Regione Piemonte - Ambiente

In questa pagina:



Tematiche ambiente

banner

Autorizzazioni per le emissioni in atmosfera

La domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera deve essere presentata dal gestore che intende installare uno stabilimento nuovo, trasferire un impianto da un luogo ad un altro o apportare una modifica sostanziale ad uno stabilimento già autorizzato.

I gestori di stabilimenti già in esercizio, in quanto autorizzati ai sensi del d.p.r. 203/1988 alla data di entrata in vigore del dlgs 152/2006 (29 aprile 2006), devono presentare domanda di rinnovo dell’autorizzazione entro i termini stabiliti dall’art. 281 comma 1 del d.lgs. 152/2006 e di seguito riportati:

  • entro il 31 dicembre 2011, per gli stabilimenti anteriori al 1988;
  • tra il 1° gennaio 2012 ed il 31 dicembre 2013, per gli stabilimenti anteriori al 2006 che siano stati autorizzati in data anteriore al 1° gennaio 2000;
  • tra il 1° gennaio 2014 ed il 31 dicembre 2015, per gli stabilimenti anteriori al 2006 che siano stati autorizzati in data successiva al 31 dicembre 1999.

L’autorità competente al rilascio dell'autorizzazione alle emissioni in atmosfera, di cui alla parte V del d.lgs n. 152 del 3 aprile 2006 e smi, è la Provincia.

Per alcune tipologie di stabilimenti la Regione Piemonte ha definito delle procedure semplificate di autorizzazione, come previsto dall’art. 272, comma 2 del d.lgs 152/2006. Per tali stabilimenti la domanda di adesione all’autorizzazione deve essere presentata almeno 45 giorni prima dell’installazione degli impianti, decorsi 45 giorni dalla presentazione della domanda, lo stabilimento si considera autorizzato.
Le determinazioni relative alle procedure semplificate adottate dalla Regione, sono consultabili sul sito Regione Piemonte: normativa aria

La Regione e le Province, nell’ottica di una maggiore semplificazione, hanno attivano, quale supporto alla predisposizione della domanda di adesione all’autorizzazione, una procedura informatizzata accessibile anche tramite i siti web istituzionali delle Province.
Per l’accesso alla procedura è necessario un certificato digitale rilasciato da un Ente certificatore riconosciuto dall’Agenzia per l’Italia digital .

Per accedere alla procedura di autorizzazione on line