Finanziamento

Scade: 31 dic 2020
Aperto

RI.ENT.R.O. RImanere ENTrambi Responsabili e Occupati - Incentivo per il rientro al lavoro dopo la maternità

L’intervento prevede l’erogazione alla madre lavoratrice di un incentivo una tantum finalizzato a “premiare” il suo rientro lavorativo dopo la maternità, anche in caso di adozione o affidamento di minore, qualora il padre lavoratore dipendente del settore privato fruisca del congedo parentale o del prolungamento del congedo parentale per minori in situazione di grave disabilità.

L’incentivo può essere erogato per il rientro lavorativo sia della madre lavoratrice dipendente del settore privato sia della madre lavoratrice autonoma o imprenditrice , titolare o socia, in una micro-impresa organizzata in forma individuale, di società di persone (socie accomandatarie in caso di società in accomandita semplice) e di società a responsabilità limitata semplificata.

Nel caso di nuclei monoparentali composti dalla sola madre l’incentivo viene erogato a fronte del suo rientro lavorativo.

Materia: 
Pari opportunità e giovani
Soggetti beneficiari: 

Sono persone destinatarie dell’intervento le madri in rientro lavorativo dopo la maternità, residenti e/o domiciliate nella regione Piemonte, appartenenti alle seguenti tipologie:

  • lavoratrici dipendenti del settore privato, ivi comprese le socie lavoratrici di società cooperative,
  • persone fisiche che rivestono il ruolo di lavoratrice autonoma o di imprenditrice, titolare o socia, in una micro-impresa organizzata in forma individuale, di società di persone (socie accomandatarie in caso di società in accomandita semplice) e di società a responsabilità limitata semplificata, di cui all’art. 111 “Microcredito” del Decreto Legislativo 1 settembre 1993, n. 385 “Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia”.

La madre lavoratrice autonoma o imprenditrice deve essere titolare del diritto a fruire del congedo parentale (rif. D.Lgs 151/2001 e s.m.i.).

Tipologia finanziamento: 
FSE 14-20
Note presentazione domande: 

le domande possono essere inoltrate fino alle ore 23.59 del 31/12/2020.

Le domande di contributo dovranno essere presentate con una delle seguenti modalità:

spedizione dell’originale della domanda via posta, tramite raccomandata A.R., al seguente indirizzo:

Regione Piemonte
Direzione Coesione sociale,
Settore Politiche per le famiglie, giovani e migranti, pari opportunità e diritti
Via Magenta 12 – 10128 TORINO

Invio della scansione della domanda, in formato PDF – PDF/A, da un indirizzo di PEC (Posta Elettronica Certificata) al seguente indirizzo PEC: famigliaediritti@cert.regione.piemonte.it , indicando nell’oggetto: “Bando RIENTRO”.

Importo in €: 
L’incentivo può avere un valore di 200, 400 o 500 euro per ogni mese solare di rientro lavorativo della madre a seconda della tipologia di intervento. Le risorse disponibili sono pari ad € 500.000,00.
Contatti: 

Gianpiera LISA – tel. 011/432-3263 – gianpiera.lisa@regione.piemonte.it

Federico GERBAUDI – tel. 011/432-5837 – federico.gerbaudi@regione.piemonte.it

Struttura di riferimento: 
A1509A - POLITICHE PER LE FAMIGLIE, GIOVANI E MIGRANTI, PARI OPPORTUNITÀ E DIRITTI

Si segnala che il testo dei provvedimenti pubblicati nel sito non ha valore ufficiale per il quale si rinvia al Bollettino Ufficiale della Regione.