Regione Piemonte - Agricoltura - Comunicazione

In questa pagina:


Ricette stagionali

  • Inverno - Antipasto di fagioli all’astigiana

    Ingredienti - 4 persone
    500 gr fagioli borlotti freschi
    100 gr lardo
    2 spicchi aglio
    2 foglie alloro
    1 cucchiaio farina
    1 ciuffo prezzemolo
    alcune foglie salvia
    ciuffo timo
    ciuffetto santoreggia
    ½ l. vino Barbera
    sale e pepe nero macinato al momento q.b.

    Bollire i fagioli puliti e sgranati, in acqua leggermente salata, per 40’
    A cottura avvenuta, scolare
    Tritare uniformemente: prezzemolo – salvia – timo – aglio – lardo, porre il trito in padella e sciogliere il lardo, a fuoco lento
    A soffritto avvenuto, aggiungere i fagioli, le 2 foglie di alloro intere – da levare a cottura ultimata – sale e pepe
    Rosolare per alcuni istanti e apporre - con setaccio - la farina, irrorando con il vino Barbera
    Cuocere, a tegame coperto, ottenendo fagioli teneri e salsa ben addensata
    Servire caldo

    Vino consigliato:
    Barbera d’Asti

  • Inverno dolce - Torta gianduia

    Ingredienti - 6 persone
    100 gr Farina 00
    50 gr Fecola di patate
    100 gr nocciola del Piemonte IGP
    170 gr Burro
    4 Uova
    130 gr Zucchero
    20 gr Cacao amaro
    1 bustina Vanillina
    ½ bustina Lievito
    320 ml Panna
    150 gr Cioccolato gianduia
    50 gr Marmellata albicocche
    200 gr Cioccolato fondente
    Sale q.b.
    Zucchero velo q.b.

    Lavorare i tuorli con 100 gr di zucchero, la vanillina e il sale
    Montare a neve gli albumi – a temperatura ambiente – con zucchero
    Sciogliere 100 gr di burro, a vapore ed incorporare all’impasto
    Setacciare farina, cacao e lievito
    Aggiungere la miscela al composto, con le nocciole tritate finemente, gli albumi montati, continuando a rimestare
    Se il composto risultasse denso, aggiungere alcuni cucchiai di latte
    Porre il composto in teglia imburrata e infarinata e cuocere in forno già caldo a 170°, per 45-50’

    Per la farcitura
    In pentolino, portare ad ebollizione 250 ml di panna, togliere dal fuoco ed incorporare il cioccolato fondente spezzettato, mescolare bene sino a quando il cioccolato, risulterà interamente sciolto; lasciare raffreddare
    Montare in seguito, con fruste elettriche ed aggiungere un cucchiaio di zucchero velo
    Se raffreddata, tagliare la torta a metà e farcire con la crema al cioccolato, come ottenuta
    Sciogliere la confettura d’albicocche a vapore, porla nel mixer e con un pennello farcire la superficie della torta
    Scaldare in pentolino la panna e il burro restanti, con un cucchiaio di zucchero a velo; togliere dal fuoco e incorporare il cioccolato gianduia, amalgamare il tutto
    Intiepidire e farcire la torta - posta su di una gratella poggiata in pentola – con la crema al gianduia, iniziando dal centro e ricoprendola interamente, servendosi di una spatola
    Decorare con la scritta “GIANDUIA”…

    Vino consigliato:
    Asti Spumante

  • Primavera - Focaccia piemontese con lardo

    Piemonte – Provincia di Torino – cucina tradizionale

    Ingredienti
    Per la pasta:
    400 gr farina
    40 gr lievito birra
    acqua minerale q.b.
    4 cucchiai olio extra-vergine oliva
    sale q.b.
    Per il condimento:
    200 gr lardo piemontese
    2 spicchi aglio
    pizzico timo
    pizzico rosmarino
    sale e pepe nero q.b.

