Regione Piemonte - Agricoltura - Servizi fitosanitari e tecnico-scientifici

In questa pagina:



Servizi fitosanitari e tecnico-scientifici

Archivio 

In evidenza

16.03.2016 | Servizi fitosanitari
Approvate le Norme Tecniche di Produzione Integrata 2016

02.03.2016 | Lotte obbligatorie
Emergenza Xylella: approvate le modifiche al decreto ministeriale e pubblicato sul sito della Commissione l’elenco della piante ospiti sensibili.

21.01.2016 | Uso corretto dei prodotti fitosanitari
Sono disponibili in streaming i video di formazione sul tema "La produzione integrata in frutticoltura" e in download le presentazioni del convegno "Piano d'azione nazionale sull'uso sostenibile dei fitofarmaci. Supporti formativi e informativi nell’ambito della difesa integrata delle colture".

19.01.2016 | Laboratorio Agrochimico Regionale
Si comunica che a seguito della chiusura della sede di Alessandria del Laboratorio, via Einaudi, 32 il servizio di ricevimento dei campioni di terreno è stato attivato presso la sede del Settore Fitosanitario di Casale Monferrato (strada Valenza, 4D - tel. 0142.462632) e presso gli uffici regionali di Alessandria (via dei Guasco, 1 - tel. 0131.285111 – 3357785168). Presso la sede di Alessandria il servizio èattivo solo per campioni già registrati attraverso il sistema di prenotazione online - Sistema Piemonte. Si ricorda che è possibile consegnare i campioni di terreno anche presso i laboratori di Torino (via Livorno, 60 - tel. 011.4323062) e Ceva (via Regina Margherita, 2 - tel. 0174.701762).

 

Obiettivi e funzioni

Il Settore Fitosanitario regionale è la struttura territorialmente preposta alle funzioni ed alle responsabilità dello Stato Italiano nei confronti degli Stati europei in tema di controllo fitosanitario.
Tale competenza è stata meglio definita con l’entrata in vigore del Decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 214, concentrando pertanto in un’unica struttura referente gli adempimenti previsti dalla normativa fitosanitaria vigente.

La normativa fitosanitaria nazionale comprende prevalentemente decreti attuativi di direttive comunitarie ed è costituita da tre tipologie di intervento:

  • le misure di protezione contro l’introduzione e la diffusione nella Comunità di organismi nocivi (Decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 214);
  • i decreti relativi alle lotte obbligatorie verso determinati organismi nocivi;
  • i decreti inerenti alle norme tecniche sulla commercializzazione dei materiali di moltiplicazione delle piante ornamentali, orticole, frutticole e dei funghi coltivati.

Nella normativa fitosanitaria nazionale rientrano anche altri decreti complementari a quelli sopra elencati e alcune decisioni della Commissione.

La Regione Piemonte in merito all’attuazione della normativa fitosanitaria sul proprio territorio ha provveduto attraverso relativi atti amministrativi alla definizione dei compiti da affidare alle strutture preposte ed alla definizione delle procedure inerenti il rilascio di autorizzazioni.

Con D.G.R. n. 10-9336 del 01 agosto 2008 è stata affidata alla Direzione DB1100 - Agricoltura - Settore Fitosanitario regionale il coordinamento degli interventi riferiti all’attuazione della legislazione fitosanitaria.

Con  D.G.R. n. 44-10301 del 16 dicembre 2008 sono state approvate le disposizioni relative al rilascio di autorizzazioni in materia di produzione e commercio dei vegetali, prodotti vegetali ed altre voci, all’iscrizione al registro dei produttori e all’accreditamento come fornitore e, nel contempo, riportati i soggetti interessati dai procedimenti ed individuato il responsabile dei sopra citati procedimenti.

Con D.D. n. 1143 del 19 dicembre 2008 sono state approvate le modalità operative e la modulistica relative al rilascio di autorizzazioni in materia di produzione e commercio dei vegetali, prodotti vegetali ed altre voci, all’iscrizione dei produttori ed all’accreditamento come fornitore.