Regione Piemonte - Agricoltura - Caccia, pesca e acquacoltura

In questa pagina:



Attività e Servizi

La regione WEB 2.0

Licenza di pesca

Ai sensi della L.r. 37/2006 e ss.mm.ii. e del Regolamento approvato con D.P.G.R. 10 gennaio 2012, n. 1/R e s.m.i (vedere la pagina della normativa), l’esercizio della pesca professionale e dilettantistica nelle acque della regione, ad eccezione di quelle denominate acque pubbliche in disponibilità privata, è subordinata al possesso di una delle seguenti licenze:

  • licenza di tipo A per la pesca professionale
  • licenza di pesca di tipo B e D dilettantistica
  • permesso di pesca temporaneo

La licenza di tipo A per la pesca professionale, è rilasciata dalla Citta Metropolitana di Torino o dalla Provincia di residenza a seguito della dimostrazione di avvenuta costituzione dell’impresa di pesca e del pagamento delle tariffe della tassa di rilascio e della tassa e soprattassa annuale regionale per la licenza di tipo A. Ha validità di sei anni decorrenti dalla data di rilascio.

La licenza di tipo B per la pesca dilettantistica è costituita dalle causali di versamento delle tariffe della tassa e soprattassa annuale regionale per la licenza di tipo B. Gli effetti della licenza di pesca dilettantistica decorrono dal versamento della tassa e soprattassa regionale e hanno validità di trecentosessantacinque giorni. Sono esonerati dal pagamento della tassa e soprattassa regionale per l’esercizio della pesca dilettantistica, nelle acque libere del territorio della Regione Piemonte, i cittadini italiani minori di anni 14 ed i soggetti di cui all'articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104 (Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate). Tali esenzioni hanno validità esclusivamente sul territorio della Regione Piemonte. Coloro che intendono praticare la pesca dilettantistica nelle altre regioni debbono attenersi alle disposizioni in esse vigenti.

La licenza di tipo D per la pesca dilettantistica da parte di stranieri è costituita dalla causale di versamento della tassa di rilascio per la licenza di tipo D. Tale licenza è rilasciabile unicamente a cittadini stranieri; i suoi effetti decorrono dal versamento della tassa di concessione e hanno validità di tre mesi.

A decorrere dal 1° gennaio 2015 la tassa e la soprattassa regionali per le licenze di tipo A e B e la tassa di rilascio della licenza di tipo D dovranno essere pagate secondo gli importi e le modalità di seguito indicati:

Tassa

Licenza di tipo A (licenza per la pesca con tutti gli attrezzi) € 22,00
Licenza di tipo B (licenza per la pesca con canna con o senza mulinello, con uno o più ami, tirlindana, bilancia
di lato non superiore a m. 1,50
€ 12,00
Licenza di tipo D (licenza per gli stranieri per l’esercizio della pesca con canna con o senza mulinello;
con uno o più ami, tirlindana, bilancia di lato non superiore a m. 1,50)
€ 14,00

Il pagamento potrà avvenire  tramite:

  • bollettino generico mod. 123 sul conto corrente postale n. 93322337 intestato alla Regione Piemonte, tassa pesca, indicando nell’apposito spazio la seguente causale: licenza di pesca di tipo (A, B o D);
  • bonifico bancario, pagamenti via internet, canali telematici utilizzando il codice IBAN IT 62 D 07601 01000 000093322337 o il codice BIC: BPPIITRRXXX (per versamenti eseguiti dall’estero), indicando la causale: tassa pesca licenza di tipo (A, B o D).

Soprattassa

Licenza di tipo A (licenza per la pesca con tutti gli attrezzi) € 43,00
Licenza di tipo B (licenza per la pesca con canna con o senza mulinello, con uno o più ami, tirlindana, bilancia
di lato non superiore a m. 1,50
€ 23,00

Il pagamento potrà avvenire  tramite:

  • bollettino generico mod. 123 sullo specifico conto corrente postale, anch’esso intestato alla Regione ma corrispondente alla Provincia di residenza del contribuente, indicando nell’apposito spazio la seguente causale: licenza di pesca di tipo (A o B);
  • bonifico bancario, pagamenti via internet, canali telematici utilizzando i codici IBAN specifici per ogni Provincia e indicando la causale: soprattassa pesca licenza di tipo (A o B).

I conti correnti per il versamento della soprattassa sono i seguenti:

PROVINCIA CCP INTESTAZIONE CODICE IBAN
Alessandria 1023349408 tesoreria regione piemonte soprattassa pesca prov. al IT 88 A 07601 01000 001023349408
Asti 1023349465 tesoreria regione piemonte soprattassa pesca prov. at IT 48 L 07601 01000 001023349465
Biella 1023349598 tesoreria regione piemonte soprattassa pesca prov. bi IT 86 V 07601 01000 001023349598
Cuneo 1023349648 tesoreria regione piemonte soprattassa pesca prov cn IT 50 K 07601 01000 001023349648
Novara 1023349101 tesoreria regione piemonte soprattassa pesca prov no IT 02 Q 07601 01000 001023349101
Torino 1023349168 tesoreria regione piemonte soprattassa pesca prov to IT 16 L 07601 01000 001023349168
Verbano-Cusio-Ossola 1023349267 tesoreria regione piemonte soprattassa pesca prov vco IT 59 L 07601 01000 001023349267
Vercelli 1023349341 tesoreria regione piemonte soprattassa pesca prov vc IT 54 A 07601 01000 001023349341

Per il legittimo esercizio della pesca occorre essere muniti, unitamente alle ricevute dei bollettini di versamento della tassa e della soprattassa regionali per le licenze di tipo A e B o della ricevuta del bollettino di versamento della tassa di rilascio della licenza di tipo D, di  un documento di identità da esibire ad eventuale richiesta degli agenti di vigilanza.

Le licenze di pesca rilasciata nelle altre regioni italiane e nelle province autonome di Trento e Bolzano hanno validità sul territorio regionale del Piemonte.

Il permesso temporaneo di pesca giornaliero ha validità esclusivamente nelle acque del territorio della città metropolitana o della provincia e sono le stesse a stabilire le procedure per il suo rilascio.

Ulteriori informazioni relative all’esercizio della pesca, al rilascio della licenza di pesca professionale di tipo A, della licenza di pesca dilettantistica di tipo B e D e al rilascio di permessi temporanei potranno essere richieste ai competenti Uffici pesca della Città Metropolitana di Torino o delle Province, di cui vengono riportati di seguito i riferimenti: