Regione Piemonte - Agricoltura - Servizi fitosanitari e tecnico-scientifici

In questa pagina:



Servizi fitosanitari e tecnico-scientifici

Archivio 

In evidenza

08.06.2018 | Vigilanza fitosanitaria - vivaismo corilicolo
Pubblicato l'Elenco annuale dei fornitori del Piemonte autorizzati per la produzione di materiale di propagazione di nocciolo

14.03.2018 | Servizi fitosanitari e tecnico scientifici
E' stata aggiornata la pagina relativa alle Norme Tecniche di produzione integrata 2018 dove, oltre al documento completo, è possibile scaricare le singole parti e le singole schede di coltura.

06.03.2018 | Banca dati agrometeorologica Da oggi sono in linea sul portale Sistema Piemonte le nuove versioni degli applicativi:
RAM - Modelli Agrometeorologici
RAM - Banca dati agrometeorologica
Per entrambi i servizi è stato eliminato l'accesso riservato affinchè gli utenti Internet possano accedere senza restrizioni ai dati di base e ai risultati dei modelli.

Obiettivi e funzioni

Il Settore Fitosanitario regionale è la struttura territorialmente preposta alle funzioni ed alle responsabilità dello Stato Italiano nei confronti degli Stati europei in tema di controllo fitosanitario.
Tale competenza è stata meglio definita con l’entrata in vigore del Decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 214, concentrando pertanto in un’unica struttura referente gli adempimenti previsti dalla normativa fitosanitaria vigente.

La normativa fitosanitaria nazionale comprende prevalentemente decreti attuativi di direttive comunitarie ed è costituita da tre tipologie di intervento:

  • le misure di protezione contro l’introduzione e la diffusione nella Comunità di organismi nocivi (Decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 214);
  • i decreti relativi alle lotte obbligatorie verso determinati organismi nocivi;
  • i decreti inerenti alle norme tecniche sulla commercializzazione dei materiali di moltiplicazione delle piante ornamentali, orticole, frutticole e dei funghi coltivati.

Nella normativa fitosanitaria nazionale rientrano anche altri decreti complementari a quelli sopra elencati e alcune decisioni della Commissione.