Comunicazione Fondi strutturali 2007-2013 in Piemonte


HomeFSEMateriali informativi

Materiali informativi

Rapporto di placement 2013

Rapporto di placement 2013Disponibile il rapporto sugli esiti occupazionali delle politiche formative in Piemonte, frutto dell'indagine su qualificati e specializzati nell'anno 2012.
Consulta la pubblicazione

FSE - Percorsi di uscita dalla violenza: il modello Piemonte

ImmagineAccoglienza, lavoro, inclusione. Sono queste le tre parole chiave del modello Piemonte relativo ai Percorsi di uscita dalla violenza. Una Rete territoriale di servizi, la collaborazione tra istituzioni, servizi al lavoro, associazioni e esperti e la figura unica di operatrice dei servizi anti-violenza sono invece gli elementi salienti per il recupero dell'autonomia e per l'inserimento lavorativo delle donne vittime di violenza, raccolti nella pubblicazione "senza più paura".
Consulta la pubblicazione - consulta il DVD

Formazione professionale e cittadinanza europea

ImmaginePubblicata la ricerca condotta dal Dipartimento di Filosofia e Scienze dell'educazione dell'Università di Torino sul rapporto tra formazione e cittadinanza europea. Il lavoro, il quarto delle collana frutto della collaborazione tra Regione Piemonte-Università, approfondisce il rapporto tra le risorse socio-pedagogiche e l'azione del Fondo Sociale Europeo.

Consulta la pubblicazione

Nuove guide per l'orientamento "scegliere il percorso di studi" post medie e post qualifica/diploma

ImmagineLa Regione Piemonte ha aggiornato e rende disponibili per insegnanti, formatori, famiglie e studenti le nuove guide on line e i nuovi strumenti di supporto alla scelta dei percorsi di istruzione e di formazione dopo le scuole medie e dopo il diploma o la qualifica professionale.

Guida on line post medie

Guida on line post qualifica/diploma

Pdf guida post medie

Pieghevole opportunità post medie

Pieghevole opportunità post qualifica/diploma

Pubblicato il Rapporto annuale di Placement 2012, indagine sugli esiti occupazionali delle politiche formative nell'anno 2011.

ImmagineLa seconda edizione dell’analisi del placement ha l'obiettivo di far conoscere a tutti gli operatori pubblici e privati del settore informazioni sugli esiti e sugli effetti della Formazione Professionale finanziata dalle risorse comunitarie. La ricerca mette a disposizione i dati degli esiti occupazionali dei qualificati e specializzati nell’anno 2011 per dar conto dei risultati e per alimentare il confronto sugli indirizzi e le prospettive della Formazione Professionale in Piemonte.

Consulta la pubblicazione

In distribuzione i materiali informativi per valorizzare il nuovo APPRENDISTATO

ImmagineSotto il claim "il nuovo apprendistato. bella storia!", la Regione Piemonte ha avviato la campagna di comunicazione integrata per promuovere il nuovo apprendistato, fondamentale strumento di inserimento nel mondo del lavoro per i giovani, in cui il Piemonte è all'avanguardia. Vantaggi per giovani e imprese, testimonianze dirette e materiali di approfondimento per scoprire i dettagli di questa iniziativa in cui le istituzioni, le imprese e i giovani sono "dalla stessa parte".

I materiali di comunicazione

I materiali video

Pubblicato il "Rapporto Piemonte 2014: politiche di conciliazione in azienda"

ImmagineLa Regione Piemonte, in collaborazione con Unioncamere Piemonte, ha effettuato un monitoraggio sulle politiche di conciliazione vita/lavoro in oltre 1000 imprese piemontesi. Gli esiti dell'indagine costituiscono un'interessante panoramica sui diversi aspetti del welfare aziendale, ossia l’insieme di provvedimenti e azioni di cui si fa carico l’azienda per andare incontro alle esigenze e favorire il benessere e il rendimento dei dipendenti. Oltre ai principali e più significativi risultati emersi dall’analisi dei dati, sono state proposte alcune best practices che valorizzano il contributo delle imprese piemontesi al sistema di welfare sociale.
Consulta la pubblicazione

