Regione Piemonte - Ambiente

In questa pagina:



Tematiche ambiente

banner

Rumore

immagineSebbene il concetto di "rumore" in quanto "suono non desiderato" sia familiare a chiunque, non altrettanto ovvio è il confine tra ciò che è genericamente "rumore" e ciò che diventa invece "inquinamento acustico", e come tale va misurato, quantificato e ridotto.

La legge quadro 26 ottobre 1995, n. 447 in materia stabilisce che l'inquinamento acustico è l'introduzione di rumore nell'ambiente esterno o abitativo tale da provocare:

  • fastidio o disturbo al riposo ed alle attività umane,
  • pericolo per la salute umana,
  • deterioramento degli ecosistemi, dei beni materiali, dei monumenti, dell'ambiente abitativo o dell'ambiente esterno o tale da interferire con le legittime fruizioni degli ambienti stessi

Definizioni di rumor

I valori limite

Elenco dei Comuni piemontesi aggiornato al 27 febbraio 2017, che hanno avviato la procedura di approvazione o hanno adottato il provvedimento definitivo di classificazione acustica

Per ulteriori informazioni riguardanti le suddette tematiche è  possibile contattare il settore al seguente indirizzo e-mail rumore@regione.piemonte.it

Autorizzazione in deroga per le attività temporanee (RUMORE) L.R. N. 52/2000

È stata pubblicata sul B.U.R. n. 27 del 5 luglio 2012 la deliberazione della Giunta regionale n. 24-4049 del 27 giugno 2012
Disposizioni per il rilascio da parte delle Amministrazioni comunali delle autorizzazioni in deroga ai valori limite per le attività temporanee, ai sensi dell'articolo 3, comma 3, lettera b) della l.r. 25 ottobre 2000, n. 52.

Tecnici competenti in acustica ambientale

La legge quadro 26 ottobre 1995, n. 447 in materia di inquinamento acustico ha istituito la figura del tecnico competente in acustica (figura professionale idonea ad effettuare le attività nel campo dell'acustica ambientale) e ne ha definito i requisiti per il riconoscimento da parte delle Regioni.

Leggi tutto

Tali requisiti sono indicati all'art. 2, commi 6 e 7, della citata legge quadro n. 447/1995 e sono:
a) possesso di diploma di scuola media superiore ad indirizzo tecnico o di diploma universitario ad indirizzo scientifico ovvero di diploma di laurea ad indirizzo scientifico;
b) aver svolto attività, in modo non occasionale, nel campo dell'acustica ambientale da almeno quattro anni per i diplomati e da almeno due anni per i laureati o per i titolari di diploma universitario.
Con il DPCM 31/3/1998 (atto di indirizzo e coordinamento recante criteri generali per l'esercizio dell'attività del tecnico competente in acustica) lo Stato ha introdotto ulteriori specificazioni finalizzate all'applicazione omogenea della disciplina in argomento.
I Soggetti in possesso dei requisiti di legge, e residenti/domiciliati in Piemonte, possono pertanto presentare domanda a questa Regione utilizzando il modulo allegato.

Precisazioni sui contenuti della domanda