 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 marzo 2006 N° 1031 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 316) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA CAFFARO GIUSEPPE (C.F. CFFGPP39M16A660P), con sede in Carde’ località Boschi 14, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Carde’ ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 2,3, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Carde’, in località Boschi - foglio di mappa 13 particella 60 - profondità 28 m - codice univoco CN P 10495 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 13 dicembre 2004 N° 1144 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 317) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società FRANCO GIULIANO - FRANCO GIUSEPPE S.S. (C.F. 00670710045), con sede in Verzuolo via Mattona 199, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Verzuolo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,76, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Verzuolo, in via Mattona - foglio di mappa 21 particella 60 - profondità 8 m - codice univoco CN P 10496 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 13 dicembre 2004 N° 1146 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 319) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA RINAUDO MARIA ANGELA (C.F. RNDMNG28P51G575W), con sede in Verzuolo via Drago 93, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Verzuolo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,57, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Verzuolo, in via Chiamina - foglio di mappa 3 particella 82 - profondità 8 m - codice univoco CN P 10499 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 13 dicembre 2004 N° 1150 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 328) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA VANZETTI FRANCESCO (C.F. VNZFNC51H10L990S), con sede in Villanova Solaro Via Saluzzo 6, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Villanova Solaro ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 2,7240, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Villanova Solaro, in località Martinetto - foglio di mappa 15 particella 52 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10514 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 marzo 2006 N° 1033 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 330) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA RUBIANO GIANFRANCO (C.F. RBNGFR74A20B791N), con sede in Racconigi Nucleo Oia 3, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Racconigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 2,9704, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Racconigi, in località Tagliata - foglio di mappa 49 particella 69 - profondità 25 m - codice univoco CN P 10518 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 14 dicembre 2004 N° 1153 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 334) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA VASCHETTI BRUNO (C.F. VSCBMP47D21H150D), con sede in Racconigi cascina Stramiano 206, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Racconigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 2,5670, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Racconigi, in località Carpenetta - foglio di mappa 22 particella 14 - profondità 29 m - codice univoco CN P 10527 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 marzo 2006 N° 1034 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 340) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA BORDESE GIUSEPPE E FRANCO (C.F. e P.IVA 01974320044), con sede in Racconigi cascina Migliabruna vecchia, - BORDESE MICHELE LUIGI (C.F. BRDBTL22L05H150J), la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Racconigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 18,4345, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Racconigi, in località Oia - foglio di mappa 5 particella 99 - profondità 25 m - codice univoco CN P 10544 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 14 dicembre 2004 N° 1154 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 342) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CAMUSSO ANTONIO (C.F. CMSNTN63R28B755W), residente in Carde’ via Gerbido 2, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Carde’ ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 17,4189, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Carde’, in località Lamette - foglio di mappa 11 particella 8 - profondità 32 m - codice univoco CN P 10548 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 14 dicembre 2004 N° 1156 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 349) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA CASCINA SANT’AMBROGIO (C.F. e P.IVA 01891820043), con sede in Scarnafigi via Fornasasso 2, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Saluzzo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 5,44, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in via Pinerolo 21 - foglio di mappa 44 particella 203 - profondità 40 m - codice univoco CN P 10563 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 14 dicembre 2004 N° 1157 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 350) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA TORTONE RICCARDO E MASSIMO (C.F. 85002320043), con sede in Scarnafigi via Moretta 16, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Scarnafigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 19,04, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Scarnafigi, in via Moretta - foglio di mappa 10 particella 120 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10564 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 14 dicembre 2004 N° 1158 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 352) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor PODIO PIERO (C.F. PDOPRI71C17H150X), residente in Saluzzo via del Bosco 54 Cervignasco, la concessione di derivare acque superficiali nel comune di Carde’ ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 6,5, dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di Carde’, in cascina Manero - foglio di mappa 15 particella 72 e altre - codice univoco CN S 10198 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 14 dicembre 2004 N° 1159 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 354) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor AMBROGIO SEBASTIANO (C.F. MBRSST45M28H247G), residente in Revello via Revalanca 5, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Revello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 10,9, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Revello, in località Revalanca - foglio di mappa 13 particella 84 - profondità 40 m - codice univoco CN P 10567 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 14 dicembre 2004 N° 1160 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 355) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor GIACOSA FLAVIO (C.F. GCSFLV69C28I470E), residente in Savigliano via Chios del Re 8/b, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 20,9550, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Savigliano, in località Chios del Re - foglio di mappa 24 particella 51 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10568 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 14 dicembre 2004 N° 1161 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 356) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor AMBROGIO GUIDO PIETRO (C.F. MBRGPT60A30A660T), residente in Revello via Revalanca 4, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Revello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 8,38, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Revello, in località Revalanca - foglio di mappa 13 particella 84 - profondità 40 m - codice univoco CN P 10569 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 14 dicembre 2004 N° 1164 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 360) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor GERLERO VITTORIO (C.F. GRLVTR38M07D742L), residente in Fossano frazione Sant’Antonio Baligio 28, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 22, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Sant’Antonio Baligio - foglio di mappa 20 particella 9 - profondità 28 m - codice univoco CN P 10579 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 14 dicembre 2004 N° 1165 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 363) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO SAN MARTINO (C.F. e P.IVA 92000550043), con sede in Fossano frazione San Martino 9/a, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 80, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione San Martino - foglio di mappa 52 particella 16 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10582 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 15 dicembre 2004 N° 1166 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 364) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor RIVOIRA GIUSEPPE (C.F. RVRGPP42C04D742L), residente in Fossano via Torino 54, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 38, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in via Torino - foglio di mappa 29 particella 37 - profondità 29 m - codice univoco CN P 10583 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 15 dicembre 2004 N° 1167 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 365) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor PANSA BIAGIO (C.F. PNSBGI51L30C375Z), residente in Cavallerleone via Murello 9, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cavallerleone ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 4,57, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Cavallerleone - foglio di mappa 10 particella 32 - profondità 22 m - codice univoco CN P 10584 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 15 dicembre 2004 N° 1168 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 368) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CONSOLINO GIUSEPPE (C.F. CNSGPP52M04C466Y), residente in Centallo frazione Roata Chiusani regione Propalessa, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 27,09, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Propalessa - foglio di mappa 41 particella 4 - profondità 40 m - codice univoco CN P 10588 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 15 dicembre 2004 N° 1169 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 369) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BEOLETTO SILVANO (C.F. BLTSVN58R13D120F), residente in Villafalletto frazione Termine via Gaide 2/A, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Verzuolo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 2,6, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Verzuolo, in via Savigliano - foglio di mappa 23 particella 77 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10589 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 15 dicembre 2004 N° 1170 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 373) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ALASIA GIANGIORGIO (C.F. LLSGGR60L23D205K), residente in Villafalletto via Monsola 34, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Villafalletto ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 16,38, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in via Monsola - foglio di mappa 