Lavoriamo per il lavoro

ImmagineIn una informativa la sintesi delle attività per l'occupazione e la formazione professionale in Piemonte nel triennio 2010-2013.
Approfondimenti

Scegliere il percorso di studi - opportunita' post qualifica e post diploma

ImmagineL'opuscolo offre, attraverso uno sguardo di sintesi, un modo rapido e pratico per conoscere le diverse opzioni e recuperare facilmente i riferimenti delle varie strutture formative per le iscrizioni 2014-15. La guida è una sintesi delle opportunità consultabili on line
Scarica la guida post diploma

Scegliere il percorso di studi dopo la terza media

ImmaginePubblicata la nuova guida per orientarsi nella scelta delle opportunità formative per l'anno 2014-15. La guida è una sintesi delle opportunità consultabili on line
Scarica la guida post medie

Una Banca Dati delle buone prassi innovative per il miglioramento della performance per la Giustizia

Immagine Anche la Regione Piemonte ha contribuito al progetto del Dipartimento della Funzione Pubblica per mappare i processi di innovazione e miglioramento delle performance realizzati e in corso di realizzazione da parte degli uffici giudiziari e per facilitare la diffusione delle buone pratiche e delle strumentazioni manageriali necessarie per "replicarle", "adattarle", "generare nuove soluzioni" nei territori regionali

vai alla banca dati

scheda progetto

In un rapporto su "affari & finanza" le eccellenze del Piemonte

ImmagineSu cosa puntare per il futuro economico del Piemonte? Sei interlocutori del forum “Eccellente Piemonte”, organizzato da Affari&Finanza al Circolo dei lettori di Torino, tra cui l’assessore al Lavoro del Piemonte Claudia Porchietto, hanno convenuto sul fatto che: «Bisogna valorizzare le nostre eccellenze».
Consulta il rapporto

Generazione 3.0 Formare la nuova classe dirigente per il Piemonte e per l'Italia

ImmagineContribuire a formare la classe dirigente del domani è l’obiettivo ambizioso a cui vuole tendere il governo regionale nei prossimi anni, convinto che non vi possa essere progresso senza ambizione.
Da tale convinzione nasce un opuscolo su tutte le misure che l’assessorato al Lavoro della Regione Piemonte ha messo a punto per venire incontro alle esigenze di universitari o laureati che stanno acquisendo titoli di studio post-laurea per informare su alcuni strumenti utili per avvicinarsi al mondo del lavoro dipendente o autonomo.
Consulta la pubblicazione

Scegliere il percorso di studi. Guida di orientamento post diploma e post qualifica

Immagine La nuova guida, disponibile anche nella versione on-line e distribuita gratuitamente a tutte le allieve e gli allievi dell'ultimo anno delle scuole superiori intende offrire una panoramica dell'offerta formativa, per favorire le migliori opportunità di crescita e di realizzazione, assecondando e incentivando le caratteristiche personali e le attitudini dei ragazzi, per aiutarli a costruirsi il migliore futuro possibile.

Scegliere il percorso di studi al termine della scuola secondaria di primo grado (dopo la terza media)

Immagine La nuova guida, disponibile anche nella versione on-line e distribuita gratuitamente a tutte le allieve e gli allievi della terza media per aiutarli nella scelta dei successivi percorsi formativi, illustra le opportunità offerte sul territorio e costituisce un valido strumento di orientamento, finalizzato a coniugare le aspirazioni individuali dei ragazzi ai bisogni sociali, grazie alle positive sinergie realizzate tra Scuola, Regione, Formazione Professionale, Università, Enti locali, servizi territoriali e soggetti produttivi.

