Regione Piemonte - Agricoltura - Viticoltura ed enologia

In questa pagina:



Moscato

Negli oltre venti anni di attività dell'interprofessionale del Moscato, le parti hanno stipulato diversi accordi, annuali o poliennali, sia di carattere economico, stabilendo i prezzi delle uve e dei mosti, sia di carattere produttivo, fissando limiti di resa maggiormente restrittivi od, in un caso straordinario, richiedendo l'attivazione dell'iter amministrativo necessario all'aumento, per annata eccezionale, della resa uva/ettaro ammessa dal disciplinare.
Sono stati affrontati anche temi diversi quali la promozione del prodotto, attraverso la costituzione di un fondo comune per le campagne pubblicitarie, e la gestione degli "stoccaggi" ovvero quantità di prodotto non ancora trasformato perché non allocabile nel mercato, ma vincolato onde impedirne l'utilizzo per prodotti concorrenziali di basso profilo commerciale.
Le attività dell'interprofessionale comprendono anche la gestione delle risorse produttive che vengono affrontate tramite il continuo monitoraggio delle superfici vitate adibite a moscato ed eventualmente, come negli ultimi anni, bloccandone l'incremento al fine di non creare esuberi di produzione.