17 particella 111 - profondità 35 m - codice univoco CN P 10593 - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame e irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 1 marzo 2006 N° 1038 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 374) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor PORTA GIORGIO (C.F. PRTGRG64R06B894E), residente in Racconigi via Regina Margherita 91, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Casalgrasso ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 2,38, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Casalgrasso, in frazione Carpenetta - foglio di mappa 22 particella 138 - profondità 35 m - codice univoco CN P 10594 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 15 dicembre 2004 N° 1173 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 380) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA MATTEODO BARTOLOMEO (C.F. MTTBTL42E30D782E), con sede in Scarnafigi via Cristo 3, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Scarnafigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 45,4721, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Scarnafigi, in frazione Cristo - foglio di mappa 29 particella 77 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10605 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 15 dicembre 2004 N° 1175 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 390) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ANELLINO MARIO (C.F. NLLMRA47A18E894D), residente in Manta via Collegno 8, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Manta ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 6,5885, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Manta, in località Collegno - foglio di mappa 12 - profondità 28 m - codice univoco CN P 10627 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 15 dicembre 2004 N° 1176 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 391) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire ai signori ANELLINO MARIO (C.F. NLLMRA47A18E894D), residente in Manta via Collegno 8, - ANELLINO WALTER (C.F. NLLWTR55E13E894I), la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Verzuolo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 6,0960, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Verzuolo, in località Varaita - foglio di mappa 24 particella 68 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10629 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 15 dicembre 2004 N° 1177 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 395) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CAPELLO GIACOMINO (C.F. CPLGMN54A01F723G), residente in Moretta via Polano 35, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Moretta ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 12,3825, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Moretta, in regione Polano - foglio di mappa 11 particella 305 - profondità 42 m - codice univoco CN P 10639 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1043 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 398) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CASETTA BARTOLOMEO ALDO (C.F. CSTBTL39B26L219E), residente in Torino corso Orbassano 191/7, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Carde’ ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 19, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Carde’, in via Saluzzo 39 - foglio di mappa 16 particella 3 - profondità 35 m - codice univoco CN P 10642 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 15 dicembre 2004 N° 1179 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 400) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO POZZO SAN MICHELE (C.F. 80021440047), con sede in Villafalletto Frazione Monsola via Mattona 2/b, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Villafalletto ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 140, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in frazione Monsola Chiesa San Michele - foglio di mappa 8 particella 108 - profondità 52 m - codice univoco CN P 10646 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 16 dicembre 2004 N° 1181 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 405) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BUSSO FRANCESCO (C.F. BSSFNC32P12C376C), residente in Cavallermaggiore Località Motta San Giovanni 28, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cavallermaggiore ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 49,53, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Cavallermaggiore - foglio di mappa 7 particella 63 - profondità 29 m - codice univoco CN P 10657 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 16 dicembre 2004 N° 1182 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 407) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor FRANCO PIETRO (C.F. FRNPTR34B10I470E), residente in Fossano via Torino 58, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 22, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in via Torino - foglio di mappa 30 particella 30 - profondità 26 m - codice univoco CN P 10659 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1046 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 414) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora PERLO GIOVANNA (C.F. PRLGNN25H69B720I), residente in Caramagna Piemonte vicolo Canavili 2, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Caramagna Piemonte ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 4, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Caramagna Piemonte, in località Peani - foglio di mappa 13 particella 38 - profondità 33 m - codice univoco CN P 10667 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 16 dicembre 2004 N° 1184 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 426) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla FONDAZIONE ORDINE MAURIZIANO (C.F. 09007180012), con sede in Torino via Magellano 1, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Revello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 23, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Revello, in frazione Staffarda via Po Prati Martina - foglio di mappa 3 particella 13 - profondità 45 m - codice univoco CN P 10689 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 16 dicembre 2004 N° 1185 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 428) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BATTISTI GIOVANNI (C.F. BTTGNN43H24H727Z), residente in Saluzzo frazione Cervignasco 20, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Saluzzo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 42, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in frazione Cervignasco - foglio di mappa 7 particella 33 - profondità 45 m - codice univoco CN P 10692 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 16 dicembre 2004 N° 1186 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 430) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor NUNZI OSVALDO (C.F. NNZSLD60R12H727X), residente in Saluzzo via Pagno 53, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Saluzzo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,3810, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in via Pagno 53 - foglio di mappa 67 particella 175 - profondità 16 m - codice univoco CN P 10695 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 16 dicembre 2004 N° 1187 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 432) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MELANO RENATO (C.F. MLNRTN58A27H727H), residente in Saluzzo regione Paracollo 7, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Saluzzo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 57, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in regione Paracollo - foglio di mappa 35 particella 24 - profondità 60 m - codice univoco CN P 10697 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1048 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 435) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire ai signori DALMASSO GIUSEPPE (C.F. DLMGPP37M06H727U), con sede in Saluzzo Regione Torrazza 26, - DALMASSO RENATO (C.F. DLMRNT45B19H727P), la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Saluzzo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 4, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in regione Torrazza 26 - foglio di mappa 50 particella 7 - profondità 59 m - codice univoco CN P 10701 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 16 dicembre 2004 N° 1188 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 437) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor FIORINA DOMENICO (C.F. FRNDNC34A30M136R), residente in Vottignasco via Vilafalletto 40, in nome proprio e per conto di: - MARENGO ALESSANDRO (C.F. MRNLSN46D03H727H) - MARENGO MARGHERITA (C.F. MRNMGH45D51H727C) - MARENGO ALESSANDRO (C.F. MRNLSN47L05H727L) - MARENGO MARGHERITA (C.F. MRNMGH51A53L948P) - MARENGO MARIUCCIA (C.F. MRNMCC48R56H727G) - MARENGO MARGHERITA (C.F. MRNMGH47E70H727J), la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Saluzzo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 34,69, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in cascina San Romano frazione Cervignasco - foglio di mappa 6 particella 51 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10704 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 16 dicembre 2004 N° 1189 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 438) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BARALE SECONDO (C.F. BRLSND39L05L804E), residente in Saluzzo vicolo Altariva 14, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Saluzzo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,15, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in vicolo Altariva - foglio di mappa 81 particella 115 - profondità 19 m - codice univoco CN P 10705 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 16 dicembre 2004 N° 1191 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 441) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor PAROLA BARTOLOMEO (C.F. PRLBTL37E16L990B), residente in Villanova Solaro via Orba 1, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Villanova Solaro ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 1,5, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Villanova Solaro, in località San Rocco - foglio di mappa 10 particella 241 - profondità 40 m - codice univoco CN P 10710 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 16 dicembre 2004 N° 1192 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 442) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MARTINA VITTORIO (C.F. MRTVTR48E31H150N), residente in Racconigi Antica strada del Canapile 140, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Racconigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 50, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Racconigi, in località Canapile - foglio di mappa 46 particella 155 - profondità 45 m - codice univoco CN P 10711 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1050 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 446) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora BELLONIO ANNA MARIA (C.F. BLLNMR33M63H150N), residente in Racconigi via M. Roda 1, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cavallerleone ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 