Regione Piemonte - Agricoltura - Comunicazione

In questa pagina:


Dolci, frutta, confetture, marmellate e conserve

Dolci & frutta

  • Aspic di frutti di bosco allo spumante

    Ingredienti:
    4 cucchiai zucchero
    50 g lamponi
    50 g mirtilli
    50 g more
    50 g ribes
    4 cucchiai gelatina
    4 foglioline menta
    250 ml Asti spumante brut DOCG

    Porre in tegame gelatina in polvere, con spumante e zucchero; cuocere a fuoco moderato, mescolando e da ultimo, lasciare su fiamma vivace, per alcuni minuti.
    Posizionare al fondo di quattro stampini, una fogliolina di menta, sistemare i frutti di bosco, versare la gelatina, sino a ricoprire il tutto e rapprendere in frigorifero gli aspic, per ca. tre ore.
    Prima di servire, levare le gelatine dagli stampini.
    Qualora risultasse problematico, immergere gli stampini galleggianti, in acqua calda e riprovare.

    Vino consigliato:
    Asti DOCG

  • Bonet

    Ingredienti:
    1 litro latte
    1 scorza limone
    300 gr zucchero
    60 gr cacao
    15 amaretti
    9 uova
    tazzina rhum

    Dolce tipico del Piemonte: bonet - che significa berretto, copricapo e si pronuncia "bunet" - per la forma dello stampo di rame od alluminio in cui tradizionalmente è cotto e poi, perché servito a fine pasto, indica il rivestirsi per uscire indossando il bonet, cappello: l'ultimo capo che si indossa!
    E' un budino alla piemontese a base di latte, uova, amaretti, zucchero e cacao - con un goccio di rhum, a piacere - cotto a vapore, servito freddo - qualcuno lo serve anche caldo
    Attualmente lo si serve in tutto il Piemonte, anche se risulta essere un tipico dolce delle Langhe: ideato come dolce invernale, lo si trova in ogni stagione

    Bollire il latte con la scorza di limone grattugiata, sbattere le uova con zucchero e cacao, aggiungere il latte ed amalgamare energicamente
    Versare il composto ottenuto in stampo rettangolare cosparso di zucchero caramellato, aggiungere amaretti sbriciolati, inumiditi nel rhum
    Cuocere a vapore, in forno a 180° per 35'.
    Lasciare raffreddare e servire.

    Vino consigliato:
    Malvasia di Casorzo d'Asti DOC, Asti Spumante o Moscato DOCG, oppure un passito

  • Budino di riso e miele

    Ingredienti:
    250 gr riso di Baraggia Biellese e Vercellese DOP
    1 litro latte scremato
    150 gr miele
    5 uova
    400 gr frutta fresca compatta
    sale q.b
    1 bacello vaniglia
    burro q.b.

    In pentola - con latte, vaniglia e pizzico sale - aggiungere il riso; portare lentamente ad ebollizione e lasciare assorbire – completamente - il latte.
    Sbattere i tuorli, con aggiunta di miele - amalgamando perfettamente - aggiungere al riso e scaldare per 3’, facendo il modo che, le uova non solidifichino. Levare dal fuoco , lasciare intiepidire ed aggiungere gli albumi montati a neve ben solida, con la frutta fresca, tagliata a pezzetti.
    In stampo per budini, imburrato con burro fuso, versare il composto e cuocere a vapore, in forno a 180°, per 30’.
    A cottura avvenuta, ribaltare su piatto da portata e servire, immediatamente.

    Vino consigliato:
    Asti Spumante

  • Ciliegie al Barolo

    Ingredienti (per 4 persone):
    400 gr ciliegie
    zucchero q.b.
    gelatina ribes q.b.
    Vino Barolo
    Bastoncini cannella
    scorza arancia

    Porre le ciliegie – private del nocciolo - in casseruola di rame, aggiungere zucchero, scorza d’arancia e cannella, gelatina di ribes e ricoprire con vino Barolo. Portare ad ebollizione e cuocere a fiamma moderata. Servire le ciliegie - a piacere - calde o fredde.

    Vino consigliato:
    Barolo DOCG

  • Dessert di riso al cioccolato

    Ingredienti:
    170 gr riso di Baraggia Biellese e Vercellese DOP
    75 cl. latte scremato
    50 gr zucchero canna
    50 gr pistacchi tritati
    100 gr cacao amaro
    cannella e sale q.b.

    Porre 50 cl di latte in pentola e versare a pioggia il riso: cuocere con un pizzico di sale.
    Intiepidire, per alcuni minuti.
    Versare il latte residuo in pentola, aggiungere il cacao, miscelato con zucchero di canna, amalgamare bene, a freddo.
    Porre la pentola sul fuoco e rimestando, sobbollire per 10’, aggiungere cannella ed amalgamare la cioccolata, come ottenuta.
    Levare dal fuoco, aggiungere il riso tiepido, con i pistacchi tritati.
    Rimescolare il composto e suddividere in ciotoline da dessert - allineate su di un piatto da portata - spolverizzare con cannella e pistacchi sbriciolati.
    Servire freddo.

    Vino consigliato:
    Cortese dell’Alto Monferrato Spumante

  • Dolce di Mele e Ricotta

    Ingredienti (4 persone):
    5 mele
    500 gr ricotta
    250 ml latte fresco
    4 uova
    6 cucchiai farina
    10 cucchiai olio
    15 cucchiai zucchero
    1 bustina lievito
    buccia limone grattugiata

    Porre in terrina zucchero e tuorli d'uovo: mescolare sino ad ottenere un impasto liscio e cremoso. Unire farina, lievito, olio, buccia limone, ricotta; mescolare accuratamente con cucchiaio di legno. Sbucciare e privare le mele del torsolo, affettare molto sottili: incorporare in parte, all'impasto. Montare gli albumi a neve ed aggiungere al composto. Versare il tutto, in tortiera imburrata ed infarinata, foderata con carta da forno. Livellare in superficie, disporre le mele rimaste, spolverando con alcuni cucchiaini di zucchero. Cuocere in forno a 180°, per ca. un'ora.

    Vino consigliato:
    Brachetto d'Acqui o Acqui DOCG

  • Flan di pesche

    Ingredienti (per 4 persone):
    1 kg pesche bianche
    300 gr zucchero
    8 uova
    1 dl vino Moscato

    Levare la polpa alle pesche, porla in casseruola con zucchero e vino Moscato ed a fuoco lento, evaporare il liquido. Setacciare il preparato ed incorporare le uova, precedentemente sbattute; imburrare una teglia per flan, versare il composto e cuocere a vapore, per 20’.
    Il dolce ottenuto, può essere servito tiepido o freddo, accompagnando con zabaglione profumato.

    Vino consigliato:
    Asti DOCG

  • Frittelle di mele

    Ingredienti (per 4 persone):
    4 mele Renetta
    2.5 cl latte
    180 gr farina
    2 uova
    zucchero q.b.
    1 bustina lievito vanigliato
    rum q.b.
    cannella in polvere q.b.
    olio per friggere q.b.
    sale q.b.

    In terrina, versare latte ed unire farina setacciata, tuorli d'uovo, 2 cucchiai di zucchero, lievito, sale e 2 cucchiai di rum.
    Amalgamare tutti gli ingredienti, ottenendo una pastella omogenea ed incorporare gli albumi montati a neve.
    Mescolare delicatamente e lasciar riposare il composto per 30'.
    Sbucciare le mele, privandole del torsolo con l'apposito levatorsoli e affettare in larghezza con spessore di 5 mm.
    Immergere ogni fetta di mela, nella pastella come ottenuta, verificare che ciascuna fetta ne sia rivestita uniformemente.
    Friggere in olio molto caldo, ottenendo una discreta doratura e scolare su carta da cucina.
    Servire tiepide, spolverizzando con cannella e decorare, a piacere, con zucchero a velo.