Indirizzario 2013: per muoversi nel mondo del Lavoro e della Formazione Professionale in Piemonte

Immagine La versione aggiornata della pubblicazione che raccoglie tutti i riferimenti per muoversi nel mondo del lavoro e della formazione in Piemonte si configura come strumento di servizio per tutti gli operatori pubblici e privati che si occupano di politiche formative, imprenditoriali e del lavoro. Il “sistema” regionale fotografato da questo indirizzario assume una dimensione articolata e complessa, con una pluralità di soggetti che, interagendo tra loro e integrando le competenze specifiche, lo rendono efficiente, interconnesso e votato a far fronte alle sempre più specifiche e urgenti esigenze della comunità.
Consulta l'indirizzario 2013 |

Apprendistato per la qualifica professionale. Aspetti formativi del contratto Vademecum per i giovani

Apprendistato per la qualifica professionaleIl vademecum, realizzato dalla Direzione regionale Istruzione, Formazione professionale e Lavoro, Settore Programmazione dell'attività formativa, riporta una serie di informazioni utili per orientare i giovani e le loro famiglie sulle opportunità offerte dal nuovo contratto di apprendistato per la Qualifica professionale, previsto ai sensi dell'art. 3 del D.Lgs. 167/2011.

Apprendistato per la qualifica professionale. Aspetti formativi del contratto Vademecum per le imprese

Apprendistato per la qualifica professionaleIl vademecum realizzato dalla Direzione Istruzione, Formazione professionale e Lavoro della Regione Piemonte, risponde ai quesiti più ricorrenti delle imprese che intendono utilizzare il contratto di apprendistato per la Qualifica professionale. Prima di assumere con questa tipologia contrattuale si consiglia in ogni caso di contattare il soggetto attuatore dell’area territoriale di riferimento che, d’intesa con l’impresa, prenderà in carico tutti gli aspetti procedurali e di merito (compilazione del Piano formativo individuale, tipo di percorso di qualifica ecc.).

La Formazione Professionale al femminile. Una lettura socio-pedagogica di esperienze e modelli innovativi in Piemonte

Gli esiti occupazionali delle Politiche formative in PiemonteIl volume nasce dalla collaborazione tra l’Assessorato al Lavoro e Formazione Professionale e l’Università degli Studi di Torino per presentare gli esiti di una approfondita ricerca sui temi dell’innovazione nell’ambito della parità di genere e delle scelte professionali al femminile. Grazie alla pubblicazione di analisi e dati viene offerta agli addetti ai lavori, ma anche a un pubblico più vasto ed eterogeneo, una panoramica tangibile e puntuale sugli ampi e consolidati contributi delle donne ai vari livelli della Formazione Professionale in Piemonte.

Gli esiti occupazionali delle Politiche formative in Piemonte. Rapporto annuale di Placement 201. Indagine su qualificati e specializzati nell'anno 2010

Gli esiti occupazionali delle Politiche formative in Piemonte Il rapporto rappresenta un importante riferimento, sia in relazione alle politiche regionali, come stimolo a migliorarne la qualità e l’efficacia raccogliendo e rielaborando in fase di riprogrammazione degli interventi le indicazioni che ne emergono, sia come modello di ricerca empirica con cui si è sperimentata una metodologia rigorosa. La sua pubblicazione ha inoltre l'obiettivo di far conoscere a tutti gli operatori pubblici e privati del settore questa iniziativa affinché la qualità e la serietà del lavoro di ricerca e di analisi svolto siano riconosciuti e servano ad alimentare il confronto sugli indirizzi e le prospettive della Formazione Professionale in Piemonte.

Un grande progetto per la Responsabilità sociale d'impresa

LOgo CSR Con CSRPiemonte, un progetto per la valorizzazione e la diffusione capillare di pratiche di responsabilità sociale nelle imprese piemontesi, la Regione Piemonte e Unioncamere Piemonte si sono impegnate in una forte azione di regia e di indirizzo, mettendo le imprese nelle condizioni di condividere esperienze significative, utilizzare un denominatore comune di comunicazione, attingere a una sorta di catalogo di buone prassi ed esperienze consolidate. Il progetto si propone di stimolare la competitività delle imprese anche attraverso un cambiamento culturale, con un approccio nuovo di attenzione alle risorse umane, alla comunità nel cui territorio si investe, all'innovazione di processi e prodotti, ai nuovi modelli di business, alla green economy, alle filiere e alle reti, mettendo in luce quali sono i vantaggi per l'impresa che si impegna in un percorso verso la sostenibilità, economica e ambientale.