1,9050, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Cavallerleone, in località Pra - foglio di mappa 11 particella 70 - profondità 32 m - codice univoco CN P 10717 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 16 dicembre 2004 N° 1193 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 451) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CHIOTTI ERNESTO (C.F. CHTRST35A21D120R), residente in Cuneo via Bruni 4, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Costigliole Saluzzo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,6438, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Costigliole Saluzzo, in regione Domenica - foglio di mappa 10 particella 105 - profondità 6 m - codice univoco CN P 10724 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 16 dicembre 2004 N° 1194 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 457) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora BOTTA LUCIA (C.F. BTTLCU16S70H727I), residente in Saluzzo via Pagno 105, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Saluzzo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,04, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Saluzzo, in via Pagno 105 - foglio di mappa 68 particella 32 - profondità 17 m - codice univoco CN P 10733 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1052 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 464) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CAVIGLIASSO GIANPIERO (C.F. CVGGPR50D11F811J), residente in Murello via Case Sparse 34, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Murello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 20,3835, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Murello, in località Pini - foglio di mappa 7 particella 89 - profondità 42 m - codice univoco CN P 10740 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1053 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 465) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CAVIGLIASSO GIANPIERO (C.F. CVGGPR50D11F811J), residente in Murello via Case Sparse 34, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Murello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 5,5245, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Murello, in località Verrone - foglio di mappa 12 particella 198 - profondità 27 m - codice univoco CN P 10741 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1054 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 466) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor LISA GIOVANNI (C.F. LSIGNN29T04F811M), residente in Murello via Ruetta, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Murello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 2,6670, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Murello, in località San Defendente - foglio di mappa 10 particella 362 - profondità 25 m - codice univoco CN P 10742 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1056 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 471) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BERTOLUSSO STEFANO (C.F. BRTSFN60D04A124N), residente in Sommariva Perno frazione San Giuseppe 28, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Monticello d’Alba ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,3810, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Monticello d’Alba, in località Molinari - foglio di mappa 1 particella 332 - profondità 25 m - codice univoco CN P 10748 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1057 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 472) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BOGETTI GABRIELE (C.F. BGTGRL26P14C599K), residente in Cherasco via Giuseppe Verdi 5, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cherasco ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,7620, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Cherasco, in località Zona Verdiero - foglio di mappa 18 particella 51 - profondità 8 m - codice univoco CN P 10749 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1059 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 477) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor REBOLA PIERFRANCO (C.F. RBLPFR44E17B791V), residente in Carmagnola via Chiaberti 2, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Racconigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 1,33, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Racconigi, in frazione Oia - foglio di mappa 4 particella 171 - profondità 20 m - codice univoco CN P 10756 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1060 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 478) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA BRUNETTI SECONDO (C.F. BRNSND55T24L990H), con sede in Villanova Solaro via San Gaido 95/98, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Villanova Solaro ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 7,08, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Villanova Solaro, in località Bussi - foglio di mappa 15 particella 386 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10757 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1061 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 483) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO POZZO DELFINA (C.F. 83001350046), con sede in Centallo largo Vico 4, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 244,9726, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Centallo, in frazione - foglio di mappa 45 particella 98-129 - profondità 56 m - codice univoco CN P 10762 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1062 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 485) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor OREGLIA GIOVANNI (C.F. RGLGNN23P28D742O), residente in Fossano frazione Piovani 94/D, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 17, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Piovani 94/d - foglio di mappa 62 particella 12 - profondità 10 m - codice univoco CN P 10764 - ad uso agricolo: abbeveraggio bestiame; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1066 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 490) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO MADONNA GRAZIE (C.F. e P.IVA 83001650049), con sede in Centallo largo Vico 4, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cuneo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 210,0869, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Cuneo, in frazione San Benigno Madonna Grazie - foglio di mappa 1 particella 62 - profondità 50 m - codice univoco CN P 10773 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1067 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 491) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO POZZO CROSIA (C.F. e P.IVA 92002660048), con sede in Centallo largo Vico 4, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 40,0050, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Crosia - foglio di mappa 22 particella 21 - profondità 40 m - codice univoco CN P 10774 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1068 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 492) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO POZZO MESSONANIA (C.F. e P.IVA 83001670047), con sede in Centallo largo Vico 4, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 76,20, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Sagnassi - foglio di mappa 10 particella 257 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10775 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1069 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 495) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor LONGO VASCHETTI PIETRO PLACIDO (C.F. LNGPRP36E23L990N), residente in Villanova Solaro via Basse 57, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Villanova Solaro ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 3,94, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Villanova Solaro, in località Basse - foglio di mappa 15 particella 78 - profondità 40 m - codice univoco CN P 10778 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1070 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 496) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MINA BARTOLOMEO (C.F. MNIBTL27R17L990A), residente in Villanova Solaro via San Gaido 8, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Villanova Solaro ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 3,96, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Villanova Solaro, in via Monea - foglio di mappa 9 particella 97 - profondità 35 m - codice univoco CN P 10779 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1071 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 497) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA CHIAVASSA FRANCESCO (C.F. CHVFNC51B16L990R), con sede in Villanova Solaro via Saluzzo 9, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Villanova Solaro ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 3,68, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Villanova Solaro, in località Braide - foglio di mappa 17 particella 124 - profondità 35 m - codice univoco CN P 10780 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1072 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 499) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA COLOMBATTO GIOVANNI BATTISTA (C.F. CLMGNN34L24L990L), con sede in Villanova Solaro frazione Vernetto 8, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Villanova Solaro ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 1,74, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Villanova Solaro, in località Seilere - foglio di mappa 1 particella 60 - profondità 33 m - codice univoco CN P 10783 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1073 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 500) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor FERUSSO GIORGIO (C.F. FRSGRG21R15L990C), residente in Villanova Solaro vicolo Parrochiale, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Villanova Solaro ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 28,45, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Villanova Solaro, in località Ochetta - foglio di mappa 11 particella 171 - profondità 32 m - codice univoco CN P 10784 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1074 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 504) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA ANGARAMO GIOVANNI (C.F. NGRGNN60C19L990B), con sede in Villanova Solaro cascina Giogo 27, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Villanova Solaro ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 29,72, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Villanova Solaro, in via Monea - foglio di mappa 9 particella 80 - profondità 20 m - codice univoco CN P 10788 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1075 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 507) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor SUPERTINO BRUNO (C.F. SPRBRN53B02I470Z), residente in Savigliano via Cavallotta 60, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 9,46, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Savigliano, in frazione Cavallotta - foglio di mappa 81 particella 51 - profondità 25 m - codice univoco CN P 14305 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1076 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 508) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CROSETTI GIOVANNI (C.F. CRSGNN39E19D742T), residente in Fossano frazione Mellea, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 33,3508, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Sant’Antonio Baligio - foglio di mappa 20 particella 21 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10791 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1077 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 512) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO MADONNA DELLA GUARDIA (C.F. e P.IVA 92000490042), con sede in Fossano frazione Cussanio 29, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 127,2987, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Cussanio - foglio di mappa 47 particella 36 - profondità 12 m - codice univoco CN P 10795 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1078 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 514) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora ROBASTO PAOLA (C.F. RBSPLA60R58F723O), residente in Moretta via Pollano 12, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Moretta ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 5,7150, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Moretta, in regione Roncaglia cascina Ceresole - foglio di mappa 2 particella 3 - profondità 36 m - codice univoco CN P 10797 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 2 marzo 2006 N° 1079 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 522) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor SOLA FRANCESCO (C.F. SLOFNC32D22B894S), residente in Casalgrasso via San Giovanni Bosco 15, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Casalgrasso ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 1, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Casalgrasso, in località Pontenere - foglio di mappa 7 particella 99 - profondità 16 m - codice univoco CN P 10808 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1081 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 526) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ARIAUDO BERNARDINO (C.F. RDABNR45E25I470J), residente in Cavallermaggiore via Pascoli 1, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cavallermaggiore ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 3,0480, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Cavallermaggiore, in località Fontanile - foglio di mappa 43 particella 130 - profondità 40 m - codice univoco CN P 10815 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1082 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 527) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora ALLASIA MARIA ANDREINA (C.F. LLSMND50T59F330B), residente in Monasterolo di Savigliano via Mazzini 3, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Monasterolo di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 14, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Monasterolo di Savigliano - foglio di mappa 10 particella 84 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10816 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1083 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 528) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor NOVARESE CHIAFFREDO (C.F. NVRCFF52S20F723A), residente in Moretta via Faule 2/4, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Villanova Solaro ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 4, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Villanova Solaro, in località Bocchiardo - foglio di mappa 8 particella 29 - profondità 18 m - codice univoco CN P 10817 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1085 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 553) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire ala signora TUNINETTI AGNESE (C.F. TNNGNS55S47G800M), residente in Polonghera via Molino 3, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Polonghera ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 2,5755, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Polonghera, in località Ormea - foglio di mappa 4 particella 23 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10856 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1089 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 571) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor GRIFFONE ROMANO (C.F. GRFRMN29E16D412U), residente in Envie via Roma 150, la concessione di derivare acque superficiali nel comune di Envie ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 1,7, dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di Envie, in località Mariola - foglio di mappa 15 particella 96 - codice univoco CN S 10207 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1091 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 574) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA LUCIANO GUIDO (C.F. LCNGDU58A08B755G), con sede in Carde’ località Mileni 2/B, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Carde’ ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 6,8, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Carde’, in località Mileni 2/b - foglio di mappa 1 particella 6 - profondità 40 m - codice univoco CN P 10879 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1092 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 575) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA PALMERO GIUSEPPE (C.F. PLMGPP30L19C404F), con sede in Barge via Cardè 109, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Barge ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 12,95, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Barge, in cascina Meliga - foglio di mappa 16 particella 42 - profondità 40 m - codice univoco CN P 10880 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1093 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 576) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA DALMASSO DIEGO (C.F. DLMDGI63P29B719Q), con sede in Caraglio frazione San Lorenzo 19, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Caraglio ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 5, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Caraglio, in frazione San Lorenzo 19 - foglio di mappa 9 particella 130 - profondità 70 m - codice univoco CN P 10881 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1094 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 583) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BATTISTINO OSVALDO (C.F. BTTSLD36B05C466M), residente in Centallo via San Biagio 25, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 20,9550, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Poè - foglio di mappa 40 particella 54 - profondità 25 m - codice univoco CN P 10891 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1095 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 585) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor GALLETTO DIONIGI (C.F. GLLDNG32A26F330Y), residente in Torino via Monte Ortigara 51, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Monasterolo di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 8, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Monasterolo di Savigliano - foglio di mappa 2 particella 95 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10893 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1097 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 588) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MACCAGNO ANTONIO (C.F. MCCNTN50P10D742I), residente in Fossano via Ceresolia 32, in nome proprio e per conto di: - MACCAGNO LUCIA (C.F. MCCLCU46L50I470H) - MACCAGNO GIOVANNI (C.F. MCCGNN53D21D742O) - MACCAGNO CATERINA (C.F. MCCCRN55P68D742T), la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 4, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in via Ceresolia - foglio di mappa 50 particella 118 - profondità 29 m - codice univoco CN P 10899 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1098 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 589) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO VIA MEZZANA (C.F. e P.IVA 92000470044), con sede in Fossano via Centallo 153, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 80, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in via Mezzana - foglio di mappa 118 particella 28 - profondità 26 m - codice univoco CN P 10901 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1099 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 590) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CALANDRI MATTEO (C.F. CLNMTT22T18D742V), residente in Fossano via Busca 5/A, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 38, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in località Santa Chiara - foglio di mappa 52 particella 83 - profondità 26 m - codice univoco CN P 10902 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1100 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 591) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO VIA PIETRAGALLETTO (C.F. 92000870045), con sede in Fossano via Ceresolia 25, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 25, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in località Pietragalletto - foglio di mappa 51 particella 54 - profondità 28 m - codice univoco CN P 10903 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1102 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 601) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CHIALVA FRANCO (C.F. CHLFNC48C18G303B), residente in Pancalieri via Principe Amedeo 80, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Casalgrasso ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 4, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Casalgrasso, in località Ceres - foglio di mappa 16 particella 263 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10914 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1103 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 602) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora LANZONI LAURA (C.F. LNZLRA48T64G753K), residente in Pancalieri via Principe Amedeo 80, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Casalgrasso ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,4, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Casalgrasso, in località Tampassi - foglio di mappa 16 particella 212 - profondità 18 m - codice univoco CN P 10915 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1105 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 606) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO DEI CHIAPPETI (C.F. 85003740041), con sede in Barge via San Martino 74, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Barge ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 128, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Barge, in località Chiappeti frazione San Martino - foglio di mappa 36 particella 1 - profondità 50 m - codice univoco CN P 10923 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1107 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 609) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CAVALLO MARCELLO (C.F. CVLMCL60D10C466K), residente in Centallo regione Casole 63, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 35, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Casale - foglio di mappa 2 particella 67 - profondità 11 m - codice univoco CN P 10925 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1108 