    Vino consigliato:
    Malvasia di Casorzo d'Asti o Casorzo DOCG

  • Frutta al passito

    Ingredienti (per 4 persone):
    150 gr Gorgonzola
    20 frutti essiccati misti snocciolati: fichi albicocche prugne datteri
    panna fresca
    vino Passito
    cannella in polvere q.b.

    Con frusta, rigirare energicamente il Gorgonzola, aggiungere panna ed 1 bicchierino di vino. Incidere i singoli frutti e riempire con la crema, come ottenuta. Disporre in piatto da portata, spolverizzare con cannella e servire.

    Vino consigliato:
    Erbaluce di Caluso passito

  • Kiwi guarniti

    Ingredienti (per 4 persone):
    4 kiwi
    100 gr ricotta
    10 cl panna montata
    200 gr cioccolato bianco
    cacao in polvere q.b.
    ciliegie candite

    Sbucciare kiwi ed affettare a 3 cm di consistenza. Amalgamare in pirofila: ricotta, panna montata e cioccolato bianco, liquefatto.
    Farcire le rondelle di kiwi - allineate in piatto da portata - con la crema, come ottenuta e posta in tasca da pasticcere, cospargere con cacao e guarnire con ciliegie candite.

    Vino consigliato:
    Brachetto d’Acqui Acqui o Acqui

  • Monte Bianco di Castagne

    Ingredienti:
    500 gr castagne
    300 gr panna montata non zuccherata
    130 gr zucchero velo
    60 gr cioccolato sbriciolato
    liquore rum q.b.

    Lessare le castagne con buccia; a seguire, sbucciarle e pelarle.
    Formare un purè di castagne, aggiungere il cioccolato, con il rum.
    Amalgamare il composto e setacciare, creando una piccola montagnola.
    Ricoprire con panna e porre in frigorifero, per un’ora.

    Vino consigliato:
    Brachetto D'Acqui o Acqui

  • Pere Martin

    Ingredienti (per 4 persone):
    4 pere Martin
    vino rosso Valsusa
    acqua q.b.
    zucchero q.b.
    bastoncini cannella
    limone
    chiodi garofano q.b.
    amaretti morbidi
    cioccolato fondente

    Sbucciare le pere, non privarle del picciolo e spennellare con succo di limone.
    Allineare in casseruola e versarvi uno sciroppo preparato con: vino rosso Valsusa, acqua, zucchero, cannella, scorza limone e chiodi di garofano.
    Procedere a bollitura dolce, finché lo sciroppo sia del tutto evaporato.
    Disporre le pere su piatto da portata, ad ogni picciolo appoggiare un amaretto morbido e guarnire con cioccolato fondente, liquefatto a vapore.
    Servire a temperatura moderata.

    Vino consigliato:
    Ruché di Castagnole Monferrato

  • Pere con gorgonzola e noci in salsa di Barolo

    Ingredienti (per 4 persone):
    4 pere
    gorgonzola dolce
    50 gr gherigli noce
    cucchiaio ricotta
    cucchiaio miele
    stecca cannella
    2 chiodi garofano
    buccia limone
    1 litro vino Barolo o Nebbiolo

    In pentola incorporare vino, zucchero, cannella, limone e chiodi di garofano, portare a bollore.
    Unire le pere a metà, pelate e scavate all’interno
    Preparare il ripieno, stemperando: gorgonzola, ricotta, miele e noci tritate, conservandone alcune per la guarnizione finale
    Levare le pere dal brodo di cottura, quando risulteranno morbide e ridurre lo stesso, sino ad addensarlo come una salsa
    Farcire l’interno delle pere con l’impasto al gorgonzola e disporre ogni pera su di un piatto; nappare con salsa colata, guarnendo con gherigli di noce, a quarti.

    Vino consigliato:
    Barolo o Nebbiolo

  • Ricottine di lamponi

    Ingredienti:
    300 gr lamponi
    200 gr ricotta fresca
    50 gr zucchero
    liquore cherry q.b.

