Comunicazione Fondi strutturali 2007-2013 in Piemonte


Home › Valutazione strategica

Valutazione strategica

Alla luce della revisione della Strategia di Lisbona, che pone l’accento sugli obiettivi della crescita e dell’occupazione, e della nuova politica di coesione comunitaria, che per la nuova stagione di programmazione prevede un approccio programmatico-strategico di raccordo organico tra la strategia di coesione europea, le strategie nazionali degli Stati membri e le strategie di sviluppo delle singole Regioni, la politica regionale europea 2007- 2013 pone l’accento su un rinnovato sistema di obiettivi e sul raccordo organico tra le strategie europee e nazionali, finalizzato alla strutturazione di una Politica Regionale Unitaria(PRU).

La PRU è volta a garantire che gli obiettivi di competitività siano raggiunti da tutti i territori regionali, con particolare riferimento a quelli che presentano squilibri di tipo economico-sociale e viene finanziata attraverso risorse aggiuntive comunitarie (Fondi strutturali) e risorse nazionali, che per quanto riguarda l’Italia si sostanziano nel fondo di cofinanziamento nazionale ai Fondi strutturali e nel Fondo per le Aree Sottoutilizzate.

Per agevolare l'integrazione programmatoria tra politiche europee e nazionali, il Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione (DPS) ha predisposto, di concerto con Regioni e Ministeri, la strutturazione di un Quadro Strategico Nazionale 2007-2013 (QSN), all'interno del quale sono stati identificati i macro-obiettivi e le priorità di intervento della PRU.

Il QSN prevede che le risorse del Fondo Sociale Europeo (FSE), del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) e del Fondo Aree Sottoutilizzate (FAS) siano orientate in maniera congiunta ed integrata al perseguimento di tali obiettivi.

A tal fine, con D.G.R. n. 19-9238 del 21 luglio 2008 la Regione Piemonte si è dotata del Documento Unitario di Programmazione (DUP) che costituisce, in ambito regionale, la declinazione programmatico-operativa della Politica Regionale Unitaria.

Analogamente alle previsioni inerenti alla programmazione, il QSN auspica una gestione unitaria dell’attività di valutazione afferente al periodo di programmazione 2007-2013 e ne definisce i presupposti.

In particolare, nella sezione VI. 2.3, il QSN prevede un esplicito richiamo alla valutazione della politica regionale nazionale e comunitaria, unitariamente considerata, attraverso lo strumento del cosiddetto Piano di Valutazione della PRU.

In risposta a tale richiesta, la Regione Piemonte ha redatto il proprio Piano di Valutazione della PRU e lo ha inserito all’interno del DUP, dove costituisce la parte quinta.

Il Piano di Valutazione della Politica Regionale Unitaria della Regione Piemonte riguarda tutte le valutazioni di interventi ascrivibili alla PRU, indipendentemente dalle fonti di finanziamento, e fa riferimento anche alle valutazioni della politica di sviluppo rurale (PSR). Infatti, il QSN e il Piano Strategico Nazionale per lo sviluppo rurale (PSN), individuano ambiti di complementarità tra le due politiche, evidenziando la necessità di procedere a una programmazione delle singole politiche coerente ed integrata in termini di obiettivi e strategia di azione, favorendo, altresì, l'integrazione delle valutazioni di interventi della politica regionale da cui possono nascere comuni esigenze conoscitive.

Secondo le modalità previste dal Piano di Valutazione, il supporto tecnico e operativo, il coordinamento ed il controllo della qualità delle attività valutative afferenti alla PRU spetta al Nucleo di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici (Nuval), istituito con la DGR n. 1-3546/2001, dando attuazione alla legge n. 144/1999, con l’obiettivo di migliorare la qualità del processo di programmazione delle politiche regionali.