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 610) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor GIORDANO GIOVANNI (C.F. GRDGNN32E22H812F), residente in San Damiano Macra borgata Grangia Lombardo 3, la concessione di derivare acque superficiali nel comune di San Damiano Macra ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,76, dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di San Damiano Macra, in località Ferie - foglio di mappa 20 particella 810 - codice univoco CN S 10219 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 22 marzo 2006 N° 1574 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 612) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ROSATELLO PIER PAOLO (C.F. RSTPPL67P01D205L), residente in Lagnasco via Savigliano 2, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Lagnasco ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 2, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Lagnasco, in strada Provinciale Scarnafigi - foglio di mappa 15 particella 4 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10928 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1113 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 617) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor RACCA LORENZO (C.F. RCCLNZ38H24I822S), residente in Bra via Turati 13/c, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Sommariva del Bosco ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 1,34, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Sommariva del Bosco, in frazione Tavelle - foglio di mappa 24 particella 145 - profondità 33 m - codice univoco CN P 10935 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1115 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 619) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MANA BERNARDO (C.F. MNABNR57A08I470F), residente in Cavallermaggiore località Olmetto 90, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cavallermaggiore ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 1,2, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Cavallermaggiore, in località Macretta - foglio di mappa 18 particella 178 - profondità 40 m - codice univoco CN P 10938 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1116 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 622) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CACCIOLATO NICOLA (C.F. CCLNCL39L30E894C), residente in Murello via Racconigi 10, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Murello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,55, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Murello, in località Volpere - foglio di mappa 11 particella 347 - profondità 16 m - codice univoco CN P 10944 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1117 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 624) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ROSSI SEBASTIANO (C.F. RSSSST48T20I210G), residente in Sant’Albano Stura via Roma 68, la concessione di derivare acque superficiali nel comune di Sant’Albano Stura ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 56,4000, dalla seguente captazione:

* Fontanile sito nel comune di Sant’Albano Stura, in località Castagna - foglio di mappa 31 particella 59 - codice univoco CN S 11630 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 3 marzo 2006 N° 1120 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 630) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor GIRAUDO FRANCESCO (C.F. GRDFNC49H08B720L), residente in Caramagna Piemonte via San Sebastiano 22, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Caramagna Piemonte ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 1,47, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Caramagna Piemonte, in località Cardea - foglio di mappa 19 particella 162 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10955 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1122 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 637) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor GARIGLIO MARCO (C.F. GRGMRC52R30G684E), residente in Moretta regione Brasse Piccolo 12, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Moretta ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,3, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Moretta, in località Brasse Piccolo - foglio di mappa 22 particella 133 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10968 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1123 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 638) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MIRETTI ORESTE (C.F. MRTRST41R31H247V), residente in Moretta regione Prese 11, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Moretta ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 14,3, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Moretta, in località Prese - foglio di mappa 24 particella 65 - profondità 40 m - codice univoco CN P 10969 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1124 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 643) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BILLÒ SEBASTIANO (C.F. BLLSST49R26D751C), residente in Centallo frazione San Biagio regione Piletta 350, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 26,67, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Centallo, in frazione San Biagio regione Piletta - foglio di mappa 39 particella 98 - profondità 25 m - codice univoco CN P 10977 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1125 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 646) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora TOSELLO MARIANGELA (C.F. TSLMNG53S60E597W), residente in Villafalletto via Tetti Roccia 9, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Villafalletto ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,08, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in frazione Gerbola - foglio di mappa 352 particella 23 - profondità 24 m - codice univoco CN P 10980 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1126 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 648) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CRAVERO GIUSEPPE (C.F. CRVGPP33A23D205T), residente in Centallo via Castelletto Stura 104 frazione San Biagio, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 4,57, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Centallo, in frazione San Biagio via Castelletto Stura - foglio di mappa 38 particella 99 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10982 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1127 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 649) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BILLÒ SEBASTIANO (C.F. BLLSST49R26D751C), residente in Centallo frazione San Biagio regione Piletta 350, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 9,1440, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Centallo, in frazione San Biagio regione Piletta - foglio di mappa 39 particella 71 - profondità 20 m - codice univoco CN P 10983 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1128 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 650) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor GRIFFONE ROMANO (C.F. GRFRMN29E16D412U), residente in Envie via Roma 150, la concessione di derivare acque superficiali nel comune di Envie ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 1,7, dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di Envie, in località Mariola-Comba Pissor - foglio di mappa 15 particella 102 - codice univoco CN S 10222 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1131 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 654) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA CAVAGLIÀ MATTEO (C.F. CVGMTT38M19G777G), con sede in Cavallermaggiore frazione Foresto 59, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cavallermaggiore ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 3,81, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Cavallermaggiore, in località Foresto - foglio di mappa 55 particella 10 - profondità 55 m - codice univoco CN P 10994 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1132 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 657) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora ZORNIOTTI MARIA MADDALENA (C.F. ZRNMMD52L52D742V), residente in Fossano via Fraschea 9, in nome proprio e per conto di: - ZORNIOTTI MICHELE (C.F. ZRNMHL51B03D742U) - ZORNIOTTI ROSANNA (C.F. ZRNRNN55S69D742O) - ZORNIOTTI ADRIANO GIOVANNI (C.F. ZRNDRN61M23D742A) - ZORNIOTTI SERGIO (C.F. ZRNSRG65P16D742E), la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 9,1, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in via Torino - foglio di mappa 49 particella 3 - profondità 30 m - codice univoco CN P 10998 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1133 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 659) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BOAGLIO MICHELE GIOVANNI (C.F. BGLMHL62H08H727Q), residente in Ruffia via case Sparse 6, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Ruffia ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 20,2060, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Ruffia, in località case Sparse - foglio di mappa 3 particella 23 - profondità 30 m - codice univoco CN P 11001 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1134 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 660) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor SUPERTINO PIETRO (C.F. SPRPTR45B15I470E), residente in Savigliano via Cavallotta 60, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 4,3228, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Savigliano, in località Rigrasso - foglio di mappa 25 particella 20 - profondità 30 m - codice univoco CN P 11002 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1136 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 663) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO REGIONE SPESSA (C.F. e P.IVA 95001470046), con sede in Cavallermaggiore frazione Foresto 60, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cavallermaggiore ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 32,5070, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Cavallermaggiore, in regione Spessa - foglio di mappa 41 particella 104 - profondità 55 m - codice univoco CN P 11006 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1137 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 664) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO REGIONE TAVELLE (C.F. 95001540046), con sede in Cavallermaggiore frazione Foresto 50, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cavallermaggiore ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 52,3802, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Cavallermaggiore, in località Foresto - foglio di mappa 49 particella 189 - profondità 55 m - codice univoco CN P 11007 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1138 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 665) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BRERO PIER GIUSEPPE (C.F. BRRPGS53R07E406M), residente in Savigliano via Cavallotta 62/a, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Lagnasco ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 4,0074, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Lagnasco, in