vai ai contenuti
vai al menu

Regione Piemonte per l'Accessibilità e l'Usabilità



WCAG 2 e la Legge Stanca. Qual è lo stato dell'arte?

Introduzione

Le nuove raccomandazioni internazionali in tema di accessibilità, le WCAG 2.0 (Web Content Accessibility Guidelines) sono state emanate nel dicembre 2008 da parte del W3C (World Web Wide Consortium) , con l'invito esteso ai 27 paesi membri da parte della Commissione europea di adottare tali raccomandazioni.

Risale ai primi di giugno 2009 la pubblicazione di un documento contenente le linee guida per l’aggiornamento dei requisiti tecnici (DM 8 luglio 2005) previsti dalla Legge Stanca (4/2004) sulla base delle WCAG 2.0. Tale documento è stato redatto da un apposito gruppo di lavoro costituito presso il Dipartimento per l’Innovazione della PA e l’Innovazione tecnologia con il compito di produrre un elaborato tecnico su cui fondare l’aggiornamento richiesto.

Dopo una fase di consultazione pubblica sul forum di InnovazionePA, è stata attivata, sulla base della direttiva europea 98/34/CE una procedura di notifica dei nuovi requisiti tecnici alla Commissione e agli altri Stati membri. Questa Direttiva riguarda tutti i progetti di regolamentazioni tecniche relative  ai prodotti e ai servizi della società dell’informazione e si propone di garantire trasparenza e controllo su queste regolamentazioni. Poiché queste ultime potrebbero dare origine a barriere ingiustificate tra i diversi Stati membri, la loro notifica in fase di progetto e il successivo esame con conseguente valutazione del contenuto contribuiscono a diminuire tale rischio.  
La notifica, inoltrata a fine giugno 2011, ha visto la fine del periodo di statu quo il 22 settembre 2011, con una nuova versione dei requisiti.

A questo punto, essendo andata a buon fine la procedura di notifica secondo la direttiva eiuropea, non resta che la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dei nuovi requisiti tecnici: questo passaggio però al momento non è stato ancora completato.

Ad oggi quindi, coerentemente con quanto indicato sul sito Pubbliaccesso, il Decreto Ministeriale 8 luglio 2005 costitituisce l'insieme di requisiti tecnici a cui attenersi. Comunque è bene, per chi sviluppa per le pubbliche amministrazioni, consultare e tenere a mente i nuovi requisiti, in maniera tale da essere pronti ad applicarli non appena diventeranno legge.

La bozza dei nuovi requisiti tecnici

I nuovi requisiti tecnici fanno esplico riferimento alle WCAG 2.0 ed ai relativi quattro principi fondamentali (percepibile, utilizzabile, comprensibile, robusto) ed alle 12 linee guida (che vengono esplicitamente richiamate). A differenza delle WCAG, però, i requisiti tecnici non definiscono livelli di accessibilità (A, AA, AAA), come già fatto dagli attuali requisiti tecnici. Ciò permette di semplificare la valutazione di un sito web, dando un esito di conformità di tipo "si/no".

I nuovi 12 requisiti tecnici sono il risultato di un'operazione di "mediazione" fra i diversi punti di controllo delle WCAG 2.0, mirando ad un livello medio di accessibilità. Infatti i 12 nuovi requisiti tecnici fanno riferimento esplicito a 25 su 27 requisiti di tipo A, 13 su 13 di tipo AA e 1 su 23 di tipo AAA.

Sitografia

Aggiornamento: maggio 2012

Torna su

stampa la pagina


Torna su


Torna su