Regione Piemonte - Agricoltura - ASSE II: Miglioramento dell'ambiente e dello spazio rurale

In questa pagina:


ASSE II: Miglioramento dell'ambiente e dello spazio rurale

Le Misure attivate

Di seguito vengono elencate le misure previste dal PSR 2007-2013. Per ogni misura è presente una pagina contenente la scheda di sintesi dalla quale è possibile accedere anche al testo estratto dal PSR, agli atti, ai bandi e ai pagamenti aggiornati durante tutto il corso della programmazione.

L’analisi di contesto

L’analisi della situazione ambientale del Piemonte, effettuata per la predisposizione del PSR 2007-2013, ha messo in evidenza un marcato dualismo tra i diversi contesti territoriali.
Da un lato, emergono i rischi legati ai metodi di produzione intensivi tipici delle aree di pianura, che comportano un’eccessiva semplificazione degli agroecosistemi e una forte pressione sull’ambiente: tali problematiche si sommano, nelle are più densamente popolate, agli effetti negativi legati all’urbanizzazione ed alle attività industriali.
Dall’altro lato, si delineano le problematiche delle aree rurali intermedie e di quelle con problemi complessivi di sviluppo, dove i rischi di marginalizzazione dell’attività agricola e il conseguente ridursi del presidio del territorio che ne deriva, possono comportare una riduzione delle esternalità positive su suolo, acqua, clima e biodiversità che in genere si associano, in tali aree, alle pratiche rurali condotte correttamente.

I fabbisogni individuati

L’analisi ha permesso di individuare i seguenti fabbisogni prioritari, raggruppati in base al tema ambientale di riferimento.

Biodiversità

  • incrementare il grado di diversificazione del paesaggio agrario e degli habitat; conservare e ripristinare gli spazi naturali e seminaturali; creare, ripristinare e mantenere gli elementi dell’ecosistema agricolo e forestale e le connessioni fra aree di interesse naturalistico;
  • fronteggiare l’erosione genetica all’interno delle specie vegetali e animali utilizzate in agricoltura, zootecnia e selvicoltura;
  • migliorare il benessere degli animali;
  • preservare la biodiversità attraverso l’utilizzo di mezzi chimici a basso impatto ambientale.

Acqua

  • migliorare l’efficienza dell’utilizzo delle risorse irrigue;
  • ridurre il livello di inquinamento delle acque da input chimici agricoli e da surplus di nutrienti nelle aree agricole.

Inquinamento atmosferico e cambiamenti climatici

  • ridurre le emissioni dei gas serra (anidride carbonica, metano e protossido d’azoto) e dell’ammoniaca legate alle attività agricole e zootecniche;
  • incrementare la fissazione di carbonio nel suolo e nella biomassa agricola e forestale e sviluppare la produzione di energia da biomasse e da altre fonti rinnovabili.

Territorio e suolo

  • garantire il presidio del territorio attraverso il mantenimento delle attività agricole nelle aree svantaggiate;
  • limitare i fenomeni erosivi e incrementare il contenuto di sostanza organica nel suolo;
  • ridurre il livello di contaminazione del suolo da input agricoli;
  • valorizzare e ripristinare il paesaggio agrario e forestale attraverso pratiche conservative, la ricostituzione di ambienti forestali in aree a scarso indice di boscosità e il miglioramento dei boschi a funzione protettiva;
  • recuperare i boschi danneggiati da cause biotiche e abiotiche.

La dotazione finanziaria

Totale contributo pubblico 2007-2013: 406.859.092 milioni di Euro.