    Triturare l’aglio sottile; disporre la farina a fontana – su spianatoia o in terrina - e porre al centro sale, olio, burro e lievito sbriciolato e stemperato - in poca acqua tiepida - iniziare a impastare ed aggiungere acqua minerale, sino ad ottenere un impasto consistente ed omogeneo
    Amalgamare, per una ventina di minuti e dividere l’impasto, in più parti
    Avvolgere in panno di lino e lasciar lievitare, per almeno due ore
    Stendere la pasta sulla spianatoia infarinata ed adagiarla in teglia, foderata con carta da forno e spalmata con burro
    Disporre al di sopra, le fettine di lardo sottilissime e cospargere – a piacimento – con aglio tritato
    Irrorare con olio a filo, salare, pepare e spolverizzare a piacere con rosmarino e timo essiccati
    Cuocere in forno a 200° per una ventina di minuti e verificare, non risulti croccante, ma morbida

    Vino consigliato:
    Collina Torinese

  • Estate - Pomodori alla piemontese

    Piemonte – Provincia di Torino – cucina contadina tradizionale (dal ‘600 all’800)

    Ingredienti
    200 gr pomodoro costoluto di Chivasso
    100 gr patata quarantina bianca Genovese
    ½ cipolla bionda astigiana
    ½ sedano dorato astigiano
    2 cucchiai olio extra-vergine oliva
    1 cucchiaio aceto vino bianco
    1 cucchiaio di mostarda
    1 uovo sodo
    sale – pepe q.b.

    Lessare le patate, sbucciarle e tagliare a fette
    Lavare i pomodori, privarli dei semi ed affettare
    Sgusciare l’uovo e sminuzzare sommariamente
    Preparare una salsa amalgamando mostarda, aceto bianco, sale e pepe e condire gli ortaggi
    Porre le patate in terrina e condire con la salsa – come ottenuta - ogni singolo strato d’ortaggi, aggiungere l’uovo, la cipolla finemente tritata ed il sedano tagliato, a fiammifero ed alla sommità i pomodori
    Condire il tutto e servire freddo

    Vino consigliato:
    Canavese Bianco

  • Autunno - Risotto con castelmagno e nocciole

    Tale risotto è un primo piatto originale, tradizionale e saporito, strutturato con ingredienti piemontesi: gustoso formaggio Castelmagno e Nocciole del Piemonte
    Mantecato con Castelmagno grattugiato - formaggio a pasta semidura - che dona al risotto, un sapore forte e deciso, completato da una spolverata di nocciole

    Ingredienti - 4 persone
    320 gr riso di Baraggia Biellese e Vercellese DOP
    80 gr Castelmagno e 20 gr per decorare
    1 lt. Brodo leggero vegetale
    40 gr nocciole del Piemonte IGP spellate
    1 piccola cipolla
    3 cucchiai olio extra-vergine oliva
    30 gr burro
    pepe macinato q.b.

    Tritare finemente la cipolla ed appassire in tegame, con olio e burro, a fuoco lento, per 15’
    Alzare la fiamma e tostare il riso, per ca. 1’, rimestando
    Unire alcuni mestoli di brodo vegetale, continuare la cottura, aggiungendo mestoli di brodo, di tanto in tanto
    Porre le nocciole Piemonte, spellate in pentola e rosolare in forno a 200°, sino a che saranno croccanti
    Intiepidire e tritare grossolanamente
    Con riso poco cotto, spegnere la fiamma ed aggiungere il Castelmagno grattugiato; mantecare ed amalgamare con una noce di burro e servire in piatti, con granella di nocciole Piemonte tostate e qualche scaglietta di Castelmagno

    Vino consigliato:
    Dolcetto D’Alba Superiore

  • Autunno dolce - Budino di castagne

    Ingredienti - 6 persone
    500 gr castagne Cuneo IGP
    1 lt latte
    100 gr farina di riso
    120 gr zucchero
    4 uova
    1 bicchierino Madera
    30 gr uvetta sultanina
    alcuni marron glacè di Cuneo
    alcune violette candite

    Stemperare il latte, con la farina di riso, unire lo zucchero e versare il preparato in un pentolino e cuocere, mescolando, per 15’ Intiepidire ed aggiungere il Madera (o Marsala o Porto), tuorli d’uovo, uvetta e castagne: lessate, pelate e sbriciolate Riporre il tutto a cuocere e portare a bollore, mescolando Lasciare ancora intiepidire e unire albumi, montati a neve compatta Versare il composto, in stampo da budino e cuocere a vapore, per 20’, in forno già caldo, a 160°
    Sfornare, raffreddare e sformare, guarnendo con marroni e violette candite

    Vino consigliato:
    Moscato D’Asti – vino bianco non spumante