Regione Piemonte - Ambiente

In questa pagina:



Piano regionale rifiuti urbani
Il Consiglio Regionale, con deliberazione n. 140-14161 del 19 aprile 2016, ha approvato il Piano regionale di gestione dei rifiuti urbani e dei fanghi di depurazione.

Leggi tutto

  Il Piano è uno strumento di pianificazione con ambiziosi obiettivi in termini di sostenibilità e promozione di una cultura ambientale improntata alla riduzione dei rifiuti, al riuso di beni a fine vita e al riciclaggio. I principali contenuti del Piano regionale sono l’autosufficienza regionale nella gestione del rifiuto urbano non destinato alle operazioni di riciclaggio e recupero, la riduzione della produzione dei rifiuti e dalla raccolta differenziata di qualità finalizzata a produrre sostanze che potranno essere utilizzate in alternativa alle materie prime.

Per ulteriori informazioni

http://www.regione.piemonte.it/ambiente/rifiuti/rifiuti_urbani.htmsezione Aggiornamento Piano regionale rifiuti urbani.

Piano Regionale Amianto 2016 - 2020
In data 1 marzo 2016 il Consiglio regionale del Piemonte ha approvato il Piano regionale di protezione dell'ambiente, di decontaminazione, di smaltimento e di bonifica ai fini della difesa dai pericoli derivanti dall'amianto (Piano Regionale Amianto) per gli anni 2016-2020, qui consultabile e scaricabile.

Leggi tutto

Il Piano Regionale Amianto esamina le problematiche di natura sanitaria e ambientale, delineando obiettivi e strategie operative da perseguire su più fronti, tra i quali la mappatura dei siti con presenza di amianto di origine naturale ed antropica, la bonifica dei siti con amianto in matrice friabile e compatta e dei siti di interesse nazionale, le problematiche relative allo smaltimento dei rifiuti provenienti dalle bonifiche, indicazioni di carattere geologico per la progettazione di opere in aree con presenza naturale di amianto.

Smog, Piemonte: è operativo da oggi il Semaforo Antismog
Il protocollo operativo regionale antismog entra nel vivo con la pubblicazione del del "cruscotto" a colori crescenti, dal giallo al rosso vivo, ciascuno indicante un set di provvedimenti ad hoc per ridurre le emissioni inquinanti.

Leggi tutto

Grazie al supporto di Arpa Piemonte, che giornalmente valuta i dati di PM10 rilevati nei giorni precedenti e i livelli previsti per i giorni seguenti, prende il via una delle azioni a supporto del protocollo operativo antismog presentato il 3 febbraio scorso a cui sono invitati ad aderire i sindaci delle città con più di 15 mila abitanti in situazioni di criticità per quanto riguarda l’inquinamento atmosferico.

Comunicazione approvazione Carta APEA
La Giunta regionale con DGR n. 15-2419 del 16/11/2015 ha approvato la “Carta per lo sviluppo delle Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate in Italia” (Carta APEA) - promossa congiuntamente dalla Direzione Competitività del sistema regionale e dalla Direzione Ambiente e governo del territorio - elaborata nell’ambito del “Tavolo di lavoro interregionale“ in materia di APEA, coordinato dalla Rete Cartesio e da ERVET, al quale la Regione Piemonte aderisce considerata l’importanza di operare in stretta sinergia con le altre regioni italiane.

Leggi tutto

La Regione Piemonte, in coerenza con le politiche di sviluppo definite attraverso gli strumenti di governo del territorio, ha intrapreso una serie di azioni di valorizzazione degli insediamenti produttivi per renderli capaci di attrarre imprese innovative, ambientalmente sostenibili e promuovere occupazione qualificata, produttività, competitività e green economy, conciliando finalità di crescita economica e occupazionale con la sicurezza e la protezione dell’ambiente. Tra queste rientra sia l’adozione nel 2009 delle Linee Guida per le "Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate" sia l’adozione della Carta APEA.
Attraverso tale strumento le regioni sottoscrittrici si impegnano a costruire un vocabolario comune, a definire i criteri minimi per le APEA, a costruire un Registro nazionale delle APEA, nonchè ad attuare politiche territoriali convergenti e sinergiche per la sostenibilità delle aree produttive che attribuiscano un ruolo preminente allo sviluppo delle APEA.
Attualmente hanno approvato la Carta APEA, oltre alla Regione Piemonte, le Regioni Toscana, Liguria, Sardegna, Emilia Romagna e Lazio.

