Regione Piemonte - Commercio

In questa pagina:



Promozione commerciale

La legge regionale 5 giugno 1987, n. 32 “Disciplina degli interventi di promozione delle attività produttive nelle materie di competenza regionale” prevede che, per la migliore collocazione dei prodotti piemontesi sul mercato, la Regione svolga attività di coordinamento intesa ad armonizzare i programmi ed i progetti dei soggetti pubblici e privati operanti nella materia a livello regionale.

Il programma promozionale deve essere strutturato in modo da rappresentare un supporto per l’economia piemontese nel suo complesso con l’adozione di strumenti incisivi che sappiano ottimizzare le risorse e creare sinergie tra settori complementari, individuando modalità di promozione del “made in Piemonte” a costi ridotti ed efficacia adeguata.

La politica promozionale, soprattutto in momenti difficili per il sistema economico, si concentra sui settori innovativi e su quelli che rappresentano la punta avanzata nei comparti tradizionali e supporta la diffusione dei prodotti piemontesi nella distribuzione classica con tutte le modalità possibili sul territorio nazionale.

Per l’applicazione di questa legge la Regione, nell’emanazione della delibera annuale sui criteri (D.G.R. n. 23-2140 del 6 giugno 2011) e del relativo bando, individua le priorità e le modalità per l’attribuzione dei contributi (D.D. n. 329 del 16 agosto 2011), di solito premiando le proposte di progetto innovative e pluriennali e le azioni multiple ad ampio raggio in grado di incidere in modo continuativo sui mercati.