Regione Piemonte - Agricoltura - Servizi fitopatologici

In questa pagina:



Diagnostica fitopatologica - Ricevimento campioni

Il servizio di consulenza fitoiatrica e diagnostica fitopatologica è dedicato agli operatori agricoli professionali del Piemonte (tecnici dei centri di assistenza agricola, operatori del verde pubblico, singoli agricoltori, vivaisti, associazioni di produttori, cooperative agricole, liberi professionisti), è accessibile anche agli agricoltori dilettanti (hobbisti) ed è gratuito.

Il Settore fitosanitario regionale (SFR) è dotato di laboratori attrezzati a supporto della diagnosi sintomatica, articolati in sezioni specializzate in grado di eseguire in tempi rapidi le analisi fitopatologiche su campioni di vegetali (sementi, parti di piante, piantine intere, derrate immagazzinate, infestanti), insetti e acari da classificare, terreno da sottoporre ad analisi nematologica.

Il servizio di diagnostica svolge attività di coordinamento delle diverse sezioni specialistiche del Settore: individua gli agenti patogeni che causano le alterazioni osservate sui campioni conferiti; suggerisce le terapie adeguate alla prevenzione e alla lotta per la difesa delle colture dagli agenti patogeni individuati. Esso è, inoltre, fondamentale struttura di supporto alle attività di sperimentazione, controllo e certificazione proprie del Settore fitosanitario del Piemonte.

Orari

Il servizio di diagnostica è aperto

  • agli operatori professionali (tecnici pubblici e privati, agricoltori, vivaisti)
    dal lunedì al venerdì, ore 9 - 12
  • agli agricoltori dilettanti (hobbisti)
    il lunedì mattina, ore 9 - 12

I campioni dovranno sempre essere consegnati con allegata la scheda di accompagnamento.

Raccolta del materiale da sottoporre ad analisi

I campioni da sottoporre ad analisi devono

  • mostrare i sintomi che possono fare sospettare la malattia ed
  • essere almeno in parte vitali e in buono stato di conservazione.

Da un campione morto o alterato (per esempio già marcito o disidratato) non è generalmente possibile risalire alla causa della malattia.
I campioni da analizzare devono quindi essere stati prelevati in campo da poco tempo. Quando non sia possibile portarli subito al laboratorio è bene conservarli in frigorifero, all'interno di sacchetti di plastica.

Nel caso di analisi per sospette malattie da virus o da batteri presenti in forma latente è richiesta la consegna anche di un campione di pianta apparentemente sana da sottoporre ad analisi.

Il terreno da sottoporre ad analisi nematologica (sono sufficienti 2 kg per singolo campione) deve essere prelevato in modo e condizioni climatologiche opportuni affinché l'analisi sia rappresentativa.

All'arrivo dei campioni in laboratorio il personale incaricato provvede alla compilazione di una scheda sintomatologica e anamnesica, con le informazioni fornite dall'utente sulla scheda di accompagnamento e le osservazioni macroscopiche effettuate al momento.

Per ulteriori informazioni:
tel. 011-432.3712; fax: 011-432.3710
e-mail: fitosanitario@regione.piemonte.it

Numeri utili
Ricevimento campioni: tel. 011-432.3715; 011-432.5512
Batteriologia: 011-432.3726; 011-432.5036
Entomologia: 011-432.3731; 011-432.3721
Malerbologia: 011-432.3704; 011-432.5385
Micologia: 011-432.3729; 011-432.4361
Nematologia: 011-432.3718; 011-432.3727
Virologia: 011-432.3716; 011-432.2188