Regione Piemonte - Ambiente

In questa pagina:



Piano Regionale Amianto 2016 - 2020
In data 1 marzo 2016 il Consiglio regionale del Piemonte ha approvato il Piano regionale di protezione dell'ambiente, di decontaminazione, di smaltimento e di bonifica ai fini della difesa dai pericoli derivanti dall'amianto (Piano Regionale Amianto) per gli anni 2016-2020, qui consultabile e scaricabile. Il Piano Regionale Amianto esamina le problematiche di natura sanitaria e ambientale, delineando obiettivi e strategie operative da perseguire su più fronti, tra i quali la mappatura dei siti con presenza di amianto di origine naturale ed antropica, la bonifica dei siti con amianto in matrice friabile e compatta e dei siti di interesse nazionale, le problematiche relative allo smaltimento dei rifiuti provenienti dalle bonifiche, indicazioni di carattere geologico per la progettazione di opere in aree con presenza naturale di amianto.

Smog, Piemonte: è operativo da oggi il Semaforo Antismog
Il protocollo operativo regionale antismog entra nel vivo con la pubblicazione del del "cruscotto" a colori crescenti, dal giallo al rosso vivo, ciascuno indicante un set di provvedimenti ad hoc per ridurre le emissioni inquinanti. Grazie al supporto di Arpa Piemonte, che giornalmente valuta i dati di PM10 rilevati nei giorni precedenti e i livelli previsti per i giorni seguenti, prende il via una delle azioni a supporto del protocollo operativo antismog presentato il 3 febbraio scorso a cui sono invitati ad aderire i sindaci delle città con più di 15 mila abitanti in situazioni di criticità per quanto riguarda l’inquinamento atmosferico.

Comunicazione approvazione Carta APEA
La Giunta regionale con DGR n. 15-2419 del 16/11/2015 ha approvato la “Carta per lo sviluppo delle Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate in Italia” (Carta APEA) - promossa congiuntamente dalla Direzione Competitività del sistema regionale e dalla Direzione Ambiente e governo del territorio - elaborata nell’ambito del “Tavolo di lavoro interregionale“ in materia di APEA, coordinato dalla Rete Cartesio e da ERVET, al quale la Regione Piemonte aderisce considerata l’importanza di operare in stretta sinergia con le altre regioni italiane.

Leggi tutto

La Regione Piemonte, in coerenza con le politiche di sviluppo definite attraverso gli strumenti di governo del territorio, ha intrapreso una serie di azioni di valorizzazione degli insediamenti produttivi per renderli capaci di attrarre imprese innovative, ambientalmente sostenibili e promuovere occupazione qualificata, produttività, competitività e green economy, conciliando finalità di crescita economica e occupazionale con la sicurezza e la protezione dell’ambiente. Tra queste rientra sia l’adozione nel 2009 delle Linee Guida per le "Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate" sia l’adozione della Carta APEA.
Attraverso tale strumento le regioni sottoscrittrici si impegnano a costruire un vocabolario comune, a definire i criteri minimi per le APEA, a costruire un Registro nazionale delle APEA, nonchè ad attuare politiche territoriali convergenti e sinergiche per la sostenibilità delle aree produttive che attribuiscano un ruolo preminente allo sviluppo delle APEA.
Attualmente hanno approvato la Carta APEA, oltre alla Regione Piemonte, le Regioni Toscana, Liguria, Sardegna, Emilia Romagna e Lazio.

Pubblicati gli atti del Convegno "La disattivazione degli impianti nucleari e la gestione dei rifiuti radioattivi" tenutosi a Torino il 28 gennaio 2016

Rinnovo Autorizzazione di carattere generale per le emissioni in atmosfera da pulintintolavanderie.
Con determinazione dirigenziale n. 564 del 21dicembre 2015 Autorizzazione di carattere generale per le emissioni in atmosfera provenienti da stabilimenti costituiti da uno o più impianti a ciclo chiuso di pulizia a secco di tessuti e di pellami (escluse le pellicce) e delle pulitintolavanderie a ciclo chiuso, rinnovo dell’autorizzazione di carattere generale di cui alla d.d. 10 settembre 2004, n. 279" pubblicata nel Bollettino Ufficiale n. 51, Supplemento ordinario n. 1 del 24 dicembre 2015, è stata rinnovata l'autorizzazione di carattere generale per le emissioni in atmosfera provenienti dalle attività di pulitintolavanderia. Le attività in esercizio, già autorizzate sulla base della d.d. 10 settembre 2004, n. 279, devono aderire alla nuova autorizzazione entro il 24 giugno 2016"

