Regione Piemonte

In questa pagina:



In evidenza

Internazionalizzazione, riaprono le candidature per partecipare ai progetti di filiera verso i mercati esteri per il 2016.
Si aprono il 1 febbraio 2016 e fino al 15 febbraio 2016 i termini per la presentazione delle candidature per le aziende piemontesi che intendono aderire ai Progetti Integrati di Filiera per il 2016. I progetti, realizzati dal Centro Estero per l’Internazionalizzazione del Piemonte su incarico della Regione Piemonte, sono finalizzati alla promozione sui mercati esteri delle imprese eccellenti piemontesi e valdostane nei vari settori produttivi, mediante attività di supporto mirato e assistenza personalizzata.
Le filiere interessate sono: Aerospazio, Automotive, Edilizia-Infrastrutture, Tecnologie Ambientali-Energia, Salute-Medicale, Ferroviario, Agroalimentare, Design-Alta Gamma
È possibile visionare i progetti e candidare le aziende inserendo il profilo aziendale su: http://www.centroestero.org/business/index.php?cat=101-progetti-integrati-di-filiera&lang=ita

Internazionalizzazione, riaprono le candidature per partecipare ai progetti verso i mercati esteri.
Si riaprono il 17 settembre e fino al 14 ottobre 2014 i termini per la presentazione delle candidature per le aziende piemontesi che intendono aderire ai Progetti Integrati di Mercato. I progetti, realizzati dal Centro Estero per l’Internazionalizzazione del Piemonte su incarico della Regione Piemonte e delle Camere di Commercio Piemontesi, sono finalizzati alla promozione sui mercati esteri delle imprese eccellenti piemontesi e valdostane nei vari settori produttivi, mediante attività di supporto mirato e assistenza personalizzata.
È possibile candidare le aziende inserendo il profilo aziendale su:
http://progetti.centroestero.org.
Per una panoramica completa dei progetti attivati visitare il seguente link

È stato pubblicato il giorno 6 dicembre 2013 sul sito istituzionale della Regione Piemonte nella sezione “bandi e finanziamenti” un bando per favorire l’apertura di sedi all’estero da parte di piccole e medie imprese piemontesi.
Le risorse stanziate per il bando, che rientra nell'ambito del Piano internazionalizzazione del Piemonte, ammontano a 1 milione di euro, grazie al quale viene costituito un fondo di garanzia rotativo, destinato a favorire l'accesso al credito per l'erogazione dei finanziamenti
La misura è “a sportello” e sarà gestita da Finpiemonte. Sono ammissibili unicamente le iniziative e gli investimenti rivolti alla penetrazione in Paesi che non sono membri dell’Unione Europea e in cui il soggetto richiedente non abbia già una presenza diretta attraverso proprie sedi o imprese ad essa collegate. L’agevolazione consiste nella concessione di una garanzia fideiussoria gratuita in favore dell'impresa, che assiste fino al 50% un finanziamento bancario di importo minimo pari a 200 mila euro, durata minima 24 mesi e massima 60 mesi, con preammortamento massimo di 6 mesi.
Il testo del bando è disponibile al seguente link

Pubblicato il nuovo numero di e-periscope, newsletter trimestrale per approfondire le principali variabili macroeconomiche e l’andamento della congiuntura piemontese e del Nord Ovest e diffondere le opportunità del PAR FSC, stati di avanzamento, testimonianze, dati, scenari ed eccellenze del Piemonte. www.e-periscope.eu

Pubblicato il numero di luglio di "iTrend"

E' consultabile il monitoraggio sull'andamento delle imprese piemontesi e sulla congiuntura in Piemonte


Il Piano per l'internazionalizzazione delle imprese piemontesi

Un piano strategico triennale con cui Regione Piemonte e Sistema camerale piemontese promuovono la competitività delle imprese sul mercato internazionale, ottimizzando la capacità di intervento delle istituzioni in favore del sistema produttivo puntando sull’attrazione di risorse esterne e valorizzano i punti di forza e i casi di successo della nostra imprenditoria in una logica di sistema in un contesto mondiale divenuto sempre più competitivo, così come evidenziato dal Rapporto sull’internazionalizzazione del Piemonte.