Azioni integrate per la creazione di imprese innovative

Azioni integrate per la creazione di imprese innovative Le imprese spin-off della ricerca possono consentire la diretta valorizzazione delle idee più innovative velocizzando e perfezionando i processi di trasferimento tecnologico dal settore della ricerca al tessuto produttivo. Per sostenere la nascita di queste nuove imprese e quindi lo sviluppo della competitività sono attivi percorsi integrati, dalla verifica delle potenzialità imprenditoriali fino alle prime fasi di attività: consulenza, tutoraggio, contributi economici.

Obiettivo orientamento: comunicare per scegliere

Obiettivo orientamento La Regione Piemonte, con la preziosa e fondamentale collaborazione delle province, degli enti territoriali, delle istituzioni scolastiche e formative, delle scuole e delle agenzie formative, ha costruito un sistema integrato, accreditato e consolidato di servizi e strumenti a disposizione delle ragazze e dei ragazzi, delle famiglie, degli insegnanti, dei formatori e degli operatori che credono e si impegnano nel percorso di facilitare le scelte fondamentali per il futuro dei giovani.

2001-2011 Dieci anni di orientamento con adolescenti e giovani in Piemonte

Meno tasse più assunzioni per il rilancio del lavoro Il feedback rispetto alle attività realizzate diventa strumento di miglioramento continuo della programmazione e di verifica dell'efficacia.
Attraverso la raccolta e il monitoraggio delle esperienze realizzate è stato raggiunto l'obiettivo di condividere, a livello degli operatori coinvolti nel coordinamento e nella gestione dei Piani di orientamento, metodi di lavoro e prassi che hanno consentito di mettere in luce, oltre al numero consistente degli interventi, una realtà molto ricca, di contenuti, ma anche di stimoli per migliorare le iniziative in corso di realizzazione.

Meno tasse più assunzioni per il rilancio del lavoro

Meno tasse più assunzioni per il rilancio del lavoro Riduzione del 30% dell'IRES per le aziende che aumentano i livelli occupazionali: una proposta innovativa pensata e proposta dall'Assessore regionale al lavoro e formazione professionale Claudia Porchietto nella speranza che possa essere presa in considerazione dal sistema Paese per rilanciare il mercato del lavoro e dare risposta alla richiesta di interventi seri da parte delle imprese.

Orientare per preparare al futuro

Orientare per preparare al futuro Il ruolo dei docenti nell'orientamento alla scelta della scuola secondaria di secondo grado e dell'istruzione e formazione professionale ha assunto negli ultimi anni una valenza fondamentale all'interno del sistema regionale: gli orientamenti comunitari e l'attuale contesto normativo pongono infatti al centro delle politiche la persona, con i suoi bisogni e le sue esigenze specifiche e richiedono agli operatori di ogni istituzione impegnata nell'orientamento di saper cogliere tali necessità e di fornire risposte efficaci e altamente individualizzate.
La Regione Piemonte ha lavorato pertanto a una pubblicazione per aiutare i docenti nel complesso compito di accompagnamento dei giovani e delle famiglie nella scelta dei percorsi di formazione.

Il Piemonte sostiene il futuro dei giovani

Il Piemonte sostiene il futuro dei giovani In Piemonte la formazione è all'avanguardia e gli interventi dell'amministrazione regionale danno nuove opportunità a giovani e imprese.
L'offerta formativa è di qualità e ampiamente diversificata in funzione delle istanze espresse dalle principali categorie di destinatari: gli adolescenti in obbligo di istruzione, i giovani e gli adulti che necessitano di rafforzare le proprie competenze ai fini dell'inserimento e reinserimento lavorativo, gli occupati che, su iniziativa aziendale o individuale, intraprendono percorsi di lifelong learning.