Contributi ai Comuni, singoli o associati, per l'attivazione del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento di piccoli quantitativi di rifiuti contenenti amianto
Con determinazione dirigenziale n. 547 del 4 dicembre 2015, ai sensi dell'art. 5 della L.R. 30/2008 e della D.G.R. n. 22-1444 del 18 maggio 2015 B.U.R.P. n.ro 51 del 24 dicembre 2015, è stato approvato il bando per l’attribuzione di contributi ai Comuni, singoli o associati, per l'attivazione del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento di piccoli quantitativi di rifiuti contenenti amianto. Il bando prevede che le istanze di contributo possano essere presentate, entro il termine del 29 febbraio 2016, dai Comuni singoli ed associati, dai Consorzi per la gestione dei rifiuti e dalle Unioni di Comuni.
La finalità è quella di garantire il servizio di raccolta, trasporto e smaltimento di manufatti in cemento-amianto di dimensioni inferiori a 40 metri quadrati o 450 kg.
Le risorse complessivamente disponibili ammontano ad € 600.000,00 ed il contributo massimo assegnabile per istanza è pari ad € 150.000,00.

Avvio fase di scoping del Piano Regionale di gestione dei Rifiuti Speciali
In data 12 ottobre 2015 con deliberazione n. 29-2234 la Giunta ha approvato il "documento di specificazione dei contenuti del Rapporto Ambientale del Piano Regionale di gestione dei Rifiuti Speciali, ai fini dell'avvio del processo di pianificazione in materia rifiuti e contestuale Valutazione Ambientale Strategica, ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. 152/2006".
Il documento di specificazione è diretto a delineare gli obiettivi strategici del Piano e le modalità per la sua costruzione e realizzazione, favorendo il processo di partecipazione alla redazione del Piano vero e proprio dei soggetti competenti in materia ambientale, dei soggetti competenti per materie che interferiscono con il Piano e del pubblico interessato.
I contributi possono essere inviati entro il 22 dicembre 2015 a i seguenti indirizzi di posta elettronica
territorio-ambiente@cert.regione.piemonte.it e serviziambientali@regione.piemonte.it
Per ulteriori informazioni

Il mese europeo dell'ECOLABEL UE

Come ogni anno nel mese di ottobre i riflettori sono puntati sull' Ecolabel, l'eco-etichetta dell'Unione Europea. Arpa Piemonte con Regione, Unioncamere e Ispra, propongono una serie di iniziative (visite guidate, esposizioni, seminari, giochi) per aiutare consumatori, cittadini, studenti e albergatori a scegliere prodotti e servizi a minore impatto ambientale. Approfondimenti

Piano di Gestione del fiume Po - 2° ciclo di pianificazione 2015 - 2021 - Direttiva 2000/60/CE

In data 9 ottobre 2015 si terrà un seminario presso il Centro Incontri della Regione Piemonte di Corso Stati Uniti 23 a Torino, relativo al Piano di Gestione del fiume Po - 2° ciclo di pianificazione 2015 - 2021 - Direttiva 2000/60/CE. Vedi dettagli

Procedura di gara per l’acquisto di autobus ad alimentazione esclusivamente elettrica

Il Gruppo Torinese Trasporti S.p.A. (GTT) ha indetto la gara d’appalto n. 124/2015 per l’acquisto di autobus ad alimentazione esclusivamente elettrica destinati al trasporto pubblico locale e stazioni di ricarica rapida al capolinea, nonché servizio di manutenzione full service. Procedura ristretta ex art. 220 D.Lgs. 163/2006 – fase di qualificazione, con contributo della Regione Piemonte. Vedi dettagli

Adozione del modello unico regionale in formato digitale per la richiesta di Autorizzazione Unica Ambientale (AUA).

