Bollettino Ufficiale n. 35 del 29 / 08 / 2001

Torna al Sommario Indice Sistematico

 

Deliberazione della Giunta Regionale 27 luglio 2001, n. 6-3614

D.P.R. n. 616/77 art. 70 - Legge 14/02/1992 n. 185 - L.R. n. 63/78 e successive modificazioni e integrazioni - Delimitazione zone e riconoscimento carattere eccezionalità delle grandinate, delle intense piogge a carattere alluvionale e persistente e della tromba d’aria avvenute tra il 3 e il 23 maggio 2001 nelle province di Asti, Cuneo e Torino

(omissis)

LA GIUNTA REGIONALE

a voti unanimi ...

delibera

- di richiedere al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, ai sensi dell’art. 70 del D.P.R. n° 616/77 e del D.L. 17/5/1996 n.273, ai fini dell’applicazione delle agevolazioni previste dall’art.3 della legge n.185/92 la declaratoria dell’esistenza del carattere di eccezionalità delle grandinate e delle piogge intense a carattere alluvionale che, nei giorni tra il 3 e il 23 maggio 2001, hanno colpito le province di Asti, Cuneo e Torino;

- di delimitare i territori danneggiati nei quali saranno applicabili gli interventi previsti dalla legge n.185/92 come segue:

PROVINCIA DI ASTI

- Grandinate del giorno 3/5/2001

- Applicazione art. 3 comma 2 lett.b),c),d),f), della legge n.185/92 per danni alle coltivazioni nel territorio dei seguenti comuni:

1) Agliano Loc. confinanti con Castelnuovo Calcea, Mombercelli, in particolare loc.Bologna, Dogliano, Bansella e zone limitrofe;

2) Belveglio loc.Gabella, Casalito;

3) Castelnuovo Calcea Loc. Valmanella (parte), Cocito, Toetto e parte località confinanti con Vinchio;

4) Mombercelli Loc. Madonna, Crocetta, Moncucco, Pontetto e zone limitrofe;

5) Rocchetta Tanaro Loc. Asinara, Mogliotti, Cornalea, Madonna e Almonte;

6) Vinchio Loc. confinante con Castelnuovo Calcea, fraz.Noche (parte) e zone limitrofe.

PROVINCIA DI CUNEO

- Piogge a carattere alluvionale dei giorni 3-4 e 10 maggio 2001

- Applicazione art. 3 comma 3 lett.a), della legge n.185/92 per danni a infrastrutture rurali (strade interpoderali e impianti irrigui) nel territorio dei seguenti comuni:

1) Cortemilia Str.interpod. Meistro L. 11.850.000

2) Dronero Canale Comella L. 20.000.000

- Grandinate dei giorni 4-18-23/5/2001

- Applicazione art. 3 comma 2 lett.c),d),f),g) della legge n.185/92 per danni alle coltivazioni nel territorio dei seguenti comuni:

1) Centallo Aziende frutticole della loc.Madonna dei Prati, Cascina Trecento, Crosia, Commenda;

2) Cuneo loc. Roata Rossi casc.Sacchetto;

3) Dogliani intero territorio comunale;

4) Fossano Aziende frutticole delle fraz.Piovani, Maddalene, S.Sebastiano, Murazzo, Gerbo e S.Vittore;

5) Lagnasco Via Rabaiot, via Savigliano, via Castagna, via Praetta, via Tetti Nuovi (parte iniziale), via Valparasco, via Ninzola, via Ormé;

6) Saluzzo via Torino, via Revalanca e via Scarnafigi;

7) Savigliano via Saluzzo (parte);

8) Scarnafigi Zona frutticola a Nord del Paese, fraz.Gerbolina compresa;

9) Sommariva Perno loc. Ciura, Piano, Maunera, Balestra, Tavoletto, Trinità e Pian d’Airale.

PROVINCIA DI TORINO

- Piogge a carattere alluvionale dei giorni 3-4 maggio 2001

- Applicazione art. 3 comma 3 lett.a), della legge n.185/92 per danni a infrastrutture rurali (impianti irrigui) nel territorio dei seguenti comuni:

1) Rivoli Canale Bealera di Rivoli L. 500.000.000

2) San Gillio e Valdellatorre

Fosso irriguo “Gora Comunale” e rii minori L. 70.000.000

3) S.Secondo Di Pinerolo Canale di Osasco L. 20.000.000

- Piogge a carattere persistente, grandinate e tromba d’aria dei giorni 4-11-18 maggio 2001

- Applicazione art. 3 comma 2 lett.c),d), della legge n.185/92 per danni alle produzioni nel territorio del seguente comune:

1) Settimo Vittone Loc. Cesnola, Costanza.

- Applicazione art. 3 comma 2 lett.e), della legge n.185/92 per danni alle strutture fondiarie ed alle scorte nel territorio dei seguenti comuni:

1) Cavour Az. Agr. Busso Elio, Az. Agr. Camusso Giuseppe.

2) San Gillio Az. Agr. Aschieris Rinaldo, Az. Agr. Cappadonia Anna.

- di autorizzare i competenti Uffici alla ricezione delle domande che dovranno essere perentoriamente presentate entro 45 giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del Decreto Ministeriale di declaratoria e di individuazione delle zone interessate.

(omissis)