località Varaita - foglio di mappa 20 particella 57 - profondità 30 m - codice univoco CN P 11008 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1139 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 671) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CRAVERO ANTONIO (C.F. CRVNTN45M10I470B), residente in Savigliano strada San Salvatore 18, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 22,77, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Savigliano, in via San Salvatore - foglio di mappa 25 particella 280 - profondità 9 m - codice univoco CN P 11014 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1145 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 679) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora BONINO MADDALENA (C.F. BNNMDL26P45B111S), residente in Cavallerleone via San Giovanni 4, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cavallerleone ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 5, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Cavallerleone, in località Sorai - foglio di mappa 17 particella 133 - profondità 38 m - codice univoco CN P 11027 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1148 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 682) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA GARIS ANTONIO (C.F. GRSNTN70T19H150U), con sede in Cavallerleone via Ruffia 6/1, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cavallerleone ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 9,1440, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Cavallerleone, in località Comba - foglio di mappa 15 particella 94 - profondità 35 m - codice univoco CN P 11033 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1150 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 684) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA GARIS GIOVANNI (C.F. GRSGNN47H29C375M), con sede in Cavallerleone via Silvio Pellico 18, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cavallerleone ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 16,4, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Cavallerleone, in località Comba - foglio di mappa 15 particella 137 - profondità 25 m - codice univoco CN P 11037 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1151 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 686) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA BUSSO GIANCARLO (C.F. BSSGCR75A24I470N), con sede in Cavallerleone via Murello 14, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cavallerleone ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 10,7077, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Cavallerleone, in località Tetti Nuovi - foglio di mappa 3 particella 25 - profondità 30 m - codice univoco CN P 11039 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1153 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 688) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor TUNINETTI GIANFRANCO (C.F. TNNGFR56H19C376Q), residente in Cavallerleone via Cravero 4, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cavallerleone ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 4,6, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Cavallerleone - foglio di mappa 8 particella 120 - profondità 15 m - codice univoco CN P 11043 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1154 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 689) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA TESTA GIOVANNI E MARIO S. S. (C.F. 00509440046), con sede in Cavallerleone via Carlo Alberto 18, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cavallerleone ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 2,0955, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Cavallerleone, in località Francallodio - foglio di mappa 15 particella 72 - profondità 30 m - codice univoco CN P 11044 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1155 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 690) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora PISTONE MADDALENA (C.F. PSTMDL30H58C375M), residente in Torino corso Orbassano 252, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cavallerleone ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,7903, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Cavallerleone, in località Francallodio - foglio di mappa 16 particella 69 - profondità 23 m - codice univoco CN P 11045 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1157 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 694) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor SILVESTRO GIUSEPPE (C.F. SLVGPP34E09C466A), residente in Centallo via San Quirico 532, in nome proprio e per conto di: - SILVESTRO SECONDO (C.F. SLVSND40L15C466D) - SILVESTRO SPIRITO (C.F. SLVSRT38L12C466F) - SILVESTRO MICHELE (C.F. SLVMHL36T12C466I) - SILVESTRO FRANCESCO (C.F. SLVFNC35R29C466F) - SILVESTRO ANGELO (C.F. SLVNGL41B14C466U), la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 35, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione San Quirico - foglio di mappa 26 particella 87 - profondità 35 m - codice univoco CN P 11050 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1158 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 695) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor GASTALDI GIOVANNI (C.F. GSTGNN40C09D742U), residente in Centallo regione Casale 232, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 35, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Casale - foglio di mappa 6 particella 179 - profondità 20 m - codice univoco CN P 11051 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1159 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 696) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUOTETTO NUOVO (C.F. 92008430040), con sede in Centallo c/o ACTIS GEOM. BRUNO Via Michelini 11, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 150, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Commenda-Tetto Nuovo - foglio di mappa 35 particella 184 - profondità 27 m - codice univoco CN P 11052 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 6 marzo 2006 N° 1160 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 698) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor TESTA CORRADO (C.F. TSTCRD54H02D967P), residente in Genola via San Giorgio, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Genola ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 25, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Genola, in località San Giorgio - foglio di mappa 4 - profondità 25 m - codice univoco CN P 11055 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1161 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 699) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BERSIA GIOVANNI (C.F. BRSGNN25D18D967W), residente in Genola via Garetta 10, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Genola ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 35, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Genola, in borgata Martina - foglio di mappa 14 particella 70 - profondità 35 m - codice univoco CN P 11056 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1162 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 700) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CISMONDO MICHELANGELO (C.F. CSMMHL49D16L804F), residente in Verzuolo via Pomarolo 135, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Manta ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 3,23, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Manta, in località Mattona - foglio di mappa 12 particella 8 - profondità 30 m - codice univoco CN P 11057 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1163 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 704) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora SACCHETTO MARIA GRAZIA (C.F. SCCMGR64P52I512S), residente in Lagnasco tenuta Grangia 5, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Lagnasco ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 8,38, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Lagnasco - foglio di mappa 1 particella 97 - profondità 35 m - codice univoco CN P 11063 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1164 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 705) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor SCOTTA FRANCO (C.F. SCTFNC50L06H727A), residente in Fossano frazione Piovani 56, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 1,71, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Centallo, in località Brignola - foglio di mappa 17 particella 10 - profondità 30 m - codice univoco CN P 11064 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1165 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 707) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor SCOTTA DOMENICO (C.F. SCTDNC24M08D120B), residente in Fossano frazione Piovani 56, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 3,62, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in località Piovani - foglio di mappa 61 particella 15 - profondità 30 m - codice univoco CN P 11066 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1166 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 709) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ISAIA ALDO CONSTANZO (C.F. SIALCS75A08H727K), residente in Piasco via San Bernardo 14, la concessione di derivare acque superficiali nel comune di Rossana ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 3,4621, dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di Rossana, in borgata Mompagliano Inferiore - foglio di mappa 23 particella 80 - codice univoco CN S 10223 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1167 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 710) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ISAIA ALDO CONSTANZO (C.F. SIALCS75A08H727K), residente in Piasco via San Bernardo 14, la concessione di derivare acque superficiali nel comune di Busca ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 2,1709, dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di Busca, in località Chiabotto Villar - foglio di mappa 67 particella 23 - codice univoco CN S 10224 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1168 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 711) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora MONGE LUCIA (C.F. MNGLCU39E61G575W), residente in Busca frazione Castelleto 138, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Piasco ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 1,2027, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Piasco, in località San Giacomo - foglio di mappa 10 particella 22 - profondità 12 m - codice univoco CN P 11069 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1169 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 712) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO TETTO CHIOT (C.F. 83006370049), con sede in Centallo regione San Quirico 680, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 90, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione San Quirico - foglio di mappa 30 particella 7b - profondità 40 m - codice univoco CN P 11070 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1170 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 714) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO MADONNA DEGLI ANGELI (C.F. e P.IVA 83006400044), con sede in Fossano frazione Piovani, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 206, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Piovani - foglio di mappa 62 particella 6 - profondità 25 m - codice univoco CN P 11072 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1171 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 718) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO ROCCA (C.F. 92002480041), con sede in Fossano frazione Piovani, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 130, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Piovani - foglio di mappa 86 particella 134 - profondità 28 m - codice univoco CN P 11075 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1172 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 719) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO CENTRIFUGA PIOVANI (C.F. 92006360041), con sede in Fossano frazione Piovani, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 30, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Piovani - foglio di mappa 86 particella 76 - profondità 28 m - codice univoco CN P 11076 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1173 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 720) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO CENTRIFUGA MADONNA DEI PRATI (C.F. 00607730041), con sede in Centallo c/o Studio Dottori Agronomi Via Ospedale n. 39 12044 CENTALLO frazione San Vittore 68, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 100, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Centallo, in località Madonna dei Prati - foglio di mappa 12 particella 94 - profondità 28 m - codice univoco CN P 11077 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1176 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 739) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA SARVIA GIACOMO (C.F. SRVGCM35D24D742R), con sede in Fossano frazione San Vittore 20, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 30, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione San Vittore - foglio di mappa 10 particella 36 - profondità 22 m - codice univoco CN P 11099 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1178 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 743) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor FORNERO GIOVANNI (C.F. FRNGNN35L14L729K), residente in Verzuolo via Saluzzo 26 Falicetto, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Costigliole Saluzzo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 1,3730, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Costigliole Saluzzo, in via Savigliano - foglio di mappa 7 particella 206 - profondità 25 m - codice univoco CN P 11106 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1179 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 744) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor COSTAMAGNA SILVIO (C.F. CTSSLV50B18C466P), residente in Centallo regione Commenda 112 San Biagio, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 5,8136, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Commenda - foglio di mappa 37 particella 219 - profondità 30 m - codice univoco CN P 11107 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1180 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 745) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ROSSONE CHIAFFERDO (C.F. RSSCFF42E28I470U), residente in Savigliano via Vottignasco Levaldigi, in nome proprio e per conto di: - ROATIS FRANCESCO (C.F. RTSFNC36R11I470J) - OLIVERO ANTONIO FRANCESCO (C.F. LVRNNF34A17I470W) - RACCA GERMANO (C.F. RCCGMN39R04I470G) - BRUNO MICHELE (C.F. BRNMHL30R17I470F) - BOSIO STEFANO (C.F. BSOSFN29S27I470N), la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 13, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Savigliano, in frazione Levaldigi - foglio di mappa 116 particella 107 - profondità 25 m - codice univoco CN P 11108 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1181 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 747) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BAINOTTI ANTONIO (C.F. BNTNTN20B21L278M), residente in Torre San Giorgio via Scarnafigi 5, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Villanova Solaro ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 2,4, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Villanova Solaro - foglio di mappa 7 particella 73 - profondità 30 m - codice univoco CN P 11110 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1182 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 748) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ALLADIO ARTURO (C.F. LLDRTR31C08L804L), residente in Verzuolo via Pomarolo 86, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Verzuolo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 2,68, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Verzuolo, in frazione Falicetto - foglio di mappa 5 particella 158 - profondità 9 m - codice univoco CN P 11111 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1183 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 749) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BALLARI FILIPPO (C.F. BLLFPP49L04L278H), residente in Torre San Giorgio circonvallazione G. Giolitti 34, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Torre San Giorgio ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 6, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Torre San Giorgio - foglio di mappa 21 particella 81 - profondità 40 m - codice univoco CN P 11112 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1184 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 750) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA FRATELLI BAROLO DI BAROLO BERNARDINO & C. S. S. (C.F. 00796910040), con sede in Fossano frazione San Vittore 56, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 7,5, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in località San Vittore - foglio di mappa 6 particella 140 - profondità 25 m - codice univoco CN P 11113 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1185 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 751) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO CENTRIFUGA DOLZA (C.F. 92006060047), con sede in Centallo Via Crispi 31, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 30, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Centallo, in regione Sagnassi - foglio di mappa 3 particella 62 - profondità 30 m - codice univoco CN P 11114 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1186 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 753) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO TETTO BOSCHI (C.F. 92006540048), con sede in Centallo via Ospedale 106, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Centallo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 33, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Centallo, in via Torino - foglio di mappa 10 particella 26 - profondità 35 m - codice univoco CN P 11116 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1187 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 772) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA ALLEMANNO GIANFRANCO E PAOLO S. S. (C.F. 02144336646), con sede in Scarnafigi via Umberto I 6, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Scarnafigi ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 2,2710, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Scarnafigi - foglio di mappa 24 particella 126 - profondità 41 m - codice univoco CN P 11140 - ad uso agricolo: antibrina; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1189 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 788) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA MAERO GUIDO (C.F. MRAGCH57M24B200G), con sede in Brondello via Beltrend 6, la concessione di derivare acque superficiali nel comune di Brondello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,9, dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di Brondello, in località Ruata del Ceppo - foglio di mappa 5 particella 59 - codice univoco CN S 11669 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1190 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 790) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor GARNERO LIVIO (C.F. GRNLVI51R26B200X), residente in Brondello via Beltrend 4, la concessione di derivare acque superficiali nel comune di Brondello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,1, dalla seguente captazione:

* Sorgente sita nel comune di Brondello, in borgata Sotera - foglio di mappa 7 particella 118 - codice univoco CN S 11670 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1192 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 797) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor AUDRITO DOMENICO (C.F. DRTDNC27D06M069H), residente in Barge via Fornace 8, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Manta ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 5,3341, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Manta - foglio di mappa 7 particella 368 - profondità 40 m - codice univoco CN P 11167 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1194 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 801) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora BARRA GIOVANNA MARIA (C.F. BRRGNN67L65L990V), residente in Racconigi Nucleo Berroni 1, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Polonghera ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 6,53, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Polonghera - foglio di mappa 9 particella 97 - profondità 30 m - codice univoco CN P 11173 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 7 marzo 2006 N° 1196 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 809) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA PETITI MARIA CRISTINA (C.F. PTTMCR67P52B777R), con sede in Faule cascina Cittadella, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Faule ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 2,4798, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Faule, in cascina Cittadella - foglio di mappa 4 particella 50 - profondità 30 m - codice univoco CN P 11188 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 8 marzo 2006 N° 1203 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 822) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA GUIDO BASSI (C.F. BSSGDU61C23D205K), con sede in Cuneo via Tonello 17, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Cuneo ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 2,37, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Cuneo, in frazione Trucchi - foglio di mappa 131 particella 96 - profondità 54 m - codice univoco CN P 11216 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 8 marzo 2006 N° 1204 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 828) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor ISAIA GIOVANNI (C.F. SIAGNN40H24L942I), residente in Fossano frazione Mellea 95, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Savigliano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 36,0011, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Savigliano, in frazione Levaldigi - foglio di mappa 124 particella 228 - profondità 30 m - codice univoco CN P 11222 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 8 marzo 2006 N° 1205 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 831) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BELLOCCHIO BRAMBILLA VITTORIO (C.F. BLLVTR57S14L219R), residente in Sant’Albano Stura via Mondovì 114, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Sant’Albano Stura ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 9,55, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Sant’Albano Stura, in località Dalmazzi - foglio di mappa 36 particella 79 - profondità 24 m - codice univoco CN P 11226 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 8 marzo 2006 N° 1206 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 832) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor BELLOCCHIO BRAMBILLA VITTORIO (C.F. BLLVTR57S14L219R), residente in Sant’Albano Stura via Mondovì 114, la concessione di derivare acque superficiali nel comune di Sant’Albano Stura ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 15,8, dalla seguente captazione:

* Fontanile sito nel comune di Sant’Albano Stura, in località Dalmazzi - foglio di mappa 36 particella 79 - codice univoco CN S 11633 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 8 marzo 2006 N° 1207 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 833) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor VALLAURI RICCARDO (C.F. VLLRCR48L21I210Y), residente in Sant’Albano Stura via Beltrutto 36, la concessione di derivare acque superficiali nel comune di Sant’Albano Stura ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 15, dalla seguente captazione:

* Fontanile sito nel comune di Sant’Albano Stura, in cascina Boetto - foglio di mappa 16 particella 57/a - codice univoco CN S 11634 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

Il titolare della concessione ha l’obbligo di lasciare defluire liberamente a valle della presa il minimo deflusso istantaneo che sarà stabilito dall’Autorità concedente in applicazione dell’articolo 22 del d.lgs. 152/1999 e successive modifiche e integrazioni. Il mancato rispetto degli obblighi di rilascio, ove imposti, comporta l’applicazione di provvedimenti sanzionatori a carico del titolare della concessione. L’Autorità condente si riserva la facoltà di richiedere modifiche alle opere di presa in modo da renderle idonee alla risalita dei pesci. A carico del Concessionario saranno eseguite e mantenute tutte le opere necessarie per la difesa della proprietà e del buon regime del corpo idrico alimentatore.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose nonchè da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso è tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 8 marzo 2006 N° 1208 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 834) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora BERTONE GIUSEPPINA (C.F. BRTGPP35C57I470P), residente in Savigliano corso Vittorio Veneto 55, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 12, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in località Piovani - foglio di mappa 81 particella 168 - profondità 22 m - codice univoco CN P 11227 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 8 marzo 2006 N° 1209 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 839) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO SANT’ANNA (C.F. 96026260040), con sede in Villafalletto c/o SACCHETTO PAOLO via Monsola 103, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Villafalletto ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 106,8546, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Villafalletto, in via Monsola - foglio di mappa 3 particella 313 - profondità 60 m - codice univoco CN P 11235 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 8 marzo 2006 N° 1210 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 852) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO POZZO ABRE (C.F. 92005630048), con sede in Fossano via Nazario Sauro 31, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 181, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in località Maddalene - foglio di mappa 75 particella 4 - profondità 30 m - codice univoco CN P 11251 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 8 marzo 2006 N° 1211 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 854) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla società SNAM RETE GAS S.P.A. (C.F. 13271390158), con sede in San Donato Milanese piazza Santa Barbara 7, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,2460, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in via Chiarini 1 - foglio di mappa 50 particella 20 - profondità 32 m - codice univoco CN P 11253 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 8 marzo 2006 N° 1213 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 861) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MIRETTI VALTER (C.F. MRTVTR56D11H247F), residente in Revello via Tetti Pertusio 1, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Revello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 2, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Revello, in via Tetti Pertusio - foglio di mappa 43 particella 186 - profondità 18 m - codice univoco CN P 11264 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 8 marzo 2006 N° 1214 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 862) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al CONSORZIO IRRIGUO SAN FIRMINO (C.F. 85005960043), con sede in Revello via Giolitti 8, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Revello ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 281,2477, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Revello, in via Barge antica - foglio di mappa 20 particella 102 - profondità 58 m - codice univoco CN P 11265 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 8 marzo 2006 N° 1215 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 863) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora BORSOTTO MILVA (C.F. BRSMLV61S43D742E), residente in Fossano via Monsignor Borra 13, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Trinita’ ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 0,1510, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Trinita’, in frazione San Giovanni Perucca 82 - foglio di mappa 36 particella 121 - profondità 5 m - codice univoco CN P 11266 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 8 marzo 2006 N° 1216 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 866) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor CRAVERO FRANCESCO (C.F. CRVFNC48A12D742I), residente in Fossano frazione Maddalene 111, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 19, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione Maddalene - foglio di mappa 83 particella 43 - profondità 30 m - codice univoco CN P 11270 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 8 marzo 2006 N° 1217 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 870) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire alla signora BARAVALLE MARIA PIA (C.F. BRVMRP40P48I470S), residente in Savigliano via Lamarmora 14, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 7,6, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano - foglio di mappa 30 particella 12 - profondità 25 m - codice univoco CN P 11275 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 8 marzo 2006 N° 1218 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 871) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor MELLANO GIOVANNI BATTISTA (C.F. MLLGNN25L21D742N), residente in Fossano frazione San Martino 1/A, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Fossano ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 10,29, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Fossano, in frazione San Martino - foglio di mappa 27 particella 55 - profondità 27 m - codice univoco CN P 11276 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 8 marzo 2006 N° 1220 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 875) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor RAINERO FERNANDO (C.F. RNRFNN48M29E809N), residente in Magliano Alfieri via Cornale 39, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Magliano Alfieri ad uso agricolo, da utilizzare su una superficie di ha 1,6625, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Magliano Alfieri, in località Canapali - foglio di mappa 3 particella 234 - profondità 8 m - codice univoco CN P 11282 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 5 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 8 marzo 2006 N° 1221 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 881) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA ALBA VIVAI S. S. (C.F. e P.IVA 02026600045), con sede in Alba corso Piave 73, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Alba ad uso agricolo, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Alba, in località Toppino regione Gamba di Bosco - foglio di mappa 23 particella 82 - profondità 10 m - codice univoco CN P 11289 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 8 marzo 2006 N° 1223 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 883) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire all’AZIENDA AGRICOLA ALBA VIVAI S. S. (C.F. e P.IVA 02026600045), con sede in Alba corso Piave 73, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Alba ad uso agricolo, dalla seguente captazione:

* Pozzo sito nel comune di Alba, in frazione Gallo Piana Gallo - foglio di mappa 29 particella 37 - profondità 10 m - codice univoco CN P 11292 - ad uso agricolo: irrigazione; (omissis)

Estratto Disciplinare Art. 6 - CONDIZIONI PARTICOLARI CUI É SOGGETTA LA DERIVAZIONE

La concessione é accordata a condizione che vengano osservate, sotto pena di decadenza della medesima, le seguenti specifiche prescrizioni:

- l’emungimento dell’acqua dal pozzo non dovrà interferire con altri pozzi le cui acque sono destinate al consumo umano; in caso di accertata interferenza l’Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre limitazione temporali e/o quantitative, senza che cio’ possa dare luogo a corresponsione di indennizzi e fatta salva la relativa riduzione del canone demaniale di concessione;

- é fatto obbligo al titolare della concessione di provvedere alla chiusura della testata del pozzo e di mettere in atto ogni utile accorgimento al fine di evitare inquinamenti accidentali delle falde, nonché infortuni o intrusioni casuali.

Il titolare della derivazione terrà sollevata ed indenne l’Autorità concedente da qualunque danno o molestia alle persone ed alle cose, nonché da ogni reclamo od azione che potessero essere promossi da terzi per il fatto della presente concessione. Esso é tenuto a consentire l’accesso da parte di personale della Pubblica Amministrazione incaricato di effettuare accertamenti e/o misure e a non ostacolare l’installazione di eventuali dispositivi che l’Amministrazione ritenesse necessari per il monitoraggio della falda.

Cuneo lì, 27/03/2006 IL RESPONSABILE (geom. Germano Tonello)


Pubblicazione ai sensi dell’art. 2 comma 13d del D.P.G.R. 5.3.2001 n° 4/R

PROVINCIA DI CUNEO (omissis) 8 marzo 2006 N° 1224 del registro determinazioni (omissis) (Concessione preferenziale n° 884) Il Responsabile del Centro di Costo 32 - Tutela e valorizzazione risorse idriche - (omissis) determina (omissis) di assentire al signor COZZO PIETRO (C.F. CZZPTR17L12D314G), residente in Racconigi via Dante Alighieri 3, la concessione di derivare acque sotterranee nel comune di Racconigi ad uso agricolo, da utilizzare s