Scegliere il percorso di studi al termine della scuola secondaria di primo grado (dopo la terza media)

guida post medieLa nuova guida, disponibile anche nella versione on-line e distribuita gratuitamente a tutte le allieve e gli allievi della terza media per aiutarli nella scelta dei successivi percorsi formativi, illustra le opportunità offerte sul territorio e costituisce un valido strumento di orientamento, finalizzato a coniugare le aspirazioni individuali dei ragazzi ai bisogni sociali, grazie alle positive sinergie realizzate tra Scuola, Regione, Formazione Professionale, Università, Enti locali, servizi territoriali e soggetti produttivi.

Scegliere il percorso di studi. Guida di orientamento post diploma e post qualifica

guida post diplomaLa nuova guida, disponibile anche nella versione on-line e distribuita gratuitamente a tutte le allieve e gli allievi dell'ultimo anno delle scuole superiori intende offrire una panoramica dell'offerta formativa, per favorire le migliori opportunità di crescita e di realizzazione, assecondando e incentivando le caratteristiche personali e le attitudini dei ragazzi, per aiutarli a costruirsi il migliore futuro possibile.

Rapporto sullo stato di avanzamento del Programma Operativo Regionale FONDO SOCIALE EUROPEO Obiettivo “Competitività regionale e occupazione”

PorchiettoÈ consuetudine della Regione stilare un bilancio dell’attività annuale attraverso l’utilizzo dei fondi strutturali europei di cui il rapporto costituisce una sintesi di facile consultazione a disposizione delle famiglie piemontesi.
La pubblicazione vuole rendere conto dell’attività svolta ma anche, e soprattutto, far conoscere le molte opportunità che la Regione mette a disposizione della cittadinanza.
Consulta il Rapporto POR FSE 2011

Bandi Alta formazione: una reale ricaduta occupazionale a favore dei giovani

PorchiettoIl progetto, promosso dall'Assessorato regionale al Lavoro e alla Formazione professionale in partnership con il Politecnico di Torino, prevede la messa in atto di dottorati di ricerca in esercizio di apprendistato realizzati con e nelle aziende. Una sinergia inedita fra università, istituzioni e aziende che ha permesso di sviluppare corsi di dottorato pensati ciascuno in collaborazione con un partner aziendale. In questo modo, come illustrano gli approfondimenti di Extra Torino Extra luglio-settembre 2011 e Sugonews novembre-dicembre 2011, gli studenti hanno un primo e concreto inserimento nel mondo del lavoro insieme ad una formazione specifica, mentre le aziende possono usufruire delle competenze tecniche dei dottori di ricerca.

Aspetti socio-pedagogici della Formazione Professionale in Piemonte

Indirizzario 2011La pubblicazione nasce da un articolato e ampio lavoro di ricerca, affidato da Regione Piemonte alla Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Torino, da cui emerge come l’eclettico dinamismo del complesso universo della Formazione Professionale in Piemonte, interpretando e rispecchiando le vertiginose trasformazioni della società, abbia influenzato e continui a incidere in larga misura sullo sviluppo integrale del potenziale umano e civile di più generazioni.

La formazione professionale in Piemonte dall'Unità d'Italia all'Unione Europea

Indirizzario 2011Promosso da Regione Piemonte con la collaborazione del Dipartimento di Storia dell'Università di Torino, il volume ripercorre storia ed evoluzione della formazione professionale in Piemonte. Seguendo un fil rouge cronologico, l'indagine ha consentito di comparare i principali cambiamenti della normativa e dell'organizzazione con le trasformazioni storiche, culturali e sociali degli ultimi 150 anni, vedendo la nostra regione all'avanguardia nella costruzione di nuovi paradigmi, alfabetizzazione, addestramento professionale, istruzione tecnica e infine alta specializzazione e long life learning.

Indirizzario 2011: per muoversi nel mondo del Lavoro e della Formazione Professionale in Piemonte

Indirizzario 2011L'Assessorato al Lavoro e Formazione Professionale, in collaborazione con il Fondo Sociale Europeo, ha predisposto la versione aggiornata dell'Indirizzario: una pubblicazione di grande utilità che costituisce uno strumento completo per tutti gli operatori pubblici e privati che su tutto il territorio piemontese si occupano di politiche formative, imprenditoriali e del lavoro.

