Regione Piemonte - Ambiente

In questa pagina:



Anagrafe dei siti contaminati

Inquadramento normativo

Foto

L'art. 251 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, stabilisce che le Regioni, sulla base dei Criteri definiti dall’APAT (ora ISPRA) (pdf 584 KB) , predispongono l'anagrafe dei siti oggetto di procedimento di bonifica, la quale deve contenere l'elenco dei siti sottoposti ad intervento di bonifica e ripristino ambientale nonché degli interventi realizzati nei siti medesimi; l'individuazione dei soggetti cui compete la bonifica e gli Enti pubblici di cui la Regione intende avvalersi, in caso di inadempienza dei soggetti obbligati. Con D.G.R. 22-12378 del 26 aprile 2004 (pdf 33,3 KB) la Regione Piemonte ha formalmente adottato l’Anagrafe e ne ha definito le modalità di attivazione a seguito dei criteri generali definiti dalla L.R. 42/2000. Inoltre con l'art. 43 della legge regionale 23 aprile 2007, n. 9 "Legge finanziaria per l’anno 2007" sono state confermate in capo a Regione, Provincia e Comune le funzioni amministrative definite dalla legge regionale 7 aprile 2000, n. 42 in materia di bonifica e ripristino ambientale dei siti inquinati.

Organizzazione dell'anagrafe dei siti contaminati

L’Anagrafe Regionale dei siti Contaminati rappresenta, nell'ambito del Sistema Informativo Regionale Ambientale (SIRA), per il territorio piemontese un progetto di informatizzazione per l'alimentazione e la gestione di una banca dati condivisa tra Enti. Essa costituisce quindi, l'insieme complesso delle informazioni relative ai siti da bonificare e rappresenta il mezzo per la registrazione dei dati necessari alla gestione degli interventi di bonifica.

A tutela del principio di autonomia organizzativa e di responsabilità degli enti locali nell'esercizio delle funzioni e dei compiti amministrativi ad essi conferiti, è stato realizzato un modello organizzativo che conserva alle Anagrafi provinciali una struttura autonoma, garantendone comunque la coerenza a livello regionale.

Il contenuto informativo dell'Anagrafe alla base del sistema realizzato dal CSI - Piemonte si presenta suddiviso nelle seguenti cinque sezioni:

  • sezione anagrafica
  • sezione tecnica
  • sezione procedurale
  • sezione interventi ai sensi del D.Lgs. 152/06 ( ex D.M. 471/99 )
  • sezione finanziaria

L’anagrafe rappresenta quindi un applicativo gestionale ad uso dell’amministrazione che vede il coinvolgimento di numerosi soggetti, ma i principali sono naturalmente quelli che intervengono nel ciclo di gestione di un sito contaminato, dalla registrazione nell'Anagrafe alle fasi di caratterizzazione e messa in sicurezza, all'approvazione dei progetti, ai controlli ed alla certificazione finale. I soggetti coinvolti nella costruzione/alimentazione dell'Anagrafe Regionale dei siti da bonificare sono:

  • la Regione Piemonte
  • le Province
  • l'ARPA-Piemonte

Foto

L'Anagrafe è uno strumento in continuo aggiornamento, che prevede diverse modalità di ingresso dei siti ma non ne prevede l'uscita. I dati di un sito inserito nell'Anagrafe verranno implementati in fasi successive, in funzione del diverso stadio in cui si trova il sito (neo-inserito, messo in sicurezza, con progetto approvato, bonificato, certificato), stadi ai quali corrisponde logicamente un diverso livello di informazioni disponibili ed implementabili nell'Anagrafe.

Al fine di agevolare l'inserimento nella banca dati delle informazioni tecnico-anagrafiche sui siti contaminati da parte dei progettisti, viene qui fornito il modello di Scheda di sintesi (pdf 443 KB) del sito aggiornata ed integrata delle novità procedurali introdotte dal D. Lgs. 152/06 e che sostituisce l’allegato 2 della deliberazione di adozione dell’Anagrafe stessa.

Consultazione Anagrafe Regionale Siti contaminati

Il servizio di consultazione  , collegato direttamente all’applicativo gestionale, permette di visualizzare una selezione dei numerosi dati archiviati e una mappa a base provinciale relativa all'ubicazione dei siti archiviati. I dati esposti sono pubblicati e scaricabili sul portale Open data