Sistema Universitario Piemontese

Per primi in Italia abbiamo riconosciuto gli atenei come soggetti di rinnovamento culturale, civile e sociale. Per questo motivo, il Piemonte può oggi riproporsi come regione pilota nel campo dello sviluppo delle scienze, umane e della natura, e in settori di grande interesse per lo sviluppo economico come la pubblica amministrazione, l’ambiente e la salute, l’alta tecnologia, i beni culturali, l’interscambio e l’integrazione tra culture.
Gli atenei piemontesi hanno attivato ampi spazi di collaborazione e interazione strategica per fare di Torino e del territorio piemontese una regione universitaria e internazionale.

Gli Atenei

La Regione, nel rispetto dei principi di cui all'articolo 33 della Costituzione, riconosce agli atenei un ruolo centrale nello sviluppo della ricerca di alta qualità, anche favorendo la creazione di poli specialistici e multidisciplinari della ricerca.
Il sistema universitario del Piemonte si compone di 4 atenei dove oltre 20.000 studenti si laureano ogni anno e oltre 6.400 ricercatori svolgono le proprie attività di ricerca. I rappresentanti dei quattro atenei partecipano al Comitato Regionale per la Ricerca e l'Innovazione.
Gli atenei presenti in Piemonte sono:

Gli Istituti di Alta Formazione Artistica e Musicale

Comitato Regionale di Coordinamento delle Università del Piemonte

Il Comitato Regionale di Coordinamento delle Università del Piemonte (CORECO), costituito e regolato ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 27 gennaio 1998, n.25, provvede al coordinamento delle iniziative a sostegno dello sviluppo del sistema universitario.

Il Comitato è costituito dai rettori delle università dal Presidente della Giunta Regionale o dall’Assessore delegato, e da tre rappresentanti eletti dalla componente studentesca dei senati accademici e dei consigli di amministrazione degli Atenei.

Il CORECO svolge un’attività di valutazione degli effetti che gli interventi dello Stato e della Regione hanno sul sistema universitario regionale per lo sviluppo del sistema universitario.

Il Comitato Regionale provvede, inoltre, al coordinamento delle iniziative in materia di programmazione degli accessi all’istruzione universitaria, in materia di orientamento e di diritto allo studio, ed in tema di formazione continua e permanente. Valuta, infine, le iniziative relative all’utilizzazione delle strutture universitarie e promuove il coordinamento con il sistema scolastico e con le istanze economiche e sociali del territorio

Il Comitato Regionale di Coordinamento ha promosso un proficuo confronto tra La Regione, gli Atenei e gli Enti Locali favorendo il miglioramento dell’offerta formativa e la crescita dell’internazionalizzazione degli Atenei del territorio.