Contributi ai Comuni, singoli o associati, per l'attivazione del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento di piccoli quantitativi di rifiuti contenenti amianto
Con determinazione dirigenziale n. 547 del 4 dicembre 2015, ai sensi dell'art. 5 della L.R. 30/2008 e della D.G.R. n. 22-1444 del 18 maggio 2015 B.U.R.P. n.ro 51 del 24 dicembre 2015, è stato approvato il bando per l’attribuzione di contributi ai Comuni, singoli o associati, per l'attivazione del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento di piccoli quantitativi di rifiuti contenenti amianto.

Leggi tutto

Il bando prevede che le istanze di contributo possano essere presentate, entro il termine del 29 febbraio 2016, dai Comuni singoli ed associati, dai Consorzi per la gestione dei rifiuti e dalle Unioni di Comuni.
La finalità è quella di garantire il servizio di raccolta, trasporto e smaltimento di manufatti in cemento-amianto di dimensioni inferiori a 40 metri quadrati o 450 kg.
Le risorse complessivamente disponibili ammontano ad € 600.000,00 ed il contributo massimo assegnabile per istanza è pari ad € 150.000,00.

Adozione del modello unico regionale in formato digitale per la richiesta di Autorizzazione Unica Ambientale (AUA).

Con D.P.G.R. del 6 luglio 2015, n. 5/R, pubblicato sul supplemento del B.U.R.P. n. 27 del 9 luglio 2015,   è stato adottato il modello unico regionale per la richiesta di autorizzazione unica ambientale.
Il modello unico regionale è stato definito, in accordo con le autorità competenti, adeguando i contenuti obbligatori del modello nazionale alle specificità regionali e secondo criteri di semplificazione dei contenuti.
A decorrere dal 1 ottobre 2015 le domande per il rilascio dell’AUA saranno presentate e ricevute esclusivamente in via telematica con i contenuti del modello.
Per approfondimenti consultare il sito Sistemapiemonte - Valutazioni e adempimenti ambientali

Riaperti i termini per la presentazione di nuove domande di ammissione a contributo per l’Asse III. Riqualificazione Territoriale - Attivita' III.1.1. "Tutela dei beni ambientali e culturali" - Progetto strategico "Corona Verde" - POR-FESR 2007/2013. Leggi tutto.

Proroga termine per installazione sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore al 31 dicembre 2016.

E' stata pubblicata sul B.U.R. n. 32 del 7 agosto 2014 la deliberazione della Giunta regionale n. 41-231 del 4 agosto 2014 "Modifiche al paragrafo 1.4.17 della d.g.r. 4 agosto 2009, n. 46-11968 recante l'aggiornamento dello Stralcio di piano per il riscaldamento ambientale e il condizionamento, nonchè le disposizioni attuative dell'art. 21, comma 1, lettere a) b) e q) della legge regionale 28 maggio 2007, n. 13 (Disposizioni in materia di rendimento energetico nell'edilizia). Con la suddetta delibera viene concessa una proroga del termine ultimo per l’adozione sugli impianti termici dei sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore procrastinando detto termine dal 1 settembre 2014 al 31 dicembre 2016.

Agevolazioni per la realizzazione di interventi di risparmio energetico negli edifici esistenti

il bando prevede la concessione di contributi per interventi di manutenzione e ristrutturazione finalizzati alla riqualificazione energetica di impianti ed edifici esistenti sul territorio piemontese.
Possono accedere al bando i soggetti pubblici e privati proprietari degli edifici (o titolari di diverso diritto reale o di godimento), amministratori condominiali, imprese o società di gestione energetica (ESCO).

Le domande dovranno essere inviate per via telematica a Finpiemonte compilando il modulo reperibile su http://www.finpiemonte.it/attivita/finanziamenti.aspx

Linee guida regionali su sistemi di termoregolazione e contabilizzazione di calore sugli impianti termici centralizzati

La Regione Piemonte, di concerto con gli Ordini e Collegi professionali e con le diverse associazioni di categoria interessate, ha elaborato un documento contenente delle linee guida tecniche utili per l’esecuzione di una corretta progettazione e installazione dei sistemi di termoregolazione e contabilizzazione di calore sugli impianti termici centralizzati