Il sistema dell'alta formazione: un nuovo percorso formativo tra il diploma e la laurea

Competività ed occupazione: speciale piemonteGli ITS, Istituti Tecnici Superiori del Piemonte, offrono l’opportunità di acquisire una formazione qualificata strutturalmente legata al mondo del lavoro proprio nei settori più richiesti dalle imprese piemontesi e strategici per l’economia del Paese. Sono scuole speciali di tecnologia di assoluta eccellenza che forniscono in soli 2 anni un titolo di studio riconosciuto a livello europeo. Un diploma di specializzazione tecnica superiore che si colloca tra il diploma di istruzione secondaria superiore e la laurea di primo livello.

Meno tasse per chi investe sul lavoro

Competività ed occupazione: speciale piemonteGrazie all'attuazione da parte della Giunta regionale del Piemonte della Misura II.11 "Meno tasse per l'occupazione" prevista dal Piano straordinario per l'occupazione, le imprese possono fruire di deduzioni IRAP per le nuove assunzioni di dipendenti a tempo indeterminato pari a 15.000 euro (30.000 euro per gli ultracinquantenni) per ogni dipendente neoassunto.

Parole d'ordine: crescita e occupazione

Competività ed occupazione: speciale piemonteIl Piemonte fa squadra a sostegno delle aziende: con l’attuazione del Piano pluriennale per la competitività è già stata avviata la misura dello smobilizzo dei crediti che le piccole e medie imprese vantano nei confronti degli enti locali piemontesi; mentre con il Bonus Irap si allargano le agevolazioni per incrementare il lavoro in Piemonte. Il punto su queste e altre misure attivate dalle politiche regionali, grazie anche ai finanziamenti europei, viene fatto nello Speciale pubblicato su La Repubblica di martedì 29 marzo 2011.

Una proposta dinamica contro la crisi

Competività ed occupazione: speciale piemonteIl Piano straordinario per l'occupazione, nato per dare una risposta concreta alla crisi, è ambizioso e impegnativo, ma sicuramente realizzabile. Ne è convinto Massimo Giordano, assessore allo Sviluppo economico, Ricerca e Innovazione della Regione Piemonte che nell'intervista pubblicata sul numero di aprile di Sugonews spiega come e perchè è nato; a che punto sia l'attuazione dei vari provvedimenti e quali saranno le prossime tappe.

Competitività e occupazione: Speciale Piemonte

Competività ed occupazione: speciale piemonteLa Regione Piemonte inaugura una nuova stagione di riforme per favorire una politica economica centrata su competitività, innovazione e territorio: 200 milioni di euro per il sostegno alla competitività delle imprese; 100 milioni di euro per la finanza e la nuova imprenditorialità; 200 milioni di euro destinati a Ricerca, Università e Innovazione.
Un approfondimento sulle politiche attive già messe in campo dal Governo regionale e le nuove misure da attuare per uscire dalla crisi e collocare il Piemonte tra le regioni più innovatrici d'Europa da vita ad uno speciale su Il Sole 24 Ore Nord Ovest del 23 febbraio 2011.

 

Speciale Piano straordinario per l'occupazione

Speciale Piano straordinario per l'occupazioneAiuti concreti per imprese, lavoratori e famiglie. Gli interventi previsti dalla Regione Piemonte riguardano sia gli incentivi diretti alle assunzioni, sia strumenti di natura indiretta che mirano a far crescere le imprese piemontesi e ad attrarne di nuove sul territorio regionale, oltre a forme di defiscalizzazione e semplificazione che hanno l’obiettivo di facilitare l’accesso al credito. Il punto su queste e altre iniziative viene fatto nello Speciale pubblicato con La Repubblica di martedì 8 febbraio 2011.

 

Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro.

Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. La pubblicazione illustra il pacchetto di azioni previste dal Governo regionale per contenere gli effetti della crisi economica.
Gli interventi si caratterizzano da un lato per la rapidità di attivazione e la capacità di produrre effetti già nel breve periodo, almeno sugli aspetti più socialmente rilevanti della crisi occupazionale, dall'altro si accompagnano all'impegno per una politica industriale che dispieghi i propri effetti nel medio periodo, innescando un processo di cambiamento strutturale basato sulla diversificazione produttiva, la crescita della dimensione media d'impresa, il sostegno alla nuova imprenditorialità e l'innovazione.

 

La Regione Piemonte sperimenta un approccio innovativo per l'utilizzo mirato delle risorse FSE

La Regione Piemonte sperimenta un approccio innovativo per
   l'utilizzo mirato delle risorse FSE A fianco dei lavoratori e delle piccole e medie imprese in difficoltà, accesso generalizzato alla CIG in deroga per tutti gli operatori economici, formazione professionale per sviluppare le competenze e riqualificare la forza lavoro, sostegni concreti per disoccupati e ultracinquantenni, queste ed altre iniziative trovano spazio in un Report pubblicato con il Sole 24 Ore di lunedì 8 febbraio 2010.

 

Nuove opportunità per chi beneficia della cassa integrazione o della mobilità in deroga

Nuove opportunità per chi beneficia della cassa integrazione o della mobilità in deroga Diverse iniziative sono state intraprese a livello regionale ai fini della salvaguardia dei livelli occupazionali e della capacità competitiva del sistema produttivo piemontese. Tali interventi, che comprendono l'accesso gratuito a servizi di accoglienza, orientamento e formazione professionale, e accompagnamento nella ricerca di reinserimento lavorativo, costituiscono un'opportunità per le persone e per le aziende.

 

Diamo forma al futuro. La formazione professionale in Piemonte

Diamo forma al futuro. La formazione professionale in
      Piemonte La Regione Piemonte considera lo sviluppo del sistema formativo professionale un elemento strategico per la crescita della Regione e dei suoi territori: esso è infatti l'elemento centrale nel rapporto tra la formazione della persona, il suo collocamento lavorativo, le esigenze del mondo imprenditoriale e l'evoluzione del mercato del lavoro.

 

Motore d'impresa: la misura D3 in Piemonte

Azioni integrate per la creazione di imprese innovative Sostenere lo sviluppo del territorio attraverso politiche di incoraggiamento e consolidamento dell'imprenditorialità è, per la Regione Piemonte, una missione d'importanza fondamentale. L'attuazione della Misura D3 POR 2000-2006 ha permesso di incentivare la creazione d'impresa e di favorire la nascita di nuovi bacini d'impiego. Sulla scorta dei traguardi raggiunti, la programmazione per il 2007-2013 si arricchisce di innovazioni e di punti di forza.

 

Azioni integrate per la creazione di imprese innovative

Azioni integrate per la creazione di imprese innovative Le imprese spin-off della ricerca possono consentire la diretta valorizzazione delle idee più innovative velocizzando e perfezionando i processi di trasferimento tecnologico dal settore della ricerca al tessuto produttivo. Per sostenere la nascita di queste nuove imprese e quindi lo sviluppo della competitività è stato elaborato un piano di intervento nell’ambito del POR FSE 2007-2013.

 

Poli Formativi per l'Istruzione e la Formazione Tecnica Superiore IFTS

Poli Formativi per l'Istruzione e la Formazione Tecnica SuperioreI Poli IFTS integrano formazione, ricerca, innovazione e trasferimento tecnologico per rispondere concretamente alle esigenze del sistema produttivo. Ogni Polo IFTS ha sviluppato, sulla base di linee guida regionali, un proprio progetto esecutivo di programmazione triennale, da cui sono scaturiti 39 percorsi per un totale di 31.200 ore di formazione.

 

Indirizzario 2009: 1.800 riferimenti per muoversi nel mondo del Lavoro e della Formazione Professionale in Piemonte

Indirizzario 2009La guida, consultabile per categorie o per indice alfabetico, è un utile strumento informativo per gli operatori pubblici e privati che sul territorio regionale si occupano di politiche formative, imprenditoriali e del lavoro, e descrive un "sistema" territoriale fortemente capillare e interconnesso.