Regione Piemonte - Artigianato

In questa pagina:



Eccellenza Artigiana

Novità

Archivio

Bottega Scuola 4a edizione 2017
Sono aperte le iscrizioni per la presentazione delle candidature delle imprese dell'eccellenza artigiana per la partecipazione alla quarta edizione del progetto Bottega scuola annualità 2017
Scadenza per la presentazione delle domande: 26/06/2017.

Leggi tutto

Perchè la qualità riconosciuta sia riconoscibile

Con il Testo Unico per l'Artigianato (L.R. 1/2009) la Regione Piemonte assegna un ruolo importante all'Artigianato Artistico e Tipico di Qualità. In tale ottica la Regione, con l'attribuzione del riconoscimento di "Eccellenza Artigiana" alle imprese che ne abbiano i requisiti, intende salvaguardare e rilanciare lavorazioni artigianali di antico prestigio e offrire opportunità professionali che, pur nel rispetto della tradizione, possano cogliere ed esprimere la capacità di reinterpretare il passato attraverso le tendenze culturali ed estetiche del presente.

Non si tratta solo di recuperare "gli antichi mestieri" attraverso la riqualificazione di produzioni che vanno scomparendo, ma avvicinare le nuove generazioni a professioni con elevato contenuto di professionalità.

 

I vantaggi del riconoscimento "Piemonte Eccellenza Artigiana"

Il marchio "Piemonte eccellenza artigiana" consente di:

  • valorizzare l'artigianato artistico, tipico e tradizionale
  • offrire ai consumatori un simbolo di fiducia
  • comunicare la qualità delle lavorazioni
  • rendere riconoscibili prodotti e lavorazioni sui mercati nazionali ed esteri

Inoltre, nell'ambito del "Programma degli interventi", da definirsi da parte della Regione Piemonte, le Imprese potranno usufruire delle agevolazioni previste dal Testo Unico L.R. 1/2009 in materia di artigianato artistico, tipico e di qualità:

  • la tutela dei requisiti professionali e di origine
  • la partecipazione a rassegne in Italia e all'Estero
  • la realizzazione di pubblicazioni e cataloghi
  • la realizzazione di supporti pubblicitari
  • l'esposizione e la vendita dei propri manufatti presso strutture pubbliche di conservazione dei beni culturali (musei, gallerie, palazzi storici)
  • la partecipazione all'attuazione della formazione di giovani, con contributo pubblico, in qualità di "Bottega Scuola".