Versioni alternative:

Stampa

Pubblicazioni

 

Le pubblicazioni forestali

 

Nell'ambito delle sua attività in ambito forestale la Regione Piemonte ha realizzato e continua a realizzare numerose pubblicazioni sia di carattare tecnico-scientifico, destinate ad un pubblico specifico, sia di taglio più divulgativo facilmente fruibili da tutti gli utenti.

Le pubblicazioni sono spesso realizzate sia in formato cartaceo che digitale. I volumi cartacei seguono modalità diverse di distribuzione a seconda del tipo di contenuto e degli utenti cui sono destinati; le versioni digitali invece, nella maggior parte dei casi, possono essere liberamente scaricate.

Di seguito è disponible l'elenco completo suddiviso per argomento:

Tutela del bosco e del territorio

Manutenzione del territorio

 

Vivaistica forestale e popolamenti da seme

 

Fitopatologie e danni da inquinamento

 

Prevenzione incendi boschivi

Filiere produttive

Filiera foresta-legno

 

Filiera legno-energia

 

Arboricoltura da legno

 

Tartuficoltura

 

Visualizza le pubblicazioni per tipologia

Di seguito sono raccolte le medesime pubblicazioni sopraelencate ma suddivise per tipologia.

 

Ricerche

 

Le attività di ricerca in ambito forestale

 

La Regione Piemonte promuove la realizzazione di progetti di ricerca in campo forestale sul proprio territorio, coinvolgendo i tecnici di diverse strutture scientifiche (IPLA S.p.A., Università di Torino, Centro per le Ricerche in Agricoltura) in attività che consentano di ottenere risultati facilmente spendibili sotto il profilo della gestione del bosco, dell'arboricoltura da legno e delle filiere che ne derivano.

I principali progetti svolti riguardato principalmente la tutela del bosco e del territorio e le filiere produttive.

Tutela del bosco e del territorio

Fitopatologie e danni da inquinamento

Filiere produttive

Filiera legno-energia

Arboricoltura da legno

Tartuficoltura

 

Le attività svolte In Piemonte hanno trovato negli ultimi 15 anni un importante riscontro in progetti realizzati in altre Regioni e a livello nazionale, anche tramite la Rete interregionale per la ricerca agraria, forestale, acquacoltura e pesca, il cui ruolo è stato formalizzato nel 2001 dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni e Province Autonome.
La Rete è strutturata operativamente in gruppi di lavoro per materia, tra i quali il Gruppo di competenza Selvicoltura, arboricoltura da legno, prodotti forestali non legnosi, nel triennio 2008-2010, sotto la guida della Regione Piemonte - Settore Foreste, ha definito le "Priorità per la ricerca forestale 2010-2012", che possono costituire ancora oggi un importante riferimento per le attività di ricerca, sperimentazione e divulgazione promosse dalle singole Regioni.

Le priorità per la ricerca forestale

La definizione di priorità per la ricerca forestale condivise tra le Regioni ha diverse finalità:

  • agevolare la redazione di progetti comuni, da sottoporre a finanziamento statale o comunitario oppure da realizzare come progetti interregionali;
  • comunicare allo Stato e alle sue istituzioni di ricerca le esigenze di ricerca e sperimentazione emerse dal territorio e fatte proprie dalle Regioni, in modo che ne tenga debito conto nella programmazione delle attività, nell'organizzazione delle proprie strutture di ricerca sul territorio e nell'eventuale riproposizione di progetti nazionali;
  • fornire un contributo operativo alle Piattaforme Tecnologiche Forestali, a livello nazionale ed europeo, che supportano la Commissione Europea nella definizione delle priorità del Programma Ricerca e Sviluppo Tecnologico.

Nell'impostazione delle linee prioritarie si è tenuto conto in particolare di due aspetti:

Ciò premesso, operativamente, si è ritenuto opportuno distinguere la gestione sostenibile dei boschi dalla gestione sostenibile del "fuori foresta", definendo due ambiti principali:

  1. pianificazione e gestione forestale sostenibile
  2. piantagioni fuori foresta.

Si sono poi esplicitati altri tre campi, trasversali alla selvicoltura e all'arboricoltura da legno:

  1. vivaistica forestale
  2. prodotti e servizi, economia, mercato, società
  3. interazioni con le altre componenti dell'ecosistema.

All'interno dei 5 ambiti sono stati successivamente individuati 19 temi; infine, al termine di un lavoro cui hanno partecipato ben 18 Amministrazioni su 21, sono state selezionate 62 azioni di ricerca, raggruppate in corrispondenza a ciascun tema secondo le priorità espresse dalle Regioni.

Gli obiettivi prioritari per la ricerca forestale, insieme a quelli redatti dagli altri gruppi di competenza, sono stati adottati dalla Rete ed approvati dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni e Province Autonome il 28.10.2010.

 

Per ulteriori informazioni:
Settore Foreste
C.so Stati Uniti, 21 – 10128 Torino
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.