Regione Piemonte - Artigianato

In questa pagina:



Annotazione della qualifica di impresa artigiana

Iter amministrativo per l’annotazione della qualifica di impresa artigiana
Le procedure per l'annotazione, la modifica e la cancellazione della qualifica di impresa artigiana nel registro delle imprese sono disciplinate dalla Legge regionale 14 gennaio 2009, n. 1 come da ultimo modificata dalla Legge regionale n. 5 del 23 aprile 2013, agli articoli 22 (Annotazione, modifica e cancellazione nel registro delle imprese) 23 (Annotazione nel registro delle imprese) 24 (Modifica e cancellazione dell’annotazione artigiana).
 

Procedimento per l’annotazione nel registro imprese

Dal 15 maggio 2013, con la qualifica di impresa artigiana sono annotate, nella sezione speciale del registro delle imprese presso la Camera di commercio competente per territorio nella cui circoscrizione è posta la sede legale dell'impresa, le imprese artigiane in possesso dei requisiti dichiarati mediante la comunicazione unica per la nascita dell'impresa (art. 23, c. 1).

Termini di presentazione della comunicazione di annotazione ed effetti

La comunicazione di annotazione della qualifica artigiana deve essere presentata alla data di acquisizione dei requisiti artigiani. Detta comunicazione determina l'annotazione dalla data di presentazione della comunicazione stessa (art. 23, c. 3).

Modifiche e cancellazioni

La modifica dei requisiti dichiarati ai fini dell'annotazione nella sezione speciale del registro delle imprese deve essere presentata al registro delle imprese competente per territorio nella cui circoscrizione è posta la sede legale dell'impresa. La comunicazione è presentata entro trenta giorni dall'avvenuta modifica e produce effetti dalla data dell'evento comunicato (art. 24, c. 1 e c. 2).

Ricorsi

Contro i provvedimenti, anche d'ufficio, delle Camere di commercio in materia di annotazione, modifica e cancellazione delle imprese artigiane nella sezione speciale del registro delle imprese è ammesso ricorso in via amministrativa alla Commissione Regionale per l'Artigianato entro 60 giorni dalla notifica delle decisioni stesse (art. 23 c. 5).