    Amalgamare uniformemente ricotta e zucchero. Distribuire il composto, in stampini tondi e raffreddare in frigorifero, per alcune ore.
    Porre i lamponi, lavati ed asciugati, in altre quattro coppe ed irrorare con liquore e zucchero.
    Prima di servire, sformare le ricottine raffreddate al di sopra dei lamponi e guarnire con uno, alla sommità.

    Vino consigliato:
    Erbaluce di Caluso o Caluso

  • Riso meringato alle fragole

    Ingredienti:
    200 gr riso di Baraggia Biellese e Vercellese DOP
    4 uova
    zucchero 4 cucchiai
    1 litro latte
    1 bustina vaniglia
    marmellata o gelatina di fragole q.b.
    scorza limone
    zucchero vanigliato

    Lessare il riso nel latte, con aggiunta di vaniglia e scorza di limone.
    Levare dal fuoco, aggiungere lo zucchero e 2 tuorli sbattuti in poco latte freddo.
    Porre il composto ottenuto, in pirofila, alternando strati di marmellata o gelatina di fragole.
    Concludere con uno strato di riso, ricoprendo con 2 albumi montati con cucchiaio di zucchero vanigliato.
    Porre in forno caldo a 200° per 10', creando uno strato dorato.
    Servire a scelta, caldo o freddo.

    Vino consigliato:
    Malvasia Castelnuovo Don Bosco

  • Semifreddo alle fragole

    Ingredienti (per 4 persone):
    600 gr fragole medie
    100 gr noci o mandorle tritate
    100 gr biscotti secchi
    200 gr zucchero a velo
    2 cucchiai rhum
    200 gr panna montata
    225 gr margarina vegetale
    3 albumi d’uovo

    In terrina, montare a spuma la margarina a temperatura ambiente; amalgamare zucchero a velo e rhum.
    Incorporare le fragole a fettine e mescolando dolcemente, aggiungere noci ed albumi, montati a neve
    Imburrare stampo per plum-cake e spolverizzare con biscotti secchi sbriciolati, alternando con strati di crema alle fragole, sino ad esaurimento degli ingredienti
    Porre il semifreddo in frigorifero, per 3/4 ore; in seguito, sformarlo su piatto da portata e guarnire con panna montata e fragole

    Vino consigliato:
    Moscato D’Asti

  • Strudel di susine

    Ingredienti (per 4 persone):
    200 gr susine rosse
    rotolo di pasta sfoglia fresca
    1 uovo
    1 limone non trattato
    40 gr zucchero semolato
    80 gr ricotta fresca
    20 gr pistacchi
    pan grattato q.b.
    burro q.b.
    zucchero a velo q.b.

    Separare tuorlo d’albume e conservare. In pirofila sbattere, con cucchiaio di legno, il tuorlo con lo zucchero semolato.
    Ottenuta una crema leggera, unire la ricotta e la scorza di limone, grattugiata.
    Scottare i pistacchi in acqua bollente e lasciati raffreddare, levare la pellicina scura.
    Stendere la pasta sfoglia, formando un rettangolo, su di un piano da lavoro; eventualmente, usare il matterello, per stendere uniformemente.
    Cospargere una metà con pan grattato, versare i pistacchi tritati nella ricotta; montare gli albumi a neve soda, unire alla crema ed amalgamare.
    Versare il composto, come ottenuto, sulla pasta sfoglia, cosparsa con pan grattato, distribuire le susine tagliate a spicchi; arrotolare lo strudel, iniziando a ripiegare, dal lato farcito.
    Porre lo strudel, in teglia ricoperta con carta per forno, spennellando con burro fuso; cuocere in forno gir caldo a 180°, per 40’, spennellando spesso con burro liquefatto, per 15’.
    A cottura ultimata, raffreddare e cospargere con zucchero a velo.

    Vino consigliato:
    Asti

  • Torta argentata

    Ingredienti:
    150 gr zucchero
    60 gr fecola
    60 gr farina bianca 00
    150 gr burro
    6 albumi uovo
    100 gr mandorle
    buccia limone grattugiata
    cucchiaino lievito

    Montare a neve densa gli albumi d’uovo, incorporare a pioggia: zucchero, farina e fecola.
    Liquefare a vapore, il burro ed aggiungere buccia limone grattugiata.
    Amalgamare l’impasto.
    Ungere tortiera con burro, spolverizzare con pangrattato, versare il composto ed unire le mandorle pelate e frantumate.
    Cuocere in forno, a temperatura moderata, per circa un’ora.

