Regione Piemonte - Agricoltura - Riproduzione animale

In questa pagina:



Riproduzione animale

La riproduzione animale nel settore zootecnico è regolata, a livello nazionale, dalla L. 30/1991, dalla L. 280/1999, dal DM 172/1994 e dal DM 403/2000. Le procedure per l'applicazione della normativa in Piemonte sono state approvate con deliberazione della Giunta regionale 24 marzo 2014, n. 33-7300.

I regolamenti applicativi, prima il DM 172/1994 e poi il DM 403/2000, prevedono che le regioni gestiscano le seguenti tipologie di autorizzazioni e di iscrizioni agli elenchi previsti:

  • stazioni di monta naturale pubbliche;
  • stazioni di inseminazione artificiale;
  • centri di produzione di materiale seminale;
  • centri di produzione di embrioni;
  • gruppi di raccolta embrioni;
  • recapiti di materiale riproduttivo;
  • operatori di inseminazione artificiale;
  • riproduttori di interesse locale;
  • raccolta di materiale seminale da razze autoctone;
  • fecondazione artificiale suina aziendale.

La normativa prevede inoltre la pubblicazione dell'elenco degli stalloni operanti presso le stazioni autorizzate riportando i sotto indicati elementi essenziali:

  • estremi della stazione di monta in cui opererà lo stallone;
  • nome dello stallone;
  • razza;
  • anno di nascita;
  • mantello;
  • tariffa di accoppiamento.

Settore produzioni zootecniche
Corso Stati Uniti 21, Torino
Emanuele Parzanese
Tel: 011.4325117 | emanuele.parzanese@regione.piemonte.it