Regione Piemonte - Agricoltura - Servizi fitopatologici

In questa pagina:



Lotte obbligatorie - Colpo di fuoco batterico
Erwinia amylovora

Questa patologia, causata dal batterio Erwinia amylovora, colpisce in modo particolare il pero, e trova in alcune specie ornamentali, come il biancospino, il cotognastro e l’agazzino, efficaci mezzi di propagazione. Suscettibili d'infezione sono, oltre al pero e al nashi, anche il melo, il cotogno e il nespolo europeo.
Fino al 2012 in Piemonte i casi accertati in base al protocollo diagnostico indicato nel decreto di lotta, sono stati: su  ornamentali in provincia di Biella e del Verbano, su pero in Provincia di Cuneo nel 2008, su pero nel 2009 in provincia di Alessandria.
Nel 2013  tre nuovi focolai sono stati riconosciuti in provincia di Cuneo di cui uno anche su melo contiguo a un impianto a pero.. Ma nell’anno successivo, il 2014, non è avvenuto il potenziale trasferimento del patogeno dal pero al melo bensì in 7 meleti distanti tra loro, messi a dimora nel 2014 con materiale proveniente da fuori regione, è stata accertata la presenza del batterio anche se confinata a pochi germogli. Le osservazioni del 2015 hanno permesso di verificare che i casi su melo sono stati facilmente eradicati mentre nella zona sud del Saluzzese colpita da violente grandinate sono stati rinvenuti ulteriori nuovi casi di colpo di fuoco batterico tanto da non poter più considerare indenni i comuni di Centallo, Tarantasca, Busca. Per tanto è stata informata la Commissione Europea che questi 3 comuni non possono essere più riconosciuti come "zona protetta" per Erwinia amylovora (D. Lgs. 18 agosto 2005, n. 214).

Per ulteriori informazioni sulla batteriosi e per segnalazione di casi sospetti  (attenzione: le segnalazioni devono essere corredate di georeferenziazione del luogo), rivolgersi a:

Settore Fitosanitario regionale - via Livorno 60 - 10144 Torino
piemonte.fitosanitario@regione.piemonte.it
Referente: Chiara Morone: tel. 011-432.3726, mail chiara.morone@regione.piemonte.it