Nel Piano per l'internazionalizzazione delle imprese piemontesi sono previste 5 tipologie di programmi da attuare:

  • multivoucher (contributo o fondo di garanzia per l'acquisto di beni e servizi),
    Questa iniziativa si inquadra nel Piano Strategico per l’Internazionalizzazione del Piemonte, firmato da Unioncamere Piemonte e Regione Piemonte in data 17 febbraio 2012 (Rep. Regione Piemonte N.16684). Il bando è finalizzato a favorire l’accesso al credito volto alla partecipazione di micro e piccole imprese piemontesi ad eventi fieristici all’estero e ad eventi fieristici in Italia a carattere internazionale, che dovranno avere luogo nei 12 mesi successivi alla presentazione delle domande di agevolazione. Per gli eventi fieristici realizzati in Italia a carattere internazionale fa fede l’elenco curato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome (www.regioni.it) e dall’Associazione Esposizioni e Fiere italiane (www.aefi.it ). A tal fine è prevista la possibilità per le imprese di beneficiare sia di una garanzia pubblica su di un finanziamento dedicato, concesso da istituti di credito convenzionati, sia di un contributo volto all’abbattimento dei relativi interessi bancari passivi.
    Le risorse disponibili sono pari a Euro 1.000.000, provenienti dalle Camere di Commercio Piemontesi, di cui 700mila a favore del Fondo di Garanzia e 300mila come abbattimento interessi bancari passivi. La gestione del bando: è affidata da Unioncamere Piemonte a Finpiemonte S.p.A.
    Le domande andranno compilate secondo il modulo scaricabile (a partire dal 23 luglio) dal sito www.finpiemonte.info  e presentate a partire dalle ore 9.00 del 23 luglio 2012 fino alle 17.00 del 31 dicembre 2013
  • progetti integrati di filiera
    Sono 40 i PIF approvati dalla Regione Piemonte e dalle Camere di commercio del Piemonte (e attuati attraverso enti strumentali) per gli anni 2013-2016, per un valore complessivo di circa 18 milioni di euro, di cui circa 15 milioni finanziati dalla Regione Piemonte e dalle Camere di commercio piemontesi . Si tratta di progetti che vedono la partecipazione di imprese in grado di vantare già un buon grado di internazionalizzazione,ma a livelli diversi. L’obiettivo è di promuovere la proiezione internazionale nei settori di eccellenza , attraverso la collaborazione tra aziende di dimensioni e grado di internazionalizzazione differenti, accomunate dall’appartenenza alla stessa filiera produttiva.
    Le imprese meno internazionalizzate necessitano di supporto conoscitivo e logistico, al fine di conquistare maggiori spazi di mercato. Il tipo di internazionalizzazione ricercato è strutturato e coordinato su un territorio estero regionale o multiregionale scelto appropriatamente. I PIF puntano a creare relazioni e infrastrutture di vendita stabili, e sono dotati di obiettivi misurabili a livello di singola impresa e di cluster complessivo. Le imprese che abbiano partecipato a PIF con successo (valutato e misurato), diffondono il proprio "know how" nei confronti delle edizioni successive, anche attraverso azioni di tutoring e di mentoring.
    Progetti 2013
    Progetti 2014 - 2015
    Progetti 2016

  • progetti integrati di mercato
    Sono 30 i PIM approvati dalla Regione Piemonte e dalle Camere di commercio del Piemonte (e attuati attraverso enti strumentali) per il biennio 2013-2014, per un valore complessivo di oltre 4 milioni e 418 mila euro, di cui circa 4 milioni e 34 mila finanziati dalla Regione Piemonte e dalle Camere di commercio piemontesi (cfr. scheda 2). Si tratta di progetti che hanno l’obiettivo di penetrare in uno specifico mercato geografico, attraverso la realizzazione di infrastrutture stabili, reti di relazione, reti di vendita, partnership locali, etc. Come nei Progetti integrati di filiera, le imprese partecipanti hanno gradi d’internazionalizzazione diversi, ma non sono legate necessariamente da relazioni di filiera, bensì da un comune interesse verso un mercato geografico specifico. Questo al fine di aumentare il peso specifico e l’efficienza del progetto e ridurre i costi di sviluppo e realizzazione. Anche i PIM devono avere obiettivi misurabili e comportare un debito di trasferimento di "know how", nei casi di successo.
    Progetti 2013
    Progetti 2014
  • progetti che coinvolgono singole imprese
  • "ijv parternship" (progetti di conclusione di equity partnership e di equity joint venture tra imprese piemontesi e di altre regioni o paesi).

Approfondimenti

Per le imprese interessate:
www.businesspromotionpiemonte.org