Regione Piemonte - Artigianato

In questa pagina:



Come ottenere il riconoscimento di "eccellenza artigiana"

Ottengono il riconoscimento di "Eccellenza artigiana" le imprese artigiane in possesso della qualifica Artigiana che possiedono i requisiti previsti dai disciplinari di produzione per i vari settori giÓ approvati dalla Giunta Regionale. Per i Consorzi di imprese

Le domande per il riconoscimento di “Eccellenza artigiana” possono essere presentate dal 1° al 31 marzo e dal 1° al 30 settembre di ogni anno alle Camere di Commercio competenti - Ufficio Artigianato.

Le aziende piemontesi artigiane possono rivolgersi alle CCiAA - Ufficio Artigianato, ritirare il Disciplinare di Produzione relativo al settore e, in base ai requisiti posseduti, compilare la modulistica richiesta, seguendo le istruzioni per la compilazione e redigere il curriculum corredato da documentazione fotografica.

Gli artigiani interessati possono anche rivolgersi alle associazioni artigiane di categoria presso le sedi territoriali di CONFARTIGIANATO, C.N.A., CasArtigiani.

Inoltre, per agevolare ulteriormente le imprese interessate, si consiglia di recuperare la modulistica scaricandola da settori da tutelare

Vedi istruzioni per compilare domanda

Come mantenere il riconoscimento

La Regione intende favorire tutte le variazioni strutturali dell'impresa con l'Eccellenza artigiana per consentire alla stessa di porsi in modo più competitivo sul mercato, modificando anche la struttura giuridica (da ditta individuale a societaria o viceversa ) o consentendo il passaggio generazionale alle nuove leve.

Questo soprattutto nei casi in cui la modifica non comporti alcuna variazione nell'attività svolta e sugli elementi relativi alla produzione, tecniche e materiali impiegati che hanno consentito alla impresa sulla base dei requisiti previsti dai rispettivi disciplinari di produzione di ottenere il riconoscimento di”Eccellenza artigiana”. In tali casi infatti si presuppone che il patrimonio di professionalitÓ e l'esperienza propria della impresa originaria venga trasferito in capo alla nuova azienda che pertanto possiede e continua a mantenere i requisiti per il riconoscimento dell'”Eccellenza artigiana”.

Le ipotesi che finora si sono verificate sono le seguenti:

  • variazione della denominazione (senza modifica di forma giuridica)
  • trasformazione da ditta individuale in società
  • costituzione di una nuova società derivante dalla cessazione di due ditte individuali (entrambe con riconoscimento di eccellenza artigiana)
  • variazione della forma societaria (da sas a snc o srl o viceversa)
  • recesso di un socio prestatore d'opera
  • trasformazione da società (o cooperativa) a ditta individuale.

È possibile mantenere l'eccellenza artigiana in capo all'impresa che cambia denominazione o forma giuridica a condizione che il precedente titolare o socio prestatore d'opera continui a prestare opera in qualità di titolare o di socio prestatore d'opera nella nuova impresa.

Modello richiesta mantenimento eccellenza

Per ottenere il mantenimento dell'eccellenza artigiana (che verrà riportata sulla visura camerale delle nuova impresa) è necessario che il titolare della nuova impresa faccia apposita comunicazione alla CCIAA - Ufficio Artigianato, allegando anche fotocopia del documento di identità: è disponibile il fac-simile della comunicazione da inviarsi via posta o via fax alla Commissione Provinciale per l'Artigianato competente.

Settore Restauro ligneo, Altre attività, Decorazione su manufatti diversi, Conservazione e restauro nell'edilizia: il riconoscimento di Eccellenza artigiana in tali settori è attribuito dopo l'esperimento di un colloquio individuale con il titolare dell'impresa (prova di ingresso). Il mantenimento dell'eccellenza artigiana è consentito solo nel caso in cui il titolare o socio prestatore d'opera della nuova impresa sia lo stesso soggetto che ha gia' sostenuto il colloquio iniziale.

Il mantenimento dell'Eccellenza artigiana non è consentito nel caso in cui la titolarità dell'impresa venga trasferita in capo a precedente collaboratore familiare o precedente socio non prestatore d'opera. In questo caso, la nuova impresa deve presentare nuova domanda di riconoscimento nei termini previsti (1°marzo - 31 marzo; 1° settembre - 30 settembre di ogni anno) corredata di tutta la documentazione necessaria, in particolare dimostrando l'anzianità di esperienza richiesta dagli specifici disciplinari in capo al nuovo titolare.

Informazioni:

Regione Piemonte
Settore Artigianato
Tel. 011. 432 3980
Fax 011. 432 5170
E-mail: alessandra.magnino@regione.piemonte.it