Finanziamento

Scade: 12 ott 2017
Scaduto

Legge regionale 30.6.2016, n. 13. Domanda di partecipazione alla selezione pubblica per la composizione della tabella.

Ai sensi dell’art. 2, comma 1 della l.r. n. 13 del 30.6.2016, la Giunta Regionale intende provvedere alla costituzione della tabella degli enti, istituti, associazioni e fondazioni di rilevo regionale.

I criteri per la composizione della suddetta tabella (sui quali ha espresso parere favorevole la Commissione consiliare competente in data 2.2.2017) sono stati approvati con DGR. n. 57-5488 del 3.8.2017.

Secondo quanto disposto dalla citata DGR. n. 57-5488 del 3.8.2017, al fine di rendere quanto più ampia possibile la partecipazione di soggetti interessati, la Direzione Promozione della Cultura, del Turismo e dello Sport – Settore Promozione dei beni librari e archivistici, editoria e istituti culturali indice apposita selezione pubblIca al fine di costituire la tabella di cui all’art. 2, comma 1 della l.r. n. 13/2016.

A chiusura dell’espletamento delle procedure dell’avviso pubblico, la Giunta Regionale provvede con proprio atto ad istituire la tabella che risulterà composta dagli enti che risultano in possesso dei requisiti di legge e che, sulla base delle risorse disponibili, saranno ammessi a beneficiare della contribuzione pubblica.

Ogni tre anni la Giunta Regionale può deliberare modifiche ai criteri, variazioni della composizione della tabella e dei contributi da assegnare a ciascun beneficiario.

Il contributo regionale è destinato al sostegno del funzionamento ordinario dell’Ente e alle attività istituzionali.

Materia: 
Cultura
Soggetti beneficiari: 

Sono ammessi a partecipare alla selezione pubblica per l’ingresso nella tabella i soggetti che possiedono i requisiti di ammissibilità di cui all’art. 2, comma 2 della L.R. n. 13/2016, ossia:

a) gli enti, gli istituti, le fondazioni e le associazioni che hanno svolto servizi e attività di rilevante valore scientifico e culturale da almeno tre anni; per gli enti, gli istituti, le fondazioni e le associazioni derivanti da fusioni e accorpamenti, il requisito dei tre anni deve essere posseduto da almeno uno dei soggetti;

b) gli enti, gli istituti, le fondazioni e le associazioni che provvedono alla conservazione e alla valorizzazione del proprio patrimonio e possiedono attrezzature idonee allo svolgimento della loro attività presso una sede adeguata;

c) gli enti, gli istituti, le fondazioni e le associazioni che possiedono, conservano e valorizzano patrimoni bibliotecari e/o archivistici e documentali;

d) gli enti, gli istituti, le fondazioni e le associazioni che garantiscono una larga utenza delle loro iniziative ed assicurano l’accessibilità pubblica al patrimonio posseduto e ai servizi culturali offerti.

L’ente che presenta istanza per l’accesso alla tabella deve garantire libertà e gratuità di accesso al patrimonio posseduto, libertà di consultazione dello stesso senza restrizioni, salvo quelle motivate da esigenze di tutela. Qualora tale requisito non sia garantito al momento della presentazione della domanda per l’accesso al bando, l’ente è tenuto a provvedere in tal senso, anche modificando i propri regolamenti entro un anno dall’ammissione al contributo regionale, a pena di decadenza dal beneficio economico concesso.

L’ente che presenta istanza di ammissione alla selezione pubblica deve altresì essere in possesso del riconoscimento di personalità giuridica di diritto privato o statale o regionale (comprovata tramite l’iscrizione al registro provvisorio delle persone giuridiche). In alternativa, occorre dimostrare di aver avviato la richiesta per l’ottenimento del suddetto riconoscimento.

Non sono ammessi a partecipare alla selezione pubblica per l’ingresso nella tabella:

- le istituzioni museali o le istituzioni di cui l’attività museale è elemento di rilievo o che, per le loro peculiari caratteristiche, sono soggette a normative diverse dalle istituzioni culturali o la cui attività prevalente non è quella scientifica o culturale in senso stretto (es. le associazioni di volontariato, le associazioni storiche e sportive;  associazioni sindacali e partitiche, etc.);

- le istituzioni in favore delle quali il sostegno regionale è già contemplato da specifiche leggi di settore (ad es., istituti storici per la resistenza, società operaie di mutuo soccorso; etc.)

- le istituzioni alle quali la Regione Piemonte ha aderito con apposito provvedimento in qualità di socio (fondatore, sostenitore, aderente, etc.)

Tipologia finanziamento: 
Fondi regionali
Note: 

La domanda per l’accesso alla selezione pubblica in oggetto, redatta su carta intestata dell’Ente richiedente e sulla quale va apposta una marca da bollo da € 16,00, deve essere presentata, completa degli allegati richiesti dall’avviso pubblico, a pena di inammissibilità, esclusivamente per via telematica tramite PEC (Posta Elettronica Certificata) entro la data del 12.10.2017 al seguente indirizzo:

culturaturismosport@cert.regione.piemonte.it

Settore Promozione dei beni librari e archivistici, editoria e istituti culturali

La domanda deve altresì recare nell’oggetto a pena di inammissibilità  la seguente dicitura: “Legge regionale 30.6.2016, n. 13. Domanda di partecipazione alla selezione pubblica per la composizione della tabella”.

La casella di posta elettronica certificata utilizzata per la trasmissione della domanda deve essere intestata all’Ente richiedente o al suo legale rappresentante o al suo delegato.

L’istanza e gli allegati specificati nell’avviso pubblico devono essere inviati unitamente, sottoscritti digitalmente dal legale rappresentante o suo delegato; saranno tuttavia ammesse anche le domande sottoscritte dal legale rappresentante o suo delegato con firma autografa, accompagnati da un documento di identità del legale rappresentante in corso di validità e trasmessi esclusivamente tramite PEC, in formato .PDF oppure .PDF/A

Note presentazione domande: 

Le domande devono pervenire tramite PEC entro il termine perentorio del 12.10.2017

Importo in €: 
€ 2.100.000,00
Contatti: 

Roberta Fiandaca (011/432.36.75; roberta.fiandaca@regione.piemonte.it)
Maria Prano (011/432.35.99; maria.prano@regione.piemonte.it)
Savina Verrastro (011/432.51.06; savina.verrastro@regione.piemonte.it)

Struttura di riferimento: 
A2001A - PROMOZIONE DEI BENI LIBRARI E ARCHIVISTICI, EDITORIA ED ISTITUTI CULTURALI

Si segnala che il testo dei provvedimenti pubblicati nel sito non ha valore ufficiale per il quale si rinvia al Bollettino Ufficiale della Regione.