Con D.P.G.R. del 6 luglio 2015, n. 5/R, pubblicato sul supplemento del B.U.R.P. n. 27 del 9 luglio 2015,   è stato adottato il modello unico regionale per la richiesta di autorizzazione unica ambientale.
Il modello unico regionale è stato definito, in accordo con le autorità competenti, adeguando i contenuti obbligatori del modello nazionale alle specificità regionali e secondo criteri di semplificazione dei contenuti.
A decorrere dal 1 ottobre 2015 le domande per il rilascio dell’AUA saranno presentate e ricevute esclusivamente in via telematica con i contenuti del modello.
Per approfondimenti consultare il sito Sistemapiemonte - Valutazioni e adempimenti ambientali

Nuove modalità di programmazione dei controlli sugli scarichi in acque superficiali

Linee guida in merito alla omogeneizzazione delle modalità di esecuzione dei controlli sugli scarichi industriali e derivanti dai sistemi di collettamento e depurazione delle acque reflue urbane
La Giunta regionale, con D.G.R. n. 39-1625 del 23 giugno 2015 pubblicata sul B.U.R. n. 29 del 23 luglio 2015, ha approvato delle specifiche Linee guida in materia di scarichi in acque superficiali, frutto della proficua collaborazione tra la Regione Piemonte le Province piemontesi e l’ARPA Piemonte.

Rapporto finale di Monitoraggio

12/5/2015 - Pubblicato il Rapporto finale di Monitoraggio della procedura di Valutazione Ambientale Strategica relativa alle modifiche al programma d'azione per le Zone Vulnerabili ai Nitrati di origine agricola (Reg. regionale 10/R/2007) di cui al Reg. regionale 7/R/2011.

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DM n. 52 del 30 marzo 2015 “Linee guida per la verifica di assoggettabilità a VIA” – Entrata in vigore il 26 aprile 2015.

Si rende noto che l'11 aprile 2015 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, Serie Generale n. 84 il decreto recante le Linee guida per la verifica di assoggettabilità a valutazione di impatto ambientale dei progetti di competenza delle Regioni e delle Province Autonome, previsto dall’articolo 15 del Decreto Legge 91/2014.
Il provvedimento definisce i criteri e le soglie da applicare per l’assoggettamento di progetti alla fase di verifica della procedura di valutazione d’impatto ambientale ed entrerà in vigore il 26 aprile 2015.
Il testo è scaricabile al seguente indirizzo internet: http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2015/04/11/15A02720/sg

Con Circolare del Presidente della Giunta regionale, n. 3/AMB del 27 aprile 2015, pubblicata sul Supplemento al Bollettino Ufficiale n. 17 del 30 aprile 2015, sono state fornite indicazioni operative ai fini della corretta applicazione delle disposizioni regionali in materia di VIA, in relazione a quanto disposto dal DM 52/2015 in oggetto.
Il testo è scaricabile al seguente indirizzo internet: http://www.regione.piemonte.it/governo/bollettino/abbonati/2015/17/suppo1/index.htm

Riaperti i termini per la presentazione di nuove domande di ammissione a contributo per l’Asse III. Riqualificazione Territoriale - Attivita' III.1.1. "Tutela dei beni ambientali e culturali" - Progetto strategico "Corona Verde" - POR-FESR 2007/2013. Leggi tutto.

Nuove modalità di presentazione delle istanze dei procedimenti di VIA di competenza regionale

Dal 15 aprile 2015 le istanze relative ai procedimenti di VIA di competenza regionale potranno essere presentate unicamente attraverso il servizio digitale disponibile alla pagina di Sistema Piemonte sezione “Ambiente e energia – Valutazioni e adempimenti ambientali”, fatti salvi i casi di particolari difficoltà di ordine tecnico di cui all’articolo 23, comma 3, del d.lgs. 152/2006 (D.G.R. n. 28-1226 del 23 marzo 2015, pubblicata sul Suppl. n. 2 al B.U.R. n. 13 del 2 aprile 2015). Il servizio consente ai soggetti proponenti di predisporre e presentare, in modalità telematica, le istanze di VIA di competenza regionale di cui alla l.r. 40/1998 e al d.lgs. 152/2006, allegando la documentazione progettuale richiesta, previo accreditamento al sistema. La documentazione tecnica e i principali dati amministrativi relativi al progetto saranno disponibili dal servizio di consultazione alla pagina