    Vino consigliato:
    Moscato d'Asti

  • Torta di mele

    Ingredienti:
    1 kg mele
    200 gr amaretti
    100 gr pangrattato
    100 gr zucchero
    100 gr cacao
    4 uova
    buccia limone
    burro q.b.

    Sbucciare e tagliare le mele, cuocerle con zucchero, buccia limone grattugiata ed alcuni bicchieri d’acqua, per 20 minuti.
    A cottura ultimata, porre nel mixer con amaretti, cacao e pangrattato e frullare sino ad ottenere un composto omogeneo.
    Incorporare le uova amalgamando e versare l’impasto in tortiera, precedentemente imburrata e cosparsa di pangrattato.
    Infornare 140° per 40 minuti.

    Vino consigliato:
    Asti Spumante

  • Torta di riso e castagne

    Ingredienti:
    100 gr riso di Baraggia Biellese e Vercellese DOP
    300 gr castagne bianche secche
    1 litro vino bianco Moscato
    4 mele
    4 uova
    zucchero q.b.
    25 gr cioccolato in polvere
    30 gr pane raffermo
    50 gr amaretti sbriciolati
    bicchierino liquore a scelta

    Lessare il riso nel latte.
    Porre le castagne in acqua per alcune ore, in seguito cuocerle in acqua e vino, dosi identiche.
    Sbattere uova e zucchero, unire mele affettate sottili, amaretti, cioccolato in polvere, pane raffermo spezzettato.
    Amalgamare il composto ottenuto con il riso lessato, infine porre in tortiera e cuocere in forno a 180°.
    Cospargere la torta con zucchero a velo e servire.

    Vino consigliato:
    Malvasia Castelnuovo Don Bosco

  • Torta di zucca e mele

    Ingredienti (per 4 persone):
    400 gr zucca gialla
    400 gr mele – meglio se gialle
    80 gr zucchero
    50 gr cioccolato fondente
    50 gr amaretti
    30 gr uva sultanina
    50 gr fichi secchi
    cucchiaio di cacao amaro
    uovo
    scorza limone grattugiata
    ½ bicchiere rhum
    ½ bicchiere latte intero
    bustina vanillina
    sale q.b.
    burro e farina per tortiera q.b.

    E’ una torta tipica del Monferrato, ottima e per chi adora zucca, amaretti e cioccolato
    Ammorbidire uvetta in acqua per 15’; privare di semi la zucca e tagliuzzare, cuocere in casseruola a fuoco lento, con latte e metà dello zucchero
    Sbucciare e pulire le mele, tagliarle a piccoli pezzi e cuocere, con zucchero residuo in poca acqua
    A cotture ultimate, scolare ed amalgamare in terrina
    Aggiungere uvetta strizzata, cioccolato tritato, fichi secchi spezzettati, pizzico sale, cacao in polvere, amaretti sbriciolati, scorza limone grattugiata, vanillina, uovo sbattuto e rhum
    Amalgamare bene gli ingredienti, imburrare ed infarinare tortiera, versare l’impasto, lisciando la superficie
    Cuocere in forno a 160°, per 1 ora e 15’
    Raffreddare e servire con Passito

    Vino consigliato:
    Erbaluce di Caluso Passito o Caluso Passito

  • Torta morbida alle pesche

    Ingredienti (per 4 persone):
    1 kg pesche gialle ben mature
    100 gr farina bianca
    100 gr zucchero
    1 l. latte (scarso)
    4 uova
    bustina vanillina
    sale e burro q.b.

