Regione Piemonte - Agricoltura - Osservatorio Faunistico

In questa pagina:



Fauna selvatica e strade

Il Piemonte ospita popolazioni di fauna selvatica di grossa taglia tra le più numerose d'Europa, con un incremento notevole negli ultimi anni, nonostante il territorio regionale sia ampiamente occupato da infrastrutture e insediamenti umani.
Le strade attraversano comunque ampie porzioni di territorio relativamente integro, in cui sono presenti numerose popolazioni di ungulati.
Molti animali transitano sulle strade di fondovalle nelle zone alpine e prealpine, ma sempre più sovente anche nelle aree collinari e di pianura, con un conseguente aumento degli impatti tra i veicoli e gli animali.
Cinghiali, caprioli e cervi sono le specie coinvolte con più frequenza.
La mitigazione e prevenzione di un fenomeno così distribuito sul territorio è di difficile attuazione, tranne nel caso in cui si verifichino situazioni di particolare cronicità in spazi ridotti, come nel caso per esempio dell'Alta Valle di Susa, in cui l'Osservatorio in collaborazione con l'ANAS, il comune di Oulx e il consorzio forestale Alta Valle di Susa ha intrapreso una sperimentazione per verificare le possibili soluzioni.
Per ridurre il fenomeno è fondamentale sensibilizzare e informare gli automobilisti, ancora poco consapevoli di questi rischi.
La Regione Piemonte, con la collaborazione di ACI Torino  , ha intrapreso una campagna di sensibilizzazione ed informazione che intende raggiungere i fruitori delle strade regionali, tramite apposito materiale informativo da distribuire presso le scuole guida e i vari Enti interessati.

Alcuni filmati visionabili sul web rendono bene l'idea della pericolosità a cui vanno incontro gli automobilisti: