Regione Piemonte - Affari europei

In questa pagina:




Programmi tematici ad accesso diretto

Il panorama dei finanziamenti che l’Unione Europea mette in campo per raggiungere i propri obiettivi strategici è particolarmente ampio ed articolato e ricorre a diverse tipologie di sovvenzioni.
Se gli strumenti a gestione indiretta (i cosiddetti Fondi strutturali, all’interno dei quali si collocano anche i finanziamenti per la Cooperazione Territoriale Europea) vengono gestiti dalla Commissione Europea in partenariato con gli Stati membri, i programmi tematici sono strumenti a gestione diretta, che vengono quindi gestiti “direttamente” dalla Commissione (tramite le sue Direzioni Generali ed Agenzie Esecutive) con i soggetti beneficiari, pubblici o privati che siano.

Attraverso i programmi tematici, ogni anno la Commissione Europea sostiene migliaia di progetti che contribuiscono all'attuazione delle priorità politiche concordate con gli Stati membri e perseguono gli obiettivi fissati dalla Strategia Europa 2020, finanziando attività in ambiti specifici quali: ricerca, istruzione, sanità, energia, trasporti, tutela dell'ambiente ed altro ancora.

Un capitolo a parte, tra i finanziamenti a gestione diretta, è rappresentato dagli strumenti per l’assistenza esterna, la c.d. Cooperazione internazionale. Tali strumenti finanziano azioni rivolte al di fuori dell’Unione Europea, sostenendo i Paesi in via di sviluppo, i Paesi del vicinato europeo o quelli che stanno preparando l'adesione all'UE. Le azioni sostenute da tali strumenti mirano a ridurre la povertà estrema; promuovere l’economia sostenibile; promuovere lo sviluppo sociale ed ambientale; promuovere la democrazia, lo stato di diritto, la good governance ed il rispetto dei diritti umani.

Per partecipare ai finanziamenti dei programmi tematici occorre sapere che…

Per partecipare alle opportunità di finanziamento dell’Unione Europea – ambito nel quale la concorrenzialità a livello europeo è forte - è necessario esaminare bene le specificità dei vari programmi, gli obiettivi e le misure finanziabili, al fine di individuare il bando che più si adatta all'idea progettuale da sviluppare ed elaborare, programmando con sufficiente anticipo la partecipazione ai bandi.
Tutti i finanziamenti europei sono regolamentati da norme rigorose e sottoposti a stretto controllo da parte della Commissione Europea. E’ perciò importante conoscere bene anche tutti gli aspetti legati alla concessione delle sovvenzioni, partendo da alcuni principi generali, fissati dal regolamento finanziario dell’UE, quali ad esempio la non cumulabilità, il vincolo non-profit dei progetti e la non retroattività.
E’ da tener presente, inoltre, che la maggior parte dei programmi richiedono un partenariato transnazionale, oltre che una quota di cofinanziamento del progetto; la percentuale del cofinanziamento da parte del beneficiario varia a seconda del programma e solo in alcuni casi specifici la sovvenzione è totale.

Funzionamento dei programmi ad accesso diretto1

Nell’ambito di ogni programma tematico, la Commissione europea stabilisce annualmente (o con cadenza diversa) il relativo programma di lavoro, fissando le principali linee guida delle sovvenzioni (area di attività, obiettivi, tempi, budget a disposizione, criteri di ammissibilità, ecc.).
Sulla base del programma di lavoro, sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea e sui siti delle singole DG della Commissione europea, vengono pubblicate le call for proposals, gli inviti a presentare proposte, all’interno delle quali sono specificate le modalità di presentazione delle proposte progettuali e la scadenza per la presentazione.
I beneficiari dei finanziamenti possono essere sia pubblici che privati ma devono essere soggetti titolati in base a quanto previsto nella call stessa, oltre che essere in grado di provare la loro capacità finanziaria ed operativa.
Al fine di sviluppare partenariati di livello adeguato (in alcuni casi la partecipazione è estesa anche a Paesi non UE), agevolando la ricerca di soggetti che desiderano partecipare alle proposte, sono disponibili vari strumenti di ricerca di partner. consultabili sui portali ufficiali dei Programmi della Commissione europea, ma non solo (vedi ad esempio l’Enterprise Europe Network).
Le proposte progettuali devono rispondere agli obiettivi perseguiti da quell’azione specifica, evidenziandone il valore aggiunto europeo, oltre che essere formulate in modo da soddisfare le condizioni richieste dalla call. La Commissione, attraverso l’Agenzia esecutiva competente, valuta le candidature ed accorda le sovvenzioni ai progetti più competitivi. I candidati ammessi al finanziamento sono invitati a sottoscrivere una specifica Convenzione di sovvenzione (Grant Agreement), che fissa le regole di gestione del finanziamento stesso.
La realizzazione del progetto deve essere monitorata periodicamente ed il versamento della sovvenzione avviene in base allo stato di avanzamento delle relative attività progettuali, fino alla sua chiusura definitiva ed alla relativa rendicontazione finale.

1 Le indicazioni contenute in queste pagine hanno carattere puramente divulgativo. Per informazioni ufficiali si invita a consultare i documenti ufficiali della Commissione Europea.

I principali programmi tematici