Indicazioni operative ai proponenti e alle autorità regionali competenti in materia di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA)

Con Circolare del Presidente della Giunta regionale 16 marzo 2015, la Regione ha fornito indicazioni operative ai proponenti e alle autorità regionali competenti in materia di VIA (Regione, Città metropolitana di Torino, Province e Comuni) al fine di gestire il regime transitorio fino all’entrata in vigore del decreto ministeriale con il quale saranno definiti i criteri e le soglie da applicare per l’assoggettamento di progetti alla fase di verifica della procedura di valutazione d’impatto ambientale, soglie abolite dal d.l. 91/2014, con pesanti ripercussioni e notevole aumento degli oneri sulle imprese, specie medio piccole.
La circolare cerca di apportare meccanismi di semplificazione e riduzione di oneri per le imprese, avvalendosi di una snella procedura di consultazione dell’Autorità competente alla VIA e semplificando al massimo la documentazione da presentare a carico delle imprese tramite l’utilizzo di check list.

Indagine di mercato su autobus ad alimentazione esclusivamente elettrica

GTT SpA intende indire procedura ad evidenza pubblica, per sé e per altri operatori del settore del trasporto pubblico locale, per l’acquisto di autobus ad alimentazione esclusivamente elettrica, con contributo della Regione Piemonte. Allo scopo di individuare condizioni che consentano l’espletamento di utile procedura e di garantire la massima partecipazione, si effettua preliminarmente un’indagine preordinata a conoscere l’assetto del mercato e le tipologie di prodotti esistenti. vedi dettagli e "Sito GTT"

Autorizzazione Unica Ambientale ex DPR 59/2013 - Presentazione del “Modello unico regionale”

La Direzione Regionale Ambiente, Governo e Tutela del Territorio, in collaborazione con le Autorità competenti per l'AUA, ha organizzato in data 4 marzo 2015, un incontro per illustrare il modello unico AUA alle Organizzazioni di categoria delle Imprese, agli Ordini professionali, ai SUAP operanti sul territorio regionale ed a tutti gli operatori pubblici e privati interessati.
Programma
È disponibile la registrazione dell’incontro

Proroga termine per installazione sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore al 31 dicembre 2016.

E' stata pubblicata sul B.U.R. n. 32 del 7 agosto 2014 la deliberazione della Giunta regionale n. 41-231 del 4 agosto 2014 "Modifiche al paragrafo 1.4.17 della d.g.r. 4 agosto 2009, n. 46-11968 recante l'aggiornamento dello Stralcio di piano per il riscaldamento ambientale e il condizionamento, nonchè le disposizioni attuative dell'art. 21, comma 1, lettere a) b) e q) della legge regionale 28 maggio 2007, n. 13 (Disposizioni in materia di rendimento energetico nell'edilizia). Con la suddetta delibera viene concessa una proroga del termine ultimo per l’adozione sugli impianti termici dei sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore procrastinando detto termine dal 1 settembre 2014 al 31 dicembre 2016.

Agevolazioni per la realizzazione di interventi di risparmio energetico negli edifici esistenti

il bando prevede la concessione di contributi per interventi di manutenzione e ristrutturazione finalizzati alla riqualificazione energetica di impianti ed edifici esistenti sul territorio piemontese.
Possono accedere al bando i soggetti pubblici e privati proprietari degli edifici (o titolari di diverso diritto reale o di godimento), amministratori condominiali, imprese o società di gestione energetica (ESCO).

Le domande dovranno essere inviate per via telematica a Finpiemonte compilando il modulo reperibile su http://www.finpiemonte.it/attivita/finanziamenti.aspx

Linee guida regionali su sistemi di termoregolazione e contabilizzazione di calore sugli impianti termici centralizzati

La Regione Piemonte, di concerto con gli Ordini e Collegi professionali e con le diverse associazioni di categoria interessate, ha elaborato un documento contenente delle linee guida tecniche utili per l’esecuzione di una corretta progettazione e installazione dei sistemi di termoregolazione e contabilizzazione di calore sugli impianti termici centralizzati