    Torta semplice e fresca, per esaltare il sapore e la dolcezza delle pesche
    Sbucciare le pesche e tagliarle a spicchi, consistenti. Disporre a raggiera, in tortiera imburrata, abbondantemente.
    In terrina, sbattere uova e zucchero, sino ad ottenere un composto morbido, aggiungere farina ed amalgamare, con frusta.
    Versare latte, vanillina e pizzico di sale. Mescolare delicatamente e coprire le pesche, con il preparato ottenuto.
    Infornare a 180° e cuocere per 45’.
    Riposare il dolce in forno caldo, estrarre, raffreddare e servire.

    Vino consigliato:
    Erbaluce di Caluso o Caluso

  • Torta di Nocciole

    Ingredienti:
    2 hg di Nocciole Piemonte IGP
    2 hg di zucchero
    2 uova freschissime
    35 gr di burro

    Utilizzare il burro a temperatura ambiente ed amalgamare lo zucchero; incorporare i tuorli d’uovo, le nocciole tritate finemente e gli albumi montati a neve.
    Ottenuto l’amalgama, porre in pirofila e cuocere in forno a 180° circa, per 40 minuti
    Si possono apportare varianti alla ricetta, secondo altre tradizioni, con aggiunte minime di farina, lievito, rhum e cacao; esclusi altri ingredienti ed additivi.

    Vino consigliato:
    Asti Spumante, Erbaluce di Caluso o Caluso

  • Zabaione

    Ingredienti per 1 tazza
    1 tuorlo uovo
    1 cucchiaio zucchero
    40 ml vino Moscato D'Asti o Marsala
    2 albumi d'uovo

    In terrina, sbattere con frusta tuorlo, albumi d'uovo e zucchero, sino all'ottenimento di un composto amalgamato e cremoso.
    Aggiungere Moscato o Marsala.
    In casseruola di rame, mescolare a vapore o direttamente a fuoco moderato - senza sobbollire - l'amalgama: lo zabaione sarà ottenuto, nel momento in cui la crema sarà densa e spumosa.
    Servire in coppa a temperatura moderata, con lingue di gatto o biscotti secchi

Confetture - Marmellate & Conserve

  • Antipasto piemontese

    Notizie:
    La cucina piemontese, ottiene le migliori ricette dalla cucina modesta dei contadini; infatti, l’antipasto piemontese,  riporta le origini semplici ed antiche, di quella cucina.
    Nel passato – tale ricetta – era utilizzata per la conservazione delle verdure dell’orto, che molti piemontesi – non di città – avevano
    Oggi, l’antipasto piemontese è una ricetta tipica molto richiesta, per il basso contenuto calorico ma, saporita e fragrante, un modo genuino e piacevole per consumare le verdure – raccolte fresche – tutto l’anno e non solo nei mesi estivi
    Suggerimento:
    L’antipasto di verdure piemontese, si accosta in modo ottimale ai salumi e può essere arricchito, con tonno all’olio d’oliva
    Ingredienti:
    Pomodori maturi 3 kg
    Sedano 500 gr
    Carote 500 gr
    Cipolline 500 gr
    Fagiolini 500 gr
    Cavolfiore 500 gr
    Peperoni 500 gr
    Foglie alloro 3
    Cipolla ½
    Zucchero 2 cucchiaini
    Aceto vino 1 bicchiere
    Olio extra-vergine oliva q.b.
    Sale grosso q.b.
    Preparazione
    Lavare le verdure in modo accurato, tagliare a cubetti
    Incidere la pelle dei pomodori e porre – per alcuni minuti – in acqua bollente
    Tritare finemente ½ cipolla e rosolare in olio, aggiungere foglie alloro ed i pomodori tagliati a grandi pezzi, cuocere per 30’
    A cottura ultimata, porre il passato nel passa-verdure, riporre sul fuoco ed aggiungere le verdure a cubetti e lo zucchero
    Le verdure devono essere aggiunte, in tale ordine: sedano – carote – cipolline – fagiolini – cavolfiore – peperoni ad intervalli di 10’ una, dall’altra
    Cuocere 10’ dall’ultima verdura, in aggiunta
    Incorporare un bicchiere di olio extra-vergine d’oliva, uno di aceto ed una grande presa di sale grosso, amalgamare il tutto
    Porre l’antipasto – a cottura ultimata – in barattoli sterilizzati, tapparli e capovolgere
    Conservare in luogo buio, fresco ed asciutto

  • Ciliegie sciroppate

    Ingredienti:
    2 kg ciliegie
    200 gr zucchero – per ogni litro d’acqua

    Per questa ricetta, è consigliato utilizzare ciliegie duracine o duroni, piu idonee alla conservazione
    Scegliere ciliegie, sode e mature, lavare, eliminare il picciolo ed asciugare con canovaccio pulito
    Porre le ciliegie in barattoli a chiusura ermetica, senza comprimere
    Preparare uno sciroppo con zucchero ed acqua, come consigliato
    Mettere pentola sul fuoco con acqua e zucchero, portare ad ebollizione, mescolando sino a quando lo zucchero, sarà interamente sciolto
    Raffreddare lo sciroppo e versare nei barattoli - agitando di tanto in tanto - per evitare bolle d’aria - lasciare il bordo scoperto di 2 cm
    Sterilizzare barattoli e relativi coperchi, per 5/6 min.
    Spegnere il fuoco e lasciare raffreddare i barattoli, in acqua
    Levare dall’acqua, etichettare e conservare in luogo fresco ed asciutto
    Conservare per ca. un mese, prima del consumo
    A barattolo aperto, consumare entro 3 o 4 giorni, conservando in frigorifero
    E’ possibile servire le ciliegie, con gelato alla crema o alla vaniglia

    Vino consigliato:
    Brachetto D’Acqui o Acqui DOCG

  • Confettura di kiwi - actinidia

    Ingredienti (per 4 persone):
    1 kg di kiwi
    500 gr di zucchero
    2 limoni spremuti

    Sbucciare i kiwi, affettare e porre in ciotola, aggiungere lo zucchero ed amalgamare.
    Lasciare macerare, per un’intera notte; porre in pentola ed a fuoco lento, liquefare lo zucchero, mescolando.
    A scioglimento avvenuto, cuocere a fiamma vivace, sino a quando la marmellata si sarà gelificata.
    Porre in vasi di vetro tiepidi, precedentemente sterilizzati – compresi i tappi – chiudere immediatamente a caldo e conservare in luogo fresco ed asciutto, al buio, sino al momento dell’uso.

  • Confettura di mele cotogne

    Notizie
    La confettura di mele cotogne è una conserva d’intenso profumo, dal gusto acidulo
    Il frutto ha origini mediorientali e le coltivazioni sono diffuse nei paesi mediterranei, con raccolte nelle stagioni autunnali
    La polpa della mela cotogna è particolarmente compatta, aspra ed astringente; è consigliato il consumo cotta, nella preparazione di composte e confetture
    La confettura del frutto è utilizzata in cucina, per l’allestimento di dolci ma, anche come accompagnamento di carni grasse e cotte in umido, pollame e selvaggina
    Ingredienti:
    Mele cotogne 1 kg.
    Zucchero 700 gr.
    Vanillina 1 bustina
    Limone succo
    Preparazione
    Pulire bene le mele, lavare accuratamente, sbucciare e tagliare in quattro parti
    Privare del torsolo e tagliare in piccoli cubetti
    Immergere le mele a cubetti, in una ciotola d’acqua, aggiungendo fettine di limone
    Lasciare riposare e sgocciolare dall’acqua, porre in pentola aggiungendo due bicchieri d’acqua
    Cuocere a fuoco medio, sinché le mele saranno ammorbidite
    Setacciare in un passaverdura e riporre la polpa, come ottenuta, in pentola, aggiungere zucchero e vanillina e cuocere a fuoco lento per 40’, mescolando con cucchiaio di legno
    A composto liscio ed omogeneo, aggiungere succo limone e cuocere ancora per 5’
    Versare la confettura ancora bollente in vasetti sterilizzati, chiudere ermeticamente e porre su di un piano rovesciati, per consentire il sottovuoto, a garanzia di conservazione

  • Confettura di susine e zenzero

    Ingredienti:
    1 kg susine denocciolate
    50 gr radice zenzero fresca
    1 kg zucchero
    succo limone

    La confettura di susine e zenzero, è un ottimo composto da spalmare su pane croccante e lo zenzero regala un sapore piccante, al limone
    Si conserva in barattoli sterilizzati, per ca. un anno ed è consigliato, attendere un mese dalla produzione, prima del consumo, affinché i sapori si amalgamino


    Mondare e lavare le susine, dimezzare e privare del nocciolo, tagliare a dadi medi e porre in capiente casseruola; grattugiare la radice di zenzero – privandola della corteccia – ed aggiungere alle susine, unendo lo zucchero. Porre sul fuoco e cuocere, sino alla sfaldatura e morbidezza delle susine
    A cottura avvenuta, porre nel passino a maglia fitta, versando in ciotola di vetro, con aggiunta del succo di limone ed amalgamare
    Riporre la confettura in casseruola e procedere a cottura, per 30 minuti
    Sterilizzare vasetti vetro e tappi ed invasare bollente, chiudere ermeticamente, capovolgendo per creare il sottovuoto
    A scelta, si possono porre i vasetti sigillati in pentola a bordi alti, coprendo con acqua fredda sino in superficie e bollire almeno per 1 ora. Spegnere il fuoco e lasciare raffreddare, in acqua
    Con tali quantità, si ottengono 1,5 kg di confettura

  • Confettura di uva fragola

    Notizie:
    La confettura di uva fragola è una varietà molto profumata, dal sentore di fragola, leggermente acidula, una conserva autunnale, che racchiude il meraviglioso aroma, di questo frutto.
    Con la seguente preparazione, è possibile racchiudere sottovetro, la bontà dell’uva fragola
    Ingredienti:
    Uva fragola 1 kg
    Zucchero 600 gr
    Limone½ succo
    Acqua ½ bicchiere
    Pectina 1 busta fruttapec
    Preparazione
    Asportare gli acini di uva fragola e porli in un tegame, con 1/2 bicchiere d’acqua
    Portare a bollore e cuocere a fuoco moderato mescolando, per ca. 20-30’, sino ad ottenere una composta omogenea
    Aggiungere lo zucchero, il succo di limone e bollire per 10-15’ a fuoco moderato, schiumando se util
    Trascorso il tempo di cottura, unire la pectina ed oltre 3’ spegnere il fuoco e versare la confettura in vasetti di vetro sterilizzati, tapparli e capovolgere
    Lasciare raffreddare la confettura e conservare in ambiente buio, fresco ed asciutto

  • Gelatina di uva al vino

    Ingredienti:
    Uva bianca 500 gr
    Mele 250 gr
    Vino bianco secco 100 ml
    Zucchero q.b.
    Preparazione

    Lavare ed asciugare l’uva. Lavare e sbucciare le mele, eliminare i torsoli ed affettare sottilmente
    Bollire il vino in casseruola, aggiungere gli acini d’uva ed abbassare la fiamma, cuocere per 20’, unendo le mele, sino a che non siano disfatte
    Munirsi di un setaccio a maglie medie, rovesciare il contenuto dalla pentola e lasciar colare il succo, per 24 ore, raccogliendolo in un recipiente, a parte
    Misurare il succo, con l’aiuto di una brocca graduata ed ogni 600 ml di liquido, aggiungere 500 gr di zucchero
    Porre in cottura, a fuoco lento, sino a che lo zucchero non sarà del tutto sciolto
    Alzare la fiamma ed addensare la gelatina
    Raggiungere una consistenza graduale, lasciare intiepidire e versare in barattoli sterilizzati, chiudere ermeticamente
    Porre i barattoli in dispensa e consumare oltre un mese, in conservazione per nove mesi
    Una versione più raffinata della gelatina, è ottenibile, utilizzando vino spumante secco o champagne, in pari quantità
    Questa ricetta tradizionale del Piemonte, ha origini ad Asti e la gelatina può essere utilizzata in abbinamento, ai formaggi