Comunicazione Fondi strutturali 2007-2013 in Piemonte


HomeFSEmove up

Move up. Destinazioni alternative

Destinazioni alternative. Rispetto della diversità, prevenzione della violenza e uso consapevole delle nuove tecnologie

Move Up. Destinazioni alternative” è il progetto integrato promosso dalla Regione per la diffusione delle pari opportunità, del rispetto delle diversità, della prevenzione della violenza e dell'uso consapevole delle nuove tecnologie.

Destinato ad allievi/e, docenti delle scuole superiori e genitori, si svolgerà tra gennaio e dicembre 2010 offrendo una serie di iniziative: animazioni teatrali che coinvolgeranno 2/3 classi per istituto per stimolare la partecipazione attiva degli studenti e la loro riflessione sugli argomenti indicati; workshop dedicati ad insegnanti e genitori, focalizzati sui rischi connessi all'utilizzo non corretto di Internet e delle nuove tecnologie e sull'importanza di un uso consapevole delle stesse che coinvolgeranno esponenti della Polizia postale e delle Comunicazioni; la presenza di un camper sulle pari opportunità, completo di una postazione multimediale, che stazionerà nelle piazze di tutti i capoluoghi provinciali e presso le scuole aderenti al progetto, a disposizione di allievi/e, insegnanti, genitori e persone interessate ad approfondire queste tematiche; diffusione di supporti formativi/informativi realizzati dalla Regione sulle pari opportunità e sulla prevenzione della violenza e distribuzione di tre nuovi strumenti focalizzati sull'uso consapevole delle nuove tecnologie; creazione di un'area web con le principali informazioni inerenti il progetto, i suoi principali sviluppi e gli strumenti più significativi; proposte per l'inserimento delle pari opportunità nei piani di offerta formativa; un vademecum, infine, che riporterà le indicazioni per l'utilizzo autonomo degli strumenti sviluppati e la riproducibilità dell'attività.

Durante la presentazione del progetto, svoltasi il 15 gennaio a Torino, l'assessore regionale all'Istruzione, Gianna Pentenero, ha ricordato anche la campagna di sensibilizzazione e prevenzione nelle scuole messe in atto in questi ultimi anni contro il bullismo, per far apprendere ai ragazzi il significato di rispetto dei diritti e doveri di ognuno e delle conseguenze civili e penali delle loro azioni: “Appare evidente che alle azioni che abbiamo previsto va aggiunto il sostegno e la valorizzazione del ruolo degli insegnanti, dei dirigenti scolastici e di tutto il personale tecnico ed ausiliario che, ogni giorno, svolgono un'azione impegnativa e delicata per la realizzazione della funzione educativa. Queste iniziative rappresentano pertanto un'opportunità, una risorsa ulteriore e di supporto per